Gilead

By

Publisher: Virago Press Ltd

3.5
(194)

Language: English | Number of Pages: 288 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Swedish , Spanish

Isbn-10: 1844081486 | Isbn-13: 9781844081486 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Do you like Gilead ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
2005 Pulitzer Prize Winner for Fiction 2004 National Book Critics Circle Winner In 1956, toward the end of Reverend John Ames's life, he begins a letter to his young son, an account of himself and his forebears. Ames is the son of an Iowan preacher and the grandson of a minister who, as a young man in Maine, saw a vision of Christ bound in chains and came west to Kansas to fight for abolition: He "preached men into the Civil War," then, at age fifty, became a chaplain in the Union Army, losing his right eye in battle. Reverend Ames writes to his son about the tension between his father--an ardent pacifist--and his grandfather, whose pistol and bloody shirts, concealed in an army blanket, may be relics from the fight between the abolitionists and those settlers who wanted to vote Kansas into the union as a slave state. And he tells a story of the sacred bonds between fathers and sons, which are tested in his tender and strained relationship with his namesake, John Ames Boughton, his best friend's wayward son.This is also the tale of another remarkable vision--not a corporeal vision of God but the vision of life as a wondrously strange creation. It tells how wisdom was forged in Ames's soul during his solitary life, and how history lives through generations, pervasively present even when betrayed and forgotten.Gilead is the long-hoped-for second novel by one of our finest writers, a hymn of praise and lamentation to the God-haunted existence that Reverend Ames loves passionately, and from which he will soon part.
Sorting by
  • 5

    Ci sono libri immensi...

    ...nella loro semplicità: raccontano una piccola storia, hanno una trama semplice, eppure racchiudono in sè tutto lo splendore della narrazione, del piacere di ascoltare e di raccontare... Gilead è un ...continue

    ...nella loro semplicità: raccontano una piccola storia, hanno una trama semplice, eppure racchiudono in sè tutto lo splendore della narrazione, del piacere di ascoltare e di raccontare... Gilead è uno di questi.

    John Ames vive a Gilead, una sperduta cittadina dell'Iowa, avamposto degli abolizionisti durante la guerra di secessione e ora insignificante paesino di provincia. Siamo nel 1956, Ames è anziano, ha 76 anni e un cuore malandato, una moglie più giovane e un figlio di 7 anni. Consapevole che non lo vedrà mai crescere inzia a scrivere una lettera/diario per quando sarà grande. Parla di sè, del suo lavoro, della sua passata solitudine... è nipote di un reverendo convinto abolizionista che non esitò a impugnare e ad usare una pistola, è figlio di un reverendo convinto pacifista che non perdonò mai suo padre per quell'atto, è un reverendo egli stesso e nella lettera racconta al figlio del suo passato, gli spiega alcuni aspetti del suo lavoro e, tra le altre cose, gli racconta del figlio sperduto del suo migliore amico (anche lui reverendo). Gli racconterà dei dubbi della fede e dell'amore, della meraviglia e del meraviglioso che ogni vita dovrebbe suscitare in noi, dei doni della grazia e della gratitudine. La fede di John Ames è una fede pura, ma non è mai ingenua, nonostante sia così anziano e in procinto di perdere tanto è pieno di speranza. E' un libro commovente, leggetelo.

    said on 

  • 5

    Libro meraviglioso per chi, attenzione, ha voglia di dedicarsi con calma e concentrazione ad una lettura. È una lunga lettera di un pastore (prete) che sa di star per morire e che racconta al suo bamb ...continue

    Libro meraviglioso per chi, attenzione, ha voglia di dedicarsi con calma e concentrazione ad una lettura. È una lunga lettera di un pastore (prete) che sa di star per morire e che racconta al suo bambino la storia e la vita della propria famiglia.
    Intimo, profondo e raccolto, trasmette un senso di pace rassegnata.
    Bellissimo.

    said on 

  • 5

    Questo non è un libro da leggere nei ritagli di tempo, al quale dedicare un'occhiata di sfuggita. Si tratta dell'auto-analisi che un pastore congregazionalista fa della propria vita, trascorsa per la ...continue

