Darkness more than night

By

3.8
(1012)

Language: ไทย | Number of Pages: 402 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Dutch , Italian , French , Spanish , German , Swedish , Czech

Isbn-10: 9749639731 | Isbn-13: 9789749639733 | Publish date: 

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Darkness more than night ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Harry Bosch resta a mio parere il miglior personaggio di Michael Connelly e il più vero e autentico poliziotto mai descritto nella letteratura contemporanea. Bosch è un uomo tormentato dal suo lavoro, ...continue

    Harry Bosch resta a mio parere il miglior personaggio di Michael Connelly e il più vero e autentico poliziotto mai descritto nella letteratura contemporanea. Bosch è un uomo tormentato dal suo lavoro, dagli orrori che deve vedere ogni giorno, e soprattutto dalla corruzione che dilaga anche dalla parte dei buoni, da chi dovrebbe "difendere e servire". Stavolta Bosch sta testimoniando in un processo contro un famoso regista hollywoodiano, quando un ex detective viene chiamato in causa per aiutare a dipanare il mistero intorno all'uccisione di un uomo accusato di stupro. E ciò che verrà fuori dalle prime indagini sarà sconvolgente. Possibile che Bosch sia arrivato al punto di non ritorno, facendosi giustizia da solo? Possibile che sia affondato nell'oscurità che sembra sempre circondarlo? Tutti gli indizi portano a lui, e se così fosse, come può un poliziotto testimoniare contro un uomo che viene accusato del suo stesso crimine? Come sempre, Connelly è il maestro assoluto del thriller poliziesco.

    said on 

  • 5

    Molto bello

    Davvero ben scritto, anche se meno Bosch del solito. Harry è un coprotagonista, e non ci siamo abituati. Comunque ottimo thriller, come al solito.
    Consigliatissimo

    said on 

  • 2

    deludente. senza infamia e senza lode. si è ripreso sul finale ma si è decisamente perso per strada in inutili dettagli. o forse sono io che mi aspettavo qualcosa di più "noir"!

    said on 

  • 4

    Connelly ci prova con un legal thriller...

    ...e gli riesce in pieno. Stavolta i ruoli sono invertiti con un ex agente dell'FBI che indaga e con un Bosh, che sembra avere un ruolo marginale, impegnato in tribunale in un processo. Due parti del ...continue

    ...e gli riesce in pieno. Stavolta i ruoli sono invertiti con un ex agente dell'FBI che indaga e con un Bosh, che sembra avere un ruolo marginale, impegnato in tribunale in un processo. Due parti del romanzo che si intrecceranno tra di loro alla grande. Un esperimento di Connelly che funziona, non c'è che dire. Inoltre è un capitolo della saga di Bosh che si può leggere da solo, senza cioè aver letto tutti i romanzi precedenti. Consigliatissimo.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    " disse Bosch con calma. ...continue

    "<Facciamo quello che dobbiamo fare> disse Bosch con calma. <Qualche volta si può scegliere e qualche volta non c'è scelta. Vedi che le cose succedono, sai che sono sbagliate, ma in un certo senso sai anche che sono giuste.>"

    "A ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Non puoi addentrarti nell'oscurità senza che essa ti invada"

    Terry Mc Caleb, ex agente dell'FBI si è ritirato dopo aver subito un trapianto di cuore, si è sposato e vive con la moglie il nipote di lei e la figlia su un'isola in tutta tranquillità. Viene però interpellato da una sua ex-collega perchè la aiuti a tracciare il profilo dell'assassino di un uomo, ben noto alle forze dell'ordine per i continui arresti per reati minori.
    Terry si addentra nel caso e trova la pista che stava cercando. Dettagli sulla scena del delitto lo spingono a pensare che colpevole dell'omicidio sia Bosh, un poliziotto della omicidi impegnato in un processo contro un regista famoso di HOllywood accusato di aver ucciso due ragazze.

    Un po lento in alcuni punti, ma.. Connelly è sempre Connelly! Voto: 8.5

    said on 

  • 3

    Per un po' ammetto di averci sperato. Come tutti sanno, non ho nessuna simpatia per Bosch , uno dei personaggi fissi di Michael Connelly, e questa volta il poliziotto in pensione McCaleb (già visto i ...continue

    Per un po' ammetto di averci sperato. Come tutti sanno, non ho nessuna simpatia per Bosch , uno dei personaggi fissi di Michael Connelly, e questa volta il poliziotto in pensione McCaleb (già visto in Debito Di Sangue) sembra che possa incastrarlo per un omicidio. Purtroppo si capisce fin dalle prime battute che il colpevole non può essere lui, ma che è tutta un'orchestrazione per vederlo incastrato. Abbiamo quindi due personaggi ben costruiti e abbastanza forti strutturalmente che fanno a gara a levarsi l'un l'altro il ruolo di protagonista principale del libro. La trama è fitta e rocambolesca, ma mentre vai avanti sai anche quanto sia scontato il finale e l'unica cosa che ti manca è il tassello per scoprire come Connelly vuole arrivarci. Alla fine tutto torna sebbene con alcuni accorgimenti che minano la fluidità della lettura. Tutto sommato, però si va a vanti bene, specie nella seconda parte del romanzo, in cui ormai hai fatto l'occhio ai due personaggi che vedono congiungersi piano piano. Ormai aspettiamo la prossima volta per vedere Bosch morto o in prigione, in questa puntata è comunque meno odioso del solito.

