La quasi luna

Di

Editore: E/O (Tascabili E/O; 205)

3.0
(569)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 375 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Chi tradizionale , Francese , Portoghese , Polacco

Isbn-10: 8876418938 | Isbn-13: 9788876418938 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Claudia Valeria Letizia

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace La quasi luna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Fin dalle prime pagine il lettore è coinvolto in una situazione drammatica: una giovane donna, accorsa a casa della madre malata per assisterla, la uccide con un gesto in cui si mescolano pietà, insostenibilità per la sofferenza della madre, odio, vecchi rancori. È un gesto tragico, apparentemente inspiegabile, tremendo, a partire dal quale si dipana una doppia trama: da una parte si svolge il racconto del tentativo della protagonista di nascondere l'omicidio, di ostacolare l'indagine di polizia, di fuggire e nascondersi. D'altra parte il lettore assiste a un commovente viaggio all'indietro nel tempo nei segreti famigliari, nella storia del rapporto tra madre e figlia, ma anche nella storia del rapporto con il padre e poi con le stesse figlie della protagonista. Un viaggio nei segreti, nei dolori e nelle gioie della famiglia.
Ordina per
  • 4

    ammazzare la madre non sempre resta una fase psicologica del percorso in psicoanalisi

    a volte la madre si ammazza davvero, senza sapere bene perchè si è scelto proprio quel momento per far scattare la molla, una molla tesa per anni, che tale è rimasta finchè un piccolo dettaglio non l' ...continua

    a volte la madre si ammazza davvero, senza sapere bene perchè si è scelto proprio quel momento per far scattare la molla, una molla tesa per anni, che tale è rimasta finchè un piccolo dettaglio non l'ha fatta scattare e da questo atto scaturiscono tutta una serie di sensazioni, fatti, emozioni e scoperte...

    Alice Sebold è una scrittrice di quelle che va a fondo, scava e tira fuori di tutto, perchè di tutto è quello che di solito si trova a scavare in fondo alle umane miserie, qui poveretta si trova a fare i conti con un amore/odio di quelli che spesso portano alla distruzione di sé e dell'altro...la madre, a prescindere da come lei sia realmente, è essenzialmente un modello a partire dal quale di solito ci si differenzia se si ha abbastanza fortuna, oppure si replica il tutto per mancanza di consapevolezza...qua siamo dalle parti di chi non solo manca del tutto di consapevolezza, ma fa fatica anche a capire che odio e amore sono legami indissolubili, quanto più restano sommersi tanto più rimangono inestricabili...

    ha scritto il 

  • 2

    Di questa scrittrice ho letto tutti e tre i libri e con vero rammarico devo dire che questo è stato quello che meno mi è piaciuto, forse per l'argomento trattato, forse per la descrizione della storia ...continua

    Di questa scrittrice ho letto tutti e tre i libri e con vero rammarico devo dire che questo è stato quello che meno mi è piaciuto, forse per l'argomento trattato, forse per la descrizione della storia ... non sembrava la Sebold che conoscevo ... buono per la scrittura ma sufficiente per la storia.

    ha scritto il 

  • 4

    經過這麼多年後,我媽終於還是走了,而且是我親手做的,就像面對風中殘燭,掐掉搖搖欲墜的燈芯。她掙扎的時間只有幾分鐘,實現的卻是我畢生的夢想。

    我讀到書籍簡介中說~~作者希柏德總是想探出女性與暴力的深層關係。

    不只是這樣吧,應該要說的是,終於有人願意真誠地討論『女性的弒母情結』了。

    『不能原諒的,是我如此逼迫妳長大,在妳爸離開的時候,要擔負起那個位子陪在我身邊。』

    與其討論女兒的叛逆,何不談談那些逼女兒叛逆的母親,她們心裡究竟在想些什麼。只能依賴什麼活下去的女人,最不應該擁有女兒,特別是個太順從、太有責任感的女兒,因為女兒會成為犧牲品。就 ...continua

    我讀到書籍簡介中說~~作者希柏德總是想探出女性與暴力的深層關係。

    不只是這樣吧,應該要說的是,終於有人願意真誠地討論『女性的弒母情結』了。

    『不能原諒的,是我如此逼迫妳長大,在妳爸離開的時候,要擔負起那個位子陪在我身邊。』

    與其討論女兒的叛逆,何不談談那些逼女兒叛逆的母親,她們心裡究竟在想些什麼。只能依賴什麼活下去的女人,最不應該擁有女兒,特別是個太順從、太有責任感的女兒,因為女兒會成為犧牲品。就像《近月》,一個又一個的犧牲者………

    這是一本探討母女心結深刻入微的好書,用力推薦!!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Un romanzo psicologico duro ed angosciante, quasi claustrofobico.

