Il diavolo

Di

Editore: Newton & Compton

3.8
(132)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 416 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8882891402 | Isbn-13: 9788882891404 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Storia , Religione & Spiritualità , Scienze Sociali

Ti piace Il diavolo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Saggio fin troppo particolareggiato che fa addentrare il lettore nella figura antica quanto l'uomo del Diavolo: inteso sia come entità fisica, spirituale o come qualsiasi pulsione negativa, malvagia o ...continua

    Saggio fin troppo particolareggiato che fa addentrare il lettore nella figura antica quanto l'uomo del Diavolo: inteso sia come entità fisica, spirituale o come qualsiasi pulsione negativa, malvagia o, di contro, liberatoria e passionale che è dentro di noi (visione psicanalitica del demonio).

    Con un lavoro che abbraccia migliaia di anni e mette in mezzo decine di dottrine più o meno eretiche l'autore riesce a diventare talvolta discretamente pesante, specie per me che la filosofia proprio non riesco a digerirla in nessuna salsa (a meno che non sia correlata a final fantasy come in un libro letto tempo fa, che mi garbò parecchio).

    Scomodissime le note a fine volume.

    ha scritto il 

  • 4

    le forme, la storia, le vicende di Satana e la sua universale e malefica presenza presso tutti i popoli, dall'antichita ai nostri giorni

    scritto da uno che ha passato la vita tra le lotte sindacali, l'antropologia delle religioni e il marxismo. Dopo gli studi sugli apocrifi cristiani e sul misticismo ebraico, si è occupato di religiosi ...continua

    scritto da uno che ha passato la vita tra le lotte sindacali, l'antropologia delle religioni e il marxismo. Dopo gli studi sugli apocrifi cristiani e sul misticismo ebraico, si è occupato di religiosità popolare e di folclore italiano, dedicando gli utlimi anni all'antropologia della morte e del lutto.
    Piacevole, scorrevole e ottimamente culturale.

    ha scritto il 

  • 5

    Una cavalcata nell'immaginario collettivo di molte culture, vive ed archeologiche, con particolare attenzione alla storia della figura diabolica nel mondo creato dalla Chiesa Costantiniana. Lettura fo ...continua

    Una cavalcata nell'immaginario collettivo di molte culture, vive ed archeologiche, con particolare attenzione alla storia della figura diabolica nel mondo creato dalla Chiesa Costantiniana. Lettura fondamentale per chi teme o è affascinato da Satana. Confuso ed impreciso l'ultimo capitolo.

    ha scritto il 

  • 0

    Il diavolo. Le forme, la storia, le vicende di Satana e la sua universale e malefica presenza presso tutti i popoli, dall'antichità ai nostri giorni, Newton Compton, 1987, collana Magia e religioni ...continua

    Il diavolo. Le forme, la storia, le vicende di Satana e la sua universale e malefica presenza presso tutti i popoli, dall'antichità ai nostri giorni, Newton Compton, 1987, collana Magia e religioni

    ha scritto il 

  • 4

    Poveri Diavoli

    Di Nola affronta il tema del Diavolo in maniera straordinariamente completa. Il suo studio attraversa la Storia, l'Antropologia e la Religione con uguale attenzione, l'argomento è vasto perciò la lett ...continua

    Di Nola affronta il tema del Diavolo in maniera straordinariamente completa. Il suo studio attraversa la Storia, l'Antropologia e la Religione con uguale attenzione, l'argomento è vasto perciò la lettura richiede un minimo di attenzione ma, tolti un paio di capitoli, l'insieme è sempre interessante.

    ha scritto il 

  • 3

    L'edizione era differente. Buon saggio antropologico. Storia, iconografia ed evoluzione della figura diabolica lungo i secoli. Nulla di mistico, nè di teologico. Condivisibile di conseguenza, sia dal ...continua

    L'edizione era differente. Buon saggio antropologico. Storia, iconografia ed evoluzione della figura diabolica lungo i secoli. Nulla di mistico, nè di teologico. Condivisibile di conseguenza, sia dal credente che dall'ateo.

    ha scritto il