Fall of Giants

By

Publisher: Penguin

4.0
(4561)

Language: English | Number of Pages: 944 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Italian , Catalan , French , German , Portuguese , Dutch

Isbn-10: 0451232585 | Isbn-13: 9780451232588 | Publish date: 

Also available as: Others , Hardcover , Audio CD , idBinding_37 , Boxset , Softcover and Stapled , eBook

Category: Fiction & Literature , History , Political

Do you like Fall of Giants ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    讀完靜靜的頓河和巨人的隕落,非常幸運可以同時瞭解俄國革命對於工人和哥薩克兩面不同的看法,太滿足了。

    said on 

  • 4

    Prima guerra Mondiale

    Avevo questo libro già da qualche anno ma non mi ero mai decisa a leggerlo, mi spaventa soprattutto l'ambientazione storica durante la prima guerra mondiale. In occasione delle ferie estive mi sono fa ...continue

    Avevo questo libro già da qualche anno ma non mi ero mai decisa a leggerlo, mi spaventa soprattutto l'ambientazione storica durante la prima guerra mondiale. In occasione delle ferie estive mi sono fatta coraggio, in modo da leggerlo tutto e anche il seguente, in tempi relativamente brevi per cercare di non perdere troppo il filo visto che i personaggi sono molti e le pagine infinite.
    Che dire. E' un bel romanzo, adoro Ken Follet ed è molto bravo a scrivere. Mi è piaciuto molto leggerlo anche se in molti punti, le informazioni storiche sono un po' troppe ed è difficile appassionarsi a quello che in alcuni punti diventa quasi un saggio storico più che un romanzo con in primo piano la vita dei personaggi.
    A parte questo però, comunque mi è piaciuto davvero e mi sono appassionata ai personaggi che Ken Follet è un maestro nel costruire.
    Ora sono alle prese con il secondo della serie...

    said on 

  • 1

    Dopo aver letto "i pilastri della terra", che ho amato follemente, mi sono buttato su "la caduta dei giganti" gasato a mille. Niente da fare, poche pagine e mi sono arenato. Lo stile è quello, il suo, ...continue

    Dopo aver letto "i pilastri della terra", che ho amato follemente, mi sono buttato su "la caduta dei giganti" gasato a mille. Niente da fare, poche pagine e mi sono arenato. Lo stile è quello, il suo, niente di diverso ma... Non lo so, ho trovato questo libro noioso. Si passa da una storia all'altra senza riuscire a venirne rapiti. Sembra che il motore della trama sia freddo e non si riesca a sfruttarne tutti i cavalli. E di cavalli probabilmente ne ha. Non ho avuto la pazienza di aspettare che qualcosa iniziasse davvero. Per chi ce l'ha, buona lettura.

    said on 

  • 3

    Me esperaba lo peor... pero me ha sorprendido

    Empecé este libro con miedo. Me apetecía la oportunidad que me daba
    de repasar los principales hechos del s. XX en una lectura ligera... pero temía que se pasara de ligera. Mi anterior experiencia con ...continue

    Empecé este libro con miedo. Me apetecía la oportunidad que me daba
    de repasar los principales hechos del s. XX en una lectura ligera... pero temía que se pasara de ligera. Mi anterior experiencia con Follet, hace años, con ese llenabolsillos de "un mundo sin fin", había sido pésima, y me temía lo peor. Pero no. Es ligero, sí, cae en tópicos, sí, es previsible, sí... pero en ningún caso llega a ser sangrante, y resulta ameno; y hay que reconocer que está aceptablemente documentado, aunque tampoco profundice excesivamente en los detalles históricos. El hecho de que la historia de los principios del siglo XX no sea, por lo general, tan conocida en sus detalles como el periodo posterior, ayuda a mantener el interés.
    En fin, que aunque tenga personajes bastante flojillos que casualmente siempre se las apañan para estar presentes en los principales acontecimientos históricos, el caso es que se lee con ganas. Que ya es mucho.
    Está claro que las expectativas cuentan mucho. Con este libro tenía las expectativas bajas... y me ha sorprendido para bien. Si las hubiera tenido altas, me habría sorprendido para mal. C'est la vie...

    said on 

  • 4

    Davvero un bel romanzo storico, è il primo libro che leggo di Ken Follet in tanti me ne avevano parlato bene o molto bene e devo dire che, pur non essendo un libro di storia, delinea il periodo storic ...continue

    Davvero un bel romanzo storico, è il primo libro che leggo di Ken Follet in tanti me ne avevano parlato bene o molto bene e devo dire che, pur non essendo un libro di storia, delinea il periodo storico in maniera perfetta unitamente ad una scrittura avvincente. Penso di passare alla lettura del vol.II

    said on 

  • 3

    Mi aspettavo altro

    Ho sempre evitato Follett, troppo pubblicizzato, troppi best seller, troppo americano.
    Questo libro mi ha sorpreso perché ho trovato di più, la prima guerra mondiale, cose di cui non avevo idea, tipo ...continue

    Ho sempre evitato Follett, troppo pubblicizzato, troppi best seller, troppo americano.
    Questo libro mi ha sorpreso perché ho trovato di più, la prima guerra mondiale, cose di cui non avevo idea, tipo l'accordo tentato dalla Germania con il Messico contro gli USA.
    Il libro nonostante le mille pagine si fa leggere, anche se troppi particolari sulle battaglie non aiutano, credo leggerò il seguito alcuni personaggi sono interessanti e mi rimane un po' di curiosità

