La luna e i falò

Di

Editore: Garzanti

3.9
(8039)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 140 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Olandese , Portoghese , Tedesco

Isbn-10: A000036961 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace La luna e i falò?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Un romanzo sulla nostalgia

    Un romanzo sul bisogno di tornare alla normalità, racconta di un uomo che dopo anni torna alle proprie radici e indirettamente ci mostra il bisogno di un paese di tornare alla vita rurale precedente a ...continua

    Un romanzo sul bisogno di tornare alla normalità, racconta di un uomo che dopo anni torna alle proprie radici e indirettamente ci mostra il bisogno di un paese di tornare alla vita rurale precedente alla guerra, al tempo scandito dalle stagioni e dai lavori della terra.
    Pavese ci mostra contemporaneamente la nostalgia per i tempi andati, il bisogno provato in passato di fuggire da quei tempi, i drammi che costellano ogni singola esistenza ed la tragedia più grande di tutte, la guerra.
    Un romanzo da leggere per calarsi in un'atmosfera ormai lontana dal nostro modo di intendere la vita e per capire i desideri che nascevano nell'animo dell'italiano medio dopo il secondo conflitto mondiale.

    ha scritto il 

  • 5

    Anguilla alla Mora

    diventa antifascista, svolge il servizio militare e poi emigra negli Stati Uniti per salvarsi dal regime fascista.
    In molte pagine, la narrazione è triste e malinconica: il potere devastante della gue ...continua

    diventa antifascista, svolge il servizio militare e poi emigra negli Stati Uniti per salvarsi dal regime fascista.
    In molte pagine, la narrazione è triste e malinconica: il potere devastante della guerra; la vita da orfano; la nostalgia per la perdita del proprio Paese; la solitudine forse le cause più avvertibili.
    La storia si sviluppa come un'altalena che continuamente oscilla tra passato e presente. E' una storia drammatica e una testimonianza importante della storia recente del nostro Paese.

    Studentessa di classe V NLA a. s. 2016_17

    ha scritto il 

  • 2

    Bricchi, vigneti e ricordi

    L'ho trovato molto faticoso, per tutta la durata del libro, seppure si capisca che Pavese ha uno stile speciale e vuol trasmettere un modo di essere della vita... suo particolare.
    La trama non mi ha p ...continua

    L'ho trovato molto faticoso, per tutta la durata del libro, seppure si capisca che Pavese ha uno stile speciale e vuol trasmettere un modo di essere della vita... suo particolare.
    La trama non mi ha preso per niente e quindi ho dovuto leggere per cercare di godere delle descrizioni e per cogliere il messaggio dell'autore, che appunto non mi ha trovato pronto. Pertanto le due stelle vanno alla mia (in)soddisfazione.
    Utili le appendici per cercare di capirci qualcosa di più, così come anche l'introduzione (ma cmq tutte impegnative).
    La cosa più bella del libro è... che l'ho letto in parallelo con una persona molto amica, un gdl a due insomma, e quindi se si è con persone a cui si vuol bene si riesce a superare ogni... fatica che la vita ci pone davanti. Si.
    PS: avevo deciso di "assaggiare" finalmente Pavese dopo aver partecipato a questa bellissima giornata in uno dei sui luoghi più importanti, Santo Stefano Belbo:
    http://www.dynamic-center.it/eventi/presentazione-trail-del-moscato/trail-del-moscato-2016-2/
    La morale è che... è stata più facile la gara di trail running!!

    ha scritto il 

  • 3

    Mi è piaciuto, ma non mi ha sorpreso per niente.
    Ho trovato più ostici tutti i riferimenti geografici, soprattutto i nomi delle "cascine/fattorie", piuttosto che lo stile molto "flusso di pensiero", a ...continua

    Mi è piaciuto, ma non mi ha sorpreso per niente.
    Ho trovato più ostici tutti i riferimenti geografici, soprattutto i nomi delle "cascine/fattorie", piuttosto che lo stile molto "flusso di pensiero", al quale mi sono abituato praticamente subito.
    Anche l'idea dei continui spostamenti avanti e indietro nel tempo funziona bene.
    In ogno caso questo non è il mio genere, preferisco i libri che raccontano una storia a quelli che "dipingono un quadro".

    ha scritto il 

  • 5

    Ci vuol coraggio per partire... ma altrimenti chi tornerebbe mai?

