Il filo del rasoio

Di

Editore: Adelphi

4.1
(1034)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 408 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Francese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 8845924300 | Isbn-13: 9788845924309 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Franco Salvatorelli

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Viaggi

Ti piace Il filo del rasoio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Camminare sul filo del rasoio è difficile e, in effetti, tutt'altro che facile si presenta l'impresa di Larry, un giovane americano traumatizzato dagli orrori della Grande Guerra che si decide a percorrere - molto in anticipo sui suoi coetanei di qualche decennio dopo - la via dell'India, e dell'Illuminazione. E lo fa senza rinunciare a una fitta schermaglia amorosa con l'incantevole Isabel, a un duello col feroce zio di lei, e al cimento più arduo di tutti: la mera sopravvivenza nella spietata comunità di espatriati che fra le due guerre abitava la Riviera francese.
Ordina per
  • 3

    E' davvero...

    ... il massimo che posso dare ad un romanzo rosa ( lo definisce cosi Maugham stesso ).
    Niente che colpisca, tutto perfettino, ben costruito, con strizzatine paracule al lettore.
    Solo : il titolo non h ...continua

    ... il massimo che posso dare ad un romanzo rosa ( lo definisce cosi Maugham stesso ).
    Niente che colpisca, tutto perfettino, ben costruito, con strizzatine paracule al lettore.
    Solo : il titolo non ha alcun nesso con il pathos, con una tensione che intenderebbe evocare.
    E la copertina pare ritragga la Grande Muraglia cinese... unico posto in cui il protagonista Larry NON va nel suo peregrinare alla ricerca di sè.
    Boh?

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro che si fa leggere, Maugham è autore che sa tenerti incollato alla storia e ha rispetto per il lettore, mi ha un pò deluso dopo Schiavo d'amore che, finale a parte, mi era piaciuto molto. Non ...continua

    Un libro che si fa leggere, Maugham è autore che sa tenerti incollato alla storia e ha rispetto per il lettore, mi ha un pò deluso dopo Schiavo d'amore che, finale a parte, mi era piaciuto molto. Non so quanto ci sia di vero e quanto di romanzato nella storia comunque è interessante, ben narrata e circostanziata. In particolare sono stata attratta da questa visuale sul mondo dei ricchi che vivono una vita completamente diversa dalla gente comune, cene, eventi sociali, oggetti d'arte, arredatori, soprattutto viaggi e la possibilità come dice l'autore stesso "di mandare al diavolo in qualunque momento chiunque ci dia fastidio". Per contro il personaggio di Larry offre uno stile di vita completamente diverso, tutto dedito alla ricerca interiore e alla spiritualità, con conseguente abbandono dei beni materiali. Maugham ha un grande rispetto per Larry e il suo tentativo di dare un senso alla vita ma gli preferisce senza dubbio la propria agiata e soddisfacente vita. E come dargli torto?

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Ascetismo e mondanità

    Uno splendido spaccato della società francese degli anni trenta, il testo è curato nei dettagli, attento ai particolari, mentre i personaggi sembrano davvero delle persone reali e ci vengono presentat ...continua

    Uno splendido spaccato della società francese degli anni trenta, il testo è curato nei dettagli, attento ai particolari, mentre i personaggi sembrano davvero delle persone reali e ci vengono presentati con profondità e il lettore pagina dopo pagina impara ad amarli, anche nelle loro piccole e grandi debolezze. Bello e azzeccato il finale scelto da Maugham anche se un ha epilogo amaro mascherato da lieto fine.

    ha scritto il 

  • 4

    "Sai, una volta mi feci una piccola fama di uomo spiritoso grazie al semplice procedimento di dire la verità. Per tanti era una cosa così sorprendente che pensavano scherzassi".
    "Non vedo il nesso".
    " ...continua

    "Sai, una volta mi feci una piccola fama di uomo spiritoso grazie al semplice procedimento di dire la verità. Per tanti era una cosa così sorprendente che pensavano scherzassi".
    "Non vedo il nesso".
    "Ecco, Larry è la sola persona completamente disinteressata che mi è accaduto di conoscere. Per questo il suo modo di agire sembra così singolare. Non siamo abituati a persone che fanno le cose semplicemente per amor di Dio, in cui non credono".
    Suzanne mi guardò con gli occhi sgranati.
    "Poverino, hai bevuto troppo".

    ha scritto il 

  • 3

    Larry e Isabel potrebbero avere un brillante futuro insieme, hanno i mezzi e le opportunità per una vita borghese e già segnata ma Larry decide di vivere un'altra vita.
    Narratore e spettatore, discre ...continua

    Larry e Isabel potrebbero avere un brillante futuro insieme, hanno i mezzi e le opportunità per una vita borghese e già segnata ma Larry decide di vivere un'altra vita.
    Narratore e spettatore, discreto ma tagliente proprio come la lama del rasoio è l'autore, che segue le vicende dei protagonisti, tratteggiandono le personalità con grande abilità, le situazioni prendono vita in un contesto quasi teatrale.

    ha scritto il 

  • 4

    Tirare fuori il meglio

    Che signore questo Maughan, le sue pagine odorano di lavanda ma anche di profumi d'arabia.
    Malizia travestita da tolleranza.
    Vede tutto ma lascia giudicare al lettore.
    Probabilmente il vecchio William ...continua

