Il bambino con il pigiama a righe

Di

Editore: Mondolibri su licenza RCS Libri

4.1
(7511)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 211 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Catalano , Tedesco , Francese , Chi semplificata , Galego , Chi tradizionale , Spagnolo , Olandese , Giapponese , Basco , Portoghese , Russo , Ceco

Isbn-10: A000115744 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Il bambino con il pigiama a righe?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Molto bello e delicato, nonostante questo aggettivo sembri inadatto per un argomento del genere. In sè il libro è straziante, soprattutto per noi adulti che possiamo mettere a confronto l'ingenuità de ...continua

    Molto bello e delicato, nonostante questo aggettivo sembri inadatto per un argomento del genere. In sè il libro è straziante, soprattutto per noi adulti che possiamo mettere a confronto l'ingenuità del bambino tedesco che non capisce cosa succede attorno a lui e le atrocità del campo, ma trovo sia adatto per ragazzi delle medie che possono così capire cosa è successo veramente, senza descrizioni traumatizzanti.

    ha scritto il 

  • 3

    Questo libro ha toccato la sensibilità di milioni di persone.
    Boyne tratta un tema molto delicato e lo adatta per i ragazzi delle medie.
    Credo sia un buon libro per far approcciare i ragazzini al tema ...continua

    Questo libro ha toccato la sensibilità di milioni di persone.
    Boyne tratta un tema molto delicato e lo adatta per i ragazzi delle medie.
    Credo sia un buon libro per far approcciare i ragazzini al tema dell'olocausto.
    Anche perchè,diciamocelo,alle elementari non puoi pretendere che i bambini prendano veramente atto del passato: io a nove anni ancora guardavo i cartoni...immaginate.

    Ovviamente per quanto il tema sia delicato e per quanto Boyne abbia colpito milioni di persone ci sono cose di questo libro che non mi sono proprio piaciute.

    In primis,credo che Bruno sia troppo ingenuo. Viene descritto come un bimbo brillante,intelligente e curioso ma la maggior parte delle volte si perde in un bicchiere d'acqua.
    Ho capito che è un bambino ma viene descritto in un modo troppo inverosimile.

    Un altro aspetto veramente inverosimile di questo libro è il contesto storico: Bruno è figlio del generale incaricato di Auschwitz eppure non sa cosa sia il saluto nazista: continua a dire "Heil Hitler" convinto che significhi "arrivederci" o saluti simili.
    In più non sa pronunciare Auschwitz e Fuhrer, li chiama rispettivamente "Auscit" e "Furio".
    Eppure è un bambino tedesco,dovrebbe riuscire a pronunciarli correttamente.
    Per rimanere nel tema "contesto storico" c'è da dire che i bambini di otto anni venivano uccisi al loro arrivo nei campi di concentramento perchè troppo deboli per lavorare;se erano tenuti in vita era per usarli come cavie per gli esperimenti.
    Sono leggermente pignola...non so se si nota.

    Per quanto riguarda lo stile è molto fluido e semplice. Adatto a un pubblico di ragazzini.
    Usa espressioni ricorrenti come "Spalancare la bocca in una grossa O".
    Per capire meglio il suo stile vorrei leggere anche qualche suo libro scritto per un pubblico più adulto...Per ora,non riesco a capire se mi piaccia o no.

    ha scritto il 

  • 5

    Il libro parla di un ragazzo che si trasferisce a Auschwitz per il lavoro del padre, un giorno scopre che c'è una rete e dietro la rete ci sono delle persone con il pigiama a righe.
    Questo libro mi è ...continua

    Il libro parla di un ragazzo che si trasferisce a Auschwitz per il lavoro del padre, un giorno scopre che c'è una rete e dietro la rete ci sono delle persone con il pigiama a righe.
    Questo libro mi è piaciuto, la cosa che mi ha colpito è l'amicizia che nasce tra Bruno e Shmuel perché mi ha ricordato quanto è bello avere degli amici che giocano con te e ti diverti con loro. Il finale è triste e mi ha fatto riflettere che queste cose non si dovrebbero più ripetere nella vita, anche se posti come questi nel mondo ce ne sono ancora e spero che nella vita non ne conosca mai uno.
    Frase preferita: "tu sei il mio miglior amico Schmuel, il mio amico per la pelle". Consiglierei questo libro a Fabio.

