Krew elfów

By

Publisher: SuperNOWA

4.0
(683)

Language: Polski | Number of Pages: 295 | Format: Others | In other languages: (other languages) Spanish , English , German , French , Italian , Czech

Isbn-10: 8370540791 | Isbn-13: 9788370540791 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Do you like Krew elfów ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    Lo stile di scrittura è piuttosto semplice per i mie gusti, e ho trovato fastidioso qualche abuso dei dialoghi usati al posto di una, secondo me, più piacevole descrizione della scena. Geralt ha sempr ...continue

    Lo stile di scrittura è piuttosto semplice per i mie gusti, e ho trovato fastidioso qualche abuso dei dialoghi usati al posto di una, secondo me, più piacevole descrizione della scena. Geralt ha sempre il suo fascino stoico ma stavolta è un po' marginale, essendo Ciri la vera protagonista. Interessanti però anche gli altri personaggi secondari, accattivanti direi. Il vero punto debole resta la storia, troppo scarna, succede troppo poco, e soprattutto non viene spiegato quasi nulla, solo accennato, tanto da far sembrare tutto il romanzo l'inizio di un libro e non un libro completo. Per esempio le informazioni su cosa sia Ciri nel disegno globale sono troppo poche anche solo per attizzare la curiosità, eppure la vicenda sembra ruotare in gran parte attorno a lei, e anche l'ambientazione politica, che non è marginale, risulta confusa non essendoci informazioni per distinguere bene le varie fazioni. Non ultimo si sente anche la mancanza di una mappa. Se poi si considera che qualcuno potrebbe iniziare la lettura della saga direttamente da questo romanzo senza leggersi le due precedenti raccolte di racconti (io, non gradendo i racconti brevi, ne ho letta solo una per esempio), il libro dà davvero poco.
    Detto ciò mi leggerò anche il secondo sperando che la storia finalmente sbocci e il libro sia più gradevole.

    said on 

  • 4

    A costo di ripetermi continuo a dire che nonostante lo stile non sia dei migliori questa saga mi piace, e anche parecchio. Geralt mi affascina sopratutto dal punto di vista della personalità e Yennefe ...continue

    A costo di ripetermi continuo a dire che nonostante lo stile non sia dei migliori questa saga mi piace, e anche parecchio. Geralt mi affascina sopratutto dal punto di vista della personalità e Yennefer, che non mi fa impazzire, inizia a essere tratteggiata con qualche sfumatura in più.
    Comincia a intravedersi la linea politiche, gli intrighi e i giochi di potere che accompagnano la guerra contro Nilfgaard che fa da sfondo all'intera saga.

    said on 

  • 2

    Semi autoriali

    Primo capitolo della Saga incentrata sullo strigo Geralt di Rivia — preceduto da 2 antologie —, un umano modificato geneticamente per essere cacciatore di mostri.
    Premessa interessante, ma in realtà p ...continue

    Primo capitolo della Saga incentrata sullo strigo Geralt di Rivia — preceduto da 2 antologie —, un umano modificato geneticamente per essere cacciatore di mostri.
    Premessa interessante, ma in realtà più che di Geralt, abbastanza defilato, qui si fa la conoscenza di Ciri, una bambina di nobili discendenze e oggetto di un'antica profezia. Quest'ultima frase sarebbe bastata da sola a farmi cascare le braccia e passare ad altro, ma ho scelto questo autore per curiosità e all'oscuro dell'ambito. Meglio così, perché sebbene l'impianto sia dei più classici e abusati, razze antiche comprese, Sapkowski riesce a renderlo un po' meno favolistico e più coriaceo, meno banale, sebbene l'intero romanzo sia sostanzialmente una lunga introduzione a qualcosa che verrà dopo.

    I soliti ingredienti ci sono tutti e mi hanno colpito poco, ma si intravede una certa personalità autoriale che spero sbocci ulteriormente col prosieguo della Saga, magari migliorata nei dialoghi e nella rappresentazione della Magia.

    said on 

  • 4

    Ottimo...

    ... avevo già apprezzato molto le prime 2 antologie di racconti sullo strigo ma nel romanzo lungo a mio parere l'autore dà il meglio di sè, vi è più ampio respiro, la trama matura molto bene e la carr ...continue

    ... avevo già apprezzato molto le prime 2 antologie di racconti sullo strigo ma nel romanzo lungo a mio parere l'autore dà il meglio di sè, vi è più ampio respiro, la trama matura molto bene e la carrellata di comprimari è eccellente... unica pecca: finisce subito!

    said on 

  • 5

    ¿Qué tendrá este brujo que me engancha tanto?

