Il mio nome è Rosso

Di

Editore: Einaudi (Super ET)

3.8
(3534)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 450 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Francese , Giapponese , Tedesco , Turco , Portoghese , Croato , Ceco , Catalano , Svedese , Polacco

Isbn-10: 8806181971 | Isbn-13: 9788806181970 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Marta Bertolini , Semsa Gezgin

Disponibile anche come: Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Il mio nome è Rosso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Istanbul, 1591. Tra i miniaturisti e illustratori al lavoro nel Palazzo del Sultano si nasconde un feroce assassino. Per smascherarlo Nero è disposto a tutto, anche a rischiare la vita. Perché se fallisce, per lui non ci sarà futuro con la bella Sekure, non ci sarà l'amore che ha sognato per dodici anni.
Ordina per
  • 4

    E' un gran bel racconto, un affascinante romanzo storico la cui lettura ci aiuta a riconoscere gli elementi di base di una cultura storicamente parallela a quella "cosiddetta" occidentale (o cristiana ...continua

    E' un gran bel racconto, un affascinante romanzo storico la cui lettura ci aiuta a riconoscere gli elementi di base di una cultura storicamente parallela a quella "cosiddetta" occidentale (o cristiana). Forse anche per questo, leggerlo è un grande piacere.

    ha scritto il 

  • 2

    Per pochi davvero appassionati

    Un libro davvero pesante... Sono disposta ad ammettere che le uniche pagine lette con piacere sono state quelle dedicate alla storia d'amore tra Sekure e Nero... Per il resto mi sono annoiata terribil ...continua

    Un libro davvero pesante... Sono disposta ad ammettere che le uniche pagine lette con piacere sono state quelle dedicate alla storia d'amore tra Sekure e Nero... Per il resto mi sono annoiata terribilmente, e considerando che con molta probabilità nelle intenzioni dell'autore c'era quella di appassionare il lettore con una storia tinta di giallo, mi dispiace ma il risultato è stato davvero poco convincente (a parte il fatto che l'argomento miniatura, per di più orientale, non mi ha mai fatto impazzire... tante, troppe nozioni di cui mi piacerebbe sapere chi potesse essere interessato...).

    ha scritto il 

  • 4

    La Turchia è da sempre un luogo di incontro/scontro tra la cultura islamica e quella europea.
    Pamuk ci aiuta a comprendere le sfaccettature delle contraddizioni turche attraverso un bel giallo ambient ...continua

    La Turchia è da sempre un luogo di incontro/scontro tra la cultura islamica e quella europea.
    Pamuk ci aiuta a comprendere le sfaccettature delle contraddizioni turche attraverso un bel giallo ambientato alla corte del sultano di Istambul, fra i miniaturisti più affermati del regno.
    Una storia raccontata attraverso più voci: da quelle degli assassinati a quella dell'assassino, dai singoli protagonisti della storia agli stessi soggetti delle storie miniate.

    ha scritto il 

  • 5

    A Lui appartengono l'Oriente e l'Occidente, e che Lui "ci protegga dai desideri di colui che è puro e non si è mescolato". Così come ho amato perdermi tra le stanze delle pagine de Il Nome della Rosa ...continua

    A Lui appartengono l'Oriente e l'Occidente, e che Lui "ci protegga dai desideri di colui che è puro e non si è mescolato". Così come ho amato perdermi tra le stanze delle pagine de Il Nome della Rosa di Umberto Eco, così ho fatto con Il mio nome è Rosso di Orhan Pamuk.
    L'omicidio nel mondo dei miniaturisti alla corte del sultano ottomano Murat III, la vita tormentata della bella Şeküre, le mille voci dei protagonisti chiamati a descrivere le loro vite, sono una nobile scusa del romanzo. Prendono la parola l'uomo, la donna, il cane, l'assassino, il miniaturista, la vecchia ebrea, Satana, il disegno, il cane, il cavallo che discute di Islam e miniature, la moneta, il colore rosso, il bellissimo rosso, quello che Allah non mostra alle sue creature, e nasconde nel sangue, negli insetti rari, nelle pietre, e le sue creature per ottenerlo lo devono quindi cercare e trovare.
    Il vero protagonista è il mondo del tempo, le sue diverse idee, guerre e espressioni umane, che giravano attorno a Istambul e all'arte della pittura dei miniaturisti. I diversi stili della pittura come diverse espressioni e rappresentazioni del mondo. Nel laboratorio i miniaturisti cercano di rappresentare l'eternità, il mondo come Lui lo vede, ma ad ogni nuovo khan o signore o scià che prende il potere, il nuovo distrugge il laboratorio e lo stile creato al tempo del vecchio khan sconfitto che l'ha preceduto.
    Poi ci sono loro, i franchi, i cristiani, che hanno iniziato a disegnare tutto e tutti. Pagati dal doge di Venezia e dai mercanti, mettono la firma, ciascuno ha il suo stile, mettono la propria personalità nel disegno. Non disegnano come se vedessero il mondo dal balcone di un minareto e senza badare alla prospettiva, come la chiamano loro, per loro la miniatura non è silenzio della mente e musica dell'occhio. Non disegnano l'idea della bellezza della ragazza, che equivale agli occhi delicati e cinesi portati dai Mongoli, ma la disegnano così come la vede il loro occhio. Non disegnano l'idea dell'albero bensì disegnano proprio quell'albero che hanno davanti per strada, sì disegnano guardando dalla strada, o dalla stanza di un principe. "Disegnano tutto quello che l'occhio vede, come l'occhio lo vede. Loro disegnano quello che vedono", non cioè come lo vede la mente, ma come lo vede il nostro occhio.
    C'è allora la miniatura ottomana, c'è l'arte dei maestri antichi persiani, c'è l'influenza mongola e cinese a Samarcanda, Bukhara e Herat, ci sono i segni multicolori e vivaci dei miniaturisti consci dei colori dei metodi indiani, c'è anche il mondo, così affascinante ma così pericoloso, del metodo veneziano.