    La storia inizia con la scena traumatica dell'omicidio di una anziana signora da parte della figlia. Segue il racconto delle ventiqua ...continua

    Un romanzo psicologico duro ed angosciante, quasi claustrofobico.

    La storia inizia con la scena traumatica dell'omicidio di una anziana signora da parte della figlia. Segue il racconto delle ventiquattro ore che seguono l'omicidio, durante le quali la donna ripercorre la sua vita familiare, cercando di dare un senso al suo gesto. Si scopre che l'anziana signora, che aveva quasi completamente perso la sua lucidità, era agorafobica e la figlia, sin da piccola, ha dovuto aiutare il padre per badare alla madre. Il rapporto di odio-amore che si è sviluppato tra le due donne ha succhiato tutta la vita della figlia, ha distrutto il suo matrimonio, l'ha allontanata dalle figlie e le ha portato via anche l'amato padre che, ad un certo punto, non ha retto e si è suicidato. Nel ripercorrere la sua vita la protagonista oscilla continuamente tra il tentativo di nascondere la sua azione e fuggire dalle conseguenze e quello di spiegare ad amici e familiari il suo gesto ed espiare la sua colpa. Il finale lascia piuttosto interdetti.

    Avevo letto ottime recensioni di questa scrittrice, soprattuto del suo libro precedente "Amabili resti", ed avevo affrontato questo romanzo con grandi aspettative ma sono rimasto in parte deluso perché la sua scrittura non mi è piaciuta. Devo dire, però, che ho letto il libro in inglese ed è stata una delle letture più ostiche da me affrontate. Sicuramente, le difficoltà incontrate hanno spezzettato la lettura e mi hanno fatto perdere qualcosa nella fluidità della lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi è piaciuto per le riflessioni, un pò meno per la realtà nuda, cruda e a volte un pò crudele della storia.
    Il rapporto di una madre con la figlia, molto chiuso e contorto quando, la madre ha solo l' ...continua

    Mi è piaciuto per le riflessioni, un pò meno per la realtà nuda, cruda e a volte un pò crudele della storia.
    Il rapporto di una madre con la figlia, molto chiuso e contorto quando, la madre ha solo l'altra come tramite per il mondo reale. La figlia inevitabilmente resta legata alla "disperata" e diventa a sua volta una donna che lasci passare la vita e vive la vita della madre, che non ha mai avuto nessuna delle due,e mai avranno.
    E' un rapporto davvero stretto, complesso e complessato che influenza la figlia più di quello che lei crede.

    ha scritto il 

  • 2

    No me gusta dejar los libros a medias pero con éste no aguanté mucho, lo dejé después de haberme leído 4 capítulos. De esta escritora leí "Desde mi cielo" y aunque me resultó impactante, es uno de los ...continua

    No me gusta dejar los libros a medias pero con éste no aguanté mucho, lo dejé después de haberme leído 4 capítulos. De esta escritora leí "Desde mi cielo" y aunque me resultó impactante, es uno de los libros que más recomiendo, en cambio de este no puedo decir lo mismo. La narración me resultó muy pesada, incluso me perdía, había veces que no sabía de qué o quién estaba hablando.
    En definitiva, decepcionante.

    ha scritto il 

  • 3

    Alice Sebold è l'autrice dell'amatissimo The Lovely Bones (Amabili resti) e del memoir Lucky, in cui racconta lo stupro di cui è stata vittima. The Almost Moon (La quasi luna) incredibilmente è ancora ...continua

    Alice Sebold è l'autrice dell'amatissimo The Lovely Bones (Amabili resti) e del memoir Lucky, in cui racconta lo stupro di cui è stata vittima. The Almost Moon (La quasi luna) incredibilmente è ancora più crudo dei precedenti, per quanto non si possa certo tacciare di disonestà, dato che già dalla prima riga l'autrice ci comunica che la protagonista, Helen, una donna di mezza età, ha ucciso la madre, malata e ormai non più in sé. Il resto del romanzo si legge per due motivi: capire perché Helen ha compiuto quest'atto, e capire se la farà franca.

    http://robertabookshelf.blogspot.it/2012/12/312-la-quasi-luna.html

    ha scritto il 

Ordina per