Il profumo delle foglie di limone

Di

Editore: Garzanti (Narratori moderni)

3.4
(4824)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 364 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Portoghese

Isbn-10: 8811686628 | Isbn-13: 9788811686620 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Enrica Budetta

Disponibile anche come: eBook , CD audio

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Il profumo delle foglie di limone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Spagna, Costa Blanca. Il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mathausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché ciò che è successo non cada nell'oblio.
Ordina per
  • 2

    Dov'è il capolavoro?
    A me non è parso un granché, i personaggi di Julian e Sandra sono carini, ma il resto è così fiacco .... di Alberto (l'anguilla) si intuiva subito dove andava a parare il suo ruol ...continua

    Dov'è il capolavoro?
    A me non è parso un granché, i personaggi di Julian e Sandra sono carini, ma il resto è così fiacco .... di Alberto (l'anguilla) si intuiva subito dove andava a parare il suo ruolo.

    ha scritto il 

  • 0

    Il profumo delle foglie di limone

    Un libro completo, istruttivo e coinvolgente. Un mix di sentimenti ed emozioni si rincorrono tra le righe: amore, paura, vendetta, senilità, giovinezza, emozione, umiliazione, superiorità e saggezza. ...continua

    Un libro completo, istruttivo e coinvolgente. Un mix di sentimenti ed emozioni si rincorrono tra le righe: amore, paura, vendetta, senilità, giovinezza, emozione, umiliazione, superiorità e saggezza. Un libro molto originale dal punto di vista dei protagonisti: Sandra, una ragazza dei tempi moderni, Julian, un signore anziano e saggio che vuole fare giustizia per tutte le vittime, compreso se stesso, del nazismo ed una coppia di “nonnetti” che si rivelano essere dei nazisti. Oltre sessant’anni dopo la caduta del Terzo Reich, la coppia di gerarchi nazisti, tiene alta la bandiera con la svastica e segue ancora i principi del movimento nazista vivendo nel lusso. La trama è accattivante, ti incolla alle pagine anche se è stato criticato da alcuni per essere stato sopravvalutato. Mi ha entusiasmato molto e lo adoro, in ogni sua pagina! Scritto benissimo e molto scorrevole.

    ha scritto il 

  • 3

    L'amore è un'arma a doppio taglio, serve per essere felici o infelici.

    Ho cominciato a leggere questo libro con un approccio insolito. Il contenuto mi ha subito lasciato un po’ perplesso, perché dietro a un titolo che ho adorato immediatamente vi è una trama in cui sopra ...continua

    Ho cominciato a leggere questo libro con un approccio insolito. Il contenuto mi ha subito lasciato un po’ perplesso, perché dietro a un titolo che ho adorato immediatamente vi è una trama in cui soprattutto i nazisti fanno da padroni. Forse mi attendevo una storia sotto il sole della Francia, o forse qualcosa a che vedere con il culinario e la natura. D’altronde, sono io ad aver scelto di non leggere le trame, quindi queste sorprese possono capitare.
    La scrittura della Sánchez è gradevole, lineare, armoniosa e chiara; la sua semplicità fa sì che il lettore riesca a leggere come se fosse lui a pensare le frasi di Julian o Sandra. Questa è indubbiamente una qualità che non si può togliere all’autrice.
    Anche l’intreccio è abbastanza originale, sicuramente inatteso; l’inizio non fa sospettare quella che sarà la storia e quando ci si addentra si diviene marcatamente curiosi. Un uomo in età che segue le tracce degli “ex nazisti” nascosti nel mondo, una giovane ragazza ignara che diventa la sua pupilla e un gruppo di normalissimi vecchietti che si rivelano essere tutt’altro. Insomma, una storia nella quale non ci si annoia.
    Il libro è un po’ lontano dall’essere chiamato capolavoro, o best-seller (nonostante nel mondo lo sia davvero), però l’ho finito volentieri e con il desiderio di scoprire la chiusura del cerchio.

    ha scritto il 

  • 2

    Sinceramente non riesco a capire tutto il clamore che si è creato intorno a questo romanzo. La storia non è niente di particolarmente speciale, molti episodi narrati sono ripetitivi e mi hanno annoiat ...continua

    Sinceramente non riesco a capire tutto il clamore che si è creato intorno a questo romanzo. La storia non è niente di particolarmente speciale, molti episodi narrati sono ripetitivi e mi hanno annoiato parecchio.
    Se aggiungiamo che la protagonista è davvero insopportabile abbiamo un quadro completo davvero nefasto

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro carino

    Non è uno di quei romanzi che rimangono in mente tutta la vita, ok, ma a me è piaciuto. E' una storia che fa tenerezza perchè vede scontrarsi anzianissimi gerarchi nazisti contro un altrettanto anzian ...continua

    Non è uno di quei romanzi che rimangono in mente tutta la vita, ok, ma a me è piaciuto. E' una storia che fa tenerezza perchè vede scontrarsi anzianissimi gerarchi nazisti contro un altrettanto anzianissimo caccia-nazisti. Il libro è scritto bene, (a due voci) e scorre velocemente. Certo, dal tema ci si aspetterebbe un po' di più di un normale romanzo ma è comunque una normalità che non fa arrabbiare se ha vinto il Premio Nadal. In Italia con il Premio Strega succede di peggio.

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' delusa

    Leggendo la scrittrice attualmente più quotata in Spagna, che ha vinto i premi letterari più prestigiosi....mi aspettavo qualcosa di più. La storia è anche interessante, ma lo stile a volte sconfina p ...continua

    Leggendo la scrittrice attualmente più quotata in Spagna, che ha vinto i premi letterari più prestigiosi....mi aspettavo qualcosa di più. La storia è anche interessante, ma lo stile a volte sconfina proprio nell'Harmony più elementare.

    ha scritto il 

  • 3

    La trama è più interessante di quanto mi aspettassi, ma a lungo andare mi ha un po' stufato e la protagonista non mi è piaciuta. Nel complesso una buona lettura, ma non credo me ne ricorderò a lungo. ...continua

    La trama è più interessante di quanto mi aspettassi, ma a lungo andare mi ha un po' stufato e la protagonista non mi è piaciuta. Nel complesso una buona lettura, ma non credo me ne ricorderò a lungo.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per