La meccanica del cuore

Di

Editore: Feltrinelli

3.4
(1780)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 160 | Formato: eBook

Isbn-10: 885880533X | Isbn-13: 9788858805336 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Cinzia Poli

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La meccanica del cuore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. L’amore, innanzitutto. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L’impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell’incantevole creatura, in compagnia dell’estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. L’amore è dolce scoperta, ma anche tormento e dolore, e Jack lo sperimenterà ben presto. Intriso di atmosfere che ricordano il miglior cinema di Tim Burton, ritmato da avventure di sapore cavalleresco, La meccanica del cuore è al tempo stesso una coinvolgente favola e un romanzo di formazione, in cui l’autore, con scrittura lieve ed evocativa, punteggiata di ironia, traccia un’indimenticabile metafora sul sentimento amoroso, ineluttabile nella sua misteriosa complessità.
Ordina per
  • 2

    La storia inizialmente non era male, anzi, lo stile un po' estroso e poetico che mi ha introdotta in quell'atmosfera misteriosa e da notte di Halloween mi aveva lentamente stregata. Jack somiglia a un ...continua

    La storia inizialmente non era male, anzi, lo stile un po' estroso e poetico che mi ha introdotta in quell'atmosfera misteriosa e da notte di Halloween mi aveva lentamente stregata. Jack somiglia a un piccolo Pinocchio dal cuore di legno e dai sentimenti umani e Madeleine è un Geppetto in gonna che, come tutte le madri, cerca di tenere legato a sé il suo bambino, tentando di proteggerlo dalle emozioni negative e inaspettate che il mondo può suscitare.
    Poi non so cosa sia successo. Tutto a un tratto, il ritmo inizia a mutare. I sentimenti di Jack sono eccessivi per essere quelli di un ragazzo di 10 anni e mi sono ritrovata un po' spaesata. L'amore bruciante che sfocia in passione per Miss Acacia ha un po' rotto la magia dark e favolistica che si era creata, trasformandosi in una storia molto comune e dal finale un po' deludente.

    Recensione completa qui: http://sakomar.blogspot.it/2016/09/recensione-di-la-meccanica-del-cuore-di.html

    ha scritto il 

  • 3

    Dov'è il mio finale?

    Ho girato l'ultima pagina convinta che ce ne fossero almeno un'altra o due di epilogo; un po' lasciato in aria.
    Un romanzo particolare dai temi gotici in pieno stile Tim Burton che vede Jack, il prota ...continua

    Ho girato l'ultima pagina convinta che ce ne fossero almeno un'altra o due di epilogo; un po' lasciato in aria.
    Un romanzo particolare dai temi gotici in pieno stile Tim Burton che vede Jack, il protagonista dal cuore di legno e metallo, attraversare per amore e per sfuggire alla polizia, l'Europa, dalla fredda Edimburgo alla calda Andalusia. Durante tale viaggio incontrerà alcuni personaggi tra cui Jack lo squartatore e Georges Mèliés (il secondo padre del cinema), provando le innumerevoli emozioni che un giovane cuore innamorato scopre per la prima volta .
    Amore, passione, eccitazione, cieca gelosia, amore materno, delusione, rimorso, sono alcune degli stati emotivi che i personaggi di questo breve, ma intenso romanzo di formazione provano in un arco temporale anche abbastanza ampio.
    Unico neo, credo, alcune volte il linguaggio non è sempre conforme all'epoca che viene data alla storia, ovvero il 1874; vero è anche che a parlare non sono personaggi benestanti, ma membri del cosiddetto volgo, prostitute ed artisti.
    Bestseller internazionale, La meccanica del cuore è stato poi adattato al cinema di animazione dall'autore, ma non è stato distribuito in italiano.

    ha scritto il 

  • 0

    Scarsino

    L'inizio è bello, immaginavo una grande storia.. L'ho letto tutto d'un fiato perchè ero curiosa di capire cosa sarebbe successo. Ma il finale mi ha spiazzata, non me l'aspettavo. Abbastanza scarso. ...continua

    L'inizio è bello, immaginavo una grande storia.. L'ho letto tutto d'un fiato perchè ero curiosa di capire cosa sarebbe successo. Ma il finale mi ha spiazzata, non me l'aspettavo. Abbastanza scarso.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    All'inizio questo libro mi prendeva tantissimo.
    C'è questa scrittura così poetica, così musicale, così fluida, così evocativa... perfetta per raccontare una favola moderna, la storia malinconica e un ...continua

    All'inizio questo libro mi prendeva tantissimo.
    C'è questa scrittura così poetica, così musicale, così fluida, così evocativa... perfetta per raccontare una favola moderna, la storia malinconica e un po' folle di un ragazzino che al posto del cuore ha un orologio, che non deve provare emozioni troppo forti per non romperlo ma che, a dispetto di ogni buon senso, si innamora ferocemente.
    Una delicata allegoria sulla complessità dei sentimenti, raccontata attraverso frasi, descrizioni e verbi "non normali". Quelle cose che leggi e... tu non affiancheresti mai quel sostantivo a quel verbo, o quell'immagine a quella sensazione, ma lui lo fa e... che cosa stupenda stai leggendo.

