Delicioso suicidio en grupo

By

Publisher: Anagrama, S. A.

3.6
(2235)

Language: Español | Number of Pages: 255 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , French , German , Swedish , Finnish , Slovenian , Chi traditional , Portuguese , Icelandic , Norwegian

Isbn-10: 8467224975 | Isbn-13: 9788467224979 | Publish date: 

Also available as: Others , Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Humor , Travel

Do you like Delicioso suicidio en grupo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
¿Por qué dejar un cadáver abandonado y consumar el suicidio en solitario en un país con tamaña tradición autodestructiva como Finlandia? Mejor hacerlo en grupo; así, el miedo al final se encubre bajo un periplo conmovedor hacia el acantilado más escarpado del país: la dulce búsqueda del mejor escenario para desaparecer.
Sorting by
  • 2

    Non credo di averlo capito, ma, visti i commenti sotto, non sono l'unica!
    Un gruppo di persone che vorrebbe suicidarsi si incontra e cambia idea. Ok, ci sta, peccato che il tutto risulti un po' inconc ...continue

    Non credo di averlo capito, ma, visti i commenti sotto, non sono l'unica!
    Un gruppo di persone che vorrebbe suicidarsi si incontra e cambia idea. Ok, ci sta, peccato che il tutto risulti un po' inconcludente e noioso.

    said on 

  • 0

    Ho interrotto a metà, quando mi sono accorto che di sti tizi che sostengono di volersi suicidare non mi interessava nulla.
    Troppi personaggi e chiacchiere, e un umorismo piuttosto scialbo. ...continue

    Ho interrotto a metà, quando mi sono accorto che di sti tizi che sostengono di volersi suicidare non mi interessava nulla.
    Troppi personaggi e chiacchiere, e un umorismo piuttosto scialbo.

    said on 

  • 4

    "Quel che sarebbe davvero imperdonabile è credersi vivi quando invece si è morti da un pezzo."

    Ironico, divertente e non banale.
    La lungaggine fa tifare per un suidicio che sembra non arrivare mai...ma forse era proprio questo l'intento di Paasilina: reclutare tra i suoi lettori nuovi adepti pe ...continue

    Ironico, divertente e non banale.
    La lungaggine fa tifare per un suidicio che sembra non arrivare mai...ma forse era proprio questo l'intento di Paasilina: reclutare tra i suoi lettori nuovi adepti per l'associazione Morituri, adepti che agognano il suicidio e alla fine inneggiano alla vita.

    said on 

  • 0

    ... dove si dimostra come quasi tutti abbiano molti buoni motivi per suicidarsi ed UNO OTTIMO per non farlo: la vita!

    Al di là delle facili battute, Paasilinna in questa storia, umoristicamente macabr ...continue

    ... dove si dimostra come quasi tutti abbiano molti buoni motivi per suicidarsi ed UNO OTTIMO per non farlo: la vita!

    Al di là delle facili battute, Paasilinna in questa storia, umoristicamente macabra, racconta quanto potente sia l'effetto dei rapporti umani e dell'agire comune verso una meta condivisa per cauterizzare le ferite della vita, per alleviare la tristezza della solitudine e per rendere sopportabile il dolore della morte.
    E, come in altre sue opere, non perde occasione per mettere alla berlina burocrazia, stato e poteri forti in generale.

    Un racconto in cui azioni banalmente quotidiane si alternano ad assolute stravaganze ed inattese assurdità, in cui con il medesimo tono dimesso e piano vengono raccontate sia le attività più consuete ed i pensieri più banali che le esplosioni di pura follia e le considerazioni più assurde, con un effetto umoristico trascinante.

    Divertente, dissacrante e sottilmente profondo.

    said on 

  • 4

    e la rivincita della fantasia

    gustosa critica ad una società perbenista e repressiva come quella finlandese. un gruppo di spostati che non riesce ad integrarsi decide di partire insieme per andarsi a suicidare. ma tutto è rocambol ...continue

    gustosa critica ad una società perbenista e repressiva come quella finlandese. un gruppo di spostati che non riesce ad integrarsi decide di partire insieme per andarsi a suicidare. ma tutto è rocambolesco, fuoripasso, controtempo. rivincita dei valori della fantasia e della spontaneità. alla fine tutti, chi più e chi meno - trovano il loro posto nel mondo - alcuni ritornando dritti da dove sono venuti, altri lontano migliaia di chilomenìtri. non un capolavoro ma ben pensato e congegnato

    said on 

  • 2

    inizia a razzo finisce a ....

    divertente e spigliata la parte iniziale , però, come è stato detto in recensioni di altri, dopo la pagina 150 una noia mortale e nemmeno io l'ho terminato

    said on 

  • 1

    Da anni faccio parte di un gruppo di lettura, e questo è il primo libro che non finirò. Non mi diverte, non mi interessa la storia, non ho curiosità su come andrà a finire: abbandonato a pagina ottant ...continue

    Da anni faccio parte di un gruppo di lettura, e questo è il primo libro che non finirò. Non mi diverte, non mi interessa la storia, non ho curiosità su come andrà a finire: abbandonato a pagina ottanta.

    said on 

  • 2

    Per nulla divertente..

    Rispetto a molte altre persone, io non l'ho trovato affatto divertente. La depressione è una cosa serissima, così come il suicidio e non si può scrivere un libro del genere in un modo così leggero, in ...continue

    Rispetto a molte altre persone, io non l'ho trovato affatto divertente. La depressione è una cosa serissima, così come il suicidio e non si può scrivere un libro del genere in un modo così leggero, insensato ed assurdo. Sarebbe potuto essere un bel libro di viaggio, ma senza l'idea del suicidio. L'ho finito di leggere a fatica.

    said on 

  • 5

    Delizioso, grottesco, arguto

    L'ho adorato! L'ho trovato nella sua ironia geniale.
    Ho riso dall'inizio alla fine ma non di quelle risate di pancia e a bocca aperta, no. E' stata più una risata di testa, ma non per questo meno inte ...continue

    L'ho adorato! L'ho trovato nella sua ironia geniale.
    Ho riso dall'inizio alla fine ma non di quelle risate di pancia e a bocca aperta, no. E' stata più una risata di testa, ma non per questo meno intensa.

    said on 

  • 3

    La Libera Associazione Morituri Anonimi, un bizzarro gruppo di trentatrè individui, capeggiati dal colonello Kemppainen, il direttore Rellonen e la fulva vicepreside Helena Puusaari, scorrazza per l’E ...continue

    La Libera Associazione Morituri Anonimi, un bizzarro gruppo di trentatrè individui, capeggiati dal colonello Kemppainen, il direttore Rellonen e la fulva vicepreside Helena Puusaari, scorrazza per l’Europa del Nord, su un pullman ribattezzato Saetta della Morte, con l’unico obiettivo di organizzare il suicidio di massa ideale. Un lungo viaggio estivo a partire dalla Finlandia fino a Capo Nord, concludendo il tour della morte in Portogallo, passando per la Svizzera. Tra buon cibo e acquavite, accampamenti improvvisati, storie di vita e nuovi amori, più di 200 pagine in cui si parla di continuo di morte ma che sembrano un vero e proprio inno alla vita.

    said on 

Sorting by
Sorting by