Cuna de gato

By

Publisher: Plaza & Janés Editores, S.A.

4.0
(2003)

Language: Español | Number of Pages: 222 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , French , Italian , Japanese , Polish , Latvian , Chi traditional , Greek , German , Catalan

Isbn-10: 8401423066 | Isbn-13: 9788401423062 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Do you like Cuna de gato ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Tras 250000 cigarrillos, dos matrimonios y la muerte de su gato, a John sólo le queda un proyecto: escribir un libro en el que contará qué hacían los americanos ilustres el día en que la bomba atómica fue lanzada sobre Hiroshima. Y para comenzar, ¿quién mejor que el doctor Hoenikker, padre de la bomba? Hoenikker ya ha muerto, pero ha dejado la leyenda de otro provechoso descubrimiento: el hielo-nueve, que transforma todo lo que es líquido en sólido..."Un libro tan cáustico como no se había escrito desde "Un mundo feliz" de Huxley" -- Atlanta JournalKurt Vonnegut (Indianapolis, 1922) ha sido propuesto en varias ocasiones para el Premio Nobel. Su novela "Matadero Cinco" le convirtió en uno de los escritores más leídos por la juventud rebelde de los años 60 y en un clásico de la literatura norteamericana contemporánea.
Sorting by
  • 4

    Dopo la prima decina di pagine il mio pensiero è stato "Ma chi cavolo me l'ha fatto fare di mettermi a leggere questa robaccia?". Ma fidatevi e andate avanti: ogni dettaglio acquisterà davvero senso! ...continue

    Dopo la prima decina di pagine il mio pensiero è stato "Ma chi cavolo me l'ha fatto fare di mettermi a leggere questa robaccia?". Ma fidatevi e andate avanti: ogni dettaglio acquisterà davvero senso!

    Il Quattordicesimo libro è intitolato: "Cosa può sperare di fare un uomo saggio per l'umanità della Terra, tenendo presente l'esperienza dell'ultimo milione di anni?".
    Non occorre molto tempo per leggere Il Quattordicesimo libro. Consiste di una sola parola e di un punto.
    Ecco:
    "Niente".

    said on 

  • 3

    Tema importante: il rischio di come usare male la scienza. A tratti divertente e con qualche spunto di riflessione. Trama un po' confusionaria. L'apocalisse finale è affascinante: avrebbe potuto scriv ...continue

    Tema importante: il rischio di come usare male la scienza. A tratti divertente e con qualche spunto di riflessione. Trama un po' confusionaria. L'apocalisse finale è affascinante: avrebbe potuto scriverci un romanzo su quelle ultime trenta pagine...

    said on 

  • 5

    Sono diventata bokononista. Religione a parte, questo libro è fantastico. Delicato e crudo, ironico e sensibile, esprime proprio il "crudele paradosso del pensiero bokononista, la straziante necessità ...continue

    Sono diventata bokononista. Religione a parte, questo libro è fantastico. Delicato e crudo, ironico e sensibile, esprime proprio il "crudele paradosso del pensiero bokononista, la straziante necessità e al tempo stesso la straziante impossibilità di mentire sulla realtà."
    Grazie Vonnegutt!

    said on 

  • 5

    Lucido anti-scientismo

    Un romanzo piú attuale di "Mattatoio n. 5", perché parla del potere della scienza e dell'abuso che possiamo farne per vili motivi. Riesce ad affrontare il tema in modo tanto piú serio grazie alla comp ...continue

    Un romanzo piú attuale di "Mattatoio n. 5", perché parla del potere della scienza e dell'abuso che possiamo farne per vili motivi. Riesce ad affrontare il tema in modo tanto piú serio grazie alla completa assurdità dei personaggi, del contesto e del presunto fenomeno fisico (il "ghiaccio nove") che fa da metafora dell'olocausto nucleare. Eccellente anche l'inserzione di una finta religione (quella di Bokonon), un'enorme menzogna dall'aspetto innocuo che però si fa portatrice (mi pare) della saggezza dell'autore.

