Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Di

Editore: Bompiani

3.7
(4650)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 446 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Svedese , Francese , Olandese , Danese , Tedesco , Portoghese , Norvegese , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale , Inglese , Islandese

Isbn-10: 8845266524 | Isbn-13: 9788845266522 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Margherita Podestà Heir

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Umorismo

Ti piace Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il titolo più venduto in Svezia nella corsa stagione. Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.
Ordina per
  • 3

    Divertente, ma nulla di imperdibile. Anche se non lo si legge non si perde un'occasione nella vita. A tratti Allan Karlsson e la sua mentalità naif mi hanno ricordato il giardiniere di "Being there" ( ...continua

    Divertente, ma nulla di imperdibile. Anche se non lo si legge non si perde un'occasione nella vita. A tratti Allan Karlsson e la sua mentalità naif mi hanno ricordato il giardiniere di "Being there" (Oltre il giardino) di Jerzy Kosinski. Repetita juvant.

    ha scritto il 

  • 3

    L'ho letto per curiosità e perché mi è capitato di beccarlo ovunque fra siti, recensioni e classifiche. L'ho terminato perché mi seccava mollarlo, devo dire la verità. L'ultima parte è molto più scorr ...continua

    L'ho letto per curiosità e perché mi è capitato di beccarlo ovunque fra siti, recensioni e classifiche. L'ho terminato perché mi seccava mollarlo, devo dire la verità. L'ultima parte è molto più scorrevole rispetto alla prima. A tratti tragicomico, non è niente di che. Si potrebbe definire una lettura leggera, ma l'ho trovato leggermente noioso.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Un libro divertente, surreale, il protagonista ha vissuto avventure eccezionali, conoscendo diversi capi di stato e visitando paesi da un capo all'altro del mondo, una sorta di forrest gump!

    Jonasson ...continua

    Un libro divertente, surreale, il protagonista ha vissuto avventure eccezionali, conoscendo diversi capi di stato e visitando paesi da un capo all'altro del mondo, una sorta di forrest gump!

    Jonasson le spara talmente grosse che ad Allan, il protagonista, si possono perdonare anche i cadaveri che via via ha seminato sul suo cammino centenario :-)

    ha scritto il 

  • 4

    Divertente

    Libro scorrevole, piacevole divertente. Un buon modo per rilassarsi. Le avventure del protagonista sono davvero improbabili ma al tempo stesso contestualizzate con una certa maestria. Consigliato ...continua

    Libro scorrevole, piacevole divertente. Un buon modo per rilassarsi. Le avventure del protagonista sono davvero improbabili ma al tempo stesso contestualizzate con una certa maestria. Consigliato

    ha scritto il 

  • 2

    Ebook acquistato sull'onda di recensioni entusiastice che purtroppo non jo avuto modo di condividere nel corso della lettura. Ho iniziato il libro l'anno scorso e mi ha annoiato così tanto che mi ha f ...continua

    Ebook acquistato sull'onda di recensioni entusiastice che purtroppo non jo avuto modo di condividere nel corso della lettura. Ho iniziato il libro l'anno scorso e mi ha annoiato così tanto che mi ha fatto venire il blocco del lettore, infatti me lo sto trascinando ancora adesso. L'ho ripreso in mano solo due settimane fa per il puro guato di togliermelo dalla lista degli ebook la cui lettura è incompleta e rimuoverlo dal Kindle. Ammetto che in alcuni punti la storia sia anche divertente ma c'è decisamente un uso eccessivo di flashback per raccontare pezzi di storia della vita del protagonista che arrivano ad essere paradossali e assolutamente inverosimili, rallentando lo svolgimento degli eventi nel "presente" e rendendo il libro in assoluto estremamente noioso. Sicuramente non lo ricomprerei e non leggerò altri libri di questo autore.

    ha scritto il 

  • 2

    Ho comprato questo romanzo sull'onda delle recensioni entusiastiche che avevo letto. Purtroppo, mi ha annoiato, l'ho trascinato per un bel po' sforzandomi di terminarlo. Si Allan sicuramente è un b ...continua

    Ho comprato questo romanzo sull'onda delle recensioni entusiastiche che avevo letto. Purtroppo, mi ha annoiato, l'ho trascinato per un bel po' sforzandomi di terminarlo. Si Allan sicuramente è un bel personaggio, e sicuramente le avventure che il gruppo vive sono emozionanti... ma non molto e non mi ha fatto ridere, se non in pochi, rari passaggi.

    ha scritto il 

  • 2

    La copertina e il titolo mi avevano incuriosita, per cui decisi di acquistarlo in una bancarella dell'usato.
    Fortuna che non ho pagato il suo prezzo pieno, perché me ne sarei molto pentita.
    A me non è ...continua

    La copertina e il titolo mi avevano incuriosita, per cui decisi di acquistarlo in una bancarella dell'usato.
    Fortuna che non ho pagato il suo prezzo pieno, perché me ne sarei molto pentita.
    A me non è piaciuto, tant'é che non l'ho nemmeno terminato. Non l'ho trovato divertente, forse perché non mi piace proprio come genere di libro; la storia è infatti surreale e dalla trama troppo lenta, con troppi intrecci.
    Per me è bocciato, ha deluso molto le mie aspettative.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per