    Che signore questo Maughan, le sue pagine odorano di lavanda ma anche di profumi d'arabia.
    Malizia travestita da tolleranza.
    Vede tutto ma lascia giudicare al lettore.
    Probabilmente il vecchio William era uno capace di tirar fuori il meglio dalle vicende della vita.
    Me lo immagino scrivere all'ombra di un di un portico, in un pomeriggio ventoso in quel paradiso terrestre che è Cap Ferrat.

    ha scritto il 

  • 5

    William Somerset Maugham - Il filo del rasoio

    Non conoscevo William Somerset Maugham fino a quando non ho iniziato a leggere Martin Amis. Ho scoperto infatti che Amis ha vinto da giovane un premio dedicato alla memoria di questo scrittore ormai s ...continua

    Non conoscevo William Somerset Maugham fino a quando non ho iniziato a leggere Martin Amis. Ho scoperto infatti che Amis ha vinto da giovane un premio dedicato alla memoria di questo scrittore ormai scomparso. Facendo un po' di ricerche qua e là ho visto che i due capolavori indiscussi di Maugham sono Schiavo d'amore e il suddetto Il filo del rasoio. Ho deciso di partire da questo (così a naso) e sono stato fortunato direi perchè è un libro stupendo.

    Di Maugham mi ha colpito prima di tutto lo stile di scrittura pulito, preciso, molto delicato ma assolutamente mai banale o frivolo. Il filo del rasoio può essere classificato come un romanzo rosa, tuttavia ciò non deve indurre in tentazione in quanto sebbene la storia narrata dall'autore sia piuttosto semplice, è compito poi di chi legge scavare a fondo per trovare i significati più nascosti, perchè Maugham potrà sembrare di primo acchito piuttosto ordinario e convenzionale, ma invece ha scritto quello che considero un piccolo capolavoro.

    Un grosso tema del romanzo è la ricerca della felicità o se vogliamo del senso della vita. Il protagonista Larry sceglie di dire addio ad un'esistenza convenzionale, ad una bella ragazza che lo avrebbe sposato, ad un futuro ricco e prospero per andare in cerca in luoghi lontani di un significato dell'esistenza, di un qualche indizio del senso della nostra vita, della fede in Dio. Difficile venire a capo di un mistero così profondo ed antico come è difficile abbandonare la prospettiva di una vita insieme con la ragazza che si ama. Maugham è bravo nell'evitare facili drammi o retorica in salsa demagogica e, grazie anche alla struttura narrativa del romanzo che è basata su un racconto per interposta persona (Maugham stesso) che narra i fatti per sentito raccontare, riesce a mantenere un tono distaccato, quasi cinico ma certamente lucido. Il filo del rasoio non sarà un romanzo di travolgente passione, quanto piuttosto della lucida analisi di tanti percorsi di vita (non solo quello di Larry). Un libro dove la figura della donna risulta come elemento dominante, risulta preponderante in certe scelte ed in certe decisioni cruciali, mentre l'uomo talvolta tende a subire l'esuberanza della controparte femminile.

    Un plauso anche all'atmosfera parigina che Maugham è riuscito a creare. Parigi è indubbiamente una città dall'aura magica e l'autore riesce proprio a catturare la magia di tanti piccoli angoli e momenti che rendono delizioso il romanzo in numerosi frangenti. Non solo Parigi tuttavia, anche la riviera francese, Londra, l'India, per un romanzo che mette addosso una grande voglia di viaggiare, di vedere luoghi, di fare esperienza, di accrescere la propria visione del mondo, proprio come ha fatto il protagonista Larry, avido di cultura, di sapere e di nozioni ed immune alle convenzioni della vita ma anche alle tentazioni della carne.

    Se non avete mai letto nulla di William Somerset Maugham ve lo consiglio caldamente, e vi consiglio proprio questo libro per iniziare. Non ne rimarrete delusi. Un autore che forse non è molto pubblicizzato ma che sono sicuro vi conquisterà come ha fatto con me. Consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Larry è uno di quegli uomini di cui non puoi non innamorarti: bello, sensibile, serafico, accogliente. Un uomo premuroso e affettuoso. Larry. Allo stesso tempo inafferrabile, volto verso se stesso.
    E ...continua

    Larry è uno di quegli uomini di cui non puoi non innamorarti: bello, sensibile, serafico, accogliente. Un uomo premuroso e affettuoso. Larry. Allo stesso tempo inafferrabile, volto verso se stesso.
    E la povera Isabel muore di struggimento, nonostante abbia scelto di vivere la vita per cui è nata, fatta di salotti e vestiti alla moda, fino a che le vane e discordanti speranze da lei accarezzate vanno definitivamente dissolte…
    Larry e Isabel non sono gli unici protagonisti del racconto; il personaggio dello zio Eliott, un dandy che vive di socialità, è uno dei più riusciti - a mio parere - e poi la voce narrante, lo stesso Maugham, coprotagonista della vicenda, che non lesina humor e satira di costume:

    Le americane si aspettano di trovare nel marito una perfezione che le inglesi sperano solo di trovare in un maggiordomo.

    Niente è più facile che sopportare con forza d'animo le sventure altrui.

    L'apparente semplicità e linearità della scrittura nascondono verità, bellezza e profondità di analisi dell'animo umano e tratteggiano un grande affresco di un’epoca andata, che sembra lontanissima nel tempo e invece si è svolta meno di un secolo fa.

    ha scritto il 

Ordina per