Il cerchio del lupo

Di

Editore: Piemme (Maestri del thriller, 103)

3.8
(733)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 359 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Olandese , Svedese , Portoghese , Polacco , Tedesco

Isbn-10: 8856609592 | Isbn-13: 9788856609592 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Stefano Tettamanti

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il cerchio del lupo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
«Prendere a cuore le cose è il modo di agire del vero detective. L'unico che esista.» È questo che pensa Harry Bosch. E il caso di Marie Gesto, scomparsa nel 1993, è nel suo cuore da troppi anni. Era stato lui a seguire l'indagine, ma non era riuscito neppure a ritrovare il cadavere. Negli anni ha ripreso quel fascicolo più volte, battendo ogni pista. Così, quando lo chiamano per chiedergli proprio quelle carte, sente una morsa allo stomaco. Un serial killer da poco arrestato si attribuisce anche il delitto di Marie, e vuole patteggiare: l'ergastolo anziché la pena di morte. A Bosch non piace scendere a patti e quell'uomo non lo convince. Quando però emerge un indizio che avrebbe potuto fermare l'assassino anni prima, Bosch deve fare i conti prima di tutto con se stesso.
Ordina per
  • 4

    Un altro episodio della serie Harry Bosh, che si mantiene sul solito buon livello, godibilissimo dagli amati del genere. Trama semplice e che si segue con facilità (per me è un pregio).
    Spero che alla ...continua

    Un altro episodio della serie Harry Bosh, che si mantiene sul solito buon livello, godibilissimo dagli amati del genere. Trama semplice e che si segue con facilità (per me è un pregio).
    Spero che alla Piemme abbiano licenziato chi ha deciso il titolo italiano, che non ha assolutamente NULLA a che vedere con il romanzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Ennesimo centro di Connelly

    Ennesimo romanzo di Connelly che leggo e nemmeno questo mi ha deluso. Mi hanno affascinato, come sempre, sia la storia che il protagonista (Bosch). All'inizio parte leggermente lento, ma poi decolla e ...continua

    Ennesimo romanzo di Connelly che leggo e nemmeno questo mi ha deluso. Mi hanno affascinato, come sempre, sia la storia che il protagonista (Bosch). All'inizio parte leggermente lento, ma poi decolla e ci porta fino alla fine in un batter d'occhio. Non capisco le recensioni negative prima della mia, mah! E' un ottimo thriller/poliziesco, con ottimi dialoghi, sembra di vedere un bel film poliziesco. I dialoghi, comunque, sono il fiore all'occhiello di Connelly. Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 2

    Non ci siamo. La storia è già di per se abbastanza noiosa e fin troppo lineare, l'autore non riesce a dargli quel valore aggiunto che renderebbe il tutto più coinvolgente e il risultato è un libro pia ...continua

    Non ci siamo. La storia è già di per se abbastanza noiosa e fin troppo lineare, l'autore non riesce a dargli quel valore aggiunto che renderebbe il tutto più coinvolgente e il risultato è un libro piatto, senza sussulti, che non ti sprona a divorare i capitoli. Pagine intere di dettagli superflui e poco interessanti fanno pensare che il tutto poteva essere sbrigato ben più rapidamente. Vediamo se la serie "Legal" si avvicinerà maggiormente alle mie aspettative.

    ha scritto il 

  • 0

    dal blog Giramenti

    In realtà non ci sarebbe molto da dire: questo libro è l’americanata che riesce bene agli americani, a Connelly in particolare. C’è quello che deve esserci, soprattutto dopo le prime cento pagine, dov ...continua

    In realtà non ci sarebbe molto da dire: questo libro è l’americanata che riesce bene agli americani, a Connelly in particolare. C’è quello che deve esserci, soprattutto dopo le prime cento pagine, dove il ritmo è più da triciclo che da thriller. In seguito il romanzo si riprende e dalla metà in poi l’azione comincia a prendere velocità.

    SEGUE su https://gaialodovica.wordpress.com/2015/06/01/il-cerchio-del-lupo-di-michael-connelly-trad-stefano-tettamanti/

    ha scritto il 

  • 5

    Voto: 9

    Dopo "Il Ragno" , sicuramente il libro che mi è più piaciuto di Connelly. La struttura narrativa è fluida e non risente dei tecnicismi a cui volte Connelly dà eccessivo spazio , soprattutto nel finale ...continua

    Dopo "Il Ragno" , sicuramente il libro che mi è più piaciuto di Connelly. La struttura narrativa è fluida e non risente dei tecnicismi a cui volte Connelly dà eccessivo spazio , soprattutto nel finale. Rachel Willing risente dell'effetto "Wonder Woman" che più che una donna , la fa apparire come una deus ex machina che risolve i dubbi più intricati dalla sua palla di vetro. Ma a parte questa visione iperbolica della tenente consiglio la lettura anche a chi non ha letto i precedenti capitoli del detective Bosch. Thriller a 5 stelle, con sfumature horror.

    ha scritto il 

  • 4

    La cosa che mi piace di Connelly è che scrive in maniera semplice ma efficace. I suoi libri si possono leggere senza difficoltà in due o tre giorni, raccontandoti comunque storie sempre meritevoli di ...continua

    La cosa che mi piace di Connelly è che scrive in maniera semplice ma efficace. I suoi libri si possono leggere senza difficoltà in due o tre giorni, raccontandoti comunque storie sempre meritevoli di essere lette.

    ha scritto il 

Ordina per