    Martino - seconda media

    ha scritto il 

  • 5

    Commovente

    Auschwitz visto con gli occhi di due bambini, uno dentro, uno fuori, nessuno dei due che capisce bene cosa stia succedendo, cio' che sanno e' che si sentono soli e formano una bella amicizia, di quell ...continua

    Auschwitz visto con gli occhi di due bambini, uno dentro, uno fuori, nessuno dei due che capisce bene cosa stia succedendo, cio' che sanno e' che si sentono soli e formano una bella amicizia, di quelli semplici che solo i bambini riescono a creare. Commovente, triste, toccante.

    ha scritto il 

  • 4

    Trovato sulla bancarella del mercatino dell'usato. Non l'avrei mai comprato a prezzo pieno, se non altro perché avevo già visto il film. Devo dire che il POV di Bruno risulta ancora più vincente rispe ...continua

    Trovato sulla bancarella del mercatino dell'usato. Non l'avrei mai comprato a prezzo pieno, se non altro perché avevo già visto il film. Devo dire che il POV di Bruno risulta ancora più vincente rispetto alla trasposizione cinematografica, è una nota di tenerezza che spezza piacevolmente la durezza della parentesi storica raccontata nel romanzo.

    Considerandolo un romanzo per ragazzi, lo reputo un buon libro.

    ha scritto il 

  • 5

    作者以輕描淡寫的幽默筆法,刻劃出一個既悲傷又叫人痛心的故事。這不只是兩個小男孩間的故事,也是一個時代的故事。悲劇的產生絕對不僅是來自於無知,更多是人的自以為是。非常推薦的一本書。

    ha scritto il 

  • 3

    Lo sguardo di un bambino sugli orrori del passato.

    L’Assemblea generale delle Nazioni Unite proclamò, durante la riunione tenutasi il primo novembre 2005, il 27 gennaio “Giornata internazionale della Memoria” per commemorare tutti coloro che, per colp ...continua

    L’Assemblea generale delle Nazioni Unite proclamò, durante la riunione tenutasi il primo novembre 2005, il 27 gennaio “Giornata internazionale della Memoria” per commemorare tutti coloro che, per colpa del regime totalitario e repressivo instauratosi nella Germania nazionalsocialista a partire dal 1933, morirono a causa della...
    http://forestadicarta.altervista.org/il-bambino-con-il-pigiama-a-righe-john-boyne/

    ha scritto il 

  • 4

    Una piccola freccia nel cuore

    "Se comincerai a leggere questo libro,farai un viaggio.
    Un viaggio con un bambino di nove anni che si chiama Bruno(ma questo non è un libro per bambini di nove anni).E presto o tardi arriverai con lui ...continua

    "Se comincerai a leggere questo libro,farai un viaggio.
    Un viaggio con un bambino di nove anni che si chiama Bruno(ma questo non è un libro per bambini di nove anni).E presto o tardi arriverai con lui in un luogo circondato da un recinto.Di luoghi così al mondo ne esistono molti,ma speriamo che tu non ne conosca mai uno.

    ha scritto il 

  • 4

    Questa volta sono approdata al libro dopo aver visto innumerevoli volte il film e volendo scoprire se esistevano delle differenze con esso. In realtà per chi ha visto o conosce il film esso segue pari ...continua

    Questa volta sono approdata al libro dopo aver visto innumerevoli volte il film e volendo scoprire se esistevano delle differenze con esso. In realtà per chi ha visto o conosce il film esso segue pari pari le tracce date dal libro.
    Questi narra la storia durante la seconda guerra mondiale della famiglia di Bruno e le vicende sono narrate dal suo punto di vista, attraverso gli occhi di un bambino di 9 anni che non capisce cosa gli accade attorno, che non riesce a capire perchè la sua vita deve cambiare e che non comprende che differenze ci sono tra lui e le persone che vede vivere al di la di una recinzione. La curiosità lo spingerà ad avventurarsi nel mondo che ormai lo circonda, inizierà un rapporto di amicizia candido e pulito (tipico dei bambini) con Shmuel un bambino ebreo che vive in un campo di concentramento e non saprà che la sua voglia di giocare, aiutare, esplorare, la sua curiosità sarà la causa della sua triste fine. Una storia toccante che non può lasciare indifferenti, una storia che fa comprendere come gli occhi di un bambino non potevano cogliere le differenze di razza tanto decantante dal popolo tedesco. Un bambino che una volta lasciati i suoi vestiti può essere tranquillamente non riconosciuto ed essere condotto a morte.
    Una lettura che fa riflette consigliata a tutti per avere un nuovo punto di vista della guerra.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per