Koniec świata i hard-boiled wonderland

By

4.3
(5389)

Language: Polski | Number of Pages: 478 | Format: idBinding_ | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Japanese , Chi simplified , German , French , Italian , Russian , Latvian , Dutch , Catalan , Spanish , Turkish , Portuguese

Isbn-10: 8373199543 | Isbn-13: 9788373199545 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Do you like Koniec świata i hard-boiled wonderland ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Questo è il primo libro di Murakami che leggo; nel complesso mi è piaciuto ma ho trovato abbastanza lenta la parte del paese delle meraviglie e di gran lunga più interessante e intrigante la parte del ...continue

    Questo è il primo libro di Murakami che leggo; nel complesso mi è piaciuto ma ho trovato abbastanza lenta la parte del paese delle meraviglie e di gran lunga più interessante e intrigante la parte della fine del mondo. La lettura è stata piacevole e scorrevole ma mi aspettavo di più dal finale. Mi sono fatta una domanda però...ma le due storie sono parallele oppure la fine del mondo inizia non appena finisce il paese delle meraviglie?

    said on 

  • 0

    Mi sento a dir poco in lutto. Questo è il sesto libro di Murakami che mi accingevo a leggere. Sono arrivata a pag70 con estrema fatica e ho dovuto abbandonarlo! Ora mi hanno regalato 1Q84 e non ho il ...continue

    Mi sento a dir poco in lutto. Questo è il sesto libro di Murakami che mi accingevo a leggere. Sono arrivata a pag70 con estrema fatica e ho dovuto abbandonarlo! Ora mi hanno regalato 1Q84 e non ho il coraggio di iniziarlo! Il mio autore preferito mi ha deluso e ora, esattamente come nelle relazioni amorose, faccio fatica a fidarmi di nuovo!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    Del 1985.
    Con questo ho chiuso con Murakami. Non si può leggere un libro con la paura che il finale sia schifoso. Già tutto il libro non mi è sembrato molto interessante, tranne l'invenzione finale.
    E ...continue

    Del 1985.
    Con questo ho chiuso con Murakami. Non si può leggere un libro con la paura che il finale sia schifoso. Già tutto il libro non mi è sembrato molto interessante, tranne l'invenzione finale.
    Ecco, il finale... Il protagonista deve scegliere tra 3 donne: una diciasettenne grassa e disponibile (e qui sorvoliamo sul fastidio), una bibliotecaria disponibile e una donna creata dalla propria fantasia e neanche tanto disponibile. Sceglie... la donna di fantasia! E sceglie di non vivere nel mondo reale ma in un suo mondo un po' noioso (da notare che nel mondo reale non aveva problemi particolari). Insomma, la storia di un solipsista. Viene voglia di mandarlo a quel Paese (non delle meraviglie).

    said on 

  • 4

    Al centro, sempre il cuore

    Un Murakami forse meno nebbioso e melanconico, che ti trascina come in un giallo nel percorso reale (e anche e sopratutto no, naturalmente, o non sarebbe Murakami) del suo protagonista. Che nonostante ...continue

    Un Murakami forse meno nebbioso e melanconico, che ti trascina come in un giallo nel percorso reale (e anche e sopratutto no, naturalmente, o non sarebbe Murakami) del suo protagonista. Che nonostante aspiri ad una vita di piccoli sani piaceri superstiti, viene coinvolto in un disegno superiore che ne farà polpette. O forse in ultima analisi no, perché si può sempre decidere il proprio finale.

    Una bella idea, ben scritta oltre che ben sviluppata ed avvincente. Rispetto a 'Norwegian wood', che era il mio unico riferimento, l'ho trovato più vitale e appassionante, e non necessariamente molto meno riflessivo. Ma forse, e giustamente, perché diverso ne era il contesto di scrittura. In questo caso senza dubbio più 'giocoso' e romanzesco, più fresco.

    E senza tralasciare il punto, ovvero il cuore e i suoi sentimenti. E la continua lotta tra il bisogno di distaccarsene (per quieto vivere) e la necessità vitale di amarli e rispettarli.

    said on 

  • 4

    I sentimenti non sono gocce di pioggia

    "Col passare degli anni, sono sempre meno le cose in cui si ha fiducia. Come i denti: a forza di strofinarci sopra si consumano. Non è che si diventa cinici, e nemmeno scettici, semplicemente ci si co ...continue

    "Col passare degli anni, sono sempre meno le cose in cui si ha fiducia. Come i denti: a forza di strofinarci sopra si consumano. Non è che si diventa cinici, e nemmeno scettici, semplicemente ci si consuma."

    said on 

  • 4

    Tra quelli che ho letto, mi pare il romanzo più ambizioso di Murakami. La storia è surreale, nella migliore tradizione dell'autore si può dire. Un'atmosfera quasi onirica impregna il racconto, che si ...continue

    Tra quelli che ho letto, mi pare il romanzo più ambizioso di Murakami. La storia è surreale, nella migliore tradizione dell'autore si può dire. Un'atmosfera quasi onirica impregna il racconto, che si alterna tra il "paese delle meraviglie" e "la fine del mondo". Il primo è una Tokyo futura in cui due organizzazioni si contendono le informazioni digitali. La seconda una città in cui nessuno desidera nulla, la gente è separata dalla propria ombra, priva di cuore e immortale. Teschi di unicorno sembrano collegare i due mondi, e contenere il bandolo della matassa.
    Nonostante l'atmosfera sia, almeno per me, claustrofobica e vagamente angosciante, il libro è decisamente affascinante, forse proprio (anche) per quello. L'elegante struttura dei due mondi immaginata dall'autore contiene ovviamente metafore del nostro, e un'analisi precisa e spassionata di alcuni dei suoi problemi.
    Da affrontare solo in caso di passione per Murakami (per cui certo non come prima lettura di questo autore), perché se no suppongo possa risultare illeggibile e irritante.

    said on 

  • 4

    Il solito eccellente stile di scrittura mantiene in piedi una trama che è forse è fra le più interessanti proposte dal nipponico Autore, trama che nonostante questo a volte si disperde ed alla fine re ...continue

    Il solito eccellente stile di scrittura mantiene in piedi una trama che è forse è fra le più interessanti proposte dal nipponico Autore, trama che nonostante questo a volte si disperde ed alla fine resta un po' in sospeso, come se fosse stata abbandonata a metà.
    E questa è la cosa che più mi disturba in Murakami: ha idee, ha capacità di esprimersi e poi si perde per strada.

    said on 

  • 3

    Una storia sconclusionata e surreale ma di una dolcezza e una poesia che accompagnano il lettore cullandolo dalla prima all'ultima pagina. "Stai cercando di recuperare gocce di pioggia cadute in un fi ...continue

    Una storia sconclusionata e surreale ma di una dolcezza e una poesia che accompagnano il lettore cullandolo dalla prima all'ultima pagina. "Stai cercando di recuperare gocce di pioggia cadute in un fiume"

    said on 

Sorting by