Diez negritos

By

Publisher: Editorial Molino

4.4
(14845)

Language: Español | Number of Pages: 188 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Italian , German , French , Catalan , Swedish , Czech , Greek , Dutch , Portuguese

Isbn-10: 842729803X | Isbn-13: 9788427298033 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others , Mass Market Paperback , Board Book , Softcover and Stapled

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Diez negritos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Diez personas reciben sendas cartas firmadas por un desconocido que les invita a pasar unos días en su mansión de la costa de Devon. En la primera noche, después de la cena, una voz les acusa, a todos y cada uno, de su pasado culpable.
Sorting by
  • 3

    Carino ma mi è sembrato un giallo come tanti, non 'sto gran capolavoro. C'è da dire che non sono un'amante del genere, comunque.

    said on 

  • 4

    Questo romanzo è forse il più celebre di Agatha Christie, anche per la forte influenza avuta non solo sulla narrativa giallistica, ma anche sul cinema. In effetti, si tratta di una storia dal fortissi ...continue

    Questo romanzo è forse il più celebre di Agatha Christie, anche per la forte influenza avuta non solo sulla narrativa giallistica, ma anche sul cinema. In effetti, si tratta di una storia dal fortissimo ritmo (non inganni il dilungarsi dell'autrice nell'introdurre i personaggi), che, una volta avviata, tiene avvinto il lettore fino alla rivelazione finale. Dieci piccoli indiani è un è un libro che non può mancare non solo nella libreria di un amante dei gialli, ma, in generale, sugli scaffali degli amanti dei classici.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2016/12/dieci-piccoli-indiani-christie.html

    said on 

  • 5

    I grandi classici che conquistano.

    Il classico giallo per antonomasia.
    Se un lettore si approccia a te chiedendoti un giallo per iniziare a muovere i primi passi in questo genere letterario, quasi sicuramente risponderai: Dieci piccoli ...continue

    Il classico giallo per antonomasia.
    Se un lettore si approccia a te chiedendoti un giallo per iniziare a muovere i primi passi in questo genere letterario, quasi sicuramente risponderai: Dieci piccoli indiani di Agatha Christie (va bene, forse anche Le avventure di Sherlock Holmes).
    Fatto sta che quest'autrice è stata una rivelazione anche per me che, ormai, sono abbastanza navigata nel genere mistery/thriller letterario. È davvero un classico intramontabile che fa beffa a tanti tanti autori meno degni dello stesso settore.
    Siamo in presenza di una suspance perenne, mai calante, mai celata; è sempre lì che accompagna tutte le 200 pagine del romanzo.
    Lo stile, ovviamente, non è pretenzioso bensì è regolare, lucido, scorrevole e molto molto tragico.
    La psicologia del libro è assai complicata: la Christie ha descritto una vera e propria prigione sotto forma di isola chiamata Nigger Island. Ci fa sbarcare sette uomini e tre donne, tutti con un segreto in comune e taglia qualsiasi comunicazione o contatto con la terraferma.
    Quindi, ricapitolando: luogo della storia suggestivo, presenza di segreti impronunciabili, terribili delitti e inquietanti sviluppi di quest'ultimi ed infine la suspance sempre presente come un fiato gelido sul collo.
    Gli ingredienti per un buon giallo ci sono tutti, la storia non si perde in fronzoli inutili; essa nasce, si sviluppa e si conclude senza incappare in pause narrative, và sempre dritta al punto, anzi, appare quasi scarna ma è tutto il contrario! Una gran penna quella di Agatha Christie!
    Un libro davvero consigliato a tutti i lettori, che siano più o meno esperti del genere o per un amante dei classici inglesi. Un libro che è impossibile non possedere nella propria libreria.

    said on 

  • 2

    Con rammarico, ma non è per me

    E' un classico di tutti i tempi ed è importante leggere la memorabile vicenda dei dieci piccoli negretti, mi son detto. Ma celavo i miei timori, poi ritrovati tutti, e anche di più.

    Non amo i gialli ...continue

    E' un classico di tutti i tempi ed è importante leggere la memorabile vicenda dei dieci piccoli negretti, mi son detto. Ma celavo i miei timori, poi ritrovati tutti, e anche di più.

    Non amo i gialli fini a se stessi che non mi raccontano nulla o quasi del proprio tempo, non mi appassionano la borghesia inglese annoiata e formale di inizio secolo e i suoi colonnelli in pensione e le sue istitutrici acide e la sua servitù in guanti bianchi, non mi coinvolge una certa sensibilità esclusivamente femminile di alcune autrici che non scrivono anche a me. Come temevo, ho ritrovato tutto ciò con Agatha Christie, e anche di più.

    Anche se in ottima prosa, ho intravisto, ad esempio, la donna snob che comincia a scrivere per scommessa con la sorella e non trasmette (perché non ne è partecipe) alcuna delle passioni che pure attraversavano la sua epoca. Mi sembra quasi di vederla mentre progetta le sue trame nelle giornate di pioggia davanti ad una finestra, mettendo artificialmente al posto giusto (o volutamente errato) tutti gli indizi e le prove, sfidando il suo pubblico giallista puro cui, sfortunatamente, non appartengo.