    Questo non è un libro da leggere nei ritagli di tempo, al quale dedicare un'occhiata di sfuggita. Si tratta dell'auto-analisi che un pastore congregazionalista fa della propria vita, trascorsa per la maggior parte in solitudine, in un minuscolo paese dell'Iowa a svolgere il proprio ministero per un sempre più sparuto gruppo di fedeli. Una lettera densa, ricca, esuberante di rimandi alle Sacre Scritture e dotti ragionamenti su di essi, ma anche piena di tenero amore nei confronti del figlio che non vedrà crescere e diventare uomo, e al quale non potrà spiegare i fatti della vita. Penso che ci si potrebbe sforzare di apprezzare anche i ragionamenti teologici che generalmente sono lontani dal nostro quotidiano (come lo sono, nel mio caso), per godersi un lungo racconto che in fin dei conti è un racconto d'amore: per noi stessi, per i nostri figli, per tutto ciò che ci circonda, per (chi ci crede) Dio.

    said on 

  • 2

    Una delle poche volte in cui mi sono sentita autorizzata a saltare parti di libro per evitare la narcolessia. Ok introspettivo e spirituale, ma questo libro non ha trama e soprattutto non riesce a coi ...continue

    Una delle poche volte in cui mi sono sentita autorizzata a saltare parti di libro per evitare la narcolessia. Ok introspettivo e spirituale, ma questo libro non ha trama e soprattutto non riesce a coinvolgere il lettore. Non è questione di credere o non credere, ma quello di saper riuscire a rendere noioso un tema altrimenti così delicato come quello dell'addio ai propri cari prima di morire.

    said on 

  • 0

    Lo abbandono perché proprio non mi prende e lo devo restituire alla biblio.
    Avevo altissime aspettative e comunque ci riproverò con questa scrittrice; non credo sia colpa sua ... sono io che sono in u ...continue

    Lo abbandono perché proprio non mi prende e lo devo restituire alla biblio.
    Avevo altissime aspettative e comunque ci riproverò con questa scrittrice; non credo sia colpa sua ... sono io che sono in una fase NO!

    said on 

  • 5

    Bello da piangere.

    Il primo della Marilynne Robinson, il primo che ho letto. Non posso dire che sia il più bello perchè i libri di questa scrittrice li ho amati tutti, così diversi e così meravigliosamente unici come l ...continue

    Il primo della Marilynne Robinson, il primo che ho letto. Non posso dire che sia il più bello perchè i libri di questa scrittrice li ho amati tutti, così diversi e così meravigliosamente unici come la storia che ognuno dei protagonisti vive.

    said on 

  • 4

    Non è un libro semplice Gilead, sicuramente più difficile di "Lila", che ho letto ad inizio anno.
    Per apprezzarlo a fondo sarebbe utile conoscere la teologia.
    In questo libro l'anziano pastore Ames sc ...continue

    Non è un libro semplice Gilead, sicuramente più difficile di "Lila", che ho letto ad inizio anno.
    Per apprezzarlo a fondo sarebbe utile conoscere la teologia.
    In questo libro l'anziano pastore Ames scrive un diario da lasciare al figlio giovanissimo, che non vedrà crescere, affrontando tematiche altissime quali la fede, il perdono, l'amicizia, l'orgoglio.
    La scrittura è ottima.

    said on 

  • 4

    Trovo ammirazione per la letteratura americana che riesce a parlare ancora di argomenti come la fede, Dio, famiglia e morte. Di certo non c'è nulla di simile nella narrativa contemporanea italiana ed ...continue

    Trovo ammirazione per la letteratura americana che riesce a parlare ancora di argomenti come la fede, Dio, famiglia e morte. Di certo non c'è nulla di simile nella narrativa contemporanea italiana ed è un male, perché, che si voglia o no, quelli sono argomenti che fanno parte della vita e della nostra vita. Ometterli non serve ad essere più felici, anzi. Quindi onore a questa scrittrice che riesce a trasmettere desiderio di ricerca dell'Io più intimo di noi stessi. Forse vale la pena scrivere dei nostri pensieri e delle nostre riflessioni, per non dimenticare i fatti che ci fanno, letteralmente.

    said on