El club Dumas

By

Publisher: EDICIONES ALFAGUARA, S.A. - GRUPO SANTILLANA

3.8
(2639)

Language: Español | Number of Pages: 496 | Format: Softcover and Stapled | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , Italian , French , Danish , Polish , Portuguese , Chi simplified , Greek

Isbn-10: 8420474703 | Isbn-13: 9788420474700 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Paperback , Others , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like El club Dumas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
¿Puede un libro ser investigado policialmente como si de un crimen se tratara, utilizando como pistas sus páginas, papel, grabados y marcas de impresión, en un apasionante recorrido de tres siglos? Lucas Corso, mercenario de la bibliofilia, cazador de libros por cuenta ajena, debe encontrar respuesta a esa pregunta cuando recibe un doble encargo de sus clientes: autentificar un manuscrito de Los tres mosqueteros y descifrar el enigma de un extraño libro, quemado en 1667 con el hombre que lo imprimió. «Un auténtico thriller, una trama maravillosamente compleja.» The New York Times Book Review
Sorting by
  • 4

    L'ho letto dopo aver visto il film

    Non si discute che Pérez-Reverte sia un'ottima penna. Sono venuto a conoscenza del libro solo dopo aver visto il film "La Nona Porta" con Johnny Depp. Ma si tratta di due realtà apparentemente diverse ...continue

    Non si discute che Pérez-Reverte sia un'ottima penna. Sono venuto a conoscenza del libro solo dopo aver visto il film "La Nona Porta" con Johnny Depp. Ma si tratta di due realtà apparentemente diverse.
    Il romanzo parte da un manoscritto autografo di Dumas padre dei Tre Moschettieri che, indirettamente, serve da spunto all'editore e collezionista Varo Borja, per impossessarsi di tre volumi demoniaci pubblicati nel 1666 da Aristide Torchia con la complicità di Lucifero, nientemeno e, per la qual cosa, era finito sul rogo l'anno dopo. Per questo compito, Borja incarica il cacciatore di libri mercenario Lucas (nel film Dean) Corso. Corso intuisce qualcosa e tenta di rifiutare ma la promessa di una grossa somma lo fa convincere. Finirà per essere implicato nell'omicidio dei possessori dei due altri libri (il terzo lo possiede già). La trama è abbastanza avvincente anche se non si capisce esattamente cosa c'entri il manoscritto di Dumas se non per sviare il lettore. Nel film il protagonista è Boris Balkan che impersona di fatto il Borja del libro mentre il Balkan del libro è in parte narratore e presidente di un apparentemente innocuo Club Dumas di cui fanno parte personaggi di spessore, tra cui pure Umberto Eco (non nominato ma citato indirettamente verso la fine del libro).
    Il romanzo è in compenso pieno di citazioni dotte e storiche e ci si percepisce l'amore per i libri.
    Il film stava in piedi da solo anche senza il riferimento a Dumas e probabilmente gli sceneggiatori sono stati più bravi del romanziere.

    said on 

  • 2

    Meglio il film

    Quando di un libro viene fatta la trasposizione cinematografica si è solito dire «meglio il libro». In questo caso vale la regola opposta: «meglio il film». Non perché Il club Dumas sia un romanzo ban ...continue

    Quando di un libro viene fatta la trasposizione cinematografica si è solito dire «meglio il libro». In questo caso vale la regola opposta: «meglio il film». Non perché Il club Dumas sia un romanzo banale, ma perché l'inserimento nella linea narrativa della vicenda del capitolo dei Tre moschettieri sembra solo un'inutile complicazione della trama, che si regge benissimo senza (come dimostra il film).

    said on 

  • 4

    Avvolgente

    Premessa: ho un debole per la scrittura e i temi di Perez Reverte.
    Il Club Dumas è stata una delle mie letture più coinvolgenti ed appassionanti. Vivendo del piacevolissimo ricordo de I Tre Moschettie ...continue

    Premessa: ho un debole per la scrittura e i temi di Perez Reverte.
    Il Club Dumas è stata una delle mie letture più coinvolgenti ed appassionanti. Vivendo del piacevolissimo ricordo de I Tre Moschettieri, ho trovato il libro intrigante, appassionante e del tutto coinvolgente. A mio parere il personaggio di Corso è ben costruito, poliedrico ed affascinante, così come il mondo oscuro dei bibliofili e i continui richiami all'esoterismo.
    Libro consigliatissimo.

    said on 

  • 3

    "Il Club Dumas" è uno dei rarissimi casi nella storia delle trasposizioni cinematografiche in cui il film risulta migliore del romanzo da cui ne è stato tratto. In parte perché Polanski è un narratore ...continue

    "Il Club Dumas" è uno dei rarissimi casi nella storia delle trasposizioni cinematografiche in cui il film risulta migliore del romanzo da cui ne è stato tratto. In parte perché Polanski è un narratore immensamente più bravo di Pérez-Reverte, capace di andare all'essenziale, arricchire dove bisogna arricchire e snellire dove la scrittura si fa ridondante ma soprattutto perché in realtà quello di cui stiamo parlando è un doppio romanzo: il primo, quello che gli dà il titolo complessivo, che è una vaccata pazzesca; e l'altro che potremmo intitolare "La Nona Porta" che è un mezzo capolavoro. Polanski in pratica per realizzare il suo film straordinario, si è semplicemente limitato a mettere in scena quest'ultimo, lasciando cadere tutta la fuffa.

