Laços de família

Por

Editor: Editora Rocco

3.7
(180)

Language: Português | Number of Páginas: 136 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) Italian , English , Spanish

Isbn-10: 8532508138 | Isbn-13: 9788532508133 | Data de publicação: 

Category: Fiction & Literature

Do you like Laços de família ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
A Clarice Lispector se aplica, mais do que a nenhum outro escritor brasileiro, aquilo que em si próprio detectava o escritor argentino Julio Cortázar, como um estranhamento, el sentimento de no estar del todo – a sensação de não pertencer, descrita por Clarice: "Tenho certeza de que no berço a minha primeira vontade foi de pertencer... de algum modo devia estar sentindo que não pertencia a nada nem a ninguém... Quem sabe se comecei a escrever tão cedo na vida porque, escrevendo, pelo menos eu pertencia um pouco a mim mesma."

O desajustamento crônico às pessoas, ao círculo social, às correntes literárias, ao casamento, ao próprio amor foi uma constante na vida da menina russa exilada que se transformou numa das maiores expressões da literatura brasileira. Clarice alternava sua produção de romances, crônicas, livros infantis com contos. Nestes se mostrou uma mestra incomparável.

Laços de família, publicado pela primeira vez em 1960, e reeditado pela Rocco dentro do projeto que incluiu novo padrão gráfico e revisão da obra de Clarice pela especialista em crítica textual Marlene Gomes Mendes, é um tesouro da ourivesaria literária. São treze contos, hoje tidos como clássicos. Entre eles, os festejadíssimos "Amor", "O crime do professor de Matemática", "O búfalo" e "Feliz aniversário", adaptado para a televisão por Ziembinsky.

Neles os personagens são sempre surpreendidos por uma modalidade perturbadora do insólito, no meio da banalidade de seus cotidianos. Clarice cria situações onde uma revelação, que desconstrói e ameaça a realidade, desvela a existência e aponta para uma apreensão filosófica da vida. Em Laços de família, Clarice aprofunda sua técnica narrativa em uma abordagem quase fenomenológica.

Trata a solidão, a morte, a incomunicabilidade e os abismos da existência através da rotina de dona-de-casa ("Devaneio e embriaguez duma rapariga", "Amor", "A imitação da rosa"), do mergulho trágico em uma festa familiar nos 89 anos da matriarca ("Feliz aniversário"), da domesticação da natureza mais selvagem das mulheres ("Preciosidade", "O búfalo"), ou dos pequenos crimes cometidos contra a consciência, como o drama do professor de Matemática diante do abandono e da morte de um animal. São lições de vida na prosa definitiva e transcendente de uma sacerdotisa da nossa literatura.
Sorting by
  • 4

    "Il suo era l’apprendistato della pazienza, il voto dell’attesa. Dal quale forse non avrebbe più saputo liberarsi”

    Ho faticato un po’ ad entrare in sintonia con i racconti della Lispector. La narrazione in terza persona, i periodi brevi che si limitano a descrivere comportamenti, gesti, parole e soprattutto la cos ...continuar

