La mia battaglia

Mein Kampf

Di

Editore: La Bussola

2.9
(471)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 261 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Polacco , Giapponese , Francese

Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Biografia , Storia , Politica

Ti piace La mia battaglia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    penso che sia un testo da studiare e da commentare anche nelle scuole. anche se è stato scritto ottanta anni fa ci sono temi molto attuali che andrebbero analizzati. d'altronde la storia non è un modo ...continua

    penso che sia un testo da studiare e da commentare anche nelle scuole. anche se è stato scritto ottanta anni fa ci sono temi molto attuali che andrebbero analizzati. d'altronde la storia non è un modo per imparaere dal passato? ma se quel passato viene nascosto, come si può sperare di non rifare i medesimi errori?

    ha scritto il 

  • 1

    Il Mein Kampf costituisce il testamento nazista , il programma politico e ideologico di Hitler. Libro pesante, dai contenuti folli e dallo stile espositivo ripetitivo , il risultato è un testo ...continua

    Il Mein Kampf costituisce il testamento nazista , il programma politico e ideologico di Hitler. Libro pesante, dai contenuti folli e dallo stile espositivo ripetitivo , il risultato è un testo scritto male. Interessante sotto il profilo storico e come monito nei riguardi delle crudeltà e delle degenerazioni a cui inevitabilmente conducono l'intolleranza e l'odio razziale.

    ha scritto il 

  • 1

    Don't try this at home

    Non mi lancerò sulla polemica del momento riguardo l'iniziativa del quotidiano Il Giornale di allegare una copia ormai fuori dai diritti d'autore del Mein Kampf. Non più di tanto, almeno.
    E la copia ...continua

    Non mi lancerò sulla polemica del momento riguardo l'iniziativa del quotidiano Il Giornale di allegare una copia ormai fuori dai diritti d'autore del Mein Kampf. Non più di tanto, almeno.
    E la copia che ho in mano io e ho deciso di risfogliare è una di quelle diciamo clandestine stampata negli anni ottanta che lessi negli anni novanta insieme alle Bagatelle per un massacro di Céline - perché anche gli angeli marciscono e anche Céline prima di diventare il più incredibile e talentuoso e formidabile e umanissimo scrittore francese scrisse un pamplhet antisemita e vergognoso che non riesco ancora a comprendere -. e perciò non mi sogno nemmeno di andare in edicola e ordinare il primo degli otto volumi che Montanelli dedica al nazismo per ottenere una copia gratuita del libro di Hitler.
    Il Mein Kampf che potete trovare ormai in formato cartaceo o elettronico per pochi centesimi o in edicola col Giornale è, in sintesi ma neanche troppa, un libro che esprime due soli concetti: ripetutamente, ossessivamente e a fini propagandistici e di autoeccitazione. Essi sono, L'odio razziale e la difesa della razza ariana, a suo dire, superiore. Pagine e pagine piene di odio puro, di disprezzo e di sete di vendetta nei confronti degli ebrei e non solo, e altre di delirio sulla presunta superiorità del popolo tedesco. Quale interesse potrà mai avere un testo che parla solamente di quanto sarebbero inferiori gli uni e superiori gli Unni?
    Sostiene Sallusti: "Lo pubblichiamo perché bisogna conoscere il male, perché sia da monito. Per capire com’è potuto nascere il male assoluto bisogna andare alla fonte e non aver paura di storicizzare le tragedie del Novecento. Non avrei problemi, per dire, a pubblicare anche il Libretto rosso di Mao. Lo studio del Novecento ha avuto come tabù proprio il nazismo, come se la storia fosse finita lì. Ma la prima regola è conoscere ciò di cui parliamo e questo libro, che ha cambiato la storia dell’Europa e dell’Occidente, non a caso viene presentato nell’edizione critica curata da uno storico di vaglia come Francesco Perfetti”.

