Gone, Baby, Gone

(Patrick Kenzie/Angela Gennaro)

By ,

Publisher: CD Library Edition

4.0
(888)

Language: English | Number of Pages: | Format: Audio CD | In other languages: (other languages) German , French , Italian , Chi traditional , Spanish , Swedish , Portuguese , Dutch

Isbn-10: 1590864603 | Isbn-13: 9781590864609 | Publish date:  | Edition Abridged

Also available as: Hardcover , Paperback , Audio Cassette , eBook

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Gone, Baby, Gone ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Boston PIs Patrick Kenzie and Angela Gennaro have been hired to find a six-year-old girl who vanished from her home without a trace. Despite enormous public attention, extensive news coverage, and dogged police work, the investigation has gone nowhere. But it's a case rife with sinister circumstances: a strangely indifferent mother, a pedophile couple, a bizarre subculture of homeless parents, and a shadowy police unit with a covert agenda and no qualms about enforcing it.

When a second child disappears, the sleuths face a local media more interested in sensationalizing the abductions than solving them, a police force seething with lethal secrets, and a faceless power determined to keep the kids lost forever. Caught in a deadly tangle of lies and betrayal, Patrick and Angie must confront the horror of what the world can inflict on its children in order to unravel a riddle that's anything but child's play.
Sorting by
  • 4

    Un bel romanzo, ricco di colpi di scena e azione, di pathos e capace di porre interrogativi etico-morali su ciò che è giusto e ciò che non lo è e su quanto spesso la giustizia "ufficiale" (quella deci ...continue

    Un bel romanzo, ricco di colpi di scena e azione, di pathos e capace di porre interrogativi etico-morali su ciò che è giusto e ciò che non lo è e su quanto spesso la giustizia "ufficiale" (quella decisa dalle leggi) non corrisponda tanto automaticamente a quella personale.
    La casa buia ci mette davanti a degli interrogativi di carattere etico, ad es.: cosa è giusto fare quando una determinata scelta, pur essendo aderente e conforme alla Legge, non sembra recare alcun beneficio alla persona che si pretende di aiutare?

    http://chicchidipensieri.blogspot.it/2015/12/recensione-la-casa-buia-gone-baby-gone.html

    said on 

  • 3

    la coppia continua a funzionare

    Pat & Angie sono una sicurezza. Dennis Lehane con loro non sbaglia un colpo. Piacevolissima lettura anche questa. Umana, disumana, buona, cattiva, ce n'è per tutti i gusti.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    Assolutamente deludente.

    Ho letto avidamente i primi tre romanzi che hanno come protagonisti la coppia Kenzie-Gennaro e ogni volta ero dispiaciuto che finissero cosi' in fretta, ma questa volta ho fatto proprio fatica ad arri ...continue

    Ho letto avidamente i primi tre romanzi che hanno come protagonisti la coppia Kenzie-Gennaro e ogni volta ero dispiaciuto che finissero cosi' in fretta, ma questa volta ho fatto proprio fatica ad arrivare all'ultima pagina. Onestamente non sembrava neanche scritto da Dennis Lehane. Più che un thriller o un noir sembrava un normalissimo poliziesco con tanti, troppi, personaggi. Patrick, Patrick, e il tuo sarcasmo pungente che faceva affrontare a te e pure a noi anche le situazioni più pericolose a cuore un po' più leggero, che fine ha fatto, l'hai perso per strada? Scatti d'ira ingiustificati e forzati dei personaggi, e volgarità a go-go senza nessuna motivazione lungo tutta la narrazione. E poi i personaggi in tutta la narrazione non facevano altro che "scrollare le spalle"!!! Ma il grande Lehane aveva la febbre quando lo ha scritto? Salto a piè pari al prossimo della serie e speriamo bene.

    said on 

  • 5

    Adoro Lehane! É geniale il suo modo di scrivere e altrettanto geniale la sua capacità di farti vivere la storia direttamente dal punto di vista dei personaggi.

    said on 

  • 3

    Giudizio alterno. All'inizio mi ha preso molto e mi è sembrato bellissimo; poi si è perso in una serie di intricate e ininteressanti storie di gang, sparatorie, agguati e roba così; nella parte finale ...continue

    Giudizio alterno. All'inizio mi ha preso molto e mi è sembrato bellissimo; poi si è perso in una serie di intricate e ininteressanti storie di gang, sparatorie, agguati e roba così; nella parte finale ha riacquistato spessore e forza emozionale, pur non raggiungendo le prime pagine.

    said on 

  • 2

    purtroppo dei MA per Lehane

    quarto episodio della serie Patrick & Angie. sono ormai palesemente innamorata di Lehane ed in particolare di questa serie ma purtorppo stavolta sono rimasta un pò delusa. delusa più che altro per l'e ...continue

    quarto episodio della serie Patrick & Angie. sono ormai palesemente innamorata di Lehane ed in particolare di questa serie ma purtorppo stavolta sono rimasta un pò delusa. delusa più che altro per l'evolversi degli eventi, dove le soluzioni trovate dall'autore mi sembrano un pò troppo paradossali. in compenso però la storia fre i due investigatori riassesta un pò l'interesse, lasciando tanta curiosità per la prossima puntata. per il resto sempre il grande Lehane.

    said on 

  • 4

    Lehane non tradisce mai...

    Mi sto innamorando di questo autore. E' fenomenale perchè, oltre a tenerti col fiato sospeso fino alla fine, contemporaneamente riesce a farti entrare nelle molteplici personalità dei personaggi fino ...continue

    Mi sto innamorando di questo autore. E' fenomenale perchè, oltre a tenerti col fiato sospeso fino alla fine, contemporaneamente riesce a farti entrare nelle molteplici personalità dei personaggi fino ad arrivare alle tante crude realtà che invadono i nostri pensieri.... C'è da dire che affronta temi sempre attuali e delicati...

    said on 

  • 4

    “...la vita di un bambino vale meno di una lattina di birra...”

    Non è esattamente il tipo di lettura che prediligo ma ogni tanto , specie dopo un libro impegnativo , un tuffo in un “thriller” può costituire un diversivo e se poi , come nel caso mio , si dispone di ...continue

    Non è esattamente il tipo di lettura che prediligo ma ogni tanto , specie dopo un libro impegnativo , un tuffo in un “thriller” può costituire un diversivo e se poi , come nel caso mio , si dispone di una vasta libreria digitale nella quale titoli di un acclamato maestro del genere come Denis Lehane non mancano , allora la scelta non è difficile .
    Basato sulla sparizione di una bimba di 4 anni in un quartiere nei sobborghi di Boston e sulla conseguente ricerca della verità da parte di due detective incaricati dalla zia delle bambina , si tratta di un romanzo scritto bene , durissimo , con momenti veramente molto crudi , nel quale l'autore si dimostra totalmente all'altezza della sua fama.
    La solida impalcatura narrativa fatta di dialoghi serrati , di vecchi bar e di ambienti sporchi e fumosi dove droga , birra e whisky scorrono a fiumi , dove le forze di polizia superano talvolta la malavita in termini di brutalità , di violenza e di corruzione , dove capita che il male trionfi sul bene a ricordarci che viviamo in un mondo troppo spesso cattivo e profondamente sbagliato , fa sì che non sorprenda affatto sul perché registi anche di fama (in questo caso Ben Affleck con il riuscito “Gone, Baby , Gone”) abbiano tratto (e traggano) dalla vasta produzione romanzesca di questo autore spunti per realizzare film di successo .

    said on 

Sorting by
Sorting by