Il segreto del bosco vecchio

Di

Editore: Il Narratore Audiolibri

3.9
(1777)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: CD audio | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: 8888211411 | Isbn-13: 9788888211411 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Paperback

Ti piace Il segreto del bosco vecchio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
40 cap
Ordina per
  • 4

    “Vagano sovente per le vallate deserte desideri funesti, di origine sconosciuta. Essi prosperano nella solitudine, infiltrandosi nel fondo del cuore […]”

    ha scritto il 

  • 4

    recensione a cura di lunaticamente.com

    Linck alla recensione: http://www.lunaticamente.com/recensioni-di-libri/item/60-il-segreto-del-bosco-vecchio-di-dino-buzzati.html

    Premetto che non avevo letto nulla di questo autore e che ho comprato ...continua

    Linck alla recensione: http://www.lunaticamente.com/recensioni-di-libri/item/60-il-segreto-del-bosco-vecchio-di-dino-buzzati.html

    Premetto che non avevo letto nulla di questo autore e che ho comprato il libro in un momento in cui avevo necessità di immergermi nella natura (almeno psicologicamente).
    E' sicuramente una storia che va ad interpretazione personale e ci si potrebbe perdere in discussioni eterne.
    Pieno di metafore e simboli, ti porta nel mondo "fantastico" del Bosco Vecchio.
    Scusatemi per questa piccola parentesi pessimista che vi farò, ma ultimamente forse per la poca stima che ho nei confronti del genere umano, mi balena in testa la costante sensazione che "siamo sempre i soliti che roviniamo tutto".
    Ebbene si, siamo quelli che per rabbia e per frustrazione vediamo complotti dietro ogni angolo.
    Siamo quelli che se hanno la possibilità di stare bene cercano sempre il male.
    Siamo quelli che cercano di distruggere il lato infantile e genuino delle persone.
    Siamo quelli che pur di seguire gli schemi faremmo piazza pulita del mondo circostante.
    "I geni" sono personaggi incredibili, i custodi degli alberi che sono in grado di trasformarsi in persone per poter comunicare e "adeguarsi" al mondo esterno. Mi fanno verire in mente i "Kodama" della Principessa Mononoke di Hayao Miyazaki.
    E' riuscito a rendere l'idea che voleva dare dell'aspetto umano, sempre pronto a distruggere ciò che non conosce o ciò di cui ha paura.
    Buzzati ha dato voce al bosco, agli animali e al vento con incredibile maestria.
    L'ho trovato attuale e veritiero. Si evince dalle sue parole una sorta di malinconia dell'infanzia, il periodo più fantastico e pieno di magia che un bambino può vivere nella sua intera vita, fatta di cose meravigliose ma anche di incubi terrificanti come le corna di un toro.
    Questo tema è contrapposto dall'età adulta rappresentata dal colonnello al quale tutto disturba e niente affascina se non il pieno controllo di ciò che è materiale; questo motivo lo spinge alla solitudine, al fare male e a vivere tristemente con un cuore di ghiaccio.
    Ma niente è perduto...
    La scrittura è paragonabile alla poesia perché le parole scorrono come musica.
    Lo consiglio vivamente a tutti perché fa pensare.
    E a mio avviso un libro che fa pensare è un libro che bisogna leggere!
    Blacky

    ha scritto il 

  • 4

    Un'altra piccola grande perla firmata Dino Buzzati, allora 29enne, ma già con tutti i suoi tipici temi.

    "...lasciò passare adagio il tempo, il tempo meraviglioso che s'ingrandisce d'ora in ora, inghio ...continua

    Un'altra piccola grande perla firmata Dino Buzzati, allora 29enne, ma già con tutti i suoi tipici temi.

    "...lasciò passare adagio il tempo, il tempo meraviglioso che s'ingrandisce d'ora in ora, inghiottendo senza pausa la vita, e accumula con pazienza gli anni, diventando sempre più immenso."

    Questa storia è come una fiaba che racconta della paura di mostrarsi davvero per ciò che si è e di quel magico periodo dell'infanzia che precede la caduta delle illusioni e dell'innocenza col passaggio ad un'altra età.
    E poi io resto incantata quando a parlare sono i venti e gli animali della foresta, quando gli alberi sono abitati da genii e a mezzanotte i fantasmi bussano letteralmente all'uscio di casa...

