La terza rivoluzione industriale

Come il «potere laterale» sta trasformando l'energia, l'economia e il mondo

Di

Editore: A. Mondadori (Saggi)

3.8
(92)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 329 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 880461420X | Isbn-13: 9788804614203 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: P. Canton

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Affari & Economia , Scienza & Natura , Scienze Sociali

Ti piace La terza rivoluzione industriale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il petrolio e gli altri combustibili fossili, le fonti energetiche su cui si basa l'odierno stile di vita nei paesi dell'Occidente, sono in via di esaurimento, e le tecnologie da essi alimentate stanno diventando obsolete. Intanto, i mali che affliggono il mondo globalizzato - crisi economica, disoccupazione, povertà, fame e guerre - sembrano aggravarsi anziché risolversi. A peggiorare le cose, si profila all'orizzonte un catastrofico cambiamento climatico provocato dalle attività industriali e commerciali ad alte emissioni di gas serra, e che già entro la fine di questo secolo potrebbe mettere a repentaglio la vita dell'uomo sul pianeta. La nostra civiltà, quindi, deve scegliere se continuare sulla strada che l'ha portata a un passo dal baratro, o provare a imboccarne coraggiosamente un'altra. E non ha molto tempo per farlo. Dopo trent'anni di studi e di attività sul campo, Jeremy Rifkin decreta la fine dell'era del carbonio e individua nella Terza rivoluzione industriale la via verso un futuro più equo e sostenibile, dove centinaia di milioni di persone in tutto il mondo produrranno energia verde a casa, negli uffici e nelle fabbriche, e la condivideranno con gli altri, proprio come adesso condividono informazioni tramite Internet. Questo nuovo regime energetico, non più centralizzato e gerarchico ma distribuito e collaborativo, e che segnerà il passaggio dalla globalizzazione alla "continentalizzazione", dovrà poggiare su cinque pilastri...
Ordina per
  • 4

    An accurate analysis on the passage from the industrial era to the collaborative era. The discussed topics go from the global warming, to the lateral education, the new economic laws and the model of ...continua

    An accurate analysis on the passage from the industrial era to the collaborative era. The discussed topics go from the global warming, to the lateral education, the new economic laws and the model of society that we will see taking over in the future. A necessary evolution, moreover already in progress, that Rifkin has egregiously told us about.

    ha scritto il 

  • 4

    Un'analisi accurata sul passaggio dall'era industriale a quella collaborativa. I temi trattati vanno dal riscaldamento globale, all'educazione laterale, alle nuove leggi econimiche e il modello di soc ...continua

    Un'analisi accurata sul passaggio dall'era industriale a quella collaborativa. I temi trattati vanno dal riscaldamento globale, all'educazione laterale, alle nuove leggi econimiche e il modello di società che vedremo sempre più affermarsi nel futuro. Un'evoluzione necessaria, e oltretutto già in atto, che Rifkin ha saputo raccontare egregiamente.

    ha scritto il 

  • 0

    Jeremy Rifkin è un demente. Vuole sovvertire l'ordine precostituito e argomenta pure in che modo. è un visionario con idee balzane.

    Jeremy Rifkin mi piace un casino.

    è scemo quanto me e la pensiamo al ...continua

    Jeremy Rifkin è un demente. Vuole sovvertire l'ordine precostituito e argomenta pure in che modo. è un visionario con idee balzane.

    Jeremy Rifkin mi piace un casino.

    è scemo quanto me e la pensiamo allo stesso modo in un fottìo di questioni. Jeremy, se ti incontro ti offro una birra.

    il libro parte analizzando l'impatto che l'industria ha avuto sulle nostre vite e sull'ambiente, in termini di sfruttamento delle risorse. e ci mette in guardia sui danni che ciò comporterà se non ci sarà una inversione di tendenza. passa poi ad analizzare le nuove tecnologie a livello comunicativo e il cambiamento che queste portano nel quotidiano, nel lavoro e nella società. e pone l'accento sulla rivoluzione ecologica ed energetica, i cui fautori sono in particolare europei e al nuovo paradigma che questo comporta. ci saranno vantaggi o svantaggi? chi è a favore e chi si oppone? è un problema di facile o difficile soluzione? e le potenze economiche emergenti, come si pongono sulla questione?
    naturalmente, questa nuova presa di coscienza si riflette maggiormente sulle nuