Il morso del serpente

Di

Editore: TEA (Teadue; 918)

3.7
(590)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 574 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8850200765 | Isbn-13: 9788850200764 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Cristina Pietri

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Viaggi

Ti piace Il morso del serpente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Nella selvaggia brughiera inglese di Calder Moor, nel Derbyshire, vengono ritrovati i corpi senza vita di Nicola Maiden, la figlia di un ex poliziotto, e di un giovane uomo, Terry Cole, un sedicente artista dalla vita alquanto movimentata. Ma non si tratta di un incidente: i due sono stati brutalmente uccisi. L'ex poliziotto, padre della vittima, richiede l'intervento di Scotland Yard e l'ispettore Lynley comincia la difficile indagine senza la collaborazione della sua partner abituale, Barbara Havers, degradata per insubordinazione.
Ordina per
  • 4

    Bel giallo, scorrevole ed imprevedibile.
    Ancora un caso per Lynley . Due ragazzi sono stati brutalmente uccisi nella brughiera e i possibili sospettati sono molti.
    Un caso difficile ma che tiene con i ...continua

    Bel giallo, scorrevole ed imprevedibile.
    Ancora un caso per Lynley . Due ragazzi sono stati brutalmente uccisi nella brughiera e i possibili sospettati sono molti.
    Un caso difficile ma che tiene con il fiato sospeso fino alla fine.
    Bella scrittura e piacevole trama.

    ha scritto il 

  • 4

    Oh no, un'altra serie da leggere!

    Ho scoperto questa autrice per sbaglio e devo ammettere che mi ha conquistato.
    Ma attenzione scrive in serie,quindi non cominciatela se non siete pronti ad essere schiavizzati. Il genere è quello del ...continua

    Ho scoperto questa autrice per sbaglio e devo ammettere che mi ha conquistato.
    Ma attenzione scrive in serie,quindi non cominciatela se non siete pronti ad essere schiavizzati. Il genere è quello del giallo inglese tradizionale, in questo libro i temi sono all'avanguardia (trattando per lo più di sadomaso e simili),ma la trama rispecchia cmq quella del giallo inglese classico!
    Leggero e di puro intrattenimento.
    Questo è uno dei libri centrali della saga quindi i personaggi si trovano a metà delle loro relazioni interpersonali e per me,che sono maniacale nel ripercorrerle, significa che ora comincerò la lettura seguendo l'ordine dell'autrice,ma leggere qua e la a caso non è assolutamente un problema perchè è tutto ben contestualizzato!
    a questo punto non mi resta che augurarvi buona lettura!

    ha scritto il 

  • 4

    Due giovani rinvenuti cadaveri nella brughiera, e troppi, davvero troppo possibili assassini, anche se il movente parrebbe scontato, visto che uno dei defunti è una ragazza di facilissimi costumi. Ovv ...continua

    Due giovani rinvenuti cadaveri nella brughiera, e troppi, davvero troppo possibili assassini, anche se il movente parrebbe scontato, visto che uno dei defunti è una ragazza di facilissimi costumi. Ovviamente niente è come sembra, qualche altro cadavere salterà fuori strada facendo e Barbara Havers risorgerà, come la fenice, dalle sue ceneri professionali, alla faccia di un Ispettore Lynley particolarmente antipatico.
    Ma che c'entrano i serpenti??? (Il titolo originale è "In pursuit of the proper sinner")

    ha scritto il 

  • 3

    Sempre tanto rilassante la George, mi fa sentire proprio al sicuro, sì! E' stato così anche in questo libro in cui Linley e la Havers sono un po' ai ferri corti per quanto successo nel libro precedent ...continua

    Sempre tanto rilassante la George, mi fa sentire proprio al sicuro, sì! E' stato così anche in questo libro in cui Linley e la Havers sono un po' ai ferri corti per quanto successo nel libro precedente.
    Se proprio vogliamo dire qualcosa... ecco, forse qualche centinaio di pagine in meno non sarebbe stata una cattiva idea.

    ha scritto il 

Ordina per