    All'inizio.
    Poi, col passare dei giorni, mi sono accorta che mi succedeva una cosa brutta: attaccavo il capitolo nuovo e non capivo a cosa si riferiva. E succedeva ogni volta.
    Leggo di Arthur, la spina dorsale che suona, la tristezza, l'alcolismo, ma che bel pezzo, ma quanto sentimento. Chiudo.
    Riapro. "Io e Arthur andammo...". Arthur? Arthur chi? Torno indietro e rileggo. Aaaah, Arthur, ok, ci sono. Continuo a leggere, mi parla del criceto. Ma che scena divertente, ma che ironia tagliente, sorrido un sacco. Chiudo.
    Riapro. "Il criceto in tasca...". Criceto? Che criceto? Torno indietro e rileggo. Aaaah, il criceto col nome divertente, ma certo! Continuo a leggere, incontra Méliès. Lo so chi è, ho visto "Hugo Cabret", colgo le citazioni, il cinema, la luna, che poesia, che nostalgia, che descrizioni stupende fa di lui. Chiudo.
    Riapro. "L'uomo con i baffi da gatto". Chi? Torno indietro e rileggo. Aaaahn, aveva descritto così Méliès, ma sì, come ho fatto a dimenticare? Continuo a leggere, lui e la tizia finalmente si baciano. Che dolcezza, che passione, che ricordi di gioventù, come l'ha scritta bene. Chiudo.
    Riapro. "Mi sveglio ubriaco d'amore". Si sveglia? Ha dormito? Che gli è successo?
    Tutto così.
    Dopo due o tre volte che mi succedeva ho cominciato a chiedermi se ero io che avevo la testa da qualche altra parte e stavo leggendo senza attenzione o se per sbaglio mi ritrovavo in mano uno di quei romanzi che sembrano portatori di grossi temi e grandi riflessioni, ma che in sostanza sono solo banalità scritte in modo strano. Cioè, colpa mia o avevo comprato fuffa?
    Mi sono detta colpa mia e ho proseguito con tutti i neuroni all'erta.

    E poi è arrivato il finale.
    Dove tutta l'impalcatura "metafora-allegoria-grandi concetti espressi sotto forma di favola moderna" crolla, perché l'autore decide di dare un taglio realistico alla vicenda.
    Ci dice che no, era tutta una cosa psicologica, il cuore gli funzionava benissimo lo stesso, l'orologio non gli serviva, può riprendere una vita normale con più consapevolezza e piedi ben saldi a terra.
    Mh.
    Già che l'unico pregio del tuo libro era 'sta cosa della "favola", tu me la togli? Togli l'unica cosa che distingue la tua storia da migliaia, milioni, miliardi, fantastiliardi di storie sull'amore finito male? E, soprattutto, davvero vuoi buttarti sul realismo e fai alzare dal letto uno che è stato tre anni in coma, lo fai parlare senza nemmeno chiedere un bicchiere d'acqua, lo metti in piedi e lo fai correre in città?
    Sì, avevo comprato fuffa.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Boh, forse sono io che non l'ho capito...

    Recensione qui:

    https://www.facebook.com/430426870380639/photos/a.432492686840724.1073741828.430426870380639/999829180107069/?type=3&theater

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    L'inizio è davvero buono, poetico e dark allo stesso modo. La storia in sé mi è piaciuta, come i personaggi secondari che costellano la vita di Jack. Non ho gradito la non verosimiglianza del pensiero ...continua

    L'inizio è davvero buono, poetico e dark allo stesso modo. La storia in sé mi è piaciuta, come i personaggi secondari che costellano la vita di Jack. Non ho gradito la non verosimiglianza del pensiero del protagonista rispetto alle fasi della sua crescita. Pensa sempre da adulto, anche quando di anni ne ha solo dieci. Come fa un bambino, che non ha mai visto il mondo, di guardare due piccoli seni e paragonarli a meringhe da mordere? Il finale è mal fatto, ho girato l'ultima pagina convinta che ci fosse di più. La chiusa inefficace. Carino ma speravo di più.

    ha scritto il 

  • 2

    Cosi cosi

    Particolare nel suo genere, fantasi, con belle frasi da sottolineare riguardanti l'innamoramento e la meccanica del cuore, ma niente di chè.

    ha scritto il 

  • 3

    Una favola con atmosfera dark, molto carina nel complesso e l'idea di base è davvero buona. Però..però non riesco a dare più di tre stelline. L'ho trovato un po' scarno e affrettato: paradossalmente, ...continua

    Una favola con atmosfera dark, molto carina nel complesso e l'idea di base è davvero buona. Però..però non riesco a dare più di tre stelline. L'ho trovato un po' scarno e affrettato: paradossalmente, la seconda metà del libro, che è quella che scorre di più, è anche quella più affrettata come se non si vedesse l'ora di finire. Se proprio vogliamo, si può anche dire che il ritmo della narrazione ricorda un po' il cuore orologio di Jack, magari questa..questa ansia, come se l'autore avesse qualcuno alle calcagna, è fatta apposta per ricalcare i meccanismi dell'orologio che girano all'impazzata quando Jack prova dei sentimenti forti (amore, gelosia), oppure mi sto arrampicando sugli specchi e semplicemente l'autore non aveva altro da dire o altro modo per dirlo..
    Però nonostante tutto molto carina lo stesso

    ha scritto il 

Ordina per