Fun Home

A Family Tragicomic

By

Publisher: Houghton Mifflin

4.0
(872)

Language: English | Number of Pages: 240 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) French , Italian , Spanish , German , Chi traditional , Catalan , Portuguese , Danish

Isbn-10: 0618477942 | Isbn-13: 9780618477944 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook

Category: Biography , Comics & Graphic Novels , Gay & Lesbian

Do you like Fun Home ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This breakout book by Alison Bechdel takes its place alongside the unnerving, memorable, darkly funny family memoirs of Augusten Burroughs and Mary Karr. It's a father-daughter tale pitch-perfectly illustrated with Bechdel's sweetly gothic drawings andlike Marjane Satrapi's Persepolisa story exhilaratingly suited to the graphic memoir form. Meet Alison's father, a historic preservation expert and obsessive restorer of the family's Victorian house, a third-generation funeral home director, a high school English teacher, an icily distant parent, and a closeted homosexual who, as it turns out, is involved with male students and a family babysitter. Through narrative that is alternately heartbreaking and fiercely funny, we are drawn into a daughter's complex yearning for her father. And yet, apart from assigned stints dusting caskets at the family-owned "fun home," as Alison and her brothers call it, the relationship achieves its most intimate expression through the shared code of books. When Alison comes out as homosexual herself in late adolescence, the denouement is swift . . . graphic . . . and redemptive.
Sorting by
  • 4

    Ti presento i miei

    Prendi un uomo un po' strano, un po' burbero, che ha come unico interesse l'abbellimento della sua casa, la coltura dei fiori e la letteratura, che insegna. Facciamo che in questa questa casa ci sia a ...continue

    Prendi un uomo un po' strano, un po' burbero, che ha come unico interesse l'abbellimento della sua casa, la coltura dei fiori e la letteratura, che insegna. Facciamo che in questa questa casa ci sia anche la sua impresa di pompe funebri.

    Aggiungi la figlia dell'uomo che racconta la sua storia, dall'infanzia all'adolescenza, in modo apparentemente ironico, ma freddo e distaccato. E aggiungi anche che i due non si capiscono granché.
    Ecco, ora diciamo che la figlia si scopre omosessuale e che i genitori, invece di chissà quale reazione, le dicano che anche il padre è omosessuale. Potrei andare avanti ma mi fermo qui.

    Questo è Fun Home. Una autobiografia a fumetti molto ben riuscita, con una struttura interessante e originale, scritta con garbo e delicatezza.

    La difficile relazione padre-figlia fa da sfondo a temi paralleli, quali la famiglia, la figura del padre, il senso di colpa legato a una sessualità che va celata, il destino della famiglia "colta" in cui ciascuno pensa unicamente e sé stesso e conduce una vita solitaria e quasi autistica.

    Interessante anche il ruolo della letteratura all'interno della storia, perno della storia e anello di congiunzione tra padre e figlia. Immagini di pagine di vocabolario fissano definizioni che aiutano a meditare sul significato di cose come padre/paternità, omosessualità, masturbazione, mentre pagine di romanzi di Camus, Proust, Fitzgerald, Wilde, Joyce tentano di spiegare “per citazioni” i comportamenti dei protagonisti.

    Un libro interessante, sincero, coraggioso e, a tratti, divertente.

    Mi verrebbe da dire che il testo la fa da padrone sul disegno; chissà se un romanzo non avrebbe detto le medesime cose?

    said on 

  • 5

    un'autobiografia a fumetti. la biografia è insolita, le tavole molto scritte, a volte anche senza disegni. il genere è quello che in italia si trova nei libri di beccogiallo. mi è piaciuto molto. ...continue

    un'autobiografia a fumetti. la biografia è insolita, le tavole molto scritte, a volte anche senza disegni. il genere è quello che in italia si trova nei libri di beccogiallo. mi è piaciuto molto.

    said on 

  • 5

    Un libro fondamentale per chi ama le graphic novels!

    Mi è piaciuto moltissimo! La protagonista, Alison, dipinge con sincerità e disincanto il suo rapporto difficile con il padre, la scoperta della propria omosessualità ed i tragici fatti che hanno carat ...continue

    Mi è piaciuto moltissimo! La protagonista, Alison, dipinge con sincerità e disincanto il suo rapporto difficile con il padre, la scoperta della propria omosessualità ed i tragici fatti che hanno caratterizzato la sua giovinezza. A dire la verità non sono una grande fan del suo stile: in questo caso direi che la maturità narrativa vince di gran lunga su quella grafica.

    said on 

  • 4

    Molto bello.
    Intelligente, sincero, intenso e sobrio al tempo stesso.
    Più ricco e profondo, anche nella lingua, di molti romanzi.
    Nel rapporto con il padre, un'autobiografia di formazione intrisa di l ...continue

    Molto bello.
    Intelligente, sincero, intenso e sobrio al tempo stesso.
    Più ricco e profondo, anche nella lingua, di molti romanzi.
    Nel rapporto con il padre, un'autobiografia di formazione intrisa di letteratura.
    Molto emozionante, senza effetti.
    Non amo troppo il tratto, il disegno ma direi che si adatta bene alla scrittura.

    said on 

  • 2

    Questo annoso bisogno di pubblicare autobiografie sotto forma di graphic novel è strano quanto il bisogno che certi autori — evidentemente incapaci di partire dalle loro esperienze per inventare una s ...continue

    Questo annoso bisogno di pubblicare autobiografie sotto forma di graphic novel è strano quanto il bisogno che certi autori — evidentemente incapaci di partire dalle loro esperienze per inventare una storia — hanno di raccontare la propria vita, e quella di tutti i parenti, sotto forma di graphic novel. Qui ci sono troppe didascalie, troppe citazioni di Proust e Joyce. Troppa verbosità in generale. I disegni sono sempliciotti. Forse Alison Bechdel avrebbe dovuto scrivere un romanzo, ma in quel caso nessuno l'avrebbe pubblicato, dato che la "specialissima ed eccellentissima storia della mia vita" (meglio nota come "diario"), di solito scritta da un salame, viene sempre, e giustamente, cestinata dalle case editrici.

    said on 

  • 5

    Un viaje de exploración de la autora por sus recuerdos, relacionando el descubrimiento de su homosexualidad con la de su padre, y sus sentimientos respecto al suicidio de su padre. Una gran lectura. ...continue

    Un viaje de exploración de la autora por sus recuerdos, relacionando el descubrimiento de su homosexualidad con la de su padre, y sus sentimientos respecto al suicidio de su padre. Una gran lectura.

    said on 

  • 5

    el primer que vaig pensar quan el meu bibliotecari de referència me'l va passar va ser "si us plau no. un altre còmic autobiogràfic no" però no es limita a la autobiografia. És una reflexió sobre les ...continue

    el primer que vaig pensar quan el meu bibliotecari de referència me'l va passar va ser "si us plau no. un altre còmic autobiogràfic no" però no es limita a la autobiografia. És una reflexió sobre les maneres de viure, la sexualitat, el creixement tot adobat amb moltes cites literaries. Una autència novel·la gràfica.

    said on 

  • 4

    Fun Home. A Family Tragicomic (2006)

    Intriganti le citazioni letterarie sparse qua e là. Parlare così apertamente della propria famiglia e di quegli anni che influenzano tutto è una cosa che non potrò mai fare

    said on 

Sorting by