    Volendo comunque trovare del buono in questa lettura, interessante è stato immaginare una specie di punizione terrena che vada oltre le colpe della legge, laddove neanche il dio sa intervenire. Che però, a pensarci, è poco più del pio desiderio di una persona benpensante, e che riguarda storie personali di singoli individui da classificare in innocenti o colpevoli, quasi come un pettegolezzo sdegnato tra comari, mentre non dice nulla sulla società del suo tempo.

    So che in altre prove letterarie è stata più esposta a viaggi e culture diverse, come sull'Orient Express, ove spero si sia manifestata con più sincerità e passione, ma stavolta non ho sentito nulla. Scusatemi, ma per me son cose necessarie.

    said on 

  • 4

    E poi non rimase nessuno...

    Appena ho visto l’omonima miniserie tv ho voluto leggere il libro…e sebbene conoscessi già l’identità dell’assassino (che nel film avevo immaginato subito mentre dal libro non l’avrei capito per quant ...continue

    Appena ho visto l’omonima miniserie tv ho voluto leggere il libro…e sebbene conoscessi già l’identità dell’assassino (che nel film avevo immaginato subito mentre dal libro non l’avrei capito per quanto è scritto bene!) l’ho trovato fantastico e l’ho divorato. La zia Agatha è parca di descrizioni ma proprio grazie al fatto che non si perde in chiacchiere la tensione è palpabile fino alla fine dove si svela il mistero in modo brillante. Soprattutto ho trovato affascinante la personalità dell’assassino…Ce ne fossero di assassini con quella motivazione…Ps agli appassionati di zia Agatha consiglio anche “Viaggiare è il mio peccato”: non è un giallo, è il diario di viaggio dell’autrice del suo viaggio in Siria al seguito del marito archeologo. Si scopre che oltre ad essere la brillante regina del giallo era anche una donna davvero spiritosa e divertente.

    said on 

  • 4

    All'inizio si profilano 8 personaggi. È difficile stare dietro alle storie di tutti, a seguire il filo conduttore. Ma non appena tutti gli ospiti sbarcano sull'isola, il primo omicidio dà il via alla ...continue

    All'inizio si profilano 8 personaggi. È difficile stare dietro alle storie di tutti, a seguire il filo conduttore. Ma non appena tutti gli ospiti sbarcano sull'isola, il primo omicidio dà il via alla curiosità appassionata del lettore. Non avevo mai letto un libro di Agatha Christie e devo dire di esserne rimasta positivamente colpita. Oltre alla creatività e immaginazione della vicenda, l'autrice è riuscita, a parer mio, a sviare completamente la verità, regalando una suspance che le ha fatto meritatamente guadagnare la fama. Bello, semplice, avvincente!

    said on 

  • 4

    romanzo di agatha christie considerato un capolavoro,storia che ha ispirato film.libro ben scritto molto scorrevole dopotutto stiamo parlando della regina del giallo...ottima storia personaggi ben des ...continue

    romanzo di agatha christie considerato un capolavoro,storia che ha ispirato film.libro ben scritto molto scorrevole dopotutto stiamo parlando della regina del giallo...ottima storia personaggi ben descritti e finale a sorpresa.

    said on 

  • 5

    Il miglior libro di Agatha, e fra tutti quelli che ho letto, quello che ho trovato più coinvolgente e ricco di colpi di scena, ma soprattutto inaspettato. Pagina dopo pagina non hai idea di cosa potre ...continue

    Il miglior libro di Agatha, e fra tutti quelli che ho letto, quello che ho trovato più coinvolgente e ricco di colpi di scena, ma soprattutto inaspettato. Pagina dopo pagina non hai idea di cosa potrebbe accadere ed è questo il bello.

    said on 

  • 4

    Finale insoddisfacente!

    Cominciato al mattino e finito due ore dopo!
    Un libro scritto molto bene, ricco di colpi di scena ed una scrittura ricercata e raffinata, me lo son goduta fin dalla prima pagina.

    Unica pecca? Il final ...continue

    Cominciato al mattino e finito due ore dopo!
    Un libro scritto molto bene, ricco di colpi di scena ed una scrittura ricercata e raffinata, me lo son goduta fin dalla prima pagina.

    Unica pecca? Il finale!
    Non l'ho trovato all'altezza del resto del libro. Pensavo che il finale sarebbe stato mozzafiato, ed invece non potevo credere che quello fosse il vero finale.
    Mi ha lasciato l'amaro in bocca.. ma ciò non togloe che sia comunque un grande libro, un di quelli 'da leggere almeno una volta nella vita'!

    said on 

  • 4

    Chi sarà l'assassino?

    E brava la Christie! Mi hai fregato. Fino alla fine ho fatto mille congetture per riuscire a capire chi fosse l'assassino del romanzo, ma niente, è riuscita nel suo intento: mi ha distratto e non ho c ...continue

    E brava la Christie! Mi hai fregato. Fino alla fine ho fatto mille congetture per riuscire a capire chi fosse l'assassino del romanzo, ma niente, è riuscita nel suo intento: mi ha distratto e non ho capito una ciofega. Brava. Anche se sono rimasto deluso quando viene svelato chi è e come ha agito l'assassino, una spiegazione assurda e improbabile, ma realistica, non posso negarlo. Peccato che si può leggere solo una volta. Se ancora vi manca, recuperate questo bel giallo e mettete alla prova il vostro fiuto investigativo latente.

    said on 

Sorting by
Sorting by