Han Solo, guerriero stellare

Urania 819

Di

Editore: Mondadori (Urania)

3.3
(38)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000016604 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Beata Della Frattina ; Illustrazione di copertina: Karel Thole

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Han Solo, guerriero stellare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo aver vinto con il loro amico Luke Skywalker il 1° ciclo della grande guerra stellare contro le forze dell'impero, Han Solo. Comandante del "Falcone Millenario" e Chewbacca, il gigantesco e peloso "Wookie", affrontano un nuovo spaventoso conflitto della Galassia.

Contiene:
- Han Solo, guerriero stellare (ROMANZO, Han Solo at Stars' End, 1979) DI Brian Daley
TRADUZIONE DI Beata Della Frattina

- Catfish [2/ 363] (FUMETTO)

- La sindrome di Proust (RACCONTO, The Proust Syndrome, 1974) DI Howard Goldsmith
TRADUZIONE DI Beata Della Frattina
Ordina per
  • 4

    Splendido il racconto di appendice

    Romanzetto così così - da due stelle scarse - della serie "Guerre Stellari", peccato anche per la traduzione frettolosa e inadeguata di Beata Della Frattina (di solito molto brava). Il racconto di app ...continua

    Romanzetto così così - da due stelle scarse - della serie "Guerre Stellari", peccato anche per la traduzione frettolosa e inadeguata di Beata Della Frattina (di solito molto brava). Il racconto di appendice "La sindrome di Proust", di Howard Goldsmith, però, vale da solo una bella fetta di fantascienza e sociologia più una spruzzata di seltz. Da leggere assolutamente per come descrive in poche pagine il lavaggio del cervello e delle percezioni umane che non di rado i sistemi di potere e controllo attuano.
    Il punto di vista sulla "uccisione" della nostalgia è notevole.

    ha scritto il 

  • 0

    Una recensione di @sotomayor su dandysme.altervista.org

    -Star Wars è una specie di culto collettivo che si rinnova tra gli appassionati di generazione in generazione, una specie di religione che raccoglie continuamente nuovi accoliti e accesi da una verve ...continua

    -Star Wars è una specie di culto collettivo che si rinnova tra gli appassionati di generazione in generazione, una specie di religione che raccoglie continuamente nuovi accoliti e accesi da una verve e un fanatismo che potrebbero apparire incomprensibili.

    Confrontandomi con questo mito, mi sono reso conto di avere una visione neutra al riguardo. Mi spiego. Ho pensato inizialmente che un'opera così gigantesca non accetti compromessi. Voglio dire, si tratta di qualche cosa a suo modo di estremo, Star Wars ti può piacere, fino a sfociare in un vero e proprio fanatismo e farne oggetto di culto; oppure ti può non piacere e puoi considerarlo per quello che poi effettivamente è: una space opera cinematografica di fantascienza la cui unica finalità è il semplice intrattenimento. Data del resto quella che è una certa ingenuità dei suoi contenuti.

    Ho anche io un cuore, tuttavia. Di conseguenza, se mi dici 'Star Wars', il mio pensiero vola in realtà agli anni della mia infanzia. Sono nato nella prima metà degli anni ottanta e successivamente alla pubblicazione della trilogia originale, ma ovviamente ho visto e rivisto questa nel corso degli anni della mia infanzia e fino agli anni delle superiori, mille e mille altre volte ancora. Il mio interesse nei suoi confronti è andato scemando con l'età. Si è trattato di un processo naturale, che naturalmente non significa rinnegare quelle che sono state le mie passioni di gioventù, posso ancora citare i passi più importanti della trilogia a memoria, ma semplicemente rivederle, vederle con una luce diversa.

    -Completamente fallace e ingannevole la quarta di copertina della edizione italiana su pubblicazione collana Urania Mondadori, che presenta il romanzo, 'Han Solo, guerriero stellare', come un seguito della trilogia cinematografica. Un errore tuttavia comprensibile e forse voluto per spingere i lettori all'acquisto della pubblicazione nelle varie edicole. Comprensibile perché il libro usciva su Urania nel gennaio 1980, quando praticamente in Italia era uscito solo il primo film della trilogia. Ne consegue che il seguito dovesse essere in qualche modo imprevedibile.

    In realtà comunque i tre romanzi di Brian Daley sono tutti ambientati prima della trilogia originale. In 'Han Solo at Stars' End', Solo è già il capitano del Millenium Falcon, il 'Falcone Millenario', e viaggia con il suo fido secondo, il wookie Chewbacca, in giro per lo spazio a caccia di avventure, occupandosi per lo più di contrabbando e di fare affari con personaggi più o meno appartenenti al mondo della criminalità interstellare e dediti alla macchia.

