Il profumo delle foglie di limone

Di

Editore: Garzanti (Narratori moderni)

3.4
(4777)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 364 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Portoghese

Isbn-10: 8811686628 | Isbn-13: 9788811686620 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Enrica Budetta

Disponibile anche come: eBook , CD audio

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Il profumo delle foglie di limone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Spagna, Costa Blanca. Il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mathausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché ciò che è successo non cada nell'oblio.
Ordina per
  • 4

    Un libro carino

    Non è uno di quei romanzi che rimangono in mente tutta la vita, ok, ma a me è piaciuto. E' una storia che fa tenerezza perchè vede scontrarsi anzianissimi gerarchi nazisti contro un altrettanto anzian ...continua

    Non è uno di quei romanzi che rimangono in mente tutta la vita, ok, ma a me è piaciuto. E' una storia che fa tenerezza perchè vede scontrarsi anzianissimi gerarchi nazisti contro un altrettanto anzianissimo caccia-nazisti. Il libro è scritto bene, (a due voci) e scorre velocemente. Certo, dal tema ci si aspetterebbe un po' di più di un normale romanzo ma è comunque una normalità che non fa arrabbiare se ha vinto il Premio Nadal. In Italia con il Premio Strega succede di peggio.

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' delusa

    Leggendo la scrittrice attualmente più quotata in Spagna, che ha vinto i premi letterari più prestigiosi....mi aspettavo qualcosa di più. La storia è anche interessante, ma lo stile a volte sconfina p ...continua

    Leggendo la scrittrice attualmente più quotata in Spagna, che ha vinto i premi letterari più prestigiosi....mi aspettavo qualcosa di più. La storia è anche interessante, ma lo stile a volte sconfina proprio nell'Harmony più elementare.

    ha scritto il 

  • 3

    La trama è più interessante di quanto mi aspettassi, ma a lungo andare mi ha un po' stufato e la protagonista non mi è piaciuta. Nel complesso una buona lettura, ma non credo me ne ricorderò a lungo. ...continua

    La trama è più interessante di quanto mi aspettassi, ma a lungo andare mi ha un po' stufato e la protagonista non mi è piaciuta. Nel complesso una buona lettura, ma non credo me ne ricorderò a lungo.

    ha scritto il 

  • 1

    sono rimasta fortemente delusa da questo libro ,viste le recensionie , il boom di successo che ha avuto..devo dire che è stato lento, prevedibile e scritto male.mi dispiace ma davvero un libro per cui ...continua

    sono rimasta fortemente delusa da questo libro ,viste le recensionie , il boom di successo che ha avuto..devo dire che è stato lento, prevedibile e scritto male.mi dispiace ma davvero un libro per cui non riesco a capirne il successo mediatico e letterario .

    ha scritto il 

  • 1

    Noioso, sopravvalutato, andavo avanti nella lettura sperando in un colpo di scena, in qualcosa che desse senso al libro, e invece niente, fino alla fine.

    "Eravamo vittime, e le vittime e i perdenti non piacciono a nessuno".

    ha scritto il 

  • 1

    Il profumo delle foglie di limone

    Ma che titolo carino, ma che bella copertina, ma che storia noiosa e strampalata.

    Andiamo a flagellarci fino a domattina alle 8 meno un quarto: la sinistra, non solo italiana, ha certamente delle gra ...continua

    Ma che titolo carino, ma che bella copertina, ma che storia noiosa e strampalata.

    Andiamo a flagellarci fino a domattina alle 8 meno un quarto: la sinistra, non solo italiana, ha certamente delle gravi colpe colpe se in giro si ritiene plausibile che una giovane donna, non più una bambinetta, e dotata di intelligenza normale, magari un po' nevrotica e problematica ma non demente, non si accorga che i due amabili anziani che la stanno aiutando e accogliendo sono in realtà una coppia di nazisti impuniti e mai pentiti.
    Per me l'aspetto horror della trama sta più che altro in questo misunderstanding iniziale, e il motivo della mia profonda incazzature, oltre al mio brutto carattere, è che sì, temo proprio che in qualche modo potrebbe perfino succedere, e mi danno per questo.

    Cmq se siete persone di buon carattere a tratti lo troverete comico perché le spara davvero grosse.

    ha scritto il 

  • 3

    "Gli esseri insignificanti e mediocri come Hitler non potevano sopportare che altri esseri umani sapessero trarre dalla vita più linfa e piacere di loro: per questo non volevano solo abbatterli e anni ...continua

    "Gli esseri insignificanti e mediocri come Hitler non potevano sopportare che altri esseri umani sapessero trarre dalla vita più linfa e piacere di loro: per questo non volevano solo abbatterli e annichilirli, ma anche togliere loro la voglia di vivere. Hitler voleva che il mondo fosse orribile. E da quel momento era stato tale per molte persone."

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per