    ha scritto il 

  • 5

    Parmuk 是很多年前的 Nobel Prize Winner, 但我很高興現在才讀他這經典著作.

    這本書很奇特, 以一半懸疑, 一半愛情來包裝一個很哲學性的故事. 箇中所圍繞的核心主題是衝突. 例如, 東方伊斯蘭藝術中以真主的永恆視角為藝術定義, 書中主角汲汲營營的, 卻是西方法蘭克的繪畫技法, 是一種此時此地, 以肉眼為中心的透視法. 又如, 作者以全視角的身份進行叙事, 但小說的推進卻 ...continua

    Parmuk 是很多年前的 Nobel Prize Winner, 但我很高興現在才讀他這經典著作.

    這本書很奇特, 以一半懸疑, 一半愛情來包裝一個很哲學性的故事. 箇中所圍繞的核心主題是衝突. 例如, 東方伊斯蘭藝術中以真主的永恆視角為藝術定義, 書中主角汲汲營營的, 卻是西方法蘭克的繪畫技法, 是一種此時此地, 以肉眼為中心的透視法. 又如, 作者以全視角的身份進行叙事, 但小說的推進卻是不同的角色從各自立場接續著叙述. 再例如書中的主題: 完全的自我隱慝與個人風格之爭, 依循傳統以臻超離塵俗那種不變之美 (幾乎要讓人想起Plato 的 Idea), 與推陳出新, 追求流變的求新精神.

    可以想見這是文化的新舊交替的角力, 是一與多的爭持, 更是凡人面對神性如何自處的挑戰.

    很喜歡最後, 永恆而平靜的幸福是描畫不來的, 因為那是要透過生命活出來的.

    ha scritto il 

  • 4

    se avete letto con piacere le disquisizioni sulla liceità del riso ne Il nome della rosa di Eco, non potrete non apprezzare l'estenuante dibattito stilistico tra i miniaturisti nella Istanbul del 1500 ...continua

    se avete letto con piacere le disquisizioni sulla liceità del riso ne Il nome della rosa di Eco, non potrete non apprezzare l'estenuante dibattito stilistico tra i miniaturisti nella Istanbul del 1500.
    la religione è - come sempre - ossessivamente avvolgente e l'identità dell'assassino - come al solito - secondaria

    ha scritto il 

  • 4

    il mio nome è rosso

    Un racconto che richiede tanta, ma tanta pazienza! Siamo a Istambul e
    attraverso due scuole di miniaturisti del sultano che hanno una concezione opposta del disegno e della muniatura, viene rappresen ...continua

    Un racconto che richiede tanta, ma tanta pazienza! Siamo a Istambul e
    attraverso due scuole di miniaturisti del sultano che hanno una concezione opposta del disegno e della muniatura, viene rappresentato lo scontro tra Occidente e Oriente.
    Due concezioni del mondo.....siamo sicuri che sia ambientato nel XVI secolo?!?

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Più che un giallo a P interessava raccontare un'epoca e i motivi di una (mancata) contaminazione: quella tra l'arte della miniatura (islamica) e le tecniche europee. La vicenda ricorda, per la tecnica ...continua

    Più che un giallo a P interessava raccontare un'epoca e i motivi di una (mancata) contaminazione: quella tra l'arte della miniatura (islamica) e le tecniche europee. La vicenda ricorda, per la tecnica narrativa, Rashomon ma qui i diversi punti di vista non servano a mostrare i differenti punti di vista ma a celare l'identità dell'assassino.
    Il testo richiede una notevole fatica in lettura (belle ma sovente lunghe le digressioni) ricompensata da un finale per nulla buonista.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per