Destroy

Di

Editore: Feltrinelli (I canguri)

2.9
(1395)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 110 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8807700832 | Isbn-13: 9788807700835 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Musica , Adolescenti

Ti piace Destroy?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La venticinquenne italiana Misty si mantiene a Londra facendo a tempo perso laprostituta semi-casta. Tra aerosol di sostanze psichedeliche, vandalismigratuiti, party orgiastici e tanta musica dub campionata, questo romanzonichilista e ultraconsumistico si nutre di tutte le suggesioni più estremedella cultura antagonista contemporanea.
Ordina per
  • 1

    destroyed

    ..mi si rimprovera di leggere solo i classici, ad eccezione di Roth e Saramago (che per me classici lo sono pure) ho quindi accettato di prendere in prestito da un amico mooolto radical chic questo br ...continua

    ..mi si rimprovera di leggere solo i classici, ad eccezione di Roth e Saramago (che per me classici lo sono pure) ho quindi accettato di prendere in prestito da un amico mooolto radical chic questo breve "coso" di Isabella Santacroce (non so se l'avete presente: capelli neri lunghi, piercing, bad girl de' noantri insomma) e (ciò che è peggio) ho messo da parte il mio ultimo Dostoewskji per questo "coso". Ora questa generazione di anarcoidi sparaflashati alla Welsh, alla Ellis, alla Palaniuk ha veramente stufato, seppure a confronto di questo "coso" i suddetti sono da nobel. Adesso torno dal mio epilettico preferito sperando mi perdoni.

    ha scritto il 

  • 1

    Sesso, droga e rock'n'roll, nella loro più squallida declinazione. Tutto in questo libro (la protagonista, l'argomento, lo stile di scrittura e il linguaggio) cerca di essere così disperatamente trasg ...continua

    Sesso, droga e rock'n'roll, nella loro più squallida declinazione. Tutto in questo libro (la protagonista, l'argomento, lo stile di scrittura e il linguaggio) cerca di essere così disperatamente trasgressivo da risultare al contrario quanto di più prevedibile e convenzionale si possa temere. Che boiata.

    ha scritto il 

  • 4

    Eccesso, distorsione, destrutturazione.
    Eccitazione e lento scorrere della mente e del corpo. Dicotomie. Cos'è destroy? E' un'arma. E' paura, fragilità profonda e solitudine forte. Vomita addosso una ...continua

    Eccesso, distorsione, destrutturazione.
    Eccitazione e lento scorrere della mente e del corpo. Dicotomie. Cos'è destroy? E' un'arma. E' paura, fragilità profonda e solitudine forte. Vomita addosso una realtà estrema, cruda, destroy urla. E' al sangue. Morente e lucidamente viva.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho apprezzato scrittura e linguaggio ma non il contenuto. La Santacroce è rimasta disgraziatamente all'epoca tondelliana, e pure in maniera banale. Sesso, droga e rock 'n roll non stupiscono più ormai ...continua

    Ho apprezzato scrittura e linguaggio ma non il contenuto. La Santacroce è rimasta disgraziatamente all'epoca tondelliana, e pure in maniera banale. Sesso, droga e rock 'n roll non stupiscono più ormai. Anzi, annoiano.
    L'auto-distruzione è una pratica silenziosa e privata: "Gli indifferenti" insegnano.
    Moravia destroy.

    ha scritto il 

  • 1

    Lo sò che leggere la Santacroce fa tanto radical chic, ma per quel che mi riguarda ho trovato questo libro (la mia prima e probabilmente ultima lettura di questa autrice) un ammasso di inconsistenza l ...continua

    Lo sò che leggere la Santacroce fa tanto radical chic, ma per quel che mi riguarda ho trovato questo libro (la mia prima e probabilmente ultima lettura di questa autrice) un ammasso di inconsistenza letteraria. Probabilmente io e Isabella siamo su due onde di frequenza differenti: è come se io ricevessi in AM e lei in FM. Vorrei citare una frase di Nonciclopedia che credo riassuma in pieno il mio pensiero sulla Santacroce: " Isabella Santa Croce è un'esteta, la vera libertina dei nostri tempi, perché nei suoi libri con fanciullesco candore esprime tragiche e malinconiche ... oh, ma che cazzo sto dicendo! È una rincoglionita che non sa scrivere e basta!"

    ha scritto il 

  • 0

    Caos

    Libro davvero molto strano. Sembra una raccolta di tanti flash vissuti e subiti. La stesura ed il modo di scrivere lasciano molto a desiderare dal punto di vista della comprensione, che proprio per qu ...continua

    Libro davvero molto strano. Sembra una raccolta di tanti flash vissuti e subiti. La stesura ed il modo di scrivere lasciano molto a desiderare dal punto di vista della comprensione, che proprio per questo motivo non è proprio semplice. L'autrice riesce comunque a dare l'idea del caos nel quale si proietta la protagonista. Io l'avrei intitolato proprio così: "CAOS".

    ha scritto il 

Ordina per