    Ho faticato un po’ ad entrare in sintonia con i racconti della Lispector. La narrazione in terza persona, i periodi brevi che si limitano a descrivere comportamenti, gesti, parole e soprattutto la costruzione paratattica che trasporta gli avvenimenti in un eterno presente dominato da un’atmosfera di attesa e sospensione, mi attiravano sempre più dentro alla storia, sempre più avanti nella trama e contemporaneamente mi davano l’impressione che mi stessi perdendo qualcosa.
    Perché c’è sempre qualcosa che si è perso, che si è rotto, nei personaggi della Lispector, qualcosa da cui discende tutto il resto.
    Una raccolta che esplora - come detto nel titolo - l’universo della famiglia, le persone per quello che sono e per come interagiscono (o non interagiscono) tra loro. Mi viene in mente Felici i Felici, di Yasmina Reza: le due autrici affrontano pressappoco lo stesso argomento a cinquant’anni di distanza, anche se con una scrittura decisamente diversa, più compassionevole l’occhio della franco-iraniana, decisamente più “crudo” il punto di vista della scrittrice (ucraino-)brasiliana.
    Clarice Lispector osserva le dinamiche familiari, vite in bilico, e ce le restituisce senza ammorbidirle, senza provare a smussare gli angoli. Questa è la vita, – sembra volerci dire – questi siamo noi. Specchiamoci e riflettiamo su quello che i nostri occhi vedono. Nessuna indulgenza, nessuna assoluzione. Solo la nuda descrizione di quello che i personaggi provano.
    È un vivere difficile, quello che si racconta nelle pagine di Legami familiari, un vivere al quale non si può sfuggire, ma solo cercare di interpretare sforzandosi di farsi meno male possibile, agendo con circospezione, stando perennemente sulla difensiva.
    I personaggi della Lispector vivono soprattutto dentro se stessi, consapevoli che uscire dal guscio che si sono costruiti può rappresentare un rischio del quale non sanno calcolare la portata, accompagnati dalle “meschinità di una vita intima fatta di precauzioni”.
    Sono racconti che comunicano un senso di qualcosa che incombe, che rischia di succedere da un momento all’altro. Quello che vediamo è un mare nero, con le acque ferme, ma sotto intuiamo che c’è un agitarsi di correnti, un turbinio di emozioni e sentimenti, che salgono e scendono senza raggiungere mai la superficie, condannate a vivere compresse.
    Ecco, credo che proprio questa “tensione” sia la cifra di Legami familiari, una tensione che la Lispector dimostra di maneggiare con precisione ed efficacia, esprimendola al meglio quando descrive quell’ambivalenza affettiva dei personaggi sulla quale si è soffermata la psicanalisi.
    Qualche esempio:
    “Amava il mondo, amava quanto era stato creato – amava con repulsione. Così come era sempre stata affascinata dalle ostriche, con quel vago disgusto che l’approssimarsi della verità le provocava, mettendola in guardia.”
    “perché quella bellezza estrema la disturbava. La disturbava? Era un rischio. Ma, no, perché un rischio?, la disturbava solamente, erano un avvertimento, ma! no, perché un avvertimento?”
    “rifletté sulla crudele necessità di amare. Rifletté sulla malignità del nostro desiderio di essere felici. Rifletté sulla ferocia con la quale desideriamo giocare.”
    “qualcosa di simile alla felicità, non era ancora odio, ma una volontà tormentata di odio simile a un desiderio”

    Amore e odio, paura della verità, il bello che attrae e spaventa e poi tanta solitudine, anche questa cercata e fuggita al tempo stesso, ma alla quale i personaggi si votano per poter sopravvivere:
    “«Sono sola al mondo! Nessuno mai mi aiuterà, nessuno mai mi vorrà bene! Sono sola al mondo!»”
    “tutto quello che sentiva restava prigioniero dentro il suo petto, in quel petto che sapeva solo rassegnarsi, solo sopportare, solo chiedere perdono, che sapeva solo perdonare, che aveva imparato soltanto a possedere la dolcezza dell’infelicità, che aveva imparato solo ad amare, amare, amare. Pensò che non sarebbe mai riuscita a tradurre in azione quell’odio di cui era sempre stato fatto il suo perdono.”

    dito em 

  • 4

    Ghiaccio bollente

    Settimana scorsa ho conosciuto Suerte.
    Suerte è un levriero da corsa, molto simile a questo,
    http://www.levrieri.net/site/images/stories/fotocani/098.jpg
    la sua padrona lo porta (insieme ad altri tre ...continuar

    Settimana scorsa ho conosciuto Suerte.
    Suerte è un levriero da corsa, molto simile a questo,
    http://www.levrieri.net/site/images/stories/fotocani/098.jpg
    la sua padrona lo porta (insieme ad altri tre levrieri di taglia più piccola) a passeggio nei giardini dietro casa mia; è stato adottato per salvarlo da chi, dopo averlo sfruttato nelle corse clandestine, aveva decretato la sua soppressione (una fine che tocca a molti cani come lui). Ma Suerte non è un vecchio cane che non è più adatto alle corse: gli è stata amputata una zampa dopo un infortunio in gara.
    Un levriero (animale così armonioso, elegante) con tre zampe è uno spettacolo straziante, una bellezza mortificata. Mi sono avvicinata per accarezzarlo, ma lui è arretrato di un passo, guardandomi con i suoi occhi tristi e freddi. Però scodinzolava, e quel gesto mi diceva che dietro l’apparente freddezza c’era tutto un brulichio di istinti contrastanti che lottava per emergere.
    Non vorrei banalizzare troppo, ma leggere questi racconti è stato, in un certo senso, come guardare negli occhi Suerte.
    La Lispector è una scrittrice complessa, elegante, chirurgica, fredda, ma – se letta con attenzione – rivela grande originalità e profonda sensibilità nel portare alla luce ciò da cui vorremmo solo difenderci. La sua prosa non lascia indifferenti, sconvolge le donne e terrorizza gli uomini (almeno, così ho letto in un paio di commenti). Un’autrice poco conosciuta, ma di grande valore.

    ”E rifletté sulla crudele necessità di amare. Rifletté sulla malignità del nostro desiderio di essere felici. Rifletté sulla ferocia con la quale desideriamo giocare. E sul numero di volte in cui uccidiamo per amore.”

    dito em 

  • 4

    La prima cosa che noti, quando hai in mano questo libro, è l'immagine di copertina: una foto della scrittrice con il suo sguardo elegante, altero, distaccato. Ed è esattamente la prima sensazione che ...continuar

    La prima cosa che noti, quando hai in mano questo libro, è l'immagine di copertina: una foto della scrittrice con il suo sguardo elegante, altero, distaccato. Ed è esattamente la prima sensazione che provi non appena finisci di leggere anche l'ultimo racconto. C'è una gelida freddezza che attraversa ogni parola, uno sguardo impietoso del mondo, che quasi indispettisce ed allontana il lettore.
    Ma la verità è che quel distacco è solo apparente. Piuttosto, forse, funzionale.
    La Lispector ha una capacità di scrittura notevolissima, originale, elegante e spiazzante. Ma non è una scrittura che si rivela immediatamente. Tutto è sfumato, graduale. Ciò che rimane è solo l'essenziale.
    Alcuni racconti sono di una bellezza spietata e fulminea. Altri richiedono più tempo ed attenzione - tanto è ricco il linguaggio, evasivo, allusivo - per essere compresi, e finalmente amati.
    E alla fine scopri che, dopotutto, dietro quell'immacolata e accurata superficie di ghiaccio spunta fuori un brulicare feroce e straordinario di vita e di vite, che si muovono all’interno dei loro legami familiari e del mistero delle loro infinite possibilità.

    dito em 

  • 4

    Lispector

    Una grande scrittrice, poco conosciuta in Italia, ma considerata la maggiore scrittice brasiliana del Novecento. Ucraina naturalizzata brasiliana, viaggiò molto oltre a parlare più lingue, e si sente. ...continuar

    Una grande scrittrice, poco conosciuta in Italia, ma considerata la maggiore scrittice brasiliana del Novecento. Ucraina naturalizzata brasiliana, viaggiò molto oltre a parlare più lingue, e si sente. La sua scrittura è forte, originale, intensa, coinvolgente. La si apprezza ancora di più se si è donne a mio parere. Legami familiari è costituito da 13 racconti che evidenziano quello che di nascosto e misterioso avviene dietro le porte di casa nelle opprimenti interazioni tra i membri che vi abitano e dentro i loro animi tormentati.
    "..Perfino tagliare i propri difetti può essere pericoloso, non si sa mai quale sia il difetto che sorregge il nostro edificio intero.." (da una lettera a un'amica)

    dito em 

  • 0

    ascoltando radio padania sento un ascoltatore che dice
    "io nei bar dove vado non trovo mai il corriere della sera

    e mi fa piacere perché vuol dire che in quei bar non ci sono
    comunisti"
    (saranno state ...continuar

    ascoltando radio padania sento un ascoltatore che dice
    "io nei bar dove vado non trovo mai il corriere della sera

    e mi fa piacere perché vuol dire che in quei bar non ci sono
    comunisti"
    (saranno state le 18.50, 15 gennaio 2013)