    Quel che piú importa è che la lettura fila leggerissima e sempre divertente, per nulla scontata. Un romanzo davvero ben costruito.

    said on 

  • 4

    http://caminosquenollevananingunsitio.blogspot.com.es/2015/11/cuna-de-gato-kurt-vonnegut.html

    En este libro nada es verdad. En este libro hay un truco de magia hecho con hilos y cuerdas, una religión ...continue

    http://caminosquenollevananingunsitio.blogspot.com.es/2015/11/cuna-de-gato-kurt-vonnegut.html

    En este libro nada es verdad. En este libro hay un truco de magia hecho con hilos y cuerdas, una religión ficticia que aboga por la mentira para enmascarar la realidad más dura y dolorosa, personajes delirantes que deambulan por la vida con una sonrisa absurda o con las más extremas ideas, una isla extraña que nadie quiere gobernar y en la que, en vez de guillotina, se usa un enorme gancho de hierro como castigo y muerte, un final apocalíptico para el mundo y mucha, mucha estupidez. También, científicos abstraídos y ajenos a la realidad, filósofos de calle en vendedores de lápidas o viejas secretarias, nihilistas que queman apartamentos, médicos que intentan exculpar sus días en los campos de exterminio nazis, una mujer hermosa que toca el xilófono, todos ellos forman un mismo equipo sin saberlo, un nuevo lenguaje, un grano de hielo-nueve que convierte los líquidos, mares, agua, sangre, en sólidos.

    Llamadme Jonás, dice el narrador parafraseando al Ismael de Moby Dick. Y, como Ismael, Jonás se lanza a un viaje descabellado que lo acerca a la muerte. Solo que Jonás descubre y escribe sobre un mundo y unos personajes estúpidos y ciegos. Jonás quiere escribir sobre la bomba de Hiroshima, saber qué hicieron algunos americanos ilustres en aquel día negro. Y ese libro dio la casualidad, «estaba previsto que diese la casualidad», diría Bokonon, es un inicio que le lleva a estar en los lugares apropiados en el momento oportuno, a formar una pequeña comunidad de seres estrafalarios que lo empujan hacia su destino final y a abrazar el bokononismo, una religión basada en mentiras, sentencias escritas con frases directas o en calipsos que recuerdan cómo un borracho o una reina británica están en la misma maquinaria y las mentiras son necesarias para afrontar la realidad.

    Yo quería que todo
    Pareciese tener sentido,
    Y ser todos felices, sí,
    En lugar de enemigos.
    Y mentiras inventé
    Que acoplaran bien,
    Y de este mundo hice
    Un par-a-íso.

    Parafraseando al Vonnegut de El desayuno de los campeones, Cuna de gato es un puñado de personas colisionando entre sí, Jonás que investiga sobre el día de la bomba y su inventor, el doctor Félix Hoenikker, y a través de su libro, colisiona con sus tres hijos, una isla caribeña, una religión nueva, un invento capaz de solidificar cualquier líquido, un fin del mundo estúpidamente accidental. El día que se lanzó la bomba sobre Hiroshima, el doctor Hoenniker formó con una cuerda una cuna de gato en su mano y que enseñó a su hijo de seis años, un truco de ilusionismo, un juego infantil donde no se ve ni cuna ni gato y deja al espectador confuso. Y eso es esta novela, una cuerda que forma una ilusión de algo caótico e invisible pero que, por debajo, habla de la estupidez humana con ironía y, también, una pizca de ternura.

    Cuna de gato es una divertida, irónica y amarga reflexión sobre el ser humano, su incompetencia y sus creencias absurdas. Y Bokonon, un náufrago, como creador de una religión que intenta atajar esa incompetencia y crear una comunidad diferente. Nosotros, los bokononistas, creemos que la humanidad se organiza en equipos, equipos que hacen la Voluntad Divina, sin descubrir jamás qué es lo que hacen. Bokonon llama «karass» a tales equipos, y el medio, el «kan-kan», que me condujo hasta mi «karass» fue el libro que no terminé nunca, el libro que iba a llamarse «El día del fin del mundo». A lo largo de la novela, Vonnegut presenta personajes al límite de la estupidez, genios sin empatía, idealistas, aventureros que acaban en una isla. Como en las posteriores Galápagos o Birlibirloque, en Cuna de gato los personajes y los encuentros se suceden de forma fragmentada, un rompecabezas que me hace sentir que cada página, cada uno de los cortos capítulos de la novela, es un centro.

    ¿Ves la cuna? ¿Ves el gato?