    Hasta el momento es el libro que más me ha gustado, que más me ha enganchado y el que me ha dejado con ganas de leer más y más.
    En este tercer libro la historia se centra y ya se dejan de los relatos ...continue

    Hasta el momento es el libro que más me ha gustado, que más me ha enganchado y el que me ha dejado con ganas de leer más y más.
    En este tercer libro la historia se centra y ya se dejan de los relatos de las diferentes aventuras de Geralt, elemento que se agradece porque los dos primeros libros en la misma tónica son más que suficientes para conocer a los personajes principales y el oficio de Geralt.
    A continuación os voy a desgranar cuales han sido los elementos que más me han gustado de este libro: el más importante ha sido poder conocer Kaer Morhen, la fortaleza donde se crió Geralt y donde se transformó en el brujo que conocemos, además también conocemos a Vesemir, el hombre al que Geralt considera su padre; por otro lado también aparece un personaje “nuevo”, Triss Merigold, una hechicera amiga de Geralt de la que hemos oído hablar. Este personaje aporta frescura y además nos ayuda a cambiar un poco el concepto de hechicera que tenemos por Yennefer. Sinceramente espero y deseo que Triss salga más porque su personaje me encantó en el momento en que lo leí; también me gustaría destacar el pequeño y sutil cambio de opinión que he sufrido con respecto a Yennefer. Y es que ver su comportamiento con Ciri, tan diferente al que le procesa a Geralt, me ha hecho meditar durante un instante que quizá no sea tan mala como parece, y es que su comportamiento con Ciri es tan tierno en algunas ocasiones que me hace pensar que Yennefer tiene mucho que darnos.
    En La sangre de los elfos la cosa se empieza a poner seria. Se avecina una guerra y los elfos, los Scoia Tael están en el punto de mira. Los reyes se reúnen en secreto, planean y buscan elementos para ganar ventaja a lo que se avecina y Ciri, sin saberlo, se encuentra entre los planes de todos ellos. Nadie sabe con certeza si está viva o muerta, pero juegan con ella y su destino a su antojo. ¿Podría Geralt ayudarla? ¿Qué será de Ciri ahora que está bajo la tutela de Yennefer? Son muchas las preguntas que espero poder resolver en los próximos libros ya que aún queda mucho Geralt por leer.
    En resumen, Geralt me gusta, me encanta, me tiene enganchada y el nivel literario está muy alto. Espero que siga así y no decaiga.
    Nota: 9 “¿Qué tendrá este brujo que me engancha tanto?”.

    said on 

  • 3

    Un buon inizio

    Ho letto questo libro dopo aver terminato le due raccolte di racconti che lo precedono.
    L'universo raccontato è interessante e finalmente qua la storia prende il via in maniera affascinante.

    La vicend ...continue

    Ho letto questo libro dopo aver terminato le due raccolte di racconti che lo precedono.
    L'universo raccontato è interessante e finalmente qua la storia prende il via in maniera affascinante.

    La vicenda raccontata però non si conclude minimamente alla fine del libro e metto 3 stelle perché non mi appassiona la scrittura stile "serie TV".
    Va bene scrivere saghe ma pi piacerebbe un minimo di compiutezza alla fine di ogni "capitolo".

    said on 

  • 2

    Ho fatto uno strano giro per arrivare in questo libro. Vedo questo affascinante cristone con i capelli bianchi e la spada sulla schiena in uno spot di videogioco. Vado a vederlo muoversi nel videogioc ...continue

    Ho fatto uno strano giro per arrivare in questo libro. Vedo questo affascinante cristone con i capelli bianchi e la spada sulla schiena in uno spot di videogioco. Vado a vederlo muoversi nel videogioco mentre danza il suo balletto esiziale. Poi cerco sue immagini nell’internet di mia sorella e scopro che è il personaggio di una saga, daje. Così eccomi qui, a camminare e piroettare con lui, facendo lampeggiare la spada e gli occhi, sul sentiero laterale di una storia gigantesca, la storia di un mondo strutturalmente cattivo, arredato con la mobilia del signore degli anelli. E poi ci son maghi, nani, gnomi, elfi, grifoni, viverne, manca solo il liocorno.

    said on 

  • 2

    Finalmente, verso la fine, entra nel vivo la storia... interessante, però chiede un po' troppo ai lettori! Aspettare due libri praticamente nulli... Speriamo nell'ultimo...

    said on 

  • 0

    Se echa de menos el formato de relatos cortos, pero a la vez se agradece que todo empiece a girar alrededor de una historia con una trama central. El peso empieza a caer sobre el resto de personajes, ...continue

    Se echa de menos el formato de relatos cortos, pero a la vez se agradece que todo empiece a girar alrededor de una historia con una trama central. El peso empieza a caer sobre el resto de personajes, liberando un poco a Geralt de tanto protagonismo, en algunas partes he llegado a extrañar al brujo que tanto cariño cogí en los anteriores y que coño, es quien da nombre a la saga.
    En general, me ha gustado mucho, invito a leerlo y a seguir con la saga.

    said on 

Sorting by