    mi hanno tanato subito, ho pensato
    niente, domani, sul treno io tiro fuori critica marxista

    e se qualcuno mi dice qualcosa strizzerò l'occhio e
    se attacca bottone gli spiego come funziona l'editoria

    italiana. a me adesso il corriere della sera non me la fa più
    se devo dare dei soldi a dei comunisti

    io i soldi li schiaffo nel salvadanaio che ho in cucina
    la mia cucina

    e poi tra qualche mese me li spendo all'ikea
    perché anche l'ikea, ma adesso sto spifferando troppo

    e non voglio rubare la scena a nessun pifferaio

    dito em 

  • 4

    In questo libro i racconti rispecchiano la realtà della vita quotidiana come il bisogno di uscire dalla monotonia,il desiderio di libertà fuggendo da certi legami familiari,il bisogno di amare e di es ...continuar

    In questo libro i racconti rispecchiano la realtà della vita quotidiana come il bisogno di uscire dalla monotonia,il desiderio di libertà fuggendo da certi legami familiari,il bisogno di amare e di essere amati,l'incapacità di colmare i silenzi con le parole....ed è con queste storie che l'autrice scava nell'animo dei suoi personaggi e lo fa bene,con maestria.
    Ed allora se ho apprezzato il libro,perchè mi ha presa questa tristezza,questo quasi senso di fastidio?
    Quale particolare significato ho trovato nelle parole della Lispector?
    L'unica risposta che mi sono data è che forse lo scopo di una tale lettura sia proprio quello di far aprire gli occhi del lettore davanti alla sua quotidianità,analizzarla e verificare se ha un senso,capire quindi la differenza tra verità e finzione ed è per questo che apprezzo le pagine di questa autrice,pagine che possono essere crude ma inevitabilmente vere.

    dito em 

  • 5

    In questi racconti e anche leggendo quella sorta di postfazione che è “Superflue spiegazioni” - con cui termina “Legami familiari” - nella quale la Lispector accenna alle “fonti” che hanno ispirato i ...continuar

