I fiumi di Londra

Di

Editore: Fanucci (Tif Extra)

3.4
(237)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 350 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8834718356 | Isbn-13: 9788834718353 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace I fiumi di Londra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Peter Grant, un aspirante agente di polizia in attesa di accedere al famigerato Metropolitan Police Service di Londra, ha due preoccupazioni: evitare la prospettiva di un noioso lavoro d'ufficio e guadagnarsi i favori della vivace e spregiudicata collega Leslie May. Nel corso di un'inchiesta su un caso di omicidio, Peter riesce inspiegabilmente a ottenere la testimonianza di uno strano individuo, estremamente loquace ma decisamente morto, e a richiamare su di sé l'attenzione dell'enigmatico ispettore Thomas Nightingale, l'ultimo mago d'Inghilterra, capo di un'unità segreta della polizia dedicata alla magia e al soprannaturale. Peter possiede poteri magici, e deve mettere le proprie straordinarie abilità al servizio del bene comune. Aggirandosi tra covi di vampiri nei sobborghi londinesi, negoziando tregue tra le divinità del Tamigi, dissotterrando tombe a Covent Garden, Grant cercherà di governare lo spirito di ribellione della città e riportare, forse, l'ordine nel caos che domina Londra. Un urban fantasy divertente ed estremamente realistico. Una lettura per chiunque abbia sempre colto qualcosa di inesplicabile o strano per le vie di Londra... cioè per chiunque vi sia mai stato davvero.
Ordina per
  • 2

    Parte bene, ma poi...

    Inizialmente il libro mi ha entusiasmata. Mi è piaciuta molto l'idea di base di una Londra odierna dove, fra un banchiere e un cameriere di starbucks, sbucano personaggi fantastici come maghi, divinit ...continua

    Inizialmente il libro mi ha entusiasmata. Mi è piaciuta molto l'idea di base di una Londra odierna dove, fra un banchiere e un cameriere di starbucks, sbucano personaggi fantastici come maghi, divinità, fantasmi e vampiri. In genere adoro tutte le storie dal sapore vagamente goth, dark e macabre, così come adoro le storie che parlano di Londra. Insomma sembravano esserci tutti gli ingredienti per un romanzo che mi avrebbe tenuta incollata fino all'ultimo capitolo... Peccato però che dopo non molte pagine la storia inizi ad ingarbugliarsi e a disfarsi, lasciando il lettore confuso e annoiato. Molti dettagli non vengono spiegati a dovere, troppe questioni non vengono approfondite, e il risultato è un guazzabuglio di nomi, incantesimi e autopsie. Mi sono ritrovata a saltare le pagine, ed infine ad abbandonare completamente il libro!

    ha scritto il 

  • 2

    Mi sono annoiata tantissimo :-(

    E lo dico con grande dispiacere, viste le premesse: romanzo ambientato a Londra (yeah!), poliziesco sovrannaturale (m’ispira!), con i fantasmi (evviva!) e gli stregoni ...continua

    Mi sono annoiata tantissimo :-(

    E lo dico con grande dispiacere, viste le premesse: romanzo ambientato a Londra (yeah!), poliziesco sovrannaturale (m’ispira!), con i fantasmi (evviva!) e gli stregoni (ri-evviva!) e toni di stampo gaimaniano (potrei commuovermi)… ed è una serie, libri e libri per godermi ambientazioni e personaggi (parte la hola).
    E invece. (due parole tristissime, “e invece”.)
    Non so perché, gli elementi per una deliziosa lettura d’evasione c’erano tutti, e l’idea era piuttosto originale, ma qualcosa non ha funzionato; è stata una lettura lenta e fiacca, che più di una volta ho pensato di mollare.
    Forse perché ho trovato il ‘mondo magico’ di questo romanzo poco affascinante, poco definito, anche se ho apprezzato l’aver dato un approccio scientifico alla magia, con suoi limiti, rischi e difetti.
    O magari è stata colpa del protagonista, Peter, e voce narrante, che ho trovato quasi sempre tra l’irritante e il barboso, e il vagamente patetico quando gli parte l’ormone. L’ho rivalutato nella parte finale del romanzo, però, dal ‘viaggio temporale fantasmatico’ in poi… magari nei prossimi romanzi migliorerà, ma non ho ancora deciso se dargli un’altra possibilità.
    Il suo maestro stregone è stata la delusione più grande: mi aspettavo carisma a palate, invece per ora è abbastanza insipido, almeno per essere un potente mago, ufficialmente l’ultimo rimasto in Inghilterra; certe volte persino Peter sembra più intelligente di lui, e Peter, per sua stessa ammissione, non è proprio una cima.
    L’umorismo non mi ha fatto ridere, la chimica fra i protagonisti non funzionava, uno dei due personaggi che mi stavano simpatici ha fatto una brutta fine… disastro, insomma. Meno male che ho preso l’ebook in inglese e l’ho pagato pochissimo.

