Il tenente del diavolo

Di

Editore: Club degli Editori (Un libro al mese)

3.6
(49)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 518 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000007662 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Francesco Saba Sardi

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il tenente del diavolo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Romanzo storico e insieme giallo rigorosamente documentato: delitto e processo nella Vienna del 1909.
Ordina per
  • 5

    Promozioni velenose, una piacevole scoperta su una bancarella

    Impero austroungarico 1909.
    Il fresco di nomina, capitano Richard Mader, viene trovato morto dopo aver assunto un tonico afrodisiaco ricevuto per posta. Anche altri nove nuovi tenenti ricevono lo stes ...continua

    Impero austroungarico 1909.
    Il fresco di nomina, capitano Richard Mader, viene trovato morto dopo aver assunto un tonico afrodisiaco ricevuto per posta. Anche altri nove nuovi tenenti ricevono lo stesso tonico ma si salvano. Scattano le indagini ed il tentativo di non trapelare questo grosso scandalo.
    Il capitano Emil Kunze ha già il suo colpevole: il mansueto ed anonimo Peter Dorfrichter, il quale, nonostante gli ottimi risultati, non è stato nominato.
    Braccato dai militari, Peter rimane impassibile e sfrontato; per queste ragioni il capitano Kunze instaurerà col sospettato un rapporto torbido e pieno di tensione che lo porterà a risolvere il caso più importante della sua carriera.

    Io l ho trovato davvero molto bello, sarà che amo quel periodo storico, ma il romanzo è ben raccontato e mai banale. Trovo delicato il modo in cui viene trattato il tema dell'omosessualità, velata, quasi nascosta, rifacendosi all'epoca in cui il personaggio è calato. L'ossessione detective/killer è tipica dei polizieschi, ma con sfumature, anche quotidiane, davvero piacevoli, alleggeriscono la narrazione e rendono il personaggio più umano. La trama ed il ritmo incalzante tengono viva l'attenzione di chi legge. I personaggi hanno una propria e forte personalità, che danno spessore alla storia. I dialoghi, i mezzi di trasporto, il modo di indagare, la dignità dei personaggi, ti fanno calare in quell'epoca dall'aria magica che di lì a qualche anno verrà tragicamente interrotta per sempre.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    La lettura è spesso piacevole, belle le descrizioni e il tratteggio dei personaggi. A volte è un po' lenta e anche noiosa, poi si riprende con un filo di suspense.
    La cosa veramente tragica è che ti a ...continua

    La lettura è spesso piacevole, belle le descrizioni e il tratteggio dei personaggi. A volte è un po' lenta e anche noiosa, poi si riprende con un filo di suspense.
    La cosa veramente tragica è che ti aspetti da un momento all'altro il colpo di scena alla Hitckok, dici "ecco adesso verrà" e non arriva mai, nemmeno alla fine, nemmeno all'ultima pagina: te l'aspetti e rimani deluso. Sembra un po' Il deserto dei Tartari. Peccato.

    ha scritto il 

  • 0

    Gli scrittori - qui le scrittrici - ungheresi mi sono sempre piaciuti:)

    Che siano alcove,caserme o prigioni la suspance garbatamente s'insinua tra le uniformi imperiali come un venticello imprevedibile.

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo. Un thriller con sfumature psicologiche. Cito dalla 2a di copertina.

    Il tenente del diavolo
    1909: Richard Mader, un giovane ufficiale dell’Imperial-regio esercito austroungarico, appena pro ...continua

    Bellissimo. Un thriller con sfumature psicologiche. Cito dalla 2a di copertina.

    Il tenente del diavolo
    1909: Richard Mader, un giovane ufficiale dell’Imperial-regio esercito austroungarico, appena promosso allo Stato Maggiore, riceve per posta un «afrodisiaco», lo inghiotte speranzoso e subito muore tra atroci dolori: l’afrodisiaco era un veleno. Solo il caso salva la vita di altri nove destinatari dell’infernale mistura, suoi commilitoni. È l’esordio di uno scandalo celeberrimo, destinato a scuotere dalle fondamenta un impero già vacillante e che pone drammaticamente a confronto il giudice istruttore militare, il capitano Emil Kunze, e il presunto colpevole, il bel tenente Peter Dorfrichter: un sottile gioco tra gatto e topo, complicato da sentimenti, assai poco ortodossi invero, del giudice per la sua « vittima», nonché dall’intervento di altissimi personaggi i quali hanno capito come il «caso Dorfrichter» rischi di svelare di che lacrime e di che sangue grondino gli scettri e quanto fragile sia la struttura politica e sociale del coacervo austroungarico, È un mondo agonizzante, ma che appare amabilissimo, civilissimo, nella rievocazione precisa e sapiente che ne dà Maria Fagyas, che si avverte percorsa da un’insanabile nostalgia per quello che fu — con i suoi pregi e i suoi vizi — l’oramai scomparso Mitteleuropa. Questo romanzo storico, perfettamente documentato e rigorosamente «vero», non è dunque soltanto un «giallo» intessuto di sensibili penetrazioni psicologiche, ma anche e soprattutto un’elegante e abile tranche de vie. Sullo sfondo di una Vienna decadente, si stagliano personaggi favolosi, il vecchio imperatore, il maniacale erede al trono, i generali che non avrebbero salvato l’impero, e i «caratteri» tipici, gli ussari e le belle donne facili, il popolino, l’ebreo galiziano, il fedele funzionario di Cecco Beppe... Un mondo che non s’aspettava e che forse non meritava la tempesta destinata a travolgerlo, la Grande Guerra, che qui sentiamo rumoreggiare lontana, crescere e finalmente colpire spietata in un dolcissimo e atroce crepuscolo.

    PS. Ne venne fatto un film, introvabile, nel 1983 in Germania.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro che lascia il segno

    Esercito austro-ungarico dal 1909 all'inizio della prima guerra mondiale. Dieci cialde con arsenico, spacciate per afrodisiaci, vengono recapitate a dieci ufficiali uno dei quali muore. Il capitano Ku ...continua

    Esercito austro-ungarico dal 1909 all'inizio della prima guerra mondiale. Dieci cialde con arsenico, spacciate per afrodisiaci, vengono recapitate a dieci ufficiali uno dei quali muore. Il capitano Kuunze indaga tenacemente per scoprire il colpevole lottando fino all'ultima pagina con i propri e altrui demoni. I personaggi hanno un notevole spessore psicologico, ben dilineati anche nella descrizione fisica.

    ha scritto il