Dune

(Dune Chronicles (Econo-Clad Hardcover))

By

Publisher: Rebound by Sagebrush

4.4
(3985)

Language: English | Number of Pages: 535 | Format: School & Library Binding | In other languages: (other languages) Spanish , Chi simplified , Italian , French , German , Polish , Portuguese , Catalan , Dutch , Greek , Swedish , Czech , Hungarian

Isbn-10: 0881036366 | Isbn-13: 9780881036367 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Audio Cassette , Paperback , Library Binding , Others , Audio CD , eBook , Leather Bound

Category: Fiction & Literature , Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Dune ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The all-time science fiction masterpiece...now in a special hardcover edition.

"Unique...I know nothing comparable to it except Lord of the Rings."--Arthur C. Clarke

Here is the novel that will be forever considered a triumph of the imagination. Set on the desert planet Arrakis, Dune is the story of the boy Paul Atreides, who would become the mysterious man known as Maud'dib. He would avenge the traitorous plot against his noble family--and would bring to fruition humankind's most ancient and unattainable dream.

A stunning blend of adventure and mysticism, environmentalism and politics, Dune won the first Nebula Award, shared the Hugo Award, and formed the basis of what is undoubtedly the grandest epic in science fiction. Frank Herbert's death in 1986 was a tragic loss, yet the astounding legacy of his visionary fiction will live forever.
Sorting by
  • 5

    la sabbia e la spezia

    Un romanzo che non dimostra la sua età.
    Arrakis è un pianeta deserto, inospitale e popolato da enormi vermi pericolosi e spesso aggressivi che vivono in molte delle zone sabbiose, ma è anche un luogo ...continue

    Un romanzo che non dimostra la sua età.
    Arrakis è un pianeta deserto, inospitale e popolato da enormi vermi pericolosi e spesso aggressivi che vivono in molte delle zone sabbiose, ma è anche un luogo il cui controllo consente agli altri pianeti di estrarre la preziosa spezia che dà assuefazione e migliora i sensi.
    La famiglia Atreides viene incaricata dall'imperatore di occuparsi di questo pianeta e il Duca Leto si dimostra quasi subito adatto allo scopo. Leto è un uomo giusto, onesto e intelligente, ma si trova ad avere la peggio contro il Barone Harkonnen, capo della famiglia che aveva avuto il dominio di Arrakis fino a quel momento.
    Ho apprezzato moltissimo la prima parte del romanzo, fino alla fuga di Jessica e Paul, sebbene la seconda parte non sia troppo da meno. Paul ha il carattere del padre, i modi del nonno e le inquietanti facoltà della madre, migliorate dalla spezia.
    Un romanzo di fantascienza su un pianeta molto diverso dalla Terra, senza piante, i cui abitanti sono costretti a vivere faticando per risparmiare la poca acqua che hanno. Un romanzo di guerra tra famiglie per il controllo. Molto suggestivo.

    said on 

  • 5

    Dune (Dune Chronicles #1) (Project Reread #8)

    This review is written with a GPL 3.0 license and the rights contained therein shall supersede all TOS by any and all websites in regards to copying and sharing without proper authorization and permis ...continue

    This review is written with a GPL 3.0 license and the rights contained therein shall supersede all TOS by any and all websites in regards to copying and sharing without proper authorization and permissions. Crossposted at Bookstooge.booklikes.blogspot. wordpress.anobii.com by Bookstooge's Exalted Permission.

    Title: Dune

    Series: Dune Chronicles

    Author: Frank Herbert

    Rating: 5 of 5 Stars

    Genre: SFF

    Pages: 894

    Format: Kindle digital edition

    Project Reread:

    I am attempting to reread 10+ books in 2016 that I have rated highly in the past. I am not attempting to second guess or denigrate my younger self in any way but am wanting to compare how my tastes have changed and possibly matured. I am certainly much more widely read now [both in the good and bad quality sadly] than then.
    I will hopefully be going into the reasons for any differences of opinions between then and now. If there is no difference of opinion, then it was a hellfire'd fine book!
    Links may link to either Booklikes or Blogspot, depending on when the original review was.

    Synopsis:

    Paul Atreides, born of rebellion and love, has the potential to be the next step in Humanity. A man who can look into the past and into the future. But becoming a superman is not easy, nor is it guaranteed.