    "...il tuo cuore sentiva bisogno di caldo e non lo hai voluto mai dire. Ti vergognavi, colonello? Ti vergognavi d'essere un uomo? D'essere come tutti gli altri?"

    ha scritto il 

  • 4

    Come si vede dalle stelle, resto convinto che Buzzati sia stato uno scrittore formidabile - penna raffinata, educata, garbata. Il suo rimane uno scrivere semplice, con nomi che ricordano l'Italia cont ...continua

    Come si vede dalle stelle, resto convinto che Buzzati sia stato uno scrittore formidabile - penna raffinata, educata, garbata. Il suo rimane uno scrivere semplice, con nomi che ricordano l'Italia contadina di 60 anni fa e le sue leggende, che racconta con ariosità fantasia e compostezza; stile meravigliosamente soave e composto, secondo me, sia che tratti di argomenti angosciosi e drammatici che si occupi di buffi e surreali intermezzi.

    Questa, come dicono in altre recensioni, è una fiaba ma fa impressione l'abilità narrativa di un Buzzati appena 28enne, che si cala in un genere difficile come il racconto fantastico con grande mestiere. L'humus è quello dei racconti della società contadina italiana di un tempo, sospesi fra il reale e il fantastico: tutto richiama quell'epoca, a partire dai nomi, che più tradizionali non si può.
    Poi c'è anche la metafora, quella duplice del rapporto uomo-ambiente e più marcatamente adulto-ambiente (che il punto di vista dei bambini è tutta un'altra cosa) e il percorso di redenzione di chi ha perso la retta via e di chi l'inutilità si è divorato.

    Bello, dolce, intelligente, composto. Non a caso Ermanno Olmi, uno a cui l'umanità e la semplicità delle cose sono sempre interessate molto, ci ha fatto un film. Racconto che è un pò fiaba e un pò romanzo di formazione (non so perché, ma a leggerlo mi è sovvenuto alla mente quel brogliaccio odioso e iper-mega-super-sopravvalutato de Il giovane Holden ). Si legge in un fiato. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 3

    Il segreto del Bosco Vecchio era presente quest’anno nella lista di libri consigliati per le vacanze estive tra la prima e la seconda media - …ops, scusate, tra il primo e il secondo anno di “scuola s ...continua

    Il segreto del Bosco Vecchio era presente quest’anno nella lista di libri consigliati per le vacanze estive tra la prima e la seconda media - …ops, scusate, tra il primo e il secondo anno di “scuola secondaria di primo grado” – e, nonostante l’età, per soddisfare la fame di libri, lo divoro in un paio di sere. 11 – 12 anni è l’età giusta per immergersi in questo breve romanzo a metà tra il reale e il fantastico, dove i personaggi sono esseri umani, animali ed elementi naturali, che tra loro comunicano e si influenzano vicendevolmente. Non è proprio una fiaba, perché scritto in uno stile quasi giornalistico, e neppure trasgressivo, perché a suo tempo doveva convincere la censura fascista. Ci sono l’ex colonnello Sebastiano Procolo che ha ricevuto in eredità il Bosco Vecchio e lo vuole far fruttare, suo nipote Benvenuto a cui resta l’altra parte dei terreni del defunto (quella più produttiva) e deve risolvere una serie di problemi di salute, i “geni”, entità fantastiche che custodiscono il Bosco e con lui vivono in simbiosi, il vento Matteo che vuole dimostrare la sua forza. Tutti comunicano con tutti. Sebastiano, per avarizia ed egoismo, trascina se stesso nei peggiori pensieri per poi riscoprire il contatto con la natura, l’affetto per il nipote e la redenzione finale; Sebastiano lascia l’infanzia per affrontare il mondo degli adulti; i “geni” devono difendere il Bosco dai propositi distruttivi del colonnello che raggiunge un accordo con il vento Matteo, già occupato ad accettare l’avanzata di una lenta ma inesorabile debolezza. In questo confluire di interessi si intravede un’unica possibilità di sopravvivenza: il rispetto reciproco nella convivenza tra esseri umani e tra uomo e natura.

    ha scritto il 

  • 5

    80 anni sono trascorsi dalla pubblicazione di questo libro, non c'è più la guerra in Etiopia, non ci sono più Mussolini ed Hitler...ma il tema della salvaguardia della propria libertà intellettuale e ...continua

    80 anni sono trascorsi dalla pubblicazione di questo libro, non c'è più la guerra in Etiopia, non ci sono più Mussolini ed Hitler...ma il tema della salvaguardia della propria libertà intellettuale e della difesa delle proprie idee, anche se fuori dal coro, è più che mai attuale...
    Così, ora, come allora, se non si vuole perdere il contatto con i valori veri e profondi della vita, è fondamentale conservare uno sguardo innocente e uno spirito puro...come i bambini...
    ...ovunque ci troveremo, potremo sentire la voce degli alberi, degli uccelli e degli animali...potremo ascoltare la voce...e anche il silenzio del vento...magari mentre riposa fra le maglie della rete di un peschereccio o cullato dal dolce rollio di un trabaccolo ormeggiato in porto...
    Il "Bosco Vecchio" può essere ogni luogo...lo vedi? Lo senti?

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per