Il viaggiatore notturno

Di

Editore: Feltrinelli

3.7
(1031)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 193 | Formato: Paperback

Isbn-10: 880781921X | Isbn-13: 9788807819216 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Viaggi

Ti piace Il viaggiatore notturno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Uno specialista di migrazioni animali siede su una vetta nel cuore del desertosahariano: attende il passaggio delle rondini. In quell'attesa, in queldeserto, si lascia contaminare dalla fiera saggezza del popolo dei tagil, fasua la sapienza della sua guida Jibril, consuma amore mercenario con laberbera Jasmina, ascolta il dimah Tighrizt, poeta itinerante. Da lì,viaggiatore della notte, l'irundologo misura la distanza dal mondo che altrovecontinua a collassare nel disordine della guerra e racconta a Jibril altrestorie di erranze e migrazioni: dell'orsa Amapola sorpresa nelle foreste dellaCarnia, dell'armeno Zingirian incontrato nel suo cammino, del principe polaccoPotocki, e della Perfetta, la donna che va lungo le strade del mondo.
Ordina per
  • 4

    Il padre tappollista; le rondini e gli orsi; la guerra nei balcani e la girovaga "Perfetta"; il deserto e père Focauld. Tanti temi, in un romanzo che all'inizio disorienta ma poi affascina.

    ha scritto il 

  • 2

    Scritto molto bene, a tratti poetico, soprattutto nella prima parte, ma anche nella seconda dove diventa più narrativo. Resta però fondamentalmente noioso, puro esercizio di stile, con un messaggio sc ...continua

    Scritto molto bene, a tratti poetico, soprattutto nella prima parte, ma anche nella seconda dove diventa più narrativo. Resta però fondamentalmente noioso, puro esercizio di stile, con un messaggio scarno, che da poco al lettore, almeno a me.

    ha scritto il 

  • 2

    La figura a cui l'Autore si ispira in questo libro è Charles de Foucauld, un religioso francese, che come recita la Nota posta alla fine del libro, visse "per più di vent'anni tra i tuareg, pregando D ...continua

    La figura a cui l'Autore si ispira in questo libro è Charles de Foucauld, un religioso francese, che come recita la Nota posta alla fine del libro, visse "per più di vent'anni tra i tuareg, pregando Dio e scrivendo molti libri in una capanna di pietra sulla vetta dell'Assekrem", nel sud dell'Algeria. Più che un romanzo vero e proprio, si tratta della narrazione di storie e personaggi più o meno leggendari che si concatenano e si intrecciano senza un apparente filo logico: dalle notti nel deserto allo studio delle migrazioni delle rondini, dall'orsa Amapola all'infanzia trascorsa in Liguria, dall'assedio di Tuzla fino alla guerra dei Balcani. Vincitore del Premio Strega del 2005 – restano sempre poco comprensibili i criteri letterari e narrativi con i quali si assegnano riconoscimenti così ambiti - si tratta di una lettura noiosa ed inutile che richiede un notevole sforzo di volontà per essere portata a termine, soprattutto per la disorganicità della trama che è praticamente inesistente.

    ha scritto il 

  • 3

    Addirittura il premio strega?

    Libro di forma: con un inizio promettente e una buona conclusione. Vocabolario curioso, stile poetico: affascinante. D'altra parte una disconnessione semantica costante rende la lettura faticosa: a vo ...continua

    Libro di forma: con un inizio promettente e una buona conclusione. Vocabolario curioso, stile poetico: affascinante. D'altra parte una disconnessione semantica costante rende la lettura faticosa: a volte è fuori luogo, a volte eccessivo. Come si lega il contenuto? Ed esempio, il filo conduttore tra le tre aree geografiche coinvolte poteva essere espresso e pesato più chiaramente.
    Personalemente, credo che abbia un suo stile, ma spesso ricade in formule di registro alla Baricco o De Luca - scrivere in 1 persona, quasi stesse parlando invece che scrivendo.
    Merita attenzione, ma addirittura il premio strega?
    Ho apprezzato l'umile nota finale dell'autore.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Ascoltate, è ancora il tramonto sul colle dell’Assekrem. Giallo, ocra, azzurro, oltremare, carminio. Cielo, terra, montagne e valli.
    Tutto......

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/v/il-via ...continua

    Ascoltate, è ancora il tramonto sul colle dell’Assekrem. Giallo, ocra, azzurro, oltremare, carminio. Cielo, terra, montagne e valli.
    Tutto......

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/v/il-viaggiatore-notturno-maurizio-maggiani/

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro premio Strega 2005 è piaciuto a quasi tutti i partecipanti di Buffet Letterario. Il libro è sia poetico sia enigmatico per questo per alcuni non è stato di facile lettura. Il libro ha sus ...continua

    Questo libro premio Strega 2005 è piaciuto a quasi tutti i partecipanti di Buffet Letterario. Il libro è sia poetico sia enigmatico per questo per alcuni non è stato di facile lettura. Il libro ha suscitato molti interrogativi proprio per la presenza di figure "metaforiche" come la perfetta. Abbiamo perciò deciso di interpellare lo scrittore stesso che con una gentilezza davvero commovente ci ha fornito nuove chiavi di lettura al romanzo stesso. Questo ci ha molto emozionato. Allo stesso tempo il libro è molto realistico perchè descrive in maniera minuziosa luoghi e avvenimenti reali e accaduti veramente come l'assedio di Tuzla. Questo libro possiamo definirlo una perla di rara bellezza. Sicuramente da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Da assaporare senza fretta

    Si viaggia con Maggiani, si viaggia lentamente e si godono odori, suoni, armonie.Ma non è una lettura semplice e scontata.
    Il protagonista del libro è un esperto di migrazioni animali che attende, sed ...continua

    Si viaggia con Maggiani, si viaggia lentamente e si godono odori, suoni, armonie.Ma non è una lettura semplice e scontata.
    Il protagonista del libro è un esperto di migrazioni animali che attende, seduto sopra un'altura nel cuore del deserto sahariano, il passaggio delle rondini.
    Quell'attesa è l'occasione per legare un numero imprecisato di storie, personaggi e sensazioni diverse tra loro.
    La scrittura è, limpida, elegante, suggestiva, a tratti un po’ misteriosa ed anche poetica. Lo stile di questo intreccio narrativo è però di un po’ complesso, come se lo scrittore avesse voluto mettere più libri in un solo libro e il risultato è senza dubbio impegnativo e faticoso. Si rischia un po’ di perdersi in questo viaggio di riflessioni solitarie.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per