Il forte sul fiume

Le cronache di Camelot vol.5

Di

Editore: Piemme (Mini pocket)

3.9
(462)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8838485666 | Isbn-13: 9788838485664 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Lonza

Disponibile anche come: Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il forte sul fiume?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Caio Merlino Britannico, dopo un fallito attentato alla vita del piccolo Artù, è fuggito da Camelot. Navigando verso nord, i fuggitivi giungono nel porto neutrale di Ravenglass, il cui re è Derek, l'uomo che ha ucciso il padre di Artù e violentato sua madre. Merlino deve reprimere l'odio che porta a quell'uomo e arriverà addirittura a salvargli la vita. In cambio si farà concedere un vecchio fortino abbandonato dai romani. Lì nascosto, Merlino educherà e addestrerà il giovane Artù di Pendragon.
Ordina per
  • 4

    Questo capitolo della saga dura approssimativamente 6\7 anni,in cui Artù passa dalla fanciullezza alla maturità di un giovane uomo pieno di fascino, grazia e soprattutto intelligenza. Per ragioni di s ...continua

    Questo capitolo della saga dura approssimativamente 6\7 anni,in cui Artù passa dalla fanciullezza alla maturità di un giovane uomo pieno di fascino, grazia e soprattutto intelligenza. Per ragioni di sicurezza Merlino lo ha condotto lontano da Camelot,dopo che avevano attentato alla sua vita e a quella del futuro re, per poter proseguire il suo addestramento indisturbati. Già a 9 anni, Artù dimostra un'intelligenza ed una capacità di analisi fuori dal comune, e Merlino si sente ogni giorno più orgoglioso del suo pupillo. Eccellente lottatore, Artù sfiora la perfezione nell'arte di combattere con il bastone, i cui esercizi riesce a praticare ad occhi chiusi. Merlino aveva pianificato di restare nascosto qui a Nord per circa 5 anni, ma ne sono passati quasi sette quando si rende conto che ormai sta rimandando l'inevitabile solo per pigrizia. Artù è diventato un giovane uomo solido, potente e con un grande carisma ed è pronto a tornare a Camelot come un guerriero. Inoltre sembra giunto un tempo di grandi cambiamenti, dato che negli imperi intorno a Camelot è tornata a regnare l'anarchia,dopo la morte di tutti i regnanti che avevano stretto patti di alleanza con Merlino e suo fratello Ambrogio, che mantiene l'ordine a Camelot in sua assenza. Non c'è più tempo per tentennare. Tornare è ora vitale e incalzante, perchè Artù dovrà imparare sul campo cosa significa essere un soldato e diventare ancora più forte per poter riscattare ciò che è suo per nascita e diritto.

    ha scritto il 

  • 4

    Continua l'addestramento del nostro futuro eroe in questa piccola comunità, separata da tutti gli eventi esterni.
    Il libro a mio avviso è più interessante dei due precedenti, perché finalmente tastiam ...continua

    Continua l'addestramento del nostro futuro eroe in questa piccola comunità, separata da tutti gli eventi esterni.
    Il libro a mio avviso è più interessante dei due precedenti, perché finalmente tastiamo con mano quanto potrà essere forte ed influente il futuro Artù. Ricco di principi e di una corretta morale, già in questa prima fase, sarà al centro di tutti gli avvenimenti della ristretta cerchia di amici.
    Finalmente i tre elementi cardine della storia, Artù Excalibur e Camelot, iniziano ad unirsi in una cosa sola.
    Ora non ci resta resta che attendere il loro arrivo nei pressi del cancello della fortezza.

    ha scritto il 

  • 3

    Poca azione...

    All'inizio ho faticato un pò, tantè che l'ho tirato avanti per più di un mese. Le ultime 100 pagine invece, le ho lette molto volentieri. Forse, questo libro insieme a "La pietra del cielo" (primo vol ...continua

    All'inizio ho faticato un pò, tantè che l'ho tirato avanti per più di un mese. Le ultime 100 pagine invece, le ho lette molto volentieri. Forse, questo libro insieme a "La pietra del cielo" (primo volume della saga "Le cronache di Camelot")sono quelli che mi sono piaciuti meno in confronto agli altri.
    3 Stelline comunque.

    ha scritto il 

Ordina per