Die Kammer

By

Verleger: Wilhelm Heyne Verlag

3.7
(1396)

Language: Deutsch | Number of Seiten: | Format: Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Chi traditional , Spanish , Italian , Dutch , French , Greek , Portuguese , Romanian , Czech

Isbn-10: 3453108574 | Isbn-13: 9783453108578 | Publish date: 

Auch verfügbar als: Hardcover

Category: Fiction & Literature , Law , Mystery & Thrillers

Do you like Die Kammer ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 3

    Questo romanzo oltre ad intrattenere ha uno scopo ben preciso, sensibilizzare il lettore sulla pena di morte e ci riesce bene. Le prime trecento pagine mi hanno annoiato poi ho ritrovato il Grisham mi ...weiter

    Questo romanzo oltre ad intrattenere ha uno scopo ben preciso, sensibilizzare il lettore sulla pena di morte e ci riesce bene. Le prime trecento pagine mi hanno annoiato poi ho ritrovato il Grisham migliore e in pochi giorni sono arrivato al triste ma inevitabile finale. Concordo con chi ha detto che si poteva ottenere lo stesso risultato con molte meno pagine.

    gesagt am 

  • 4

    NO ALLA PENA DI MORTE!

    Mantenendo la cornice del romanzo e non del saggio Grisham tratta in maniera superba il tema della pena di morte. La bravura di Grisham consiste nel presentare un condannato a morte assolutamente dep ...weiter

    Mantenendo la cornice del romanzo e non del saggio Grisham tratta in maniera superba il tema della pena di morte. La bravura di Grisham consiste nel presentare un condannato a morte assolutamente deprecabile: razzista, membro del KKK, autore di linciaggi ai neri, assassino di bambini ebrei. Non si tratta di un innocente rinchiuso ingiustamente, ma di un colpevole di delitti infamanti. E' giusto che lo stato per legge si arroghi il diritto di asfissiare col cianuro un condannato del genere?

    gesagt am 

  • *** Dieser Kommentar enthält Spoiler! ***

    4

    Ho fatto l'errore di leggerlo subito dopo "io confesso" e, trattando lo stesso tema, forse l'ho trovato un po' più noioso. Mentre nel primo c'era azione e un buon motivo per salvare il condannato (era ...weiter

    Ho fatto l'errore di leggerlo subito dopo "io confesso" e, trattando lo stesso tema, forse l'ho trovato un po' più noioso. Mentre nel primo c'era azione e un buon motivo per salvare il condannato (era innocente) qua il condannato è effettivamente colpevole, e risulta difficile immedesimarsi nel rapporto nonno-nipote che non si sono mai visti prima..

    gesagt am 

  • 3

    Bella critica alla pena di morte, ma...

    Forse è perché mi aspettavo troppo, ma io non ci ho trovato niente di più che una critica (per carità, ben fatta) alla pena di morte. Decisamente non mi coinvolge il suo modo di scrivere, troppo piatt ...weiter

    Forse è perché mi aspettavo troppo, ma io non ci ho trovato niente di più che una critica (per carità, ben fatta) alla pena di morte. Decisamente non mi coinvolge il suo modo di scrivere, troppo piatto, troppo metodico, troppo lungo. Devo dire che però vale la pena arrivare alla fine, la parte più coinvolgente del romanzo.

    gesagt am 

  • 4

    Molto bello come romanzo, forse un po troppo lungo. Manca qualcosa che ti faccia davvero venir voglia di continuare a leggere (un colpo di scena, cosa che in "io confesso" gli era riuscita).
    Inoltre è ...weiter

    Molto bello come romanzo, forse un po troppo lungo. Manca qualcosa che ti faccia davvero venir voglia di continuare a leggere (un colpo di scena, cosa che in "io confesso" gli era riuscita).
    Inoltre è molto difficile provare pietà per il protagonista, dato che è evidente che Sam meriti di morire

    gesagt am 

  • 0

    Una grossa delusione

    Il libro era iniziato bene con un inizio tragico ma coinvolgente. Si dibatteva della pena di morte che è un obbrobrio giuridico (non solo) degli Stati Uniti. Ben presto ha iniziato a rallentare, a div ...weiter

    Il libro era iniziato bene con un inizio tragico ma coinvolgente. Si dibatteva della pena di morte che è un obbrobrio giuridico (non solo) degli Stati Uniti. Ben presto ha iniziato a rallentare, a diventare pesante, noioso, senza neanche essere grande letteratura (che non è mai realmente noiosa). Mi è apparso un romanzo banale, con troppi drammi familiari, troppo “americano” (di cui riprende l'ossessione per l'alcolismo e per le nevrosi), troppo ideologico, troppo lento, troppo finto.
    Così dopo 212 pagine (della mia edizione) su poco meno di 600 l'ho abbandonato.
    Gli altri libri di John Grisham che ho letto (Il socio, La giuria, Il Rapporto Pelikan) erano decisamente meglio. Pessimo.

    gesagt am 

  • 1

    Esasperatamente lungo, lento, prolisso, piatto, senza colpi di scena, a tratto noioso (soprattutto quando si addentra nei dettagli della burocrazia). Le 524 pagine (nella versione ebook) potevano esse ...weiter

    Esasperatamente lungo, lento, prolisso, piatto, senza colpi di scena, a tratto noioso (soprattutto quando si addentra nei dettagli della burocrazia). Le 524 pagine (nella versione ebook) potevano essere ridotte ad 1/3, con vantaggi per il ritmo e senza nulla perdere riguardo alla trama ed alla psicologia dei personaggi.

    gesagt am 

  • 5

    1967: a Greenville, una cittadina come tante nel profondo sud americano, una bomba fa esplodere gli uffici di un avvocato impegnato nella difesa dei diritti civili, uccidendo i suoi due figli. Nessuno ...weiter

    1967: a Greenville, una cittadina come tante nel profondo sud americano, una bomba fa esplodere gli uffici di un avvocato impegnato nella difesa dei diritti civili, uccidendo i suoi due figli. Nessuno sembra dubitare della colpevolezza di Sam Cayhall, noto membro del locale Ku-klux-klan. 1988: sono passati vent'anni e l'azione si sposta a Chicago. Cayhall è ancora chiuso nel raggio della morte e ha esaurito tutte le possibilità di appello. Ma un giovane avvocato di un grande studio chiede esplicitamente di essere assegnato al suo caso. Vuole tirar fuori di cella l'uomo del Klan. Perché?

    gesagt am 

  • 4

    Il grande fiume Mississippi scorre lento laggiù nel delta, il tempo anche, sembra che faccia fatica a passare vincendo tutto quel caldo che immobilizza persone e cose. Il ritmo del libro scorre alla v ...weiter

    Il grande fiume Mississippi scorre lento laggiù nel delta, il tempo anche, sembra che faccia fatica a passare vincendo tutto quel caldo che immobilizza persone e cose. Il ritmo del libro scorre alla velocità dell'ambiente che lo circonda. Però il fiume deve finire nel golfo , e i giorni sono contati . Una corsa faticosa , contro il tempo e contro il grande fiume che rappresenta la forza inesorabile degli eventi laggiù nel sud .
    Una situazione estrema in cui grisham riesce a creare emozioni positive anche verso una persona che ha compiuto crimini orrendi. Togliere la vita ad un essere umano, per quanto costui possa essersi macchiato di delitti tremendi , pone il carnefice sullo stesso piano del delinquente . Riscoprire il valore della vita ed il potere del perdono è un esercizio utile a tanti.

    gesagt am 

Sorting by