    In questi racconti e anche leggendo quella sorta di postfazione che è “Superflue spiegazioni” - con cui termina “Legami familiari” - nella quale la Lispector accenna alle “fonti” che hanno ispirato i singoli racconti, si ha l’impressione che la L., nella sua scrittura e nella sua immaginazione, sia dominata da impulsi profondi e sotterranei da cui sembra quasi venire inconsciamente guidata. Ciò pur nell’assoluto controllo e nell’assoluta padronanza del “gesto” narrativo intendendo il possesso di una capacità di scrittura notevolissima, originale, fluente e spiazzante.
    E’ come se il suo sguardo penetri inesorabile dentro tracce mnestiche che si porta dentro e ne svela la loro natura recondita: oscura e inquietante, in un certo senso persino spaventosa, come lei stessa ammette quando parlando del racconto “Il bufalo” dice: “Un giorno l’ho riletto e ho provato malessere e spavento” (pg.121)
    I racconti della L. sono visivamente degli scavi. E’ come se la L. aprisse uno scavo e ci facesse vedere che cosa si nasconde dentro questo scavo. Non ha nessun rilievo la “storia” dello scavo, né tanto meno il “futuro” dello scavo, anche perché si capisce bene che questi scavi non hanno neanche una speranza di futuro. E’ guardare dentro lo scavo che interessa alla L. ed è là dentro che porta anche noi. Non sono resti archeologici che troviamo in questi scavi, bensì essi ci appaiono come luoghi tombali, di cui mantengono la gelida freddezza marmorea, ma che dietro la levigata, tersa, immacolata superficie della lastra, nascondono un brulicare feroce e talora terribile di vita e di vite che vorrebbero uscire da quella tomba, vorrebbero liberarsi e liberare quelli e soprattutto quelle (perché la L., in questi racconti, appare una scrittrice molto femminile: per la sensibilità, per i personaggi, per lo stile) a cui appartengono.
    Ma questo non accade. Queste vite restano nello scavo in un ribollire muto e anestetizzato, in attesa del prossimo tentativo di riemersione.
    Il modo di gestire la “forma” racconto della L. è esemplare. Perché, di norma, un racconto non deve avere un prima e un dopo, bensì deve impressionare sulla pagina un fotogramma, deve essere la visione di una cosa, magari minore, banale, quotidiana, ma di quella sola cosa. Ed è questo che la L. fa.
    Ma da “quella sola cosa”, il più delle volte minore, banale, quotidiana, la L. ricava e suscita mondi che si aprono su scenari di esistenza e di esistenze assai più vasti di “quella sola cosa” di cui si sta parlano e ciò soprattutto per le implicazioni interiori, profonde, umane e disumane che essi hanno.
    Il titolo “Legami familiari” di questa raccolta non è casuale e, al di là di essere anche il titolo di uno dei racconti è, in realtà, quanto mai appropiato
    nel rendere l’insieme della tematica comune a questi 13 racconti
    In tal senso l’originale in portoghese “Laços de família” che, tradotto in modo meno linguisticamente appropiato, ma più crudamente letterale starebbe per “lacci familiari”, rende ancor meglio l’intenzionalità comune a questi racconti.
    Perché il tema ricorrente sono quelle cose misteriose e, al contempo, sordamente oscure, opache, per non dire crudeli che sono appunto i “legami familiari”, dove legami, qui, è tutt’altro che foriero di tenerezza. Al contrario è un nodo scorsoio al quale si rischia di restare impiccati, se non lo si è già impiccati senza essersene neanche accorti. Le famiglie della L. sono delle prigioni micidiali, dove ognuno è solo con se stesso. Nelle quali e dalle quali non ci si slega neanche a morire, salvo buttarsi a capofitto nelle profondità della propria anima per cercarvi rifugio e spiegazioni ma dove, per contrasto,
    osservandosi spietatamente, si avverte ancora di più la desolazione e l’orrore della propria situazione.
    E ammiro questa scrittrice da questo punto di vista, perché la L. è lontana anni luce dall’abusata e consunta retorica della “solarità” dei personaggi e delle famiglie che abitano tanta letteratura sudamericana e brasiliana in particolare, pur ambientando luoghi, personaggi, eventi in quel mondo, in cui lei era cresciuta e viveva.
    Perché quello di cui parla la L. in “Legami familiari” è tutto vero, anche in Brasile.
    E perciò ha ragione secondo me chi ha detto che nella letteratura brasiliana bisogna parlare di un’era prima della L. e di un’era dopo la L.: “La scrittrice francese Helene Cixous arriva ad affermare che nella letteratura brasiliana vi è uno stile A.C. (Antes da Clarice - Prima di Clarice) e D.C. (Depois da Clarice - Dopo Clarice).(Fonte: “Clarice Lispector” in Wilkipedia ) e, non a caso, A. Tabucchi, nella quarta di copertina, la definisce “forse la maggiore scrittrice portoghese di questo secolo”; (intendendo ovviamente il ‘900)
    E nel fare queste considerazioni non si può non tener conto che C. L. nacque in Ucraina da una famiglia ebrea (in casa sua crebbe parlando yddish) e pur essendosi trasferita in tenerissima età in Brasile, queste sue origini qualcosa sicuramente vogliono dire.
    Venendo nel merito dei singoli racconti, ve ne sono alcuni che sono di una bellezza spietata e carichi di un humor “nero” divertentissimo e, al contempo, raffinato, elegante, letterariamente squisito e, intellettualmente, di notevole spessore.
    In questo senso mi riferisco in particolare a: “La donna più piccola del mondo” e “Buon compleanno”.
    Ma è delizioso, pur nella sua iperbrevità, anche “Una gallina”, di cui, per riprendere il concetto di come la L. si accorga “dopo” degli impatti dei suoi scritti dice: “Una gallina è stato scritto in circa mezz’ora. Mi avevano chiesto un pezzo…e ho finito per non consegnarlo; finchè un giorno ho capito che quella era una storia interamente compiuta e ho capito con quale amore l’avevo scritta. Mi sono inoltre persuasa di avere scritto un racconto”.(pg. 119)
    A me è piaciuto molto anche “Preziosità”, anche se la L. un po’ lo ripudia: “Preziosità è un tantino irritante” (pg.120).
    Assai più introspettivi e in larga misura più dolorosi sono gli altri racconti, nei quali si “sentono” sia nei profili dei personaggi sia nello stile certi rimandi alla Woolf.
    Verrebbe da chiedersi in conclusione, se c’è un segnale che emerga da questi racconti a cui ci possiamo appoggiare. Pochi, anzi nessuno, secondo me, se guardiamo al mondo degli uomini, tanti, se guardiamo al mondo degli animali. Parlando di come le era nata l’ispirazione de “La donna più piccola del mondo” la L. dice: “…è come se io sentissi che gli animali sono una delle cose tuttora vicine a Dio, materia che non ha inventato se stessa, che è ancora calda dalla nascita, e nello stesso tempo, cosa che si mette immediatamente in piedi, viva fino in fondo, e che vive ogni istante per intero, mai poco alla volta, senza mai risparmiarsi, senza mai consumarsi” (pg. 121).
    E questi animali li troviamo amorevoli, simpatici, autorevoli in molti racconti: da “Una gallina” a “Il bufalo” a “Il delitto del professore di matematica”, nel quale la crudeltà di avere abbandonato un cane fa provare al professore un’umiliazione così forte, rispetto a cui, per contrasto, il cane abbandonato, così come descritto dalla L., ha un ”umanità” che nessun essere umano riuscirà mai ad avere. Laddove la “disumanità” oggettiva del professore assurge a “colpa originaria”, a condanna muta e atavica, comune a tutti gli esseri umani.
    Perché dietro il desiderio di amore e di amare, dietro la ricerca della felicità si annidano le parti più oscure di noi: ”E riflettè sulla crudele necessità di amare. Riflettè sulla malignità del nostro desiderio di essere felici. Riflettè sulla ferocia con la quale desideriamo giocare. E sul numero di volte in cui uccidiamo per amore.” ( pg.61)

