Debito di sangue

Di

Editore: Piemme (Bestseller; 69)

4.0
(1426)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 461 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Olandese , Tedesco , Svedese

Isbn-10: 8838499802 | Isbn-13: 9788838499807 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giulio Montanari

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Debito di sangue?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Terry McCaleb, ex agente dell'FBI, si sta riprendendo dal trapianto cardiaco che ha interrotto la sua carriera. Conduce una vita tranquilla e ha un solo desiderio: risistemare la sua barca, attraccata al molo di Los Angeles, per tornare al suo paese, l'isola di Catalina. Ma le acque tranquille della sua esistenza si fanno improvvisamente tempestose quando una giovane donna lo coinvolge in un misterioso caso di omicidio. E un killer astuto e spietato quello a cui deve dare la caccia, un killer che sfugge come un'ombra...
Ordina per
  • 4

    Un ingranaggio perfetto

    Inutile cercare pecche o punti deboli nei magnifici thriller di Michael Connelly: non ne troverete mai. Il grande Maestro del Mistery non perde un colpo, ti toglie il sonno, l'appetito, l'interesse pe ...continua

    Inutile cercare pecche o punti deboli nei magnifici thriller di Michael Connelly: non ne troverete mai. Il grande Maestro del Mistery non perde un colpo, ti toglie il sonno, l'appetito, l'interesse per tutto quel che non sia la lettura del suo libro di turno, fino all'inesorabile perfetta chiusura del cerchio.
    "...gli orrori che aveva visto e documentato avevano lentamente prosciugato le sue scorte di fede, fino a convincerlo che l'unico assoluto in cui era disposto a credere era la mancanza di limiti alle malvagità compiute dall'uomo."

    ha scritto il 

  • 5

    meccanismo semplice, ma perfetto!

    Ho letto Connelly grazie alla mia anziana vicina di casa che lo adora. Averlo letto dopo il triller della Rowling (La via del male) ha esaltato ancora di più la bravura di Connelly, facendomi dimentic ...continua

    Ho letto Connelly grazie alla mia anziana vicina di casa che lo adora. Averlo letto dopo il triller della Rowling (La via del male) ha esaltato ancora di più la bravura di Connelly, facendomi dimenticare i miei pregiudizi da best seller su di lui. Stile asciutto, vecchio stile da sceneggiatura, trama impeccabile, meccanismo perfetto, personaggi delineati con poche parole fin da subito; già dalla seconda pagina ero dentro il romanzo…una scoperta! Da vedere anche il film con Clint Eastwood, ma attenzione…i finali sono differenti!

    ha scritto il 

  • 4

    Buon sangue non mente

    Inizia in modo insolito, prosegue in maniera simile a molti romanzi di genere, poi però la maestria di Connelly nell’accumulare elementi ed indizi rilevanti, nel corso dell’indagine che fa compiere al ...continua

    Inizia in modo insolito, prosegue in maniera simile a molti romanzi di genere, poi però la maestria di Connelly nell’accumulare elementi ed indizi rilevanti, nel corso dell’indagine che fa compiere al protagonista Terry McCaleb, acquista sempre più rilevanza e ci si lascia facilmente coinvolgere dalla storia, non tanto per la curiosità di sapere il nome del colpevole, quanto dalla complessità di tutta la vicenda.
    Il romanzo è un valido thriller, non mancano i colpi di scena, ma è la capacità dell’autore di descrivere procedure, metodi di indagine e di raccontare i difficili rapporti tra FBI e polizia che fa la differenza: Connelly non delude nemmeno quando non c’è il suo personaggio principe, Harry Bosch.

    ha scritto il 

  • 5

    DAL WEB
    Terry McCaleb lavorava per l’FBI, era considerato uno dei più bravi a tracciare i profili dei peggiori criminali, un esperto lucido e distaccato. Ma il trapianto cardiaco ha interrotto la sua ...continua

    DAL WEB
    Terry McCaleb lavorava per l’FBI, era considerato uno dei più bravi a tracciare i profili dei peggiori criminali, un esperto lucido e distaccato. Ma il trapianto cardiaco ha interrotto la sua carriera. Convalescente, ora è costretto a una vita tranquilla e ha un solo desiderio: restaurare la barca che era stata di suo padre, attraccata nel porto di Los Angeles. Non può correre, non può guidare, non può fare nulla. E non capisce perché quella donna salita sulla sua barca senza alcun invito sia così ostinata nel chiedere il suo aiuto.
    Sua sorella Gloria è stata uccisa in un minimarket di periferia, apparentemente senza alcuna ragione: nessuna ombra nel suo passato, nessuna giustificazione per un gesto tanto efferato. E per quanto i soccorsi siano giunti rapidissimi, per lei non c'è stato nulla da fare. Non capisce perché proprio lui dovrebbe indagare su un caso che la polizia ha già deciso di archiviare come l’ennesima rapina finita male.
    Ma nonostante le sue condizioni di salute ancora precarie, non riesce a tirarsi indietro. Perché con quella donna McCaleb ben presto scopre di avere un debito di sangue.

