La Divina Commedia - Inferno

Inferno

Di

Editore: Zanichelli

4.7
(2768)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Francese , Tedesco

Isbn-10: 8808142841 | Isbn-13: 9788808142849 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Tommaso Di Salvo

Disponibile anche come: Paperback , Cofanetto , Altri , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , Rilegato in pelle

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace La Divina Commedia - Inferno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Sono fondamentalmente due le novità di questo volume. La prima : il testo dell'edizione Petrocchi (1966) è stato rivisto alla luce delle nuove acquisizioni della dantistica moderna, anzi come dice Ing ...continua

    Sono fondamentalmente due le novità di questo volume. La prima : il testo dell'edizione Petrocchi (1966) è stato rivisto alla luce delle nuove acquisizioni della dantistica moderna, anzi come dice Inglese nell'introduzione "matura", recuperando, ad esempio, con accortezza alcune soluzioni dell'edizione Lanza (1996). Affrontando le ormai vexatae cruces del testo,inoltre, il curatore ha adottato una saggia moderazione : non ha esitato a fare scelte personali laddove non era possibile ricostruire il testo secondo criteri meccanici; viceversa, quando è stato possibile,ha usato detti criteri con giudizio.
    La seconda novità è il commento : oltre a proporre una chiara esegesi del testo, le note si soffermano con puntigliosità sugli strumenti tecnico-espressivi di Dante (rime, scelte lessicali e linguistiche ecc..), con particolare attenzione ai rinvii alla tradizione del linguaggio poetico italiano, dagli Stilnovisti fino a Guittone per poi passare al "Fiore" ed a tutta la pratica poetica del Dante "Pre-Commedia". Il volume è completato da un'introduzione breve ma densa (in cui Inglese afferma l'impossibilità di leggere il percorso letterario di Dante in termini unitari: Dante, insomma, lascia che emerga la forza dei contrasti), una nota al testo ed esaustive note di grammatica storica.

    ha scritto il 

  • 5

    L'Inferno

    La mia penso sia l'edizione precedente, quella del '53, ma non sono assolutamente riuscita a trovarla qui sopra.
    Detto questo, mi sono fatta convincere da un amico, quattro anni dopo aver finito il li ...continua

    La mia penso sia l'edizione precedente, quella del '53, ma non sono assolutamente riuscita a trovarla qui sopra.
    Detto questo, mi sono fatta convincere da un amico, quattro anni dopo aver finito il liceo, a riprendere in mano la Commedia (mio grande amore delle lezioni di letteratura e dei libri in generale) per rileggere un canto al giorno.
    Al momento ho appena finito il decimo, e devo dire che è un'idea che consiglio a tutti.

    ha scritto il 

  • 5

    Uno spasso

    Al di là delle classicissime figure, Francesca da Rimini, Ulisse, Caron dimonio, il conte Ugolino eccetera eccetera, è incredibile la fantasia che è dispiegata in quest'opera. Andate solo a rileggere ...continua

    Al di là delle classicissime figure, Francesca da Rimini, Ulisse, Caron dimonio, il conte Ugolino eccetera eccetera, è incredibile la fantasia che è dispiegata in quest'opera. Andate solo a rileggere il volo del diavolo Gerione, che prende in groppa Dante e Virgilio perchè scendano al fondo del burrone dove si trova Malebolge.
    Poi ditemi se non vi vengono in mente i droni e i videogames.
    Inferno - canto XVII - vv.115-136.

    ha scritto il 

  • 5

    E' pazzesco come un testo di 7 secoli fa, riesca a essere ancora così affascinante.
    Le ambientazioni dell'Inferno sono tra le più visionarie e suggestive che io abbia mai letto.
    I personaggi e le loro ...continua