    Considerazione non attinente con la qualità del romanzo: non ho capito perché la maggior parte delle personificazioni dei fiumi londinesi siano donne di colore. Capirei, giustamente, quelle dei fiumi del continente africano, ma Fleet, Tyburn, Thames… io tenderei più a immaginarmeli con caratteristiche fisiche tipiche degli antichi nativi luogo. O devo allora supporre che gli spiriti del Nilo e dello Zambesi abbiano tratti nordeuropei? Ma può anche darsi che mi sia persa qualche spiegazione lungo la strada: quando la noia è alta, la soglia d’attenzione s’abbassa.

    ha scritto il 

  • 3

    Vivo a Londra e sono sempre alla ricerca di libri che mi aiutino a capire e conoscere meglio questa fantastica città e questo libro sembrava fare proprio a caso mio. Non mi ha deluso, ho scoperto tant ...continua

    Vivo a Londra e sono sempre alla ricerca di libri che mi aiutino a capire e conoscere meglio questa fantastica città e questo libro sembrava fare proprio a caso mio. Non mi ha deluso, ho scoperto tante cose nuove, per esempio che esistono due Saint Paul e che Londra è una città piena di fiumi, molti ora sotterranei. Il racconto è carino soprattutto grazie ad i personaggi molto accattivanti e ben delineati, la trama in certi punti è un po' slegata e si collega a molte cose sconnesse tra loro, comunque in generale accettabile. Si tratta del mio primo urban fantasy, un genere di cui ignoravo l'esistenza, leggerò sicuramente qualcos'altro.

    ha scritto il 

  • 2

    Come fare a pezzi un bel romanzo con una traduzione veramente sciatta e una quantità inaccettabile di errori di stampa. Altri due giri di bozze, ammesso che ce ne sia stato almeno uno, non avrebbero f ...continua

    Come fare a pezzi un bel romanzo con una traduzione veramente sciatta e una quantità inaccettabile di errori di stampa. Altri due giri di bozze, ammesso che ce ne sia stato almeno uno, non avrebbero fatto male.

    ha scritto il 

  • 0

    Molto gradevole

    Mi piace assai il fantasy metropolitano, mi piace che sia contemporaneo. Vado in solluchero se è ambientato a Londra. E qui l’ambientazione è molto accurata, e aggiunge gradimento aggirarsi per una c ...continua

    Mi piace assai il fantasy metropolitano, mi piace che sia contemporaneo. Vado in solluchero se è ambientato a Londra. E qui l’ambientazione è molto accurata, e aggiunge gradimento aggirarsi per una città amata e amabile. Accompagnati da una scrittura autoironica, garbata e – a tratti – appassionante.
    Non siamo ai livelli di Nessundove, di American Gods né della saga di di Harry Potter (che pure vedo citato). Tuttavia la storia si pone saldamente in quel solco, e si legge con vero piacere. Le invenzioni (e gli omaggi ai grandi che hanno scritto libri analoghi prima di lui) sono convincenti e tengono buona e onesta compagnia. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 2

    Il libro non è un granché, nel senso che ci sarebbe una base, ma è slegata, mal spiegata, senza creare mistero. Alcuni passaggi non si capiscono bene, non c'è un minimo di incredulità nei protagonisti ...continua

    Il libro non è un granché, nel senso che ci sarebbe una base, ma è slegata, mal spiegata, senza creare mistero. Alcuni passaggi non si capiscono bene, non c'è un minimo di incredulità nei protagonisti, né si capisce bene la natura degli esseri non umani al 100%, nonostante ciò il libro ha il pregio che si legge veloce e che speri migliori cosa che non avviene

    5/10

    ha scritto il 

Ordina per