    DAL LIBRO
    Quando era un agente FBI, portava dentro di sé una riserva inesauribile di odio per gli uomini a cui dava la caccia. Aveva visto con i suoi occhi ciò che avevano fatto e voleva che pagassero per le orribili manifestazioni delle loro fantasie. Un debito di sangue dev'essere pagato col sangue.Per questo nel­l'unità serial killer del Bureau gli agenti definivano ciò che facevano «lavoro di sangue». Non c'era altro modo per descriverlo. E così la pressione si accumu­lava, ogni volta che uno di loro non pagava. Ogni volta che un killer gli sfuggiva....
    Bellissimo thriller anche se viene definito un pò troppo romanzato lo è solo in parte secondo me per il 75% e forse più questo libro è adrenalina pura.

    ha scritto il 

  • 2

    Armony

    Un po thriller un po libro armony la storia è allungata con troppi fronzoli romantici. Il lieto fine non manca come nelle migliori storie d'amore e lui risolve il caso come un vero deus ex machina ...continua

    Un po thriller un po libro armony la storia è allungata con troppi fronzoli romantici. Il lieto fine non manca come nelle migliori storie d'amore e lui risolve il caso come un vero deus ex machina

    ha scritto il 

  • 3

    Un buon thriller

    Primo libro che leggo di Connelly e non mi è dispiaciuto.. Il personaggio principale non mi ha sconvolto, la storia forse è fin troppo dettagliata nell'indagine e nei particolari e i nodi vengono al p ...continua

    Primo libro che leggo di Connelly e non mi è dispiaciuto.. Il personaggio principale non mi ha sconvolto, la storia forse è fin troppo dettagliata nell'indagine e nei particolari e i nodi vengono al pettine solo nel finale...

    ha scritto il 

  • 4

    Bel thrillerone all'americana

    Credo che, fra tutti gli autori di thriller letti finora, Connelly rappresenti, insieme a Deaver, la migliore incarnazione del classico thriller all’americana, con tutti i suoi pregi e difetti (qui pe ...continua

    Credo che, fra tutti gli autori di thriller letti finora, Connelly rappresenti, insieme a Deaver, la migliore incarnazione del classico thriller all’americana, con tutti i suoi pregi e difetti (qui per fortuna più pregi che difetti): l’uno, Deaver, forse più abile nella creazione di suspense e colpi di scena, l’altro, Connelly forte del suo passato di giornalista e criminologo, forse più improntato alla descrizione dei dettagli dei casi stessi, che paiono veri e propri fatti di cronaca, e alle procedure e step burocratici delle squadre investigative che li seguono: ne consegue un effetto di realismo che incolla alla lettura, fino in fondo.
    In “Debito di sangue”, miglior colpaccio di Connelly dopo “Il poeta”, ho conosciuto per la prima volta Terry McCaleb, ex agente dell’FBI ora a riposo forzato dopo un trapianto di cuore: quando gli si presenta davanti la sorella di una donna uccisa (per caso?) in una sparatoria e lui scopre che la vittima era colei che gli ha donato il cuore, non può permettersi di rifiutare, e torna in campo, con tutta la sua abilità che tanto darà fastidio agli agenti del Bureau, i quali avevano trascurato il caso, bollandolo come una semplice rapina, di quelle che, in una città come Los Angeles, sono all’ordine del giorno. Ma Terry si rende conto che non è una semplice rapina e che il caso, legato ad altri, nasconde un piano più maligno, un piano pronto ad incastrarlo.
    Azione, mistero, attenzione al dettaglio, realismo più crudo: il thriller americano è qua, pronto a farsi leggere tutto d’un fiato, senza interruzione concessa alla mente e al respiro.
    Un bel thrillerone che mi ha fatto venir voglia di leggere nuovamente, e presto, qualcos’altro di Connelly!

    ha scritto il 

  • 5

    Semplicemente fantastico

    Trama che si dipana con un ottimo ritmo, ricco di colpi di scena, scritto benissimo, mai un momento di noia o un abbassamento della tensione. Consigliatissimo.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per