    dito em 

  • 4

    Nel racconto Il bufalo una donna si trascina a stento per lo zoo della sua città con un obiettivo: imparare a odiare dagli animali.

    “Ma dove, dove trovare l’animale che le insegnasse a decifrare il pr ...continuar

    Nel racconto Il bufalo una donna si trascina a stento per lo zoo della sua città con un obiettivo: imparare a odiare dagli animali.

    “Ma dove, dove trovare l’animale che le insegnasse a decifrare il proprio odio? Quel sentimento che le apparteneva di diritto ma che non riusciva a raggiungere attraverso il dolore? Dove avrebbe imparato a odiare per non morire d’amore? E da chi? Il mondo a primavera era un mondo di bestie umanizzate che graffiavano ma senza far male … oh, voleva finirla con quel mondo, con quel profumo; con quell’ansimare sfibrato, con quella pietà per tutto quello che un giorno sarebbe morto, quasi fosse esistito solo per darsi.”

    dito em 

  • 0

    Impressioni a metà libro (il primo che leggo di lei).../ e a fine libro.

    Autrice originale, geniale, con una sensibilità ricca e interessante... Mi ricorda Yehoshua, o un film di Sorrentino... tiene avvinti e incatenati fino all'ultima parola, spesso da rileggere per cogli ...continuar

    Autrice originale, geniale, con una sensibilità ricca e interessante... Mi ricorda Yehoshua, o un film di Sorrentino... tiene avvinti e incatenati fino all'ultima parola, spesso da rileggere per coglierne tutta la profondità e i sensi... suoi e miei! Essì, perché smuove, stana... vaghe e profonde paure ed emozioni... Già mi viene la curiosità di rileggerla, di riconfrontarmici fra un po' di anni!/
    Finito di leggerlo. Mi è parso di cogliere qua e là dei guizzi di pura improvvisazione... La "Superflua spiegazione" finale me ne ha dato conferma, per il resto lasciandomi ancora più spiazzata e affascinata! P.S.: l'aggettivo "superfluo" intende che non servono spiegazioni perché sono ovvie, o perché ai fini del gusto della lettura di un libro è inutile o inappropriato cercarle?! Sebbene io le spiegazioni tenda a cercarle sempre, propendo per la seconda, e ben mi sta!!

    dito em