Educazione siberiana

Di

Editore: Einaudi (Supercoralli)

3.6
(4073)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 347 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Catalano , Portoghese , Francese , Inglese , Svedese

Isbn-10: 8806195522 | Isbn-13: 9788806195526 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri , eBook

Genere: Biografia , Criminalità , Narrativa & Letteratura

Ti piace Educazione siberiana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La vita di un ragazzo siberiano educato da un'intera comunità criminale a diventare una contraddizione vivente, e cioè un «criminale onesto». Le avventure di strada, le giornate al fiume, gli scontri tra adolescenti guerrieri. E soprattutto il sapere dei vecchi, che portano l'esistenza tatuata sulla pelle e trasmettono con pazienza e rigore il loro modo di capire il mondo. La Transnistria, terra di tutti e di nessuno, crocevia di traffici internazionali e di storie d'uomini. Una grande epopea criminale raccontata da chi l'ha vissuta, con una forza che ti agguanta e non ti lascia più. Nicolai Lilin ha solo ventinove anni, ma ha da raccontare una vita straordinaria e un universo che non assomiglia a nessun altro: anche per questo Educazione siberiana è un libro unico, senza paragoni possibili. Cosa significa nascere, crescere, diventare adulti in una terra di nessuno, in un posto che pare - e non è - fuori dal mondo? Pochi forse hanno sentito nominare la Transnistria, regione dell'ex Urss autoproclamatasi indipendente nel 1990 ma non riconosciuta da nessuno Stato. In Trans-nistria, ai tempi di questa storia, la criminalità era talmente diffusa che un anno di servizio in polizia ne valeva cinque, proprio come in guerra. Nel quartiere Fiume Basso si viveva seguendo la tradizione siberiana e i ragazzi si facevano le ossa scontrandosi con gli sbirri o i minorenni delle altre bande. Lanciando mini molotov contro il distretto di polizia, magari: «Quando le vedevo attraversare il muro e sentivo le piccole esplosioni seguite dalle grida degli sbirri e dai primi segni di fumo nero che come fantastici draghi si alzavano in aria, mi veniva da piangere tanto ero felice». La scuola della strada voleva che presto dal coltello si passasse alla pistola. «Eravamo abituati a parlare di galera come altri ragazzini parlano del servizio militare o di cosa faranno da grandi». Ma l'apprendistato del male e del bene, per la comunità siberiana, è complesso, perché si tratta d'imparare a essere un ossimoro, e cioè un «criminale onesto». E quest'altra scuola, ben più importante di quella della strada, passa soprattutto attraverso i vecchi, i criminali anziani a cui la comunità riconosce lo specialissimo ruolo di «nonni» adottivi. Sono loro, giorno dopo giorno, a trasmettere valori che paiono in conflitto con quelli criminali: l'amicizia, la lealtà, la condivisione dei beni. L'amore per i disabili, che i siberiani chiamano «Voluti da Dio». E anche la cultura del tatuaggio, della pelle che dice il destino di ognuno. «Nonno Kuzja - scrive Lilin - non mi educava facendo lezioni, ma raccontando le sue storie e ascoltando le mie ragioni. Non parlava della vita dalla posizione di uno che la osserva dall'alto, ma da quella di un uomo che sta in piedi sulla terra e cerca di restarci il più a lungo possibile». Grazie alla forza della narrazione, quel mondo incredibile, tragico, dove la ferocia e l'altruismo convivono con naturalezza, diventa a poco a poco familiare e vero. Come lo stile, che è intenso ed espressivo, anche in virtù di una buona ma non perfetta padronanza dell'italiano, che risulta ora sgrammaticato, ora fin troppo esatto, ora contaminato. Uno stile a tratti spiazzante, con una sua dimensione etica, oppure decisamente comico, nei momenti di distensione che attraversano le pagine come la vita.
Ordina per
  • 4

    Rambo delle nevi

    Oh, mica dico che è un capolavoro scolpito nell'eternità dal nuovo Dante in moto-slitta.
    Dico solo che è un libro diverte, veloce e che non annoia per niente.
    Leggetelo, vi stupirà

    ha scritto il 

  • 0

    Non mi capita quasi mai di abbandonare un libro, ma con questo non ho potuto fare altro. Forse un momento sbagliato, o forse i condizionamenti su tutte le polemiche intorno alla sua creazione, non mi ...continua

    Non mi capita quasi mai di abbandonare un libro, ma con questo non ho potuto fare altro. Forse un momento sbagliato, o forse i condizionamenti su tutte le polemiche intorno alla sua creazione, non mi hanno fatto entrare in sintonia con lo scritto e lo scrittore. In ogni caso lento e senza una narrazione vera a propria, soffre molto di una prosa semplice e povertà lessicale.

    ha scritto il 

  • 3

    il confine tra il male e il bene

    Essere educati ad "un'onestà criminalità" rende ancora più difficile il compito adulto di distinguere il bene dal male; leggere le tappe di un tale percorso educativo sfuma quello stesso confine. E' m ...continua

    Essere educati ad "un'onestà criminalità" rende ancora più difficile il compito adulto di distinguere il bene dal male; leggere le tappe di un tale percorso educativo sfuma quello stesso confine. E' male o bene crivellare di colpi il branco che ha violentato un'anima fragile come il cristallo? Schierarsi violentemente contro la corruzione delle carceri e della politica... è male o bene? Tatuarsi il corpo rende interpretabile una realtà così complessa.
    Romanzo criticato e criticabile da tutti i fronti: un italiano naif (lo scrittore è russo), una realtà spacciata per tale che sembra non trovare prove storiche, pagine di violenza cruenta e gratuita. Ma resta un facile spunto di riflessione etica per chi non ha altri strumenti.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo di più

