Il vecchio e il mare

Di

Editore: Mondadori-De Agostini

4.0
(16422)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 172 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Catalano , Spagnolo , Galego , Portoghese , Francese , Tedesco , Svedese , Olandese , Giapponese

Isbn-10: A000056165 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Sport, Attività all\'aperto & Avventura

Ti piace Il vecchio e il mare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Un bel racconto, mi è piaciuto molto. E' volato via in mezza giornata. Ormai è così famoso che si "autosostiene" anche senza ulteriori recensioni positive. Leggetelo.

    ha scritto il 

  • 4

    "Guardò il mare e capì fino a che punto era solo, adesso. Ma vedeva i prismi nell'acqua scura profonda, e la lenza tesa in avanti e la strana ondulazione della bonaccia. Le nuvole ora si stavano forma ...continua

    "Guardò il mare e capì fino a che punto era solo, adesso. Ma vedeva i prismi nell'acqua scura profonda, e la lenza tesa in avanti e la strana ondulazione della bonaccia. Le nuvole ora si stavano formando sotto l'aliseo e guardando davanti a sé vide un branco di anatre selvatiche stagliarsi di nuovo, e capì che nessuno era mai solo sul mare."

    L'ho letto tutto in una notte, senza pause.
    Molti me lo hanno presentato come il libro più palloso del mondo. A me invece è piaciuto molto. Mi sembrava di essere lì, in mezzo al mare, sotto le stelle, a combattere disperatamente contro l'inevitabile, e a sognare leoni sulla spiaggia.

    “«Riposati bene, uccellino» disse. «Poi vai e rischia quel che devi rischiare come qualsiasi uomo o uccello o pesce.»”

    “«Avrei bisogno di una pietra, per il coltello» disse il vecchio dopo aver esaminato la legatura sull’impugnatura del remo. «Avrei dovuto portare una pietra.»
    Avresti dovuto portare molte cose, pensò. Ma non le hai portate, vecchio. Ora non è il momento di pensare a quello che non hai. Pensa a quello che puoi fare con quello che hai.
    «Mi dai un po’ troppi buoni consigli,» disse ad alta voce. «Mi hai seccato.»

    ha scritto il 

  • 5

    Uno dei miei libri preferiti. Una piccola storia, in un piccolo libro, scritta magistralmente con quello stile unico che Hemingway riusciva a donare ai suoi racconti.

    ha scritto il 

  • 4

    Hemingway giudica 'Il vecchio e il mare' il suo capolavoro, sicuramente è un libro intimista;senza nessuna distrazione si concentra esclusivamente sul rapporto che il vecchio ha con il mare, con il pe ...continua

    Hemingway giudica 'Il vecchio e il mare' il suo capolavoro, sicuramente è un libro intimista;senza nessuna distrazione si concentra esclusivamente sul rapporto che il vecchio ha con il mare, con il pesce,con la sua sfortuna e con la sua vita. Certamente è un libro che ti immerge nel mondo che racconta e forse proprio per questa sua natura può lasciare un gusto amaro in bocca...una sensazione che forse qualcosa ci è sfuggito...

    ha scritto il 

  • 5

    Divorato in un giorno.. lascia in bocca un languido sapore di tristezza e di sale, di rivincita, di sangue e sconfitta, di amicizia e forza interiore.
    Scorre veloce, come la barca con la vela rattoppa ...continua

    Divorato in un giorno.. lascia in bocca un languido sapore di tristezza e di sale, di rivincita, di sangue e sconfitta, di amicizia e forza interiore.
    Scorre veloce, come la barca con la vela rattoppata che accompagna Santiago

    ha scritto il 

  • 4

    Frasi dal libro

    “Era un vecchio che pescava da solo su una barca a vela nella Corrente del Golfo ed erano ottantaquattro giorni ormai che non prendeva un pesce.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2016/08/19/il-vecc ...continua

    “Era un vecchio che pescava da solo su una barca a vela nella Corrente del Golfo ed erano ottantaquattro giorni ormai che non prendeva un pesce.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2016/08/19/il-vecchio-e-il-mare-ernest-hemingway/

    ha scritto il 

  • 5

    Scritto in modo magistrale

    Il vecchio ed il mare è un romanzo breve che racconta una storia semplice. Per questo potrebbe non essere apprezzato da tutti. Ma, per quel che mi riguarda, è anche un romanzo scritto in modo magistra ...continua

    Il vecchio ed il mare è un romanzo breve che racconta una storia semplice. Per questo potrebbe non essere apprezzato da tutti. Ma, per quel che mi riguarda, è anche un romanzo scritto in modo magistrale, con un’eleganza ed una sobrietà che è tipica solo dei grandissimi autori. Non è un caso che Il vecchio ed il mare sia considerato l’opera migliore di Ernest Hemingway. In poche pagine racchiude la vita di un pescatore e, metaforicamente, la vita di ognuno di noi.
    La trama di Il vecchio ed il mare è davvero scarna ma questo non toglie assolutamente forza a questo bellissimo romanzo perché quello che è raccontato basta per emozionare e far riflettere.
    Trovo che in questo romanzo Hemingway abbia saputo raccontare molte sfumature dell’animo umano senza parlarne mai direttamente. Tutto si coglie tra le righe, nei pensieri del vecchio e nelle azioni del ragazzo.
    Il finale è dolce amaro, proprio come la vita.

    Recensione completa con curiosità e citazioni: http://www.mr-loto.it/il-vecchio-e-il-mare.html

    ha scritto il 

  • 3

    SANTIAGO è un vecchio pescatore che da 84 giorni non prende più un pesce, e anche il suo aiutante, il giovane MANOLIN, ha dovuto lasciarlo per pescare su una barca più fortunata. Santiago esce come se ...continua

    SANTIAGO è un vecchio pescatore che da 84 giorni non prende più un pesce, e anche il suo aiutante, il giovane MANOLIN, ha dovuto lasciarlo per pescare su una barca più fortunata. Santiago esce come sempre e fa abboccare un enorme MARLIN, che tira la lenza per tre giorni, tre lunghissimi giorni, nei quali Santiago si ferisce alle mani, dorme pochissimo ed è quasi allo stremo delle sue forze. Ma anche il marlin è esausto, perciò Santiago riesce a ucciderlo. Durante il viaggio di ritorno, Santiago combatte e perde la sua battaglia contro gli SQUALI che a poco a poco divorano tutto il pesce, lasciandolo tornare a terra a mani vuote. A terra Manolin e gli altri abitanti del villaggio lo aspettano a braccia aperte, pronti a stargli vicino per consolarlo della grave perdita.

    Al mio alunno è piaciuto moltissimo. L'unico pesce che mangio è il tonno in scatola. Perciò leggere di pesci sventrati e mangiati crudi... bleah, avevo il voltastomaco. Non lo ritengo un gran capolavoro, o quanto meno non rientra nelle mie corde. Pazienza, non siamo tutti uguali! Vedo il rispetto, la dignità, la forza sia di Santiago che del marlin, ma forse lo leggo con gli occhi di chi poi dovrà scriverci un tema! Oppure, semplicemente, ha ragione Dwight Macdonald: sopravvalutato!

    * Tutto in lui era vecchio tranne gli occhi che avevano lo stesso colore del mare ed erano allegri e indomiti.
    * È stupido non sperare, pensò. E credo che sia peccato. Non pensare ai peccati, pensò. Ci sono abbastanza problemi adesso, senza i peccati.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per