Il ritratto di Dorian Gray

Di

Editore: Garzanti (I grandi libri)

4.3
(30925)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Chi tradizionale , Giapponese , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Olandese , Catalano , Finlandese , Greco , Turco , Polacco , Basco , Ceco , Galego

Isbn-10: A000110342 | Data di pubblicazione:  | Edizione 10

Traduttore: Marco Amante

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Altri , Cofanetto , Copertina morbida e spillati , Non rilegato , Rilegato in pelle , eBook , CD audio

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il ritratto di Dorian Gray?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Romanzone capolavoro della letteratura inglese, molto attuale, scritto benissimo e bla bla bla, sì sì, senza dubbio, però... però i personaggi sono un branco di fatui dandy danarosi, vanitosi e decade ...continua

    Romanzone capolavoro della letteratura inglese, molto attuale, scritto benissimo e bla bla bla, sì sì, senza dubbio, però... però i personaggi sono un branco di fatui dandy danarosi, vanitosi e decadenti, ossessionati all'apparenza. Manco a dirlo, posseggono almeno una caratteristica eccezionale (ricchezza, bellezza, talento...), che li fa spiccare rispetto alla rozzezza degli indidui comuni come rose in un campo di erbacce. Ogni volta che aprono bocca, pronunciano frasi argute e caustiche, con aria detestabilmente annoiata. In sostanza, sembrano degli eroi romantici marciti. Risultato: se è questo l'estetismo, allora davvero sfida il mio senso del ridicolo.

    https://www.youtube.com/watch?v=kzcK5v7C38Q

    ha scritto il 

  • 4

    Essere o non essere, questo è il dilemma

    Il ritratto di Dorian Gray è un romanzo che ci fa riflettere sui valori della vita: È meglio essere o apparire? Bisogna essere egoisti farsi tentare e godere di tutte le frivolezze della vita o cercar ...continua

    Il ritratto di Dorian Gray è un romanzo che ci fa riflettere sui valori della vita: È meglio essere o apparire? Bisogna essere egoisti farsi tentare e godere di tutte le frivolezze della vita o cercare di vivere nel rispetto e nella considerazione anche degli altri? Restare giovani a tutti i costi o vivere con naturalezza apprezzando la vita anche con il passare degli anni?
    Credo che oggi il sistema di società che ci viene imposto porti sempre di più a creare e seguire modelli alla Dorian Gray, persone superficiali portate solo a valorizzare la bellezza esteriore e molto meno quella interiore ma senza un ritratto o uno specchio che possa rivelare loro la vera identità.

    ha scritto il 

  • 4

    Sempreverde

    Recensione #21

    Su questo romanzo è già stato detto e scritto tanto, sicuramente da gente molto più navigata di me in certi campi. Questo è stato il primo libro dalle tematiche omosessuali che ho letto ...continua

    Recensione #21

    Su questo romanzo è già stato detto e scritto tanto, sicuramente da gente molto più navigata di me in certi campi. Questo è stato il primo libro dalle tematiche omosessuali che ho letto, sebbene velatamente mostrate. Un romanzo in perfetto stile wildiano, di denuncia al bigottismo sociale che nell'Inghilterra d'età vittoriana la faceva da padrone, scritto con in chiaro gusto d'estetica materiale. Un libro che invita a riflettere sui paradisi oscuri della nostra anima, ed accettarli per quello che sono. Un sempreverde della letteratura, capace di ammaliare a distanza di secoli intere generazioni. Con successiva popolarizzazione della figura di Oscar Wilde, ahimè, ma questa è un'altra storia.

    ha scritto il 

  • 5

    La scoperta della parte oscura di me

    Letto nei primissimi anni di università, mi ha insegnato a riconoscere in me stessa un lato oscuro che non sapevo di avere. A guardare nel fondo del pozzo e riconoscere il mio viso, e accettarlo come ...continua

    Letto nei primissimi anni di università, mi ha insegnato a riconoscere in me stessa un lato oscuro che non sapevo di avere. A guardare nel fondo del pozzo e riconoscere il mio viso, e accettarlo come qualcosa che mi appartiene. Un momento di crisi e di crescita enorme. Rivedo ogni istante di quel periodo di intossicazione, e sono grata per averlo potuto sperimentare. Devo a questo libro gran parte delle situazioni più pericolose e affascinanti che ho avuto il coraggio di sperimentare.

    ha scritto il 

  • 4

    Elegante

    Appena lo si inizia leggere si viene subito immersi nel tipico mondo altolocato inglese, ricoperto di maniere educate, snobismo ed un lessico incantevole. I personaggi della trama, infatti, sono solit ...continua

    Appena lo si inizia leggere si viene subito immersi nel tipico mondo altolocato inglese, ricoperto di maniere educate, snobismo ed un lessico incantevole. I personaggi della trama, infatti, sono soliti svolgere attività volte a "far nulla", come d'altronde loro stessi dicono.
    Intrigante, inoltre, la trama che rende il romanzo unico nel suo genere.
    Il bel finale mi ha convinto ad attribuirgli 4 stelle.

    ha scritto il 

  • 5

    Averlo letto in inglese non è stata una passeggiata... Devo dire che è stato di facile comprensione, il lessico insieme alle varie espressioni usate rendono la lettura di questo libro leggera e piacev ...continua

    Averlo letto in inglese non è stata una passeggiata... Devo dire che è stato di facile comprensione, il lessico insieme alle varie espressioni usate rendono la lettura di questo libro leggera e piacevole.

    ha scritto il 

  • 5

    Il ritratto di Dorian Gray

    Semplicemente un capolavoro. L'idea che un quadro possa invecchiare per te, mi manda fuori di testa... Se poi si legge la storia di Oscar Wilde, morto miserabile per non essersi piegato alla bigotteri ...continua

    Semplicemente un capolavoro. L'idea che un quadro possa invecchiare per te, mi manda fuori di testa... Se poi si legge la storia di Oscar Wilde, morto miserabile per non essersi piegato alla bigotteria della società inglese del tempo, rende ancora più immortale questo libro.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per