    E' pazzesco come un testo di 7 secoli fa, riesca a essere ancora così affascinante.
    Le ambientazioni dell'Inferno sono tra le più visionarie e suggestive che io abbia mai letto.
    I personaggi e le loro tragiche storie, e il relazionarsi di Dante con esse, colpiscono emotivamente e intellettualmente (leggendo l'Inferno ci si interrompe spesso, non solo per l'ovvia difficoltà ma anche e soprattutto per le riflessioni che spesso suscita).
    Il rapporto tra Dante e Virgilio è per me una sorpresa, io immaginavo tipo Dante che fa le domande e Virgilio che risponde, mentre in realtà il ruolo di guida del poeta latino è un qualcosa di più che rispondere alle domande (splendido il passaggio di quando Dante è stanco e Virgilio lo esorta, e allora Leva'mi allor, mostrandomi fornito meglio di lena ch'i' non mi sentia, e dissi: "Va, ch'i' son forte e ardito")
    Un altro aspetto della Commedia che trovo che sia geniale (per come viene raccontato), è il suo legame con la realtà. Cioè inserire persone realmente esistite e contemporanee con Dante (aventi anche dei rapporti con lui), rendendo il tutto molto più concreto e quindi con un impatto più potente. Senza dimenticare tutto il lato politico che impregna il poema, e che è allo stesso tempo così "personale".

    Certo, dal punto di vista prettamente linguistico e stilistico, la sua età ce l'ha e non lo si può certo negare. E però, anche la "forma" è un altro dei motivi di fascino, perché semplicemente, leggere l'Inferno è bello. E' proprio una lettura piacevole, anche faticosa certo, ma piacevole.

    ha scritto il 

  • 5

    Il migliore.

    La Divina Commedia è l'opera artistica più potente che sia mai stata concepita,quella che più di tutte ti arricchisce .
    Un viaggio fantastico nell'aldilà dove ogni frase è ricca di humus ,non ci si st ...continua

    La Divina Commedia è l'opera artistica più potente che sia mai stata concepita,quella che più di tutte ti arricchisce .
    Un viaggio fantastico nell'aldilà dove ogni frase è ricca di humus ,non ci si stanca per niente nella lettura anzi non si aspetta l'ora di riprenderla in mano tanto è ricca di contenuti.
    Poi la riponi in libreria e quando la riprendi in mano ci trovi sempre qualcosa di bello.
    Dante ti fa capire cosa è il male e cosa è il bene con una grazia e una dolcezza infinita ,ti spiega che se vuoi essere felice devi aderire al bene.
    Credo sia il più grande pensatore di sempre, giusto studiarla a scuola ma anche a casa in famiglia.

    ha scritto il 

  • 5

    ... ma per seguir virtute e canoscenza

    grande, unico ed immenso. Un onore immenso quello di poterlo leggere nella lingua originale. A breve le altre cantiche

    ha scritto il 

  • 5

    E quindi uscimmo a riveder le stelle. Eccolo, il senso del viaggio all'Inferno: il conforto e la rassicurazione di tornare alla vita, terrena ma anche (in previsione) celeste. Una certezza che il viag ...continua

    E quindi uscimmo a riveder le stelle. Eccolo, il senso del viaggio all'Inferno: il conforto e la rassicurazione di tornare alla vita, terrena ma anche (in previsione) celeste. Una certezza che il viaggio tra i dannati rafforza e rende salda. Come a dire: tranquillo, Dante (o uomo); se Dio vuole, ce la farai.

    ha scritto il 

  • 5

    Una rilettura rilassata, senza preoccuparmi di dover studiare i riferimenti storici, filosofici, astronomici, mitologici, solo per godermi la poesia e per il gusto di ritrovare i brani più amati, quel ...continua

    Una rilettura rilassata, senza preoccuparmi di dover studiare i riferimenti storici, filosofici, astronomici, mitologici, solo per godermi la poesia e per il gusto di ritrovare i brani più amati, quelli che so a memoria anche se non li recito bene come Benigni. E anche per il piacere di scoprire dei brani completamente dimenticati. E per il gusto di ritrovare quella solida impalcatura dottrinale, quell'architettura morale, quella summa del sapere. E i versi che tutti citiamo senza più ricordare che vengono da qui. E per mille altri buonissimi motivi. In fondo, perché mi piace da matti.

    ha scritto il 

  • 5

    Capolavoro assoluto della letteratura mondiale,cosa si può dire dell'Inferno che non sia già stato detto e scritto?Che ancora oggi è una lettura entusiasmante,che Dante ci dà lezioni di morale,di etic ...continua

    Capolavoro assoluto della letteratura mondiale,cosa si può dire dell'Inferno che non sia già stato detto e scritto?Che ancora oggi è una lettura entusiasmante,che Dante ci dà lezioni di morale,di etica,di politica,di letteratura e di poesia,tutto con il suo inestimabile scritto.Un libro che va letto e riletto in diverse epoche della nostra vita per coglierne sempre sfumature diverse.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per