    Me concentré en Los libros de Bokonon. Estaba aún tan poco familiarizado con ellos que pensé que contendrían en algún lugar consuelo espiritual. Pasé por alto rápidamente la advertencia que aparecía en la primera página de El primer libro:
    «¡No seas loco! ¡Cierra, este libro inmediatamente! ¡No hay más que foma!»
    Foma, por supuesto, son mentiras.
    Y entonces leí lo siguiente:
    «Al principio, Dios creó la tierra y, en Su cósmica soledad, se quedó observándola.
    »Y Dios dijo: "Hágase la vida a partir del barro, para que el barro pueda ver lo que Hemos hecho." Y Dios creó a todos los seres vivos que ahora se mueven, y uno de ellos fue el hombre. El barro habló como sólo puede hablar el hombre. Y Dios se acercó a medida que el barro en forma de hombre se erguía, miraba a su alrededor y hablaba. El hombre parpadeó.
    » "¿Cuál es el objetivo de todo esto?", -preguntó educadamente.
    »"¿Acaso tiene que haber un objetivo para cada cosa?", preguntó Dios.
    »"Por supuesto", dijo el hombre.
    »"-Entonces te dejo que el objetivo de todo esto lo pienses tú", dijo Dios, y se marchó.»
    Pensé que aquello no eran más que tonterías.
    «¡Claro que son tonterías!», dice Bokonon.
    Y entonces me concentré en mi celestial Mona, en busca de secretos reconfortantes e inmensamente más profundos.
    Kurt Vonnegut. Cuna de gato. Traducción de Ángel Luis Hernández Francés. Editorial Anagrama.

    said on 

  • 4

    Jonah lo scrittore - voce narrante del romanzo deve raccogliere materiale per il suo libro: Il giorno in cui il mondo finì.
    Una parte del libro dovrebbe trattare dell'atomica e del suo inventore Felix ...continue

    Jonah lo scrittore - voce narrante del romanzo deve raccogliere materiale per il suo libro: Il giorno in cui il mondo finì.
    Una parte del libro dovrebbe trattare dell'atomica e del suo inventore Felix Hoenikker. Oltre che padre dell'atomica Felix ha tre figli di carne e ossa: il nano Newt, la gigantessa Angela e Frank. Oltre che essere padre della più famosa bomba, Felix ha creato un'arma ben più letale, il ghiaccio 9, un tipo di ghiaccio che differisce dal ghiaccio 1, quello che tutti conoscono, solo per la disposizione delle molecole di H2O nel reticolo cristallino. Un solo cristallo di ghiaccio 9 è in grado di indurre il congelamento di tutta l’acqua del mondo causandone la fine.

    Il romanzo di Kurt è particolare: è fantascientifico ma non di genere. E' un tipo di fantascienza surreale e ironica, caustica. Tra le righe affiora un forte pessimismo nella razza umana.
    Jonah (un tempo detto John) era cattolico ma ora ha aderito a una nuova religione, è bokononista.

    "Quando Bokonon e McCabe assunsero il controllo di questo miserabile paese molti anni fa", disse Julian Castle, "bandirono i preti. Dopodiché, Bokonon, in modo cinico e scherzoso, inventò una nuova religione".
    "Lo so", disse.
    "Allora quando fu irrimediabilmente chiaro che nessuna riforma governativa o economica avrebbe reso il posto meno miserabile, la religione divenne l'unico vero strumento di speranza. La verità era nemica del popolo, perchè la verità era orribile, pertanto Bokonon si dedicò a fornire al popolo bugie migliori".

    I tre figlioli di Felix di dividono fraternamente il ghiaccio 9 alla morte del padre. Forse non sono degli scienziati all'altezza del genitore ma si fanno un'idea di come utilizzare il prezioso tesoro per ottenere ciò che sta loro a cuore.

    Il quattordicesimo libro di Bokonon potrebbe dare un'idea di come finirà la storia.

    Il Quattordicesimo libro si intitola: “Che speranze può nutrire un uomo ragionevole per l’umanità di questa terra, tenendo conto dell’esperienza dell’ultimo milione di anni?”. Non ci vuole molto a leggere il quattordicesimo libro. Consiste in una parola e in un punto. “Nessuna”.

