Diary of a Provincial Lady

(Prion Humour Classics)

By ,

Publisher: Prion Books Ltd (formerly Multimedia Books Ltd)

3.2
(160)

Language: English | Number of Pages: 192 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Spanish

Isbn-10: 1853753688 | Isbn-13: 9781853753688 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio Cassette

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like Diary of a Provincial Lady ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The Provincial Lady has a nice house, a nice husband (usually asleep behind The Times) and nice children. In fact, maintaining Niceness is the Provincial Lady’s goal in life — her raison d'être. She never raises her voice, rarely ventures outside Devon (why would she?), only occasionally allows herself to become vexed by the ongoing servant problem, and would be truly appalled by the confessional mode that has gripped the late 20th century. The Provincial Lady, after all, is part of what made Britain great.
Sorting by
  • 4

    divertente e un po' cinico

    Molto carino! Ricorda un po' I love shopping per l'ironia e per le difficoltà economiche delle protagoniste. Delizioso il contrasto tra quello che la "lady" pensa davvero e quello che in effetti scegl ...continue

    Molto carino! Ricorda un po' I love shopping per l'ironia e per le difficoltà economiche delle protagoniste. Delizioso il contrasto tra quello che la "lady" pensa davvero e quello che in effetti sceglie di dire, non senza aver prima immaginato che cosa succederebbe se invece fosse sincera ...

    said on 

  • 2

    Riprende un po' alcuni temi di Elizabeth von Arnim ('The Solitary Summer' ed 'Elizabeth and Her German Garden', che anzi viene espressamente citato), come la presenza/assenza del marito, il rapporto ...continue

    Riprende un po' alcuni temi di Elizabeth von Arnim ('The Solitary Summer' ed 'Elizabeth and Her German Garden', che anzi viene espressamente citato), come la presenza/assenza del marito, il rapporto sempre sorprendente con il mondo infantile, la complessità di una vita sociale resa difficile da rigide convenzioni. Volge verso un umorismo più franco, spesso diretto a suscitare la risata - ma la scrittura della Delafield non eguaglia a mio avviso la sottile, commossa leggerezza della grande scrittrice australiana.

    said on 

  • 4

    Sorridere, ridere ma anche sbellicarsi

    Si, ok, a molti dei lettori non ha fatto effetto, ci sono degli "avallamenti" etc.... ma ogni tanto la risata ci sta, ogni tanto l'assurdo delle situazioni che vive la portagonista con un aplomb tutto ...continue

    Si, ok, a molti dei lettori non ha fatto effetto, ci sono degli "avallamenti" etc.... ma ogni tanto la risata ci sta, ogni tanto l'assurdo delle situazioni che vive la portagonista con un aplomb tutto inglese appunto, supera ogni ragione... e allora me lo sono goduto, questo libro, e lo rileggerò volentieri in giorni grigi e piovosi.

    said on 

  • 3

    Della protagonista non conosciamo il nome, sappiamo solo che vive intorno agli anni Trenta, nella campagna inglese, col marito, due figli, la tata francese, una cuoca e una cameriera. Sappiamo che ha ...continue

    Della protagonista non conosciamo il nome, sappiamo solo che vive intorno agli anni Trenta, nella campagna inglese, col marito, due figli, la tata francese, una cuoca e una cameriera. Sappiamo che ha problemi economici che maschera impegnando i gioielli di famiglia, che ama la moda, che fa parte dell'associazione femminile e che detesta la Lady del luogo.

