Diario de Zlata

By

Publisher: Santillana USA Pub Co Inc

3.7
(404)

Language: Español | Number of Pages: 218 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , Catalan , French , Dutch

Isbn-10: 8403593902 | Isbn-13: 9788403593909 | Publish date: 

Also available as: Hardcover

Category: Biography , History , Teens

Do you like Diario de Zlata ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Zlata's diary covers her last three years in Sarajevo, the nightmare she survived,and her eventual relocation to Paris with the help of United Nations...
Sorting by
  • 3

    La guerra spiegata ai bambini... da una bambina

    Poche scarne pagine ma impressionanti se si pensa che l'autrice è una bambina di soli 11 anni.
    Tre stelline perché, indubbiamente, non posso essere io il target di questo diario. Se l'avessi letto a 1 ...continue

    Poche scarne pagine ma impressionanti se si pensa che l'autrice è una bambina di soli 11 anni.
    Tre stelline perché, indubbiamente, non posso essere io il target di questo diario. Se l'avessi letto a 11 anni, sarebbero state sicuramente molte di più. Un testo rivolto ai bambini da una bambina come loro, un ottimo strumento per spiegare la crudeltà della guerra a delle anime innocenti. Ciò che colpisce, a ogni modo, è la forza d'animo, la sete di vita che contraddistingue l'essere umano. Anche nelle situazioni più buie.

    said on 

  • 3

    Autentica testimonianza di guerra

    La guerra in Bosnia vissuta attraverso gli occhi di una bambina comune, seppur molto intelligente che si vede togliere d'improvviso i propri diritti di persona e di bambina. La sua infanzia le viene r ...continue

    La guerra in Bosnia vissuta attraverso gli occhi di una bambina comune, seppur molto intelligente che si vede togliere d'improvviso i propri diritti di persona e di bambina. La sua infanzia le viene rubata da qualcuno, "dalla politica" che non ha niente a che fare con la sua gente, così lontana e per niente coivolta dalle motivazioni del conflitto.
    Un racconto vero e forte. Le tre stelline sono solo per la poca narratività del diario, irrisolvibile perchè dovuta proprio alla autenticità del diario. L'ho trovato infatti piuttosto ripetitivo e si "conclude" quando in conflitto è ancora in atto.
    Ottima testimonianza del conflitto e sicuramente molto utile anche come strumento didattico (io stessa l'ho conosciuto proprio leggendone un estratto in un'antologia per ragazzi delle medie).

    said on 

  • 2

    l'accostamento con anna frank mi sembra fuori luogo: direi che la profondità e il valore "storico" dei due diari non siano paragonabili. mi tocca dire che la guerra a sarajevo raccontata dalla mazzant ...continue

    l'accostamento con anna frank mi sembra fuori luogo: direi che la profondità e il valore "storico" dei due diari non siano paragonabili. mi tocca dire che la guerra a sarajevo raccontata dalla mazzantini mi ha colpita di più.

    said on 

  • 5

    L'avevo letto alle scuole medie, visto che in quel periodo c'era la guerra in Jugoslavia. Mi ricordo la tristezza nell'apprendere quella notizia in quanto ero stato a Zagabria e mi ricordavo la bellez ...continue

    L'avevo letto alle scuole medie, visto che in quel periodo c'era la guerra in Jugoslavia. Mi ricordo la tristezza nell'apprendere quella notizia in quanto ero stato a Zagabria e mi ricordavo la bellezza di quei posti e delle persone.
    Tempo fa ho ritrovato questo libro mettendo a posto la cantina e mi sono detto "Devo leggerlo sul serio ora".
    Un diario triste, rabbioso, malinconico e pieno di speranza. Penso che bisognerebbe leggerlo almeno una volta nella vita per avere meglio l'idea di cosa significhi vivere in tempo di guerra. La cosa che sconvolge è che non si tratta della "solita guerra" in Medio Oriente, Africa o Sud America ma in una nazione vicino a noi e con abitudini e stili di vita quasi uguali ai nostri; la prima vera guerra contemporanea vicino a casa nostra

    said on 

  • 4

    cuore in guerra

    accade che una bimba inizi a scrivere un diario, che il diario venga pubblicato, e i giornalisti vogliano proprio conoscerla, insomma fa notizia la bimba! ma di quello che passa a ki interessa, nn cer ...continue

    accade che una bimba inizi a scrivere un diario, che il diario venga pubblicato, e i giornalisti vogliano proprio conoscerla, insomma fa notizia la bimba! ma di quello che passa a ki interessa, nn certo ai giornalisti che vanno in vacanza-guerra.

    anche a me ke leggo al sicuro in questa italia mafiosa interessa fino a un certo punto, perché fin quando nn ti bombardano casa sono solo cazzi loro!

    said on 

  • 5

    "Alcune persone mi paragonano ad Anna Frank, e ciò mi sgomenta. Ho paura di fare la stessa fine"

    Ecco come la guerra ruba l'infanzia ai bambini che sentono che qualcosa di importante gli viene tolto. "Devo continuare a sopportare questa vita, a contare su di te, Mimmy, nella speranza che tutto ci ...continue

    Ecco come la guerra ruba l'infanzia ai bambini che sentono che qualcosa di importante gli viene tolto. "Devo continuare a sopportare questa vita, a contare su di te, Mimmy, nella speranza che tutto ciò finisca. Voglio tornare ad essere una bambina con un'infanzia serena." Direi che troppe poche persone abbiano letto questo libro. Credo invece che bisognerebbe leggerlo, perché sì, Anna Frank è importante, ma non solo la Seconda Guerra Mondiale è importante. Ci sono state (e d'altronde ci sono ancora) guerre in cui innocenti muoiono, dove l'infanzia viene rubata.
    Zlata è anche una ragazzina arrabbiata. Si chiede perché <<I ragazzi>> (sarebbero i politici, come li chiamavano a Sarajevo) debbano mettere in mezzo proprio tutti, e non sbrigarsela da soli. Ed ha ragione. Perchè per decisioni di altri, la gente di un paese deve soffrire? C'è una risposta a tutto questo, ovviamente. Ma forse i bambini, nella loro ingenuità, hanno domande più intelligenti degli adulti, a cui invece importano cose più importanti ormai, tra cui il "nemico", se così si può definire, dei bambini: il denaro.

    said on 

Sorting by