Il diario segreto di Laura Palmer

I segreti di Twin Peaks

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.0
(377)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 197 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Finlandese

Isbn-10: 8820011557 | Isbn-13: 9788820011550 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Roberta Rambelli

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il diario segreto di Laura Palmer?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il diario di un’adolescente: che cosa c’è di più naturale e, apparentemente, innocuo? Tuttavia, lo strumento al quale Laura Palmer affida le sue più intime confessioni si trasforma in un documento tanto scottante da diventare fatale. Registrando infatti episodi e pensieri, sfoghi e turbamenti, svela l’inquietante doppia identità di chi lo scrive. Laura possiede due volti: se agli occhi della pacifica comunità di Twin Peaks è una figlia e una studentessa modello, nonché una cittadina in vista per il suo impegno in attività assistenziali, per un gruppo assai ristretto di individui è invece una cocainomane morbosamente attratta - e al contempo segretamente angosciata - dal sesso. La sua vicenda, oscura e scabrosa, è inesorabilmente legata a un personaggio diabolico e misterioso che la incatena a sé attraverso una pesante dipendenza psicologica. Sconcertante nella sua sincerità senza veli, il diario segue fedelmente l’alterno oscillare della protagonista tra desideri di redenzione, d’integrazione nella normalità di una vita borghese e socialmente approvata, quale è infatti il profilo pubblico di Laura, e radicali ribellioni tanto liberatorie quanto, a posteriori, tormentose. In queste fughe disperate dalla routine, la giovane sprofonda nel turbine di una sessualità orgiastica e nella schiavitù della droga. Ma a un certo punto il rapporto privilegiato tra Laura e il suo unico confidente viene irreparabilmente sconvolto da un intruso, che legge quelle pagine incandescenti e proibite... La situazione precipita...Una storia ambigua e violenta, narrata con un tono volutamente crudo, che getta uno sguardo dietro la facciata perbene della provincia americana. Un racconto di grande, irresistibile suggestione, che mescola sapientemente il brivido del thriller alla narrazione di scavo psicologico.
Ordina per
  • 1

    Confesso un errore di gioventù: la serie televisiva mi piaceva molto e per questo ho acquistato il libro. Il giudizio può essere solo tranciante: insulso, scritto male, degno al massimo di fare la zep ...continua

    Confesso un errore di gioventù: la serie televisiva mi piaceva molto e per questo ho acquistato il libro. Il giudizio può essere solo tranciante: insulso, scritto male, degno al massimo di fare la zeppa sotto un mobile traballante.

    ha scritto il 

  • 1

    “Esternamente sto fiorendo, dentro sono arida. Se solo potessi capire la ragione del mio pianto, se solo potessi fermare questa paura di sognare che sto morendo”.

    Lessi questo libro la prima volta nel 1991, quando lo trovai in allegato con il quotidiano “Tv sorrisi e canzoni” che lo lanciò in concomitanza con la messa in onda del telefilm “i segreti di Twin Pea ...continua

    Lessi questo libro la prima volta nel 1991, quando lo trovai in allegato con il quotidiano “Tv sorrisi e canzoni” che lo lanciò in concomitanza con la messa in onda del telefilm “i segreti di Twin Peaks”.
    Laura Palmer è un adolescente che affida al suo diario la sua vita: i primi amori, i primi turbamenti sessuali, la sua profonda amicizia con Dana, il rapporto di amore e di conflitto con i suoi genitori e poi Bob, un misterioso uomo che penetra nella sua stanza ogni notte e abusa sessualmente di lei.
    Jennifer Lynch, figlia di David, ha voluto cavalcare l’onda del successo del padre scrivendo questo diario che con la bellissima, inquietante e onirica serie televisiva ha ben poco a spartire, leggendo queste pagine sembra di ritrovarsi in mano un libro di Melissa P.(ora ho capito dove ha trovato spunto per il suo “Cento colpi di spazzola”) o di Federico Moccia, con tanta volgarità gratuita, personaggi piatti e irritanti e un dramma gravissimo, quello dell’abuso sui minori, trattato a mio modesto modo di vedere con superficialità.
    Un libro inutile(non me lo ricordavo così brutto). Consiglio la visione del bellissimo "Fuoco cammina con me"(quanto mi terrorizzava Bob).

    ha scritto il 

  • 0

    In lettura preparatoria per recuperare Twin Peaks in maniera "filologica" (sebbene non si sappia il diario in che ordine si piazzi) e in attesa della terza stagione (che tanto ci deluderà tutti).
    Nemm ...continua

    In lettura preparatoria per recuperare Twin Peaks in maniera "filologica" (sebbene non si sappia il diario in che ordine si piazzi) e in attesa della terza stagione (che tanto ci deluderà tutti).
    Nemmeno il Google Translate degli inizi o il peggior Bing sarebbe stato in grado di tradurlo così male: parola per parola, al punto che non solo riconosci la struttura inglese della frase e dei verbi - corrisposti malissimo in italiano - ma che potresti pure ritradurlo in inglese senza fare troppi errori.
    Boh, io non lo so come accettate che i vostri lavori portino il vostro nome.
    Traduzione talmente invasiva che non si può dare un giudizio al libro e all'autore.

    ha scritto il 

  • 1

    scialbo

    Sono arrivato a questo libro per caso, approfondendo il fenomeno di twin peaks che a suo tempo non mi coinvolse. Beh, la figlia di David Lynch non ha certo il talento del padre pur avendo per le mani ...continua

    Sono arrivato a questo libro per caso, approfondendo il fenomeno di twin peaks che a suo tempo non mi coinvolse. Beh, la figlia di David Lynch non ha certo il talento del padre pur avendo per le mani un background eccellente. Ne esce un libro che dovrebbe essere il diario di una ragazzina, ma questa ragazzina pensa come una donna adulta. E a poco serve la scusa di BOB per togliermi di dosso la sensazione di un libro eccessivamente prurIgino so.

    ha scritto il 

  • 4

    Parte come un plagio di Anna Frank e procede su stilemi Moccia/Melissa P. ma fortemente anni '90, con tanto di cliché sul fatto che una brava bambina americana bionda deve per forza volere un pony nel ...continua

    Parte come un plagio di Anna Frank e procede su stilemi Moccia/Melissa P. ma fortemente anni '90, con tanto di cliché sul fatto che una brava bambina americana bionda deve per forza volere un pony nel suo giardino. Tanto di culto e un po' trash allo stesso tempo che mi immagino Laura Palmer vestire solo Onyx in scenari Lynchiani.

    Palesemente, quindi, un merchandising a favore del successo della serie TV (non ci voleva un genio per capirlo) ma, in qualche modo, vuoi per l'aura nostalgica, diventa addictive.

    ha scritto il 

  • 5

    Penso che sia scritto benissimo e che rifletta a pieno la personalità di Laura. Anche se forse sono pensieri un pò troppo complessi per una sedicenne, bisogna ammettere che Laura è cresciuta troppo in ...continua

    Penso che sia scritto benissimo e che rifletta a pieno la personalità di Laura. Anche se forse sono pensieri un pò troppo complessi per una sedicenne, bisogna ammettere che Laura è cresciuta troppo in fretta e ha dovuto mettersi a confronto con tante cose che nessuno sperimenta neanche in una vita intera.

    ha scritto il