    Personalmente la ritengo un'operazione strumentale e non un monito che il Giornale vuole dare ai suoi lettori.. che al contrario, rischiano pure di apprezzarne il contenuto.
    E' un libro che puo' avere qualche utilità per gli appassionati e gli studiosi di Storia. Per chi non sarà mai attratto dalle ideologie estremiste. Non per il popolo. Non è un libro da regalare e da far leggere alla cosiddetta gente comune. La gente comune manda al governo Hitler e Mussolini, ama Stalin e vota pure per Donald Trump. A mio parere, lo ripeto ossessivamente anch'io, il Mein Kampf è un testo pericoloso. Come monito e per conoscere il male è sufficiente leggere gli orrori, le violenze, i deliri e le restrizioni che hanno combinato certi dittatori del passato. E' sufficiente farsi una bella gita ad Auschwitz anziché nel Mediterraneo con Costa Crociere per comprendere il male che hanno fatto. Mentre offrire e reclamizzare l'uscita in edicola del Mein Kampf è al contrario un'operazione commerciale per accrescere le vendite e non puo' che definirsi schifosa, viscida e alimentata dall'ulteriore scopo di innescare maggior odio e ancor più intolleranza nelle persone di quel che già ne circola in questi tempi.
    Sallusti racconta balle.
    Statene certi, e godetevi la canzone del tizio qui sotto *.
    Possibilmente ad alto volume. A coprire i latrati del furher.

    https://youtu.be/TOCi0D2VWxY?list=PLLkdyA_QjtjWY2C3-bcVsikDU8vs5eVVuù

    CATASTROFE CERTA

    Mi ha sempre colpito una ragazza
    Che cantava per guadagnarsi la cena e anche la colazione,
    Io sono a questo modo, che il cielo mi aiuti.
    Diceva quell'altro: Non ci piacciono gli attivisti pacifisti qui in giro
    Mentre ne appiccicava un altro al muro:
    E questo mi fa incazzare, che il cielo mi aiuti.

    Addio e buona fortuna a tutta la merda che hai detto,
    Addio e buona fortuna a tutte le promesse che non hai mantenuto.
    La tua vita ha perduto dignità, bellezza e passione,
    Sei una catastrofe certa.

    Ed eccoti in piedi al bancone del bar
    Ad affliggermi sull'Unione Sovietica
    E il tuo risentimento aumenta man mano con l'età.
    Una di queste sere ti acchiapperanno,
    Sarà per te un'ottima pausa per pensare,
    Sei uno zelante sottoprodotto del fascismo

    Tempo scaduto, sono sospese
    Tutte le libertà che ti sei prese
    Sospensione, tempo scaduto
    Per tutti gli amici che hai abbandonato.
    Se scegli di buttarti via, così come la morte è tornata di moda,
    Sei una catastrofe certa.

    E i miei peccati sono così poco originali,
    Odio me stesso come si odia un lupo vestito da pecora
    In questo carnevale di carnivori, che il cielo mi aiuti.

    Addio e buona fortuna a tutta la merda che non hai mantenuto,
    Addio e buona fortuna a tutte le promesse che hai detto
    La tua vita ha perduto dignità, bellezza e passione
    Sei una catastrofe certa
    Sei una catastrofe certa
    Sei uno zelante sottoprodotto del fascismo
    Sei una catastrofe certa.

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura assai poco scorrevole, in un'edizione devastata da refusi. La forma del discorso è generalmente quella del comizio, spesso roboante e tipicamente 'sopra le righe'.
    il contenuto è invece piutto ...continua

    Lettura assai poco scorrevole, in un'edizione devastata da refusi. La forma del discorso è generalmente quella del comizio, spesso roboante e tipicamente 'sopra le righe'.
    il contenuto è invece piuttosto interessante, sotto il profilo storico: sin dall'inizio Hitler aveva idee piuttosto chiare sui giochi di alleanze, sugli indirizzi bellici, sulle leve psicologiche, su come focalizzare il popolo verso obiettivi comuni, fissandolo su un bersaglio 'di comodo', una sagoma, da distruggere: l'ebreo...

    ha scritto il 

  • 1

    Un ‘gergo ripugnante’ che ‘ricorda il delirio dei pazzi’: è probabilmente troppo onore ripescare Schopenauer per questa roba, ma l’essenza delle succitate affermazioni è la prima a balzare in mente. I ...continua

    Un ‘gergo ripugnante’ che ‘ricorda il delirio dei pazzi’: è probabilmente troppo onore ripescare Schopenauer per questa roba, ma l’essenza delle succitate affermazioni è la prima a balzare in mente. Il filosofo di Danzica ce l’aveva con Hegel e, in fondo, alcuni studiosi hanno ipotizzato connessioni tra lo spirito dei tempi che ha generato queste idee e l’idealismo o, quantomeno, i suoi figli degeneri: qui, molto più banalmente, si tratta di un tizio che parla di ‘lotte comuniste della finanza borsistica internazionale’, tanto per dire il livello di analisi politica e macroeconomia sparpagliato fra queste pagine. Ho usato ‘parla’ e non ’scrive’ perché, come è noto, il libro è la trascrizione da parte dei suoi seguaci (fra i quali Rudolf Hess) dei soliloqui tenuti da Hitler durante la prigionia-vacanza nel carcere di Landsberg am Lech: il risultato è un testo scritto male (e tradotto peggio nell’edizione di inizio anni Settanta che mi sono ritrovato fra le mani) che sarebbe da gettare nel fuoco se solo non avesse scatenato gli orrori che ne sono discesi. Essendo stato redatto nel 1923, il volume prende in considerazione i cinque anni trascorsi dalla fine del primo conflitto mondiale, con la Germania messa in ginocchio dalle sanzioni in cui il piccolo partitino del futuro Führer si fa strada con le buone e con le cattive propugnando l’autoritarismo e la supremazia tedesca. Su questi argomenti e soprattutto sulla crisi economica e di valori che vede in patria, Hitler si dilunga ripetendosi spesso e piangendosi abbastanza addosso mentre filosofa sulla triste sorte del popolo germanico nato per dominare le genti e invece sempre diviso e battuto. E di chi è la colpa? Dell’ ‘ebreo internazionale’, che egli estrae dal cappello ogni volta che si trova costretto a spiegare passaggi dai quali nessuna logica gli consentirebbe di uscire: un continuo battere e ribattere sull’argomento che trova il suo apice nei segmenti finali, in cui è chiaramente tratteggiato lo sterminio che verrà. Del resto, già nel terzo capitolo le teorie razziali sono ben delineate: poche pagine (i capitoli corti, nei quali Hitler non riesce o forse non prova a mascherare le proprie motivazioni, sono davvero terribili) che illustrano bene la teoria che divide razze superiori e inferiori, con relative contaminazioni da evitare, a supporto della quale non mancano spericolate reinterpretazioni della storia dell’umanità. Leggendo simili allucinazioni tra stupore e un nervosismo crescente, non ci si può esimere dalla domanda su come un tale velenoso ciarpame abbia potuto sedurre un intero popolo, seppure allo stremo: la risposta sta nel capitolo sette, in cui Hitler analizza con notevole lucidità il potere della propaganda e le vie da utilizzare per ottimizzarne gli effetti, tenendo anche conto della propensione dei suoi compatrioti per l’ordine e l’obbedienza. Una dedizione che non verrà meno nemmeno quando il dittatore tradirà alcune delle proprie categoriche affermazioni, come si nota in modo abbastanza evidente per quanto riguarda i rapporti con l’Unione Sovietica, ma va detto che si tratta di passaggi largamente in minoranza: il caporale austriaco finì per realizzare le idee qui esposte in modi che, mentre le dettava, forse non poteva neppure sperare grazie a un crescendo da troppi colpevolmente ignorato. E’ meglio ben ponderare il ‘delirio dei pazzi’, se questi sono al comando di una macchina da guerra.

    ha scritto il 

  • 1

    Improponibile e imbarazzante, per contenuti e inoltre per impianto stilistico e capacità espositive.
    Raramente mi sono imbattuta in una lettura peggiore, resta di positivo solo il monito al malcapitat ...continua

    Improponibile e imbarazzante, per contenuti e inoltre per impianto stilistico e capacità espositive.
    Raramente mi sono imbattuta in una lettura peggiore, resta di positivo solo il monito al malcapitato lettore nei riguardi delle atrocità e delle aberrazioni a cui possono portare l'intolleranza e l'odio razziale.
    Interessanti invece le note descrittive del curatore del libro, e pienamente condivisibile lo spirito nell'avvicinarsi a questa lettura espresso dallo stesso curatore, Giorgio Galli:

    "Il rifiuto etico-intellettuale di ogni tabù e di qualunque forma di censura.
    La storicizzazione di un testo la cui lettura deve rappresentare un imperituro monito.
    La denuncia di rimozioni e mistificazioni all'ombra delle quali si vorrebbero legittimare disinvolti quanto pericolosi revisionismi storiografici."

    ha scritto il 

  • 1

    Due concetti: l'odio e la superiorità razziali, già per se stessi spregevoli e disumani, ripetuti all'infinito, in tutte le salse, fino all'asfissiamento. Forse, anzi sicuramente, una delle letture pe ...continua

    Due concetti: l'odio e la superiorità razziali, già per se stessi spregevoli e disumani, ripetuti all'infinito, in tutte le salse, fino all'asfissiamento. Forse, anzi sicuramente, una delle letture peggiori e più pesanti che abbia mai fatto, ma "necessario", concordando con ciò che dice Gianfranco Maris nella postfazione:
    'La lettura del Mein Kampf deve essere assistita da tutte le riflessioni necessarie per comprenderne gli assunti senza esserne intossicati. Deve essere una lettura intesa come "vaccinazione" di conoscenza, fosse solo per impedire il ripetersi di quelle condizioni che nel 1922 e nel 1933 portarono all'avvento del fascismo e del nazismo tra sottovalutazione e addormentamento della ragione.'

    ha scritto il 

  • 3

    Quanto scrive rispetto alla forza della "propaganda" è clamorosamente attuale. Aveva scritto tutto quello che avrebbe fatto. ......... Come libro è veramente un "mattone"

    ha scritto il 

  • 2

    Lasciando perdere le posizioni ideologiche, questo libro è proprio brutto.
    Brutto dal punto di vista letterario, dico. Ripete le stesse cose all'infinito (e ho capito che ripetendo sempre le stesse pr ...continua

    Lasciando perdere le posizioni ideologiche, questo libro è proprio brutto.
    Brutto dal punto di vista letterario, dico. Ripete le stesse cose all'infinito (e ho capito che ripetendo sempre le stesse prima o poi la gente ci crederà, ma fino a un certo punto) e poi non c'è un minimo di logica in quel che dice: capace che parla per dieci pagine di quanto è bello il cielo blu e poi se ne esce senza un collegamento apparente con il perfido "Ebreo internazionale" (a sentir lui sembra quasi che in Germania ci siano solo ebrei).
    Comunque bisogna ammettere che un minimo di interesse storico questo libro ce l'ha e quindi salviamolo per questo.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro sicuramente da leggere.
    Basta demonizzarlo dicendo che sono solo le opinioni di un pazzo, in questo scritto io di pazzia non ne ho trovata neanche una goccia, semmai l'unica contestazione che ...continua

    Un libro sicuramente da leggere.
    Basta demonizzarlo dicendo che sono solo le opinioni di un pazzo, in questo scritto io di pazzia non ne ho trovata neanche una goccia, semmai l'unica contestazione che gli si può fare riguarda il fanatismo nazionalista della razza e nient'altro.
    Questo scritto, dettato da Hitler a Rudolf Hess nel 1924 durante un solo mese di prigionia (e non quattro anni come mi è capitato di leggere) contiene in maniera chiara e semplice l'ideologia del partito nazional socialista e di Hitler, oltre a varie riflessioni obbiettive e azzeccate della situazione passata e presente (1924 appunto) della Germania. L'unica pecca che si può rivolgere ad Hitler è la questione raziale, che non c'entra quasi niente con lo sterminio degli ebrei, presi di mira perchè a detta di Hitler e di molte altre persone, compresi i Francesi (che in quel periodo aveva molti più anti semiti della Germania) governano le finanze del mondo e la maggior parte dei comunisti erano comunisti (partendo dal famoso ebreo Carl Marx). E se si va bene ad informarsi, non aveva tutti i torti su certe considerazioni, nonostante non siano i normali ebrei che comandino i fili bensì delle caste di elite.
    E senza contare che il comunismo, che ha riscritto la storia essendo il vincitore, ha demonizzato il nazismo solo per non far indagare su quello che ha commesso il movimento rosso, che con i Gulag e la più lunga durata di potere, ha fatto molti più morti del nazismo!
    Smettiamola di demonizzare per sentito dire e leggiamo e valutiamo da noi le cose!!

    ha scritto il