    La storia di un uomo che cambia, e dopo essere cambiato – laddove cambiato significa cresciuto – si guarda indietro e scopre che la vita è cambiamento sempre, per tutti. Ma se il cambiamento lo cerchi ...continua

    La storia di un uomo che cambia, e dopo essere cambiato – laddove cambiato significa cresciuto – si guarda indietro e scopre che la vita è cambiamento sempre, per tutti. Ma se il cambiamento lo cerchiamo ed accogliamo in noi, esso diventerà esperienza e diventerà cultura. La consapevolezza del cambiamento ci permetterà di vedervi la poesia. Altrimenti la vita giocherà con noi e, potete starne certi, non sarà un gioco carezzevole.

    ha scritto il 

  • 2

    La luna e il falò è una delle più complesse letture che ho fatto ultimamente. Cesare Pavese racconta la storia di Anguilla il quale torna nel suo paese natale e insieme a Nuto, suo migliore amico fin ...continua

    La luna e il falò è una delle più complesse letture che ho fatto ultimamente. Cesare Pavese racconta la storia di Anguilla il quale torna nel suo paese natale e insieme a Nuto, suo migliore amico fin dall'infanzia, e Cinto, un giovane con cui fa amicizia, ripercorre il suo passato.
    La storia di base è interessante, ma viene trattata senza una precisa linea cronologica, dove ogni capitolo è separato dal precedente. Nonostante la scrittura di Pavese sia bellissima,boa storia risulta difficile da seguire, così come è difficile immedesimarsi nei personaggi e nella storia del protagonista. Consiglio questo libro a chi cerca un "esercizio" di lettura, per il lessico e lo stile, ma non se cercate un libro con una storia in cui immergervi ed immedesimarvi.

    ha scritto il 

  • 3

    L'importanza delle proprie origini, della tradizione. Perché di queste cose ciascun uomo é fatto. Si può provare ad andare altrove, ma sempre a dove tutto é iniziato si ritorna. Un classico.

    ha scritto il 

  • 3

    Sorprendente a metá

    Un viaggio nel tempo alla ricerca di vecchi amici, vecchi luoghi, vecchi ricordi, nella città che ha cullato, cresciuto e reso uomo l'orfano protagonista di questo libro, in un continuo saltellare tra ...continua

    Un viaggio nel tempo alla ricerca di vecchi amici, vecchi luoghi, vecchi ricordi, nella città che ha cullato, cresciuto e reso uomo l'orfano protagonista di questo libro, in un continuo saltellare tra il presente e il passato. Di certo un grande classico, per la prima metà un po' noioso e lento (anche a causa del linguaggio poco scorrevole), ci ho messo tanta buona volontà per ingranare e finirlo, con la piacevole sorpresa dei capitoli finali.

    ha scritto il 

  • 5

    Nulla da aggiungere

    Un libro inteso e narrato con la forza delle parole di un io pensante che lascia scorrere la vita davanti a se come un fiume a volte calmo a volte in piena. Fatti e avvenimenti si susseguono senza pau ...continua

    Un libro inteso e narrato con la forza delle parole di un io pensante che lascia scorrere la vita davanti a se come un fiume a volte calmo a volte in piena. Fatti e avvenimenti si susseguono senza pausa partendo dall'infanzia, passando dalla lontanza arrivando infiene al ritorno in patria, al propio paese.

    ha scritto il 

  • 3

    Signor libro, per carità, però i temi di Pavese - lo sradicamento, il ritorno, il conflitto fra restare e divenire, i ritmi circolari della vita contadina - non mi appartengono e proprio non mi toccan ...continua

    Signor libro, per carità, però i temi di Pavese - lo sradicamento, il ritorno, il conflitto fra restare e divenire, i ritmi circolari della vita contadina - non mi appartengono e proprio non mi toccano. Limite mio, senza dubbio. Però tant'è.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per