    Attratta dal titolo e dalle recensioni entusiaste in quarta di copertina, mi sono lasciata ingannare. È carino, si sorride, ma giuro che mi sfugge come lo si possa leggere nove volte.

    said on 

  • 4

    del pudding, dei bulbi e di altri disastri

    delizioso. viaggio in un mondo a parte, con lo humor protagonista nel tratteggiare le situazioni e lo spirito di un'epoca. di gusto femminile, certo, ma quando c'è sufficiente tasso di autoironia, all ...continue

    delizioso. viaggio in un mondo a parte, con lo humor protagonista nel tratteggiare le situazioni e lo spirito di un'epoca. di gusto femminile, certo, ma quando c'è sufficiente tasso di autoironia, alle volte si può indulgere. e questa è una di quelle (volte) da non lasciarsi sfuggire.

    said on 

  • 4

    Letto il primo volume
    http://www.anobii.com/books/Diario_di_una_lady_di_provincia/9788854504424/011dd34f22b66c49ee/
    Letto il secondo volume
    http://www.anobii.com/books/The_provincial_lady_goes_further ...continue

    Letto il primo volume
    http://www.anobii.com/books/Diario_di_una_lady_di_provincia/9788854504424/011dd34f22b66c49ee/
    Letto il secondo volume
    http://www.anobii.com/books/The_provincial_lady_goes_further/9780706610383/0139742f6152001c61/
    Letto il terzo volume
    http://www.anobii.com/books/review/54e5a7bee8fc12b7338b4587

    Come al solito, i diari della lady di provincia sono caratterizzati da understatement, ironia e quel modo tutto inglese di affrontare l'apocalisse con massimo aplomb. La protagonista in questo volume scrive durante i primi tre mesi della seconda guerra mondiale, ovvero quando l'Inghilterra era ufficialmente entrata in guerra, ma il conflitto vero e proprio non era ancora iniziato.

    La provincial lady si trasferisce a Londra per contribuire allo sforzo bellico, ma paradossalmente pare che ci siano più volontari che lavoro da fare e non le rimane che dare una mano in una mensa per i volontari, chiedendosi:

    Ask myself rhetorically whether it was for this that I left home?
    Conscience officiously replies that I left home partly because I had no wish to spend whole of the war in doing domestic war, partly because I felt too cut-off owing to distance between Devonshire and London, and partly from dim idea that London will be more central if I wish to reach Robin or Vicky in any emergencies.
    (Robin e Vicky sono i figli che studiano in college privati)

    Fra personaggi improbabilissimi e la solita ironia con cui la stessa protagonista considera i propri voli di fantasia e i successi disastri a cui è molto incline, mi ha colpito questo passaggio:

    Felicity reminds me that she was never, in early youth, allowed to travel by herself, that she shared a lady's maid with her sister, that she was never taught cooking, and never mended her own clothes.
    Inform her in return that my mother's maid always used to do my hair for me, that I was considered industrious if I practised the piano for an hour in the morning, that nobody expected me to lift a finger on behalf of anybody else, except to write an occasional note of invitation, and that I had no idea how to make a bed or boil an egg until long after my twenty-first year.

    Leggero e divertente nonostante l'argomento (ma ancora non siamo nel pieno della guerra in effetti), una vera e propria lettura di conforto, The Provincial Lady in Wartime si ferma proprio quando si comincia sul serio, e la provincial lady viene richiamata dal Ministero dell'Istruzione per un contributo bellico che forse la porterà anche all'estero. Mi piacerebbe molto sapere se ci sono pubblicazioni al riguardo!

    A proposito di questa serie, ho scoperto che The Provincial Lady in Russia non è il quinto libro della serie, ma una raccolta di articoli scritti dall'autrice (niente provincial lady quindi) poi rinominata in questo modo per incentivare le vendite. Nulla toglie che potrei anche leggerla, ma a questo punto consapevole di cosa si tratta.

    said on 

  • 3

    E' divertente quando segue il flusso della conversazione, gli argomenti in campagna e in città. Interessante il rapporto della borghesia inglese con i figli. Ma, fondamentalmente, è noioso.

    said on 

  • 2

    E quindi? India Knight l’avrebbe letto nove volte sbellicandosi dalle risate. Fatemi un favore se mi venisse in mente di rileggerlo, abbattetemi.

    said on