    Come inevitabile, tuttavia, dato il suo carattere avventuroso e il suo cuore d'oro, nascosto sotto una scorza di cinismo solo apparente, Han Solo si ritroverà presto al centro di una avventure più grande di lui e cui riuscirà a venire a capo grazie alla sua solita abilità, oltre che l'apporto di Chewbacca e dei due robot Bollux e Blue Max, oltre che della umanoide dai lineamenti felini, la trianii Atuarre.

    -Il romanzo, è evidente, si configura come una tipica space-adventure story, con la sola finalità di intrattenere il lettore. La fantascienza di Brian Daley, come quella di George Lucas e di Star Wars, è del resto una fantascienza ingenua, che non ha nessuna pretesa di tipo scientifico e non si prende mai, veramente mai la briga di ricercare finalità speculative di alcun tipo. Non vi è peraltro nessun accenno all'interno del romanzo ai cavalieri jedi e alla caratteristica 'forza', che oltre le avventure dei protagonisti, costituisce il tema centrale dell'universo di Star Wars.

    Tutte queste ragioni, è evidente, rendono il romanzo in qualche modo obsoleto o comunque lo destinano per forza a essere goduto appieno solo dai più grandi appassionati della serie. La lettura è facile, le pagine scorrono via facilmente, ma praticamente mai si ha un qualche sussulto o una qualche grande emozione che pure avrebbero potuto dare a questa storia un qualche posto importante nella letteratura d'avventura di intrattenimento.

    @sotmayor

    Full reading: http://dandysme.altervista.org/brian-daley-han-solo-at-stars-end-1979/?doing_wp_cron=1446466960.0099599361419677734375

    ha scritto il 

  • 4

    Solido

    Solido libro di fantascienza con i personaggi della famosissima saga stellare, in questo caso Han Solo e il suo inseparabile amico Chewbecca. Ambientato, si deduce, prima dell'episodio IV ci trascina ...continua

    Solido libro di fantascienza con i personaggi della famosissima saga stellare, in questo caso Han Solo e il suo inseparabile amico Chewbecca. Ambientato, si deduce, prima dell'episodio IV ci trascina verso un'altra incredibile avventura del bel contrabbandiere alle prese con molti prigionieri da salvare.
    Solamente la traduzione (Falcone Millenario) del nome della celeberrima nave spaziale grida vendetta !!!

    ha scritto il 

  • 5

    Finalmente

    Commento pre lettura.
    Perchè sono anni che aspetto di avere questo libercolo per le mani e ringrazio di cuore Barbara per avermi fatto questo regalo.
    Perchè Han è sempre stato per me il protagonista i ...continua

    Commento pre lettura.
    Perchè sono anni che aspetto di avere questo libercolo per le mani e ringrazio di cuore Barbara per avermi fatto questo regalo.
    Perchè Han è sempre stato per me il protagonista indiscusso della saga di Guerre Stellari (quella vera, quella ormai considerata "classica", non certe porcherie moderne..), lui e la sua bacata e tanto realistica mascalzoneria. E umanità.
    Finalmente leggerò qualcosa incentrato su di lui. Su di lui e basta, senza principessine, fratocchi con spadino laser, pupazzetti pelosi e barattoli di midicosi ambulanti. Era ora. Peccato sia un unicum.

    Vi farò sapere.

    ha scritto il 

  • 5

    Han Solo, uno dei personaggi principali della saga di Guerre Stellari, dapprima contrabbandiere sempre con un fondo di onestà, poi marito della principessa che diventerà anche capo della Repubblica.
    E ...continua

    Han Solo, uno dei personaggi principali della saga di Guerre Stellari, dapprima contrabbandiere sempre con un fondo di onestà, poi marito della principessa che diventerà anche capo della Repubblica.
    E' da sempre in compagnia di Chewbacca, uno wookie amico fidatissimo e anche guardia del corpo.
    Le avventure di Han Solo nel Settore Corporativo non sono mai semplici, ma sono sempre irte di pericoli;
    per pagare un debito accetta un trasporto di armi per dei ribelli della CSA, questo lo porterà ad aiutare dei rivoltosi nell'infiltrarsi in un centro dati dell'Autorità e ciò lo porterà fino al confine delle stelle, luogo molto particolare.

    ha scritto il