    said on 

  • 3

    Bosch e altro - 24 feb 13

    Le trame di Connelly si infittiscono, facendo confluire diversi personaggi di precedenti romanzi, quasi si fosse ad un “procedural thriller” alla Ed McBain. Purtroppo, questo infittimento è andato a s ...continue

    Le trame di Connelly si infittiscono, facendo confluire diversi personaggi di precedenti romanzi, quasi si fosse ad un “procedural thriller” alla Ed McBain. Purtroppo, questo infittimento è andato a scapito della fluidità, almeno nella prima parte dello scritto. Là dove vediamo confluire Terry McCaleb ed Harry Bosch sulla scena, ognuno occupato con un qualche mistero da risolvere, ma che (però ci vorrà metà romanzo per arrivarci) confluiranno in un unico problema la cui soluzione seppur semplice come filo logico, è complicata, e di molto, dal complesso evolversi delle vicende. Terry era comparso tre anni prima in “Debito di sangue”, mentre per Harry siamo al “settimo sigil-lo”. I testi sacri riportano anche che si deve inserire anche Jack McEvoy, il giornalista comparso ne “Il poeta”, ma che qui ha una piccola parte (come tempo di presenza, non come possibile “peso” sulla vicenda). Harry lo conosciamo bene, ormai, è un paladino della giustizia, sempre dentro la legge, ma sempre con un occhio (o un piede) sul bordo, che non sempre i malvagi pagano per le loro colpe (ne abbiamo visto nei passati episodi). Qui è alle prese con un ricco magnate dell’industria cine-porno, accusato di un omicidio. Bosch è il principale teste dell’accusa nel pro-cesso in corso, e seguiamo appunto il dibattimento, con tutte le magagne che i film americani ci hanno insegnato sull’andamento dei processi americani (e che ci hanno fatto capire meglio gli an-damenti di processi tipo quello di O. J. Simpson). Questa è la vicenda di sfondo, su cui Connelly torna, di tanto in tanto, mentre seguiamo il filone principale del romanzo. Filone dedicato invece a Terry McCaleb, un ex-profiler costretto alla pensione dopo un intervento cardiaco. Ma è uno dalla capacità molto spiccate, tanto che (informalmente) gli viene richiesto di analizzare l’uccisione di un malavitoso di mezza tacca, trovato in una strana posizione mortuaria. Terry comincia la sua in-dagine “cartacea”, e si accorge che la scena del delitto sembra riprodurre un particolare di un quadro (ovviamente impiega pagine su pagine prima di arrivare a questa importante tappa). E di chi è il quadro? Guarda caso del grande pittore cinquecentesco fiammingo (immaginifico e terribi-le) Jeron von Aken, che però è meglio conosciuto con lo pseudonimo Hieronymus Bosch (!!). E poiché il morto era uscito senza condanne da un’accusa del nostro poliziotto Harry (accusa fonda-ta ma senza prove), il nostro malato comincia a fare tutta una serie di collegamenti tra il Bosch attuale ed il pittore. Arrivando a trovare idee di possibili coinvolgimenti dell’agente come angelo sterminatore. Questa è la parte più ostica, che noi (malgrado tutto) vogliamo bene ad Harry, e ci sentiamo a disagio nel suo possibile scivolamento verso la giustizia fai da te. Ma sia Terry che Harry sono dei campioni dell’analisi e dei collegamenti. Soprattutto quando l’indagine viene tolta a McCaleb dall’FBI (che non vede l’ora di incastrare il nostro poliziotto di punta, diverse volte già sull’orlo del baratro). A valle di un chiarimento tra i due, Harry si dedica anima e corpo al proces-so, dove una sua incriminazione farebbe saltare tutto il castello di prove messo in atto. E Terry ri-percorre tutta la trafila dei documenti, analizza, scruta, collega, ipotizza. E trova una chiave di let-tura, altrettanto valida, che spiega anch’essa tutti gli accadimenti. E che, soprattutto, vede ilo no-stro Harry non più angelo vendicatore, ma diavolo punito (o punibile). È una corsa contra il tempo e contro i potenti ed i potentati. Quale sarà il bandolo finale? Riuscirà Terry a provare l’innocenza di Bosch e salvare il processo? Oppure Bosch è realmente compromesso nella trama oscura (che tutte le morti sono riprese da particolari del “Trittico delle Delizie” del grande pittore)? Si legge, meglio la seconda parte della prima, dove la necessità di mettere tutto su binari traballanti fa tra-ballare anche il romanzo. Ci sono anche tanti sotto testi che tralascio (la vicenda famigliare di Terry, il divorzio di Harry, e via discorrendo), e soprattutto ci sono le immagini di Los Angeles, di Catalina, del molo, delle isolette. Insomma di tutto un po’. Un’indagine interessante, anche se l’idea di partenza era un po’ scontata. Discreto, via, non molto di più.

    said on 

Sorting by