    La domanda che il lettore scafato si pone è: perché Pérez-Reverte ha gestito così male il suo materiale narrativo? Come ha fatto a tirare fuori un libro tutto sommato mediocre da una storia formidabile? Forse perché l'idea de "La nona porta" gli è venuta dopo aver passato mesi a fare ricerche su Dumas? Perché dal plot "demonologico" avrebbe potuto tirarci fuori massimo centoquaranta pagine e doveva pur allungare il brodo? Perché gli dispiaceva lasciar fuori una storiella che gli sembrava carina? Perché pensava che mischiando due storie avrebbe confuso le piste del lettore? Boh. Fatto sta che la lettura di questo "Club Dumas" procede a sbalzi: quando si parla del manoscritto de "Il vino di Angiò": noia mortale. Quando si parla de "La nona porta", adrenalina a palla. Anche a livello di stile il libro qui e lì si incaglia in riflessioni inutili quando il lettore chiede azione, azione e ancora azione. In compenso mancano parti importanti, soprattutto nella costruzione dei personaggi, per non parlare dell'io narrante che va e viene.

    Insomma meno male che ci ha pensato Polanski a mettere un po' d'ordine se no sarebbe stato davvero una grossa occasione perduta.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    2 e 1/2

    Mi sono fatta ammaliare dal titolo. Intendiamoci, non mi aspettavo nulla di che, un buon thriller con riferimenti storici e letterari su Dumas.
    In teoria, questo è quello che il libro è. Nella pratica ...continue

    Mi sono fatta ammaliare dal titolo. Intendiamoci, non mi aspettavo nulla di che, un buon thriller con riferimenti storici e letterari su Dumas.
    In teoria, questo è quello che il libro è. Nella pratica: un thriller mal costruito, dove i colpevoli sono, non ovvi, ovvissimi, e dove i due casi in cui si trova coinvolto il protagonista, non si collegano nemmeno. Una presa in giro che non ho digerito, perché è ovvio che se mi parli di due manoscritti e che se il protagonista viene perseguitato per entrambi, mi aspetto un collegamento. Invece no. Il famoso club Dumas equivale ad un gioco di ruolo tra ricchi annoiati, e il connubio che l'autore cerca di infilarci a forza tra libri da collezione e satanismo, risulta quanto mai ridicolo.

    La dinamica del thriller è soporifera, le figure femminili del romanzo sono ridicole, stereotipate e servono solo da intrattenimento sessuale del protagonista. Le spiegazioni non date vengono spacciate per "mistero irrisolto".

    Insomma, deludente, noioso e mal costruito. Peccato, perché comunque le parti dove si parla delle opere di Dumas sono buone, si vede che provengono da studi dell'autore sull'argomento. È tutto il racconto che ci ha costruito sopra a non avere senso.

    Ultima nota: l'autore spoilera pesantemente i libri di Dumas, nella fattispecie la trilogia dei Moschettieri.

    said on 

  • 2

    un romanzo un po' sconclusionato, godibile per chi ha letto I tre moschettieri grazie ai continui riferimenti al bellissimo romanzo di Dumas. Per il resto sono rimasto abbastanza confuso.

    said on 

  • 1

    Bah...un libro senza capo né coda, dove Dumas c'entra ben poco. Intreccia a forza due storie e ne viene fuori un racconto sconnesso e noioso. Francamente non mi ha lasciato nulla ed il finale è in lin ...continue

    Bah...un libro senza capo né coda, dove Dumas c'entra ben poco. Intreccia a forza due storie e ne viene fuori un racconto sconnesso e noioso. Francamente non mi ha lasciato nulla ed il finale è in linea con tutto il libro. Non lo consiglio.

    said on 

  • 4

    Un libro fantastico in grado di trascinarti nell'assurdo mondo dei bibliofili e dei libri in generale!!!! Un libro in cui anche le forse banali frasi come "se tutto fosse stato un maledetto romanzo, m ...continue

    Un libro fantastico in grado di trascinarti nell'assurdo mondo dei bibliofili e dei libri in generale!!!! Un libro in cui anche le forse banali frasi come "se tutto fosse stato un maledetto romanzo, ma non lo era. Oppure sì?...." (cit.) Non risultano poi così assurde: si arriva perennemente ad un punto in cui la confusione di Corso diventa la tua, tutte le teorie vacillano, e ti trovi a correre tra le righe per scoprire cosa è reale e cosa no!!!!
    Un libro che merita veramente e che consiglio calorosamente perché in grado di emozionare, davvero!!!!! Se poi si amano i libri di Dumas, I personaggi misteriosi e gli intrighi, beh, questo libro é assolutamente perfetto!!!!!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    有些故事你看了被作者欺騙,但卻覺得精彩絕倫,甘願受騙。
    有些故事你看了被作者欺騙,卻覺得不外如是,雖然說得通,但十分牽強。(有時候島田大神的書也是這樣)
    可是這個故事你看了,作者在最後告訴你,這全部都是騙你的,根本沒有這回事,你想太多了,由頭到尾都是和表面上看來的一樣,你看到的就是全部,沒有什麼隱瞞,沒有什麼詭計,沒有什麼…. 你會如何反應?

