La naranja mecánica

By

Publisher: Minotauro/Edhasa

4.3
(4896)

Language: Español | Number of Pages: 168 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , French , Italian , Catalan , Portuguese , Finnish , Polish , Swedish , Czech

Publish date:  | Edition 7

Translator: Aníbal Leal

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like La naranja mecánica ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Anthony Burgess nació en Manchester en 1917, y desde 1954 a 1960 vivió en Asia. Ha escrito música de cámara y algunas obras para orquesta, y ha publicado entre otros libros un ensayo sobre Joyce, un panorama de la ficción contemporánea, y varias novelas: Inside Mr. Enderby, Nothing like the Sun, The warning Seed, Trémula intención (Sudamericana, 1972). La naranja mecánica cuenta la historia del nadsat-adolescente Alex y sus tres drugos-amigos en un mundo de crueldad y destrucción. Alex tiene, ha escrito Anthony Burgess, "los principales atributos humanos: amor a la agresión, amor al lenguaje, amor a la belleza. Pero es joven y no ha entendido aún la verdadera importancia de la libertad, la que disfruta de un modo tan violento. En cierto sentido vive en el Edén, y sólo cuando cae (como en verdad le ocurre, desde una ventana) parece capaz de llegar a transformase en un verdadero ser humano".<br />"Un libro terrible y maravilloso". (Roald Dahl)<br />"Uno de los pocos libros que he sido capaz de leer en los últimos años." (William Burroughs)
Sorting by
  • 5

    Libro meraviglioso e con un messaggio profondo.
    Non è assolutamente un inno alla violenza, ma al libero arbitrio e alla libertà di essere se stessi e di compiere in autonomia delle scelte. Tra l'altro ...continue

    Libro meraviglioso e con un messaggio profondo.
    Non è assolutamente un inno alla violenza, ma al libero arbitrio e alla libertà di essere se stessi e di compiere in autonomia delle scelte. Tra l'altro, bisogna riuscire a comprendere fino in fondo la differenza tra Alex e i suoi "soma", come li chiama lui. Gli altri compiono violenza fine a se stessa, fino a raggiungere l'apice convincendo Alex a farlo per uno scopo: arricchirsi, o meglio rubare del denaro. Alex è diverso, per lui è una manifestazione profonda di se stesso, non lo fa per la gloria o per il denaro, ma solo per sé. Esemplari i suoi paragoni tra il brivido che prova mettendo in atto la violenza, l'ebbrezza prendendo il "latte coi coltelli" e l'eccitazione ascoltando la musica classica che tanto ama. D'altronde, lui stesso, rivolgendosi al lettore che imparerà a simpatizzare con lui, si chiederà perché bisogna trovare una causa alla cattiveria quando non la si cerca per la bontà?
    Inoltre, proverbiali le parole del prete del carcere, che cerca di convincere Alex a non sottoporsi alla cura dall'evocabte nome Ludovico, che lo condizionerà e lo porterà a privarsi della libertà di scelta, così necessaria agli uomini.
    Infine, anche una dimostrazione pratica del tradimento, subito varie volte da Alex: prima dai suoi amici, che lo faranno arrestare; poi dallo scrittore Alexander e dagli altri uomini che invece avrebbero dovuto aiutarlo, che lo portano al suicidio; infine, dal Ministro.
    Tradito tre volte, come Gesù. Per l'appunto, non mancano nemmeno i parallelismi cristologica, a partire dalle visioni di Alex, seguendo poi con il numero dei tradimenti e arrivando al culmine con la morte e la resurrezione (paragonato al suicidio e alla guarigione di Alex).
    Che dire? Superata l'iniziale avversione per la difficoltà del Nadsat (del linguaggio inventato) e della violenza messa in atto da Alex a compagni (davvero atroce), non si riesce a far altro che lasciarsi coinvolgere dalla storia e arrivare persino a simpatizzare con la malvagità di Alex, vittima, nonostante tutto.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    作者分成三部分,且最後一章節在出版的時候被出版社刪除,拍成電影的也是沒有最後一章,而我看的這本有將所有章節收錄。
    主角是個青少年,第一部分敘述,主角每天晚上跟一群朋友鬼混,在街上搶劫打架鬧事,闖入別人家中強暴別人並且掠奪家中財物,最後在一次犯案中被同伴丟棄,失風被抓。第二部分則是寫在監牢內的情況,他最後為了快速離開監獄,參加了一個精神方面的醫療,是藉由注射藥物引起強烈不適的同時觀看血腥暴力的畫面, ...continue

