La gelosia

Di

Editore: Einaudi (Tascabili)

3.6
(114)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 141 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8806149989 | Isbn-13: 9788806149987 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Franco Lucentini

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Non rilegato

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace La gelosia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Più che un vero e proprio racconto, di cui si cercherebbe vanamente la trama, il romanzo di Robbe-Grillet è una giustapposizione di scene e di descrizioni centrate sulla psicologia della voce narrante, un marito ossessivamente geloso che sorveglia la moglie. E attorno a pochissimi elementi, spesso anche comuni, ruota tutta la vicenda che dimostra come grazie a un'adeguata tecnica narrativa si possano raggiungere altissimi effetti di suspence e anche di allucinazione attraverso situazioni di assoluta semplicità.
Ordina per
  • 4

    Romanzo sperimentale ma molto divertente e particolare: io lo ho letto da tanto tempo ma mi ha lasciato dentro un ricordo intenso come, a mio parere, fanno solo i romanzi che vale la pena di leggere. ...continua

    Romanzo sperimentale ma molto divertente e particolare: io lo ho letto da tanto tempo ma mi ha lasciato dentro un ricordo intenso come, a mio parere, fanno solo i romanzi che vale la pena di leggere. Molto "cinematografico" e mi sono rimaste dentro molte immagini

    ha scritto il 

  • 4

    Alla prima lettura mi era piaciuto di più, ovvero, ero convinta di aver capito con sicurezza qualcosa di certo. Invece mi sbagliavo, forse nel ricordo mi sopravvalutavo. Invece, l'unica cosa che arriv ...continua

    Alla prima lettura mi era piaciuto di più, ovvero, ero convinta di aver capito con sicurezza qualcosa di certo. Invece mi sbagliavo, forse nel ricordo mi sopravvalutavo. Invece, l'unica cosa che arriva, alla fine e all'improvviso, non è il disvelamento, ma la post-fazione di Lucentini, che, almeno a me, lascia dei dubbi.
    Resto solo convinta che un omicidio c'è stato, per una certa descrizione di una macchia, che, a mio avviso, sembra indicare che il corpo sia prima scivolato lungo una parete, e poi rimasto a terra.
    Preferisco comunque questo tipo di giallo, molto psicologico, a qualsiasi giallo più realistico. La gelosia l'ho trovata, la soluzione del mistero no.

    http://www.flickr.com/photos/nadiadagaro/9661740809/

    ha scritto il 

  • 3

    E' difficile dare un giudizio a questo libro perchè non può essere considerato un "libro normale".
    Le scene descrittive lo occupano per la maggior parte del tempo e molto spesso sono lunghe e pesanti, ...continua

    E' difficile dare un giudizio a questo libro perchè non può essere considerato un "libro normale".
    Le scene descrittive lo occupano per la maggior parte del tempo e molto spesso sono lunghe e pesanti, a volte difficili da comprendere, apparentemente inutili, ma in realtà molto significative.
    La trama (quasi assente)è di una banalità e semplicità incredibile, il punto principale del libro, infatti, più che la storia, è lo stile.
    Non saprei davvero dare un giudizio, le tre stelline sonogiusto per collocarlo in una via di mezzo, solitamente odio i libri descrittivi, questo però ti fa entrare in un'atmosfera diversa dal solito, confusa e ossessiva, dove il confine tra realtà e immaginazione/sospetti è davvero impercettibile.
    E' un libro di cui si deve apprezzare più il come che il cosa dice.

    ha scritto il 

  • 5

    Zoom + zoom -

    ... Se talvolta i temi si cancellano, è solo per tornare un po' più tardi, rafforzati e praticamente identici. Tuttavia queste ripetizioni, queste infime varianti, queste cesure, questi ritorni indiet ...continua

    ... Se talvolta i temi si cancellano, è solo per tornare un po' più tardi, rafforzati e praticamente identici. Tuttavia queste ripetizioni, queste infime varianti, queste cesure, questi ritorni indietro possono dar luogo a modificazioni che - sebbene appena sensibili - conducono alla lunga ben lontano dal punto di partenza.

    Inquadrature della stessa scena da diverse angolature, montate con ripetizioni e cesure, flashback e flash-forward che servono a omettere e a confondere, zoomate su minutissimi dettagli che servono a disorientare, tutto questo potrebbe irritare invece per 130 pagg. funziona alla grande!

    ha scritto il 

  • 2

    ..sarà che sono troppo immerso nelle cose, nei problemi, ma questi esercizi di stile fini a se stessi - senza neanche la leggerezza di un queneau - annoiano a morte. Peggio è quando c'è la supponenza ...continua

    ..sarà che sono troppo immerso nelle cose, nei problemi, ma questi esercizi di stile fini a se stessi - senza neanche la leggerezza di un queneau - annoiano a morte. Peggio è quando c'è la supponenza evidente dell'autore che si mette su un gradino più in alto del lettore. si vede a duemila miglia che gode a non essere capito per poter dare dell'imbecille ai lettori "non all'altezza", all'altezza di che poi non saprei: vuoto pneumatico di conenuti.

    ha scritto il 

  • 3

    1957
    Arbasino, Le piccole vacanze
    Calvino, Il barone rampante
    Gadda, Quer pasticciaccio brutto de via Merulana (volume)
    Morante, L'isola di Arturo
    Moravia, La ciociara
    In generale, ci vorrebbero più p ...continua

    1957
    Arbasino, Le piccole vacanze
    Calvino, Il barone rampante
    Gadda, Quer pasticciaccio brutto de via Merulana (volume)
    Morante, L'isola di Arturo
    Moravia, La ciociara
    In generale, ci vorrebbero più post-fazioni poliziesche di Lucentini, alla fine dei libri.

    ha scritto il