    我翻了書的最後段,又翻了最前段的輔讀,想辦法看看是否還 ...continue

    有些故事你看了被作者欺騙,但卻覺得精彩絕倫,甘願受騙。
    有些故事你看了被作者欺騙,卻覺得不外如是,雖然說得通,但十分牽強。(有時候島田大神的書也是這樣)
    可是這個故事你看了,作者在最後告訴你,這全部都是騙你的,根本沒有這回事,你想太多了,由頭到尾都是和表面上看來的一樣,你看到的就是全部,沒有什麼隱瞞,沒有什麼詭計,沒有什麼…. 你會如何反應?

    我翻了書的最後段,又翻了最前段的輔讀,想辦法看看是否還有更多故事我遺漏了,但是我的眼睛告訴我:沒有,真的結局了;我不禁咒罵起來。

    我比較少看歐美的翻譯小說,因為我對翻譯後的人物和名字看不習慣,常常記不起那些名字、地名。看英文還比較好,但那些中文譯名,什麼莫羅尼連、迪比斯,又或羅索爾亞等,看得我頭昏腦脹。剛好這本就提到很多名字,書名、故事人物等,令我看得很混亂。我想,這個是我自己的問題,我還是用心的看下去。
    但是若果大家跟隨輔讀所說,沒有看過大仲馬的「三劍客」,卻認為還是可以看這本的話,我個人覺得是錯誤的。沒有看過著作,對作者安排的出場人物便不會有驚喜,和共鳴感。其實我覺得,除了要看過「三劍客」之外,若是能對大仲馬的生平,和當時的一些著作有認識,是很有幫助。因為角色在交談時討論不同作品中的人物或情節,我就只有得個看字,完全不能投入。這個我也認為是我自己的問題,不能怪作者。

    故事發展和結局,卻是我最要執著的一個。故事一直有兩個發展方向:大仲馬的手稿,和「九扇門」偽本。主角一方面要求證手稿是否真實,另一項工作是比較另外兩本僅存的「九扇門」,看看手上的一本是否為偽本,主角因此面對重重危險。由於他手上有兩樣東西,他當時不知是因為哪一樣令他置身險境。
    主角開始覺得,危險是從他的布袋而來,想到可能大仲馬的手稿和「九扇門」是有什麼秘密….可是當真相揭曉時,主腦卻告訴他,沒有關係!一點都沒有關係,你想太多了!我心裡大叫「吓!這裡可以嗎?」
    看完書的第二天,我不斷回想當中的情節,但結局就是結局,沒有其他什麼的了。
    我真的好後悔呵!而且令人憤怒的,是主角如何覺得兩樣東西有關連的一段,作者竟然刪去了沒有說。主腦告訴主角為何要這樣做,但主角說這不是真的,他的想法不同,然後作者用了一句「我告訴了他我的想法和假設….」就用了一句!一句把整本書的「誤會」全部刪了!就這樣帶過~ 可是主角和兩個女人H了兩場,你卻寫了不只兩頁呵!
    兩樣東西,兩個原因,兩個結局,總之是兩個不是一個。我近來真的沒有看過比這本更差勁的故事了!真想把這本書掉了。

    said on 

  • 5

    Per me è stata una rilettura e devo dire che l'ho apprezzato molto di più, questa volta. Chi lo legge dopo aver visto il film potrebbe rimanere deluso, anche se la parte dedicata a "Le nove porte" è i ...continue

    Per me è stata una rilettura e devo dire che l'ho apprezzato molto di più, questa volta. Chi lo legge dopo aver visto il film potrebbe rimanere deluso, anche se la parte dedicata a "Le nove porte" è incredibilmente fedele( nel film). Qui c'è di più, il mistero riguarda 2 libri: "Le nove porte" e un manoscritto riguardante il capitolo "Il vino d'Angiò" de "I tre moschettieri". Oltre alla scrittura di Perez-Reverte che è sempre godibile, il libro si apprezza per mille aneddoti riguardanti Dumas e i quattro moschettieri, l'amore per la letteratura che traspare da tutto il libro( in particolare per la letteratura popolare dell'Ottocento, una vera goduria) e la passione dell'autore per la bibliofilia è evidentissima. C'è un continuo gioco tra i personaggi del libro e i personaggi di Dumas e un'atmosfera misteriosa che perdura dalla prima all'ultima pagina. Da gustare con calma: è molto di più di un bestseller "popolare".

    said on 

Sorting by