La bambina che salvava i libri

Di

Editore: Mondolibri

4.3
(9105)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 570 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Chi tradizionale , Portoghese , Chi semplificata , Giapponese , Russo , Olandese , Norvegese , Danese , Catalano , Tedesco , Finlandese , Polacco , Svedese , Ceco , Greco

Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La bambina che salvava i libri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    La verità è un romanzo quasi storico.

    Una folata di vento spazza vie le lettere accatastate nell’ultima pagina del libro. Un fugace sguardo fuori dalla finestra mi fa capire che sta diventando buio. Chiudo il volume e lo stringo a me, pen ...continua

    Una folata di vento spazza vie le lettere accatastate nell’ultima pagina del libro. Un fugace sguardo fuori dalla finestra mi fa capire che sta diventando buio. Chiudo il volume e lo stringo a me, pensando all’orrore che milioni di persone hanno vissuto negli anni della guerra. Ebrei, etichettati come “diversi”; e tra loro altri “diversi”, … ma chi decise quale fosse la normalità o lo standard a cui ispirarsi per separare l’illusione del bene da quella del male? Forse nessuno avrà mai la risposta per tutto questo e forse non vorrei nemmeno saperla: chiunque riesca a capire la mente di chi ha operato nel regime nazista, mi preoccupa.
    Questo libro è scritto in maniera disordinata, ma proprio nel disordine si riesce facilmente a seguire un filo logico e conduttore che porta alla trama centrale. Il lettore non può fare a meno di affezionarsi a quella bambina, Liesel, dall’animo buono e innocente. Zusak ha scritto riuscendo ancora a vedere con gli occhi di una bambina, ma soprattutto di una bambina catapultata negli anni della seconda guerra mondiale e confrontata con le angherie e le ingiustizie perpetrate nei confronti di chi veniva chiamato “diverso”.
    Molte le occasioni per riflettere sulla storia del mondo in relazione al periodo citato, soprattutto scontrandosi con l’angoscia della menzogna. Menzogna dovuta, perché nascondere un ebreo nella propria cantina poteva essere fatale a tutta la famiglia, se non a tutta la comunità.
    Un romanzo ben studiato, forse a tratti un po’ caotico, che regala un finale fin troppo veritiero.

    ha scritto il 

  • 3

    Originale

    Sono combattuta tra il "mi aspettavo qualcosa di più" e il "é molto originale e mi é piaciuto molto". La figura che be esce in modo molto positivo é quella del padre affidatario, faro e mentore nella ...continua

    Sono combattuta tra il "mi aspettavo qualcosa di più" e il "é molto originale e mi é piaciuto molto". La figura che be esce in modo molto positivo é quella del padre affidatario, faro e mentore nella crescita della protagonista. La voce narrante della Morte é originale ma si fa fatica a seguirla per i primi capitoli.

    ha scritto il 

  • 3

    Giudizio mediocre per questo libro. Devo dire che mi aspettavo molto di più, ma nonostante alcuni passaggi molto belli ed evocativi e un'ultima parte davvero degna di nota, per il resto ho un po' arra ...continua

    Giudizio mediocre per questo libro. Devo dire che mi aspettavo molto di più, ma nonostante alcuni passaggi molto belli ed evocativi e un'ultima parte davvero degna di nota, per il resto ho un po' arrancato. Più di una volta ho avuto la tentazione di mollare, non mi ha appassionato quasi mai...e mi spiace, perché lo stile era piacevole e la storia molto bella...ma non mi è entrata dentro.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Ho adorato questa storia!

    Davvero emozionante, storia che prende dall'inizio alla fine. Non riuscivo a staccare gli occhi dal libro. L'idea di utilizzare la morte come narratore di tutta la vicenda poi è assolutamente geniale! ...continua

    Davvero emozionante, storia che prende dall'inizio alla fine. Non riuscivo a staccare gli occhi dal libro. L'idea di utilizzare la morte come narratore di tutta la vicenda poi è assolutamente geniale!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Uno dei quattro libri che è riuscito a farmi piangere

    Recensione qui:

    https://www.facebook.com/430426870380639/photos/a.432492686840724.1073741828.430426870380639/920582288031759/?type=3&theater

    ha scritto il 

  • 4

    Divorato in 8 giorni!

    Ricorda un po' Le intermittenze della morte di Saramago per via della narratrice: la Morte, ma un po' più "umana". Un libro che combina la drammaticità della Seconda Guerra Mondiale alla spensieratez ...continua

    Ricorda un po' Le intermittenze della morte di Saramago per via della narratrice: la Morte, ma un po' più "umana". Un libro che combina la drammaticità della Seconda Guerra Mondiale alla spensieratezza dell'adolescenza.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per