    L’ultima parte del libro è surreale e non. Se si pensa all'esperienza dell’autore sopravvissuto all'incendio e al bombardamento di Dresda all'interno del mattatoio, a quello che deva avere visto uscito di lì probabilmente il libro è un modo di camuffare dei ricordi molto duri. E anche la religione Bokononista basata sulla menzogna ha un suo significato amaro. Un cattolico o comunque un credente che assiste a un massacro come quello di Dresda e a una guerra mondiale potrebbe non apprezzare la eccessiva libertà di arbitrio che Dio lascia all'uomo. E’ difficile spiegarsi il silenzio di Dio.
    Da qui le ultime parole di Bokonon, il non Dio che a questo punto della storia sembrerebbe essere un altro alter ego dell'autore (considerando che anche il primo alter ego, cioè Jonah, voleva scrivere il libro e scalare il monte McCabe).

    Se fossi più giovane, scriverei una storia della stupidità umana, e scalerei la vetta del monte McCabe e mi sdraierei sulla schiena con la mia storia sul cuscino; e raccoglierei da terra un po’ di quel veleno biancoazzurro che trasforma gli uomini in statue; e trasformerei in una statua anche me stesso, sdraiato sul dorso, con un ghigno orrendo, e il pollice sul naso a fare marameo a Tu Sai Chi.

    said on 

  • 4

    Vonnegut: cosa dire? Visionario, combina uno stile semplice con satira e umorismo nero. I suoi libri sono apparentemente facili, ma spiazzano e affrontano temi importanti. E’ un pessimista e negli ult ...continue

    Vonnegut: cosa dire? Visionario, combina uno stile semplice con satira e umorismo nero. I suoi libri sono apparentemente facili, ma spiazzano e affrontano temi importanti. E’ un pessimista e negli ultimi anni era depresso. Mentre leggevo questo libro, ho rivisto alla TV il film Will Hunting - genio ribelle con Matt Demon e un grande Robin William. E appunto quest’ultimo mi ha fatto pensare a Vonnegut: scanzonato, controcorrente.
    Ma ritorniamo a Ghiaccio Nove. Uno scrittore vuole scrivere un libro con cui intende raccontare come gli scienziati inventori della bomba H hanno vissuto la giornata dello sgancio della bomba su Hiroshima. Da qui parte la storia con scoperte ancora più pericolose, un viaggio su un’isola caraibica e la scoperta di una religione che si basa sulle bugie.

    said on 

  • 4

    I lettori di fantascienza si dividono in due categorie: quelli che apprezzano Vonnegut per il suo genio e la sua capacità di travalicare i limiti di un genere e quelli che non capiscono un cazzo. Sul ...continue

    I lettori di fantascienza si dividono in due categorie: quelli che apprezzano Vonnegut per il suo genio e la sua capacità di travalicare i limiti di un genere e quelli che non capiscono un cazzo. Sul serio, se avete dato meno di tre stelle a questo libro andate a zappare su Titano. Ghiaccio-nove parla della fine fisica e morale dell'essere umano, una fine senza (troppi) clamori e con un meraviglioso, catartico, terzo dito offerto a qualsivoglia religione. Difficile da raccontare, fate prima a leggerlo e ad apprezzarlo.

    said on 

  • 2

    Poco altro...

    Diludente.

    Definire 'trama confusionaria' l'intreccio di un romanzo di Vonnegut non vuol dire niente: volutamente confusa è anche la trama di Mattatoio n° 5 ma ciò non inficia il fatto di essere dav ...continue

    Diludente.

    Definire 'trama confusionaria' l'intreccio di un romanzo di Vonnegut non vuol dire niente: volutamente confusa è anche la trama di Mattatoio n° 5 ma ciò non inficia il fatto di essere davanti a un grandissimo libro; idem, anche se in misura minore (in quanto a trama confusionaria, intendo), per Madre Notte , altro capolavoro.

    Qui permane la follia visionaria di Vonnegut, che tanta gioia e sorpresa mi portarono nelle letture passate, ma poco altro.

    Capitoletti brevissimi per incedere con rapidità nella lettura e per invogliare il lettore a proseguire, nonostante una trama molto molto mediocre, personaggi privi di spessore, tanti confusi agganci rimandi e bluff che non si ricollegano più nel corso del racconto.

    Aspetto positivo: l'apocalisse finale è raccontata molto bene e la morale del libro (la stupidità e l'arroganza umana ci porteranno all'estinzione) trova il suo compimento.

    Poco altro, mi viene da dire. Niente a che vedere con gli altri due libri di Vonnegut citati, di gran lunga superiori.

    said on 

Sorting by