    7/10

    said on 

  • 4

    Nel leggere “La caduta dei giganti” ci si trova a dover affrontare un poderoso romanzo corale ambientato nel periodo storico che va dal 1911 al 1924, nel quale si intrecciano le vicende di cinque fami ...continue

    Nel leggere “La caduta dei giganti” ci si trova a dover affrontare un poderoso romanzo corale ambientato nel periodo storico che va dal 1911 al 1924, nel quale si intrecciano le vicende di cinque famiglie diverse, le cui fila Follett riesce a intricare e poi districare con la sua solita maestria. Il contesto storico mi è parso discretamente ricostruito, anche se mi sarei aspettata un po’ più di approfondimento per certe vicende realmente accadute: il lettore ha spesso la sensazione che l’autore sia più preoccupato di “piazzare” i suoi personaggi negli eventi determinanti della guerra piuttosto che dare un corso fluido all’intreccio narrativo e questo, secondo me, ha leggermente compromesso il risultato. Alla fine ne risulta una trama meno avvincente rispetto a quelle a cui ci ha abituato Follett, talvolta addirittura un po’ noiosa e, purtroppo, raramente i personaggi sono incisivi, ma tendono ad essere un po’ troppo “ convenzionali” e scontati. E’ apprezzabile lo sforzo fatto dall’autore di riprodurre gli ambienti delle classi dirigenti dell'epoca, con le loro ambizioni e le loro contraddizioni, ma anche di far comprendere le condizioni delle classi sociali più umili e in particolare delle donne che in quel momento hanno iniziato la loro emancipazione, dovendo sostituirsi in tutto e per tutto agli uomini partiti per il fronte. Drammatico, poi, è il rendersi conto che la prima guerra mondiale non sia stata solo uno scontro tra nazioni, ma soprattutto una questione di orgoglio tra i governanti delle stesse, i quali hanno pensato bene di mandare a morire centinaia di migliaia di poveracci, segnando così il destino di milioni di persone. Il finale, poi, è stato lasciato piuttosto aperto in quanto questo è il primo libro di una trilogia che dovrebbe attraversare tutto il secolo scorso. Si è quindi risvegliata la curiosità per i prossimi due romanzi, se non altro per sapere i destini dei figli e dei nipoti dei protagonisti di questo racconto. E’ innegabile che comunque la lettura sia stata nel complesso piacevole, anche se forse le mie aspettative erano più elevate, ma mi sento di consigliarlo a tutti coloro che sono fan di questo scrittore e hanno voglia di cimentarsi in una lettura “leggera”, ma divertente.

    said on 

  • 4

    La caduta dei Giganti

    La caduta dei Giganti è il primo libro della " trilogia del Secolo " di genere storico , che segue le vicende di cinque famiglie - una statunitense (i Dewar), una tedesca (i von Ulrich), una russa (i ...continue

    La caduta dei Giganti è il primo libro della " trilogia del Secolo " di genere storico , che segue le vicende di cinque famiglie - una statunitense (i Dewar), una tedesca (i von Ulrich), una russa (i Peskov), una inglese (i conti Fitzherbert) e una gallese (i Williams) - attraverso i cambiamenti di inizio XX secolo, come la prima guerra mondiale, la rivoluzione russa e la lotta per il suffragio femminile. Il romanzo inizia nel giugno 1911, il giorno dell'incoronazione di Giorgio V d'Inghilterra (evento che coincide con il primo giorno in miniera del piccolo Billy di 13 anni ) e termina nel gennaio 1924 , con qualche evento risalente a prima del 1911 come la "domenica di sague" del 1905 manifestazione in Russia repressa sparando contro la folla... Un buon libro si sa come andrà a finire storicamente ma no per le famiglie peccato per il finale scontato a lieto fine meglio se finiva nel dubbio ho perso un po l'interesse dopo la fine della guerra

    said on 

  • 4

    Follett è un maestro nel ricostruire eventi storici, con la freschezza dei dettagli e l'attenzione ad ogni prospettiva, anche la più infima. Nel variare i punti di vista, trattando della storia di cin ...continue

    Follett è un maestro nel ricostruire eventi storici, con la freschezza dei dettagli e l'attenzione ad ogni prospettiva, anche la più infima. Nel variare i punti di vista, trattando della storia di cinque famiglie, ci consegna un quadro completo dei primi decenni del Novecento. In attesa degli sviluppi affidati ai successivi romanzi della trilogia

    said on 

  • 5

    Primo capitolo...

    Comincia la storia di cinque famiglie sparse per il mondo, dalla Russia agli Stati uniti d'America passando per l'Europa, le cui vicende si intrecciano con quelle più ampie della politica, diventando ...continue

    Comincia la storia di cinque famiglie sparse per il mondo, dalla Russia agli Stati uniti d'America passando per l'Europa, le cui vicende si intrecciano con quelle più ampie della politica, diventando protagoniste degli avvenimenti storici che hanno cambiato le sorti dell'umanità, con il sovvertimento delle regole e degli assetti stabiliti fino a quel momento dai vecchi signori e tiranni.
    Sono rimasta incollata alle pagine, impotente di fronte a tanta maestria nel raccontare e descrivere i fatti, sia quelli realmente accaduti che quelli "romanzati", e non ho potuto fare a meno di aspettare con impazienza i successivi capitoli.

    said on 

Sorting by
Sorting by