Il pericolo senza nome

Oscar Gialli 25

Di

Editore: Mondadori

3.8
(865)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 184 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Ceco , Olandese

Isbn-10: A000124394 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina morbida e spillati , Copertina rigida

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il pericolo senza nome?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    sono molto contento perchè per la prima volta ho capito la soluzione(o gran parte di essa) prima che me la svelasse lei!

    è sicuramente migliore del precedente(IL MISTERO DEL TRENO AZZURRO) e dell'ulti ...continua

    sono molto contento perchè per la prima volta ho capito la soluzione(o gran parte di essa) prima che me la svelasse lei!

    è sicuramente migliore del precedente(IL MISTERO DEL TRENO AZZURRO) e dell'ultimo giallo che ho letto(SORPRESA A MEZZOGIORNO), si vede il livello della
    Christie sopra a quello di tutti gli altri!

    proprio bello!

    ha scritto il 

  • 3

    Il pericolo senza nome scritto nel 1932 mantiene una freschezza che spesso non si trova nei contemporanei, grande la Christie anche a distanza di 90 anni! E’ uno dei gialli sicuramente fra i migliori ...continua

    Il pericolo senza nome scritto nel 1932 mantiene una freschezza che spesso non si trova nei contemporanei, grande la Christie anche a distanza di 90 anni! E’ uno dei gialli sicuramente fra i migliori della scrittrice. L’intreccio è perfetto, ognuno può essere il colpevole e il lettore ragiona insieme a Poirot e Hastings, ma il colpo di scena finale è davvero spiazzante e ben riuscito!
    Gli indizi ci sono tutti e sono ben chiari ma la loro interpretazione può sviare e soltanto dopo che Poirot risolve il caso essi diventano anche lapalissiani.
    Poirot è sempre presuntuoso ma anche simpaticissimo, il povero Hastings è spesso irritato con lui e i loro battibecchi sono sempre divertenti, una coppia riuscitissima.

    ha scritto il 

  • 4

    L'enigma non è male ed anche la difficoltà di capire il movente, personalmente ho capito chi fosse l'assassino e anche il motivo principale e questo è un punticino in meno, non l'ho trovato cmq un gra ...continua

    L'enigma non è male ed anche la difficoltà di capire il movente, personalmente ho capito chi fosse l'assassino e anche il motivo principale e questo è un punticino in meno, non l'ho trovato cmq un gran libro come qualcuno scrive, piacevole si assolutamente ma anche fin troppo per la sua strada senza descrizioni degne dell'ambientazione (forse è il romanzo della Christie dove ho notato meno descrizioni). Bello il finale ma per me forse esagerato il personaggio j...

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    我原先只想給這本書四顆星,原因是瑪姬遇害時,我馬上就猜出兇手是誰了(雖然不知道動機),我就猜克嬸應該會想安排這樣的詭計,雖說如此一來,兇手真的要有非常過人的演技(及勇氣)才行。最後決定給五顆星是因為書末對於各個伏筆的解釋都很合理,包括動機啦、各個人物所心懷的鬼胎啦、異常舉動等等的,最後對於吉姆買畫的解釋真是絕妙的一筆阿!

    ha scritto il 

  • 4

    Sempre geniale, ma con un piccolo trucco

    Che aggiungere dopo aver letto quasi tutti i gialli della Christie?
    Stavolta provo a delineare una mia ipotesi di suddivisione della sua opera, e non tra libri deludenti (ben pochi), belli (molti) e c ...continua

    Che aggiungere dopo aver letto quasi tutti i gialli della Christie?
    Stavolta provo a delineare una mia ipotesi di suddivisione della sua opera, e non tra libri deludenti (ben pochi), belli (molti) e capolavori (un discreto numero).
    No, la ripartizione che propongo è tra libri:
    - "senza trucco" --> con gli indizi offerti si potrebbe arrivare alla soluzione;
    - "con un piccolo trucco" --> c'è qualche elemento risolutivo che il lettore non può sapere, ma potrebbe arrivare a immaginare;
    - "con il trucco" --> l'elemento chiave è tale che il lettore non ci potrebbe mai arrivare (es. un figlio segreto, un'identità diversa, un ritorno dal passato di cui non vi è traccia nella narrazione...).
    Qui si rientra nella tipologia intermedia.
    Una volta tanto avevo capito abbastanza presto come erano andate le cose, ma mi mancava del tutto un movente, movente che arriva nelle pagine finali ... grazie, per l'appunto, a un "piccolo trucco" della grande Agatha.

    ha scritto il 

  • 4

    Agatha Christie, Il pericolo senza nome

    E' uno dei romanzi della Christie che più mi ha colpito. Il grande Poirot, in alcuni momenti in difficoltà, riesce alla fine a districare un enigma complesso ed apparentemente privo di senso. Inizialm ...continua

    E' uno dei romanzi della Christie che più mi ha colpito. Il grande Poirot, in alcuni momenti in difficoltà, riesce alla fine a districare un enigma complesso ed apparentemente privo di senso. Inizialmente l'investigatore è fuorviato da una serie di strane circostanze che solo in un secondo momento gli appaiono sotto la giusta luce.
    La trama è piuttosto semplice, il numero dei pesonaggi limitato, ma ciò che mi ha affascinato è stato entrare dentro i ragionamenti e le tecniche investigative di Poirot.
    Romanzo piuttosto breve (si legge in poche ore), è un'ottima compagnia per una giornata di sano riposo fisico e mentale

    ha scritto il 

  • 4

    Sono ancora nuova possiamo dire, nella lettura dei gialli ma la Christie mi convince sempre di più! Credo sia o il terzo o il quarto libro che leggo e come con gli altri la lettura è stata piacevole e ...continua

    Sono ancora nuova possiamo dire, nella lettura dei gialli ma la Christie mi convince sempre di più! Credo sia o il terzo o il quarto libro che leggo e come con gli altri la lettura è stata piacevole e coinvolgente fin dall'inizio. Riuscirò prima o poi ad arrivare alla soluzione prima delle ultime pagine? XD Qui ci si poteva arrivare a capitolo 18, se non al movente almeno al colpevole ma eh, mi è sfuggito il dettaglio. La prossima volta ci starò più attenta, ma tanto mi frega sempre!

    ha scritto il