    Il libro in se è scritto bene, quello che non mi è piaciuto molto è che il racconto si concentra per la maggior parte sulla descrizione delle regole dei criminali, dei personaggi e sul loro passato ma ...continua

    Il libro in se è scritto bene, quello che non mi è piaciuto molto è che il racconto si concentra per la maggior parte sulla descrizione delle regole dei criminali, dei personaggi e sul loro passato ma molto poco sull'azione vera e propria, infatti la storia sembra non arrivare mai da nessuna parte, narra di alcune vicende slegate le une dalle altre, forse mi aspettavo una trama più continua.

    ha scritto il 

  • 3

    Nicolai è figlio e nipote...

    ...di criminali, gente abituata a risolvere ogni cosa con la violenza, ad ignorare la legge, a sentirsi diversi e a condurre una vita con regole tutte loro, in lotta contro la polizia e lo stato. Non ...continua

    ...di criminali, gente abituata a risolvere ogni cosa con la violenza, ad ignorare la legge, a sentirsi diversi e a condurre una vita con regole tutte loro, in lotta contro la polizia e lo stato. Non è bella gente, hanno un codice di condotta omertoso, sono violenti, assassini, omofobi, maschilisti, razzisti e farabutti. Nicolai fa quella vita fino alla fine della adolescenza, poi si ritrova militare nei corpi speciali in Cecenia, sappiamo poi che una volta finita la guerra arriva in Italia dove fa il tatuatore. Nulla di più, nulla di meno. Lo stile ricorda molto il racconto orale, notevole se si pensa che lo ha scritto direttamente in italiano un madrelingua russo. Ma forse sono troppe le cose taciute, la crisi che sicuramente deve aver attraversato e che lo ha portato a rinunciare alla criminalità, il percorso professionale da tatuatore, le altre condanne che sembra aver ricevuto dopo la maggiore età... insomma gli mancano parecchie cose per poterlo definire un vero romanzo di formazione, ma certo come testimonianza (anche antropologica) ha un valore elevato. Sulla sua autenticità è stato espresso più di un dubbio, non ho molti elementi per giudicare ma in effetti la didascalità dei racconti sembra un po' sospetta e mancano gli elementi che facciano comprendere come e quando (e in quanto tempo) ha smesso di essere un criminale onesto.

    ha scritto il 

  • 3

    Inizialmente ho trovato la lettura noiosa, piatta e senza stimoli per la continuazione. Pian piano che ci si introduce nel racconto e ci si abitua anche alla scrittura, semplice e netta dell'autore (f ...continua

    Inizialmente ho trovato la lettura noiosa, piatta e senza stimoli per la continuazione. Pian piano che ci si introduce nel racconto e ci si abitua anche alla scrittura, semplice e netta dell'autore (forse dovuta alla scrittura in italiano, anche se l'autore non è madrelingua), diventa leggermente più coinvolgente, soprattutto perchè rimane sempre aperta la questione "cosa c'entra l'intro del romanzo?" (per altro, poi spiegata maledettamente bene alla fine del libro). Contraddizioni, critiche storiche e sulla verità dei fatti riportati, sinceramente non le ho considerate prima della lettura e nemmeno voglio considerarle adesso, non ha senso e non ho gli strumenti per poter espormi, semplicemente prendo un romanzo per quello che è. Tutto sommato, si è rivelata una buona lettura, soprattutto perchè porta avanti dei valori e degli insegnamenti.

    ha scritto il 

  • 5

    Leggiamolo come uno sguardo critico sulla fine di un mondo e sulla abissale pochezza di ciò che ne è seguito. E' l'epica dell'autodistruzione morale di una società

    ha scritto il 

  • 2

    "Educazione Siberiana" è un'autentica occasione persa, forse la sola cosa autentica del libro. Il racconto della comunità criminale vera o presunta che sia degli Urca, parte infatti tutto sommato bene ...continua

    "Educazione Siberiana" è un'autentica occasione persa, forse la sola cosa autentica del libro. Il racconto della comunità criminale vera o presunta che sia degli Urca, parte infatti tutto sommato bene, creando nel giro di qualche pagina un mondo a suo modo efficace e coerente. I personaggi sono originali, il sistema di vita che regola le loro esistenze affascina enormemente il lettore e sticazzi se è tutto falso.
    Il problema, il vero problema è che il libro finisce qui. L'atteso colpo di acceleratore che dovrebbe portare la storia su un livello di tensione superiore, l'adrenalina delle vicende di criminali adulti che rischiano fini tremende a ogni incontro non arriva mai. Lilin continua a menarla con le sue storie di saluti rispettosi e ossequi ad ogni vecchio che passa per caso, finendo per limitare il romanzo al racconto di due episodi banalissimi allungati a dismisura con digressioni di nessun interesse, intervallati da un soggiorno in carcere che non aggiunge nulla alla storia.
    Finale cretinissimo.
    Insomma, dei tre atti che compongono un'opera di narrativa se ne salva uno, il primo. Tutto il resto è noia. Un po' poco per meritare la sufficienza.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per