    With a space operatic House feud, the Bene Gesserit bent on creating and controlling him, a Galactic King bent upon his House's destruction and a prophecy that was seeded by the Bene Gesserit hundreds, if not thousands, of years ago, Paul will succeed or die.

    My Thoughts:

    What do I say? This is just as good as ever.

    Having read more of Herbert's works since my last read of Dune back in '11, it is very apparent that Dune was an aberration in Herbert's style. It is easy to understand, light on the psychosexual tones that Herbert seems to revel in and keeps the monologuing on philosophical themes to a minimum. None of those things are gone, but they aren't in the foreground.

    While the Dune Chronicles continue for another 5 books and then has its final sequence penned by the execrable Kevin Anderson & Brian Herbert, Dune can stand on its own and in many respects, it should. It tells a complete story arc. If you LOVE Dune, then I recommend reading the rest of the Chronicles. If you aren't sure, then read another book by Herbert, perhaps The White Plague, and see if you like THAT style. If you can enjoy that one, then you'll probably enjoy the rest of the Chronicles.

    I was also reminded of Red Rising by Pierce Brown, in that the main character was young [Paul is 15 at the start of the book and it covers no more than 5 years] but this is in no way Young Adult. I think part of that is because Herbert has his main character becoming an adult at an accelerated pace due to circumstances. In fact, the more I think of it, Darrow from Red Rising reminds me more and more of Paul. Young, but having gone through a crucible, emerges from the other side with all adolescence burned out of him and maturity, responsibility and ability coating him like an armored suit. An adult with a purpose and the will to accomplish that purpose.

    This Project Reread was a complete success and I got to read a 5star book that STAYED a 5star book. It just doesn't get much better than that.

    said on 

  • 5

    Ufficialmente, questo libro è di fantascienza, ma la sua trama viaggia sul sottile confine tra la fantascienza e il fantasy. Da un lato troviamo viaggi spaziali e tecnologie futuristiche, dall'altro a ...continue

    Ufficialmente, questo libro è di fantascienza, ma la sua trama viaggia sul sottile confine tra la fantascienza e il fantasy. Da un lato troviamo viaggi spaziali e tecnologie futuristiche, dall'altro antiche leggende, combattimenti all'arma bianca, un pianeta e un popolo antichi e misteriosi.
    La prima metà della trama è veloce e piena di colpi di scena, mentre la seconda è più lenta e studiata; questo segue i sentimenti e i pensieri del giovane protagonista, che all'inizio è un adolescente impulsivo, ma col tempo cresce e matura e diviene più saggio.
    Linea della trama: vendetta, desiderio di libertà e di riscatto, speranza in un mondo migliore.
    Bellissimo!

    said on 

  • 5

    Incredibilmente affascinante.
    Per la complessità del mondo pensato e creato. Un modno che funziona da qualsiasi dimensioni lo si guardi.
    Tranne per quella umana. Paul e Jessica non sono molto "disponi ...continue

    Incredibilmente affascinante.
    Per la complessità del mondo pensato e creato. Un modno che funziona da qualsiasi dimensioni lo si guardi.
    Tranne per quella umana. Paul e Jessica non sono molto "disponibili" all'empatia, non è facile provare nei loro confronti quel senso di comunione, di simpatia per i sentimenti che spesso è la molla che fa amari i libri attraverso i loro personaggi.
    Ma probabilmente i libri di fanstascienza si basano un altro assunto: ai amano, si apprezzano o si dispregiano per il grado di complicato semplicità con cui sono costruiti.

    said on 

  • 4

    Fino a metà un capolavoro, per tematiche, personaggi, svolgimento degli eventi; poi le buone intenzioni si ingarbugliano, il ritmo si sfilaccia, i personaggi principali diventano eccessivamente ingomb ...continue

    Fino a metà un capolavoro, per tematiche, personaggi, svolgimento degli eventi; poi le buone intenzioni si ingarbugliano, il ritmo si sfilaccia, i personaggi principali diventano eccessivamente ingombranti riducendo in briciole tutto il resto. Resta comunque una lettura imprescindibile per alcuni concetti che porta a galla.

    said on 

  • 3

    Me costó empatizar con los personajes

    Me gustó, pero no tanto como pensaba, ya que me lo habían puesto por las nubes.
    me costó empatizar con los personajes supongo por lo complejos y enrevesados que resultan algunos trozos.
    El universo qu ...continue

    Me gustó, pero no tanto como pensaba, ya que me lo habían puesto por las nubes.
    me costó empatizar con los personajes supongo por lo complejos y enrevesados que resultan algunos trozos.
    El universo que crea me gustó mucho, al igual que su concepción feudal-futurista.

    said on 

  • 3

    La pagina di wikipedia è più affascinante

    Dune è un mondo stupendo da scoprire. Peccato che il libro non gode di una lettura esaltante. I dialoghi sono al limite del frustrante e quasi tutta la trama si risolve grazie alle doti da "semidio" p ...continue

    Dune è un mondo stupendo da scoprire. Peccato che il libro non gode di una lettura esaltante. I dialoghi sono al limite del frustrante e quasi tutta la trama si risolve grazie alle doti da "semidio" possedute dal protagonista e dalla sua madre. Sopratutto si fa fatica a provare empatia per i personaggi. Colpa di una fastidiosa e di poco gusto caratterizzazione fatta con l'accetta. Da un lato i buoni Atreides (belli e giusti) e dall'altro i cattivi Harkonnen (brutti ciccioni e con un leader... pedofilo?). Che noia!

    Cosa c'è di buono allora da meritare tre stelle? L'universo pensato da Herbert. Per questo dico che la pagina wikipedia su Dune è molto meglio. Ho tratto molto più piacere dalla lettura dei "fatti" di questo mondo immaginario che dalla lettura del romanzo.

    said on 

  • 3

    Pesantuccio

    Alla fine non mi è piaciuto: ho trovato la scrittura monocorde, lenta, ripetititiva.

    Un libro del genere dovrebbe appassionarti e tenerti incollato alla pagina: nel mio caso, dopo un buon inizio, la l ...continue

    Alla fine non mi è piaciuto: ho trovato la scrittura monocorde, lenta, ripetititiva.

    Un libro del genere dovrebbe appassionarti e tenerti incollato alla pagina: nel mio caso, dopo un buon inizio, la lettura è risultata frammentaria e faticosa. Non avevo quasi interesse a proseguire. L'aver prima visto il film di David Lynch potrebbe aver tolto un po' di fattore sorpresa, ma il mondo di Dune non è riuscito ad ammaliarmi.

    Va comunque dato atto all'autore di essere riuscito a costruire un intero ecosistema credibile e spietato, pescando da elementi ben noti: tolti quelli inventati riguardo al deserto e la sua biologia, mi pare evidente come la popolazione desertica dei Fremen sia una trasposizione dei Tuareg, i vari riti e rituali un sincretismo tra Islam e Protestantesimo, la vita e gli intrighi di corte e di potere un richiamo ai Sultanati del Medio-Oriente.

    Un altro punto a suo favore è il mostrarci il costante dialogo interiore dei personaggi: ogni azione viene soppesata e genera inquietudine. Forse persino troppa, tenuto conto che almeno due dei protagonisti, Paul Atreides e sua madre Jessica, sono una sorta di semidei. Questo approccio contribuisce in generale a rendere gli attori più umani, ma rende anche il tutto un po' pesante.

    said on 

  • 3

    Ben pensato nel complesso, articolato e coinvolgente, ma lo stile "a la Flash Gordon" (fatto di imperi galattici e combattimenti all'arma bianca) proprio dell'epoca in cui è stato scritto lo rende fra ...continue

    Ben pensato nel complesso, articolato e coinvolgente, ma lo stile "a la Flash Gordon" (fatto di imperi galattici e combattimenti all'arma bianca) proprio dell'epoca in cui è stato scritto lo rende fragile agli occhi del lettore contemporaneo.

    said on 

  • 4

    Quattro stelle invece di cinque solo perché ad una mirabile costruzione dell'ambientazione, della trama e dei personaggi nella prima metà del libro non segue, a mio parere, un finale così convincente ...continue

    Quattro stelle invece di cinque solo perché ad una mirabile costruzione dell'ambientazione, della trama e dei personaggi nella prima metà del libro non segue, a mio parere, un finale così convincente (è pur vero che è solo il primo libro di un ciclo).
    Comunque sia, ottimo romanzo; a ragione uno dei capisaldi della fantascienza.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by