    作者分成三部分,且最後一章節在出版的時候被出版社刪除,拍成電影的也是沒有最後一章,而我看的這本有將所有章節收錄。
    主角是個青少年,第一部分敘述,主角每天晚上跟一群朋友鬼混,在街上搶劫打架鬧事,闖入別人家中強暴別人並且掠奪家中財物,最後在一次犯案中被同伴丟棄,失風被抓。第二部分則是寫在監牢內的情況,他最後為了快速離開監獄,參加了一個精神方面的醫療,是藉由注射藥物引起強烈不適的同時觀看血腥暴力的畫面,為了讓身體記住當有暴力念頭時,會同時帶來不快。第三部分是主角出獄,因為他是醫療矯正後第一個出獄的人,所以報紙大肆宣傳,而他也因為矯正的關系無法像之前一樣作惡,他回到家發現家裡沒他的空間,走到哪都格格不入,遇上之前同伴發現他當上了條子,還被他拖去郊外狠揍,最後遇見了第一部分的作家,作家一開始沒認出他是害他家破人亡的主角,他只知道他是接受矯正醫療出獄的,而作家對於矯正醫療這件事感到非常的不道德,他在裡面說:『...你再也沒有選擇的權利。你已經委身於社會所接受的行為,成為行善的小機器。....這不過是意識域邊緣的條件反射之類的事罷了。音樂、性行為、文學藝術全都必須成為痛苦的來源,而不是快了的泉源。』。而作家想利用主角做為反對矯正醫療的籌碼,而將主角關起來,主角在掙脫之後受了傷動了腦部手術,醒來後發現他好了,不會再對暴力的事感到噁心,他可以想做甚麼就做甚麼,同時政府希望息事寧人收賣了主角讓他有工作,父母也讓他重回家中一起住。
    最後一章也就是被刪除的一章,主角白天工作但還是和一群朋友在暗地裡幹些偷雞摸狗的事情,而某天他忽然有股異樣感,認為這樣使惡不太對勁,便脫離了那群朋友,遊蕩同時遇上了之前的同伴,發現人家結了婚有了小孩,主角聽到之後他也想擁有自己的家庭,希望可以教育自己的兒子,即便他可能不聽他的話,做了跟自己之前一樣的壞事,他也無法制止。他醒悟了,他認為青春必須逝去他成長了,所以他會告別從前,開始一段新的人生。

    其實我也不太喜歡最後一章,我不太能接受主角以長大為藉口,抹去當初犯下的罪惡。
    而作者在「再吮發條橘子」中提到創作的理由及概念我非常的同意:『....由於人在定義中就被賦予了自由意志,可以由此來選擇善惡。只能行善,或者只能行惡的人,就成了發條橘子……也就是說,他的外表是有機物,似乎具有可愛的色彩和汁水,實際上僅僅是發條玩具,由著上帝、魔鬼或無所不能的國家(它日益取代了前兩者)來擺弄,徹底善與徹底惡一樣沒有人性,重要的是道德選擇權。惡必須與善共存,以便道德選擇權的行使』。

    雖然大家都希望這世界只有好沒有壞,但是那是不可能的,因為人是有選擇權的,作惡或為善是你的自由意志所決定,當你只能做惡或是只能做善時,你就不算是人了。

    said on 

  • 4

    da leggere

    E' la prima volta che mi capita di provare simpatia per un personaggio malvagio.A suo modo Alex esprime il disagio di vivere in una società perversa e malata e diventa il capro espiatorio.
    Lo stile di ...continue

    E' la prima volta che mi capita di provare simpatia per un personaggio malvagio.A suo modo Alex esprime il disagio di vivere in una società perversa e malata e diventa il capro espiatorio.
    Lo stile di Burgess e' scorrevole e divertente (ci vuole un po' per capire i neologismi e lo slang ma poi tutto scorre) e molto attuale.Ora capisco l'amore di Kubrik per il libro.

    said on 

  • 5

    Letto a 20 anni, mi ero riproposta di rileggerlo dopo una discussione della settimana scorsa su anobii, curiosa si, ma anche con il timore di restare delusa.
    Arancia meccanica non sembra risentire dei ...continue

    Letto a 20 anni, mi ero riproposta di rileggerlo dopo una discussione della settimana scorsa su anobii, curiosa si, ma anche con il timore di restare delusa.
    Arancia meccanica non sembra risentire dei suoi 50 e passa anni, ancora attuale nelle sue riflessioni sul bene e sul male e sulla libertà di scelta
    "La bontà è qualcosa che si sceglie. Quando un uomo non può scegliere cessa di essere un uomo"
    Ho avuto qualche difficoltà nelle primissime pagine ad abituarmi al gergo del protagonista, come pure ad accettare la mia parte di violenza e cattiveria che, inevitabilmente, esce fuori, perchè Burgess è abilissimo a portarti dall'iniziale distacco e orrore verso gli atti di teppismo di Alex, ad una graduale vicinanza ed empatia, tanto che ben presto ti viene da stare dalla sua parte.
    "Allora, che si fa, eh?"
    5 stelle confermate

    said on 

  • 5

    "Quando un uomo non può scegliere cessa di essere un uomo"

    La trovata geniale di Burgess, oltre al titolo, è stata l'invenzione dello slang, il nadsat, che rende il romanzo unico ed immune al passare del tempo, il classico libro di culto. La traduzione italia ...continue

    La trovata geniale di Burgess, oltre al titolo, è stata l'invenzione dello slang, il nadsat, che rende il romanzo unico ed immune al passare del tempo, il classico libro di culto. La traduzione italiana funziona alla grande, anche se trascura i molti riferimenti al russo, per cui un'occhiata alla versione originale vale comunque la pena darla. Lo slang ha anche una qualità onomatopeica che rende vivaci e cinicamente divertenti certe scene movimentate, come quella in cui Alex se la vede con una dozzina di gatti inferociti, od ancora con un gruppo di anziani bramosi di vendetta, e sottolinea inoltre in maniera potentissima l'esaltazione di Alex nell'ascoltare l'adorata musica classica. Si, perché Alex è a suo modo un'adolescente intelligente e sensibile, che sceglie uno stile di vita violento ed antisociale perché non sa in che altro modo rispondere alla domanda ricorrente: "Allora che si fa, eh?". Proprio l'invito ad usare il libero arbitrio e rifuggire dai condizionamenti è il cuore del romanzo, non credo valga neanche la pena di discutere l'idea che sia un'apologia della violenza. Burgess non aveva neppure bisogno di aggiungere il lieto fine un po' retorico, che infatti a Kubrick non piacque.
    Insomma, temevo che il libro fosse tipo una sguanata, inoltre pensavo che il fatto di aver locchiato più volte la versione cinebrivido di Kubrick mi avrebbe impedito di glutare il romanzo, invece, O Fratelli, con tamagna sorpresa mi sono accorto che già dopo poche pagine il gergame moschetto mi era entrato nel planetario e mi veniva tipo da sprolare come Alex e i suoi soma! Disprezzare il libro o il film perché qualche malcico scardinato si è messo per emulazione ad esercitare l'ultraviolenza o il vecchio vaevieni, secondo me è come locchiare il dito quando questo indica la luna.

    said on 

  • 5

    Geniale. Libro, film adoro. Inevitabilmente, avendo visto prima il film, si cerca di ripercorrerlo nel libro e non si possono avere che in mente le sue immagini. Ma ho trovato comunque bellissimo anch ...continue

    Geniale. Libro, film adoro. Inevitabilmente, avendo visto prima il film, si cerca di ripercorrerlo nel libro e non si possono avere che in mente le sue immagini. Ma ho trovato comunque bellissimo anche il libro, radice di questo grande film. Geniale nel linguaggio inventato e storia sempre formidabile.

    said on 

  • 5

    Una sola parola: geniale. È meglio vivere in un mondo libero, dove ognuno è libero di esprimere ciò che è, anche se violento e crudele o un mondo perbene quanto falso e ipocrita? La bontà indotta, fru ...continue

    Una sola parola: geniale. È meglio vivere in un mondo libero, dove ognuno è libero di esprimere ciò che è, anche se violento e crudele o un mondo perbene quanto falso e ipocrita? La bontà indotta, frutto di condizionamento e palesemente falsa è la soluzione unica e migliore alla violenza? Un genio, un genio.

    said on 

Sorting by