Due sorelle

Di

Editore: Adelphi

3.2
(39)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 209 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Tedesco

Isbn-10: 8845916723 | Isbn-13: 9788845916724 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Rosella Carpinella Guarneri

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Due sorelle?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Due sorelle" si presenta come racconto di nobili amicizie. Anzitutto quella tra Otto, il giovane protagonista, un tempo sognatore e ora ereditiere e illuminato agricoltore, e Franz, un uomo infelice e allampanato, che tutti chiamano Paganini. Iniziato in un albergo di Vienna, il sodalizio condurrà Otto in Italia, alla ricerca dell'amico. E, in una casa sul lago di Garda, Otto incontra le due figlie dell'amico: Maria, forte e generosa creatura di terra che la terra sa far fruttificare, Camilla, minata nell'anima da un cruccio segreto e, nel fisico, dall'arte cui sacrifica se stessa. Elemento catalizzatore in questo gioco delle passioni e delle intelligenze è Alfred Mussar, prezioso amico e consigliere di famiglia.
Ordina per
  • 2

    Un romanzo che mi è apparso ormai fuori dal tempo e completamente anacronistico. Il rapporto uomo natura appare solo l'elenco degli stereotipi di cosa si potesse intendere con il concetto di "bello" i ...continua

    Un romanzo che mi è apparso ormai fuori dal tempo e completamente anacronistico. Il rapporto uomo natura appare solo l'elenco degli stereotipi di cosa si potesse intendere con il concetto di "bello" in una particolare interpretazione ottocentesca. Interpretazione che poterebbe essere riassunta nel concetto di "ordine": ordine delle persone, dei luoghi, delle cose e soprattutto "ordine morale". Quindi 200 pagine di lettura immersi in un labirinto di moralismi estetizzanti e nella claustrofobia di una natura regolatrice del "bello". Unica presenza reale della storia le sorelle Milanollo, veramente esistite come grandi violiniste e sicuramente prototipo di una visione del mondo e dell'arte simili alla stessa visione di Stifter.

    ha scritto il 

  • 3

    Retrogusto nostalgico

    Quando la virtù annega in un mare di leziosità diventa stucchevole. Eppure, questo romanzo lascia un retrogusto strano che seduce. Nonostante tutto appaia manierato, e probabilmente lo è, i paesaggi, ...continua

    Quando la virtù annega in un mare di leziosità diventa stucchevole. Eppure, questo romanzo lascia un retrogusto strano che seduce. Nonostante tutto appaia manierato, e probabilmente lo è, i paesaggi, l'ambientazione, i dialoghi, i personaggi sembrano uscire da una pittura di rudere, da un immaginario idilliaco mondo perduto, sprigionando una sottile e inquietante nostalgia.

    ha scritto il 

  • 3

    A parte i soliti paesaggi - stavolta lacustri anziché i consueti alpini - del racconto non ricordo più nulla se non che non mi era piaciuto granché. Stifter è per coloro che amano alzarsi presto la ma ...continua

    A parte i soliti paesaggi - stavolta lacustri anziché i consueti alpini - del racconto non ricordo più nulla se non che non mi era piaciuto granché. Stifter è per coloro che amano alzarsi presto la mattina e fare quindici chilometri in montagna godendo della fatica, delle cime, delle mucche e delle conifere.

    ha scritto il 

  • 2

    Assolutamente il lato peggiore di Stifter. Quello più angusto e filisteo. Sembra incredibile che sia lo stesso autore di quel piccolo capolavoro che è "Cristallo di rocca". Il gusto del particolare, ...continua

    Assolutamente il lato peggiore di Stifter. Quello più angusto e filisteo. Sembra incredibile che sia lo stesso autore di quel piccolo capolavoro che è "Cristallo di rocca". Il gusto del particolare, della descrizione minuziosa, è qui portato ad un estremo parossistico. Una storia che sarebbe stata tollerabile in quaranta paginette, dilatata in duecento, e senza l'ombra di un sentimento attendibilmente espresso, diviene quasi insopportabile. Si salva qualche espressione memorabile, probabilmente involontaria, come: "Il padre ricevette una scacchiera d'ebano e avorio, un eccellente cannocchiale, un termometro e uno strumento per misurare l'azzurro del cielo (...)" (p. 165).<br />Però si viene a sapere l'esistenza di nuovi vocaboli, come "capezzagna": ciascuna delle due strisce di terreno che rimangono da arare alle estremità del campo, dove cioè l'aratro inverte la marcia (Devoto-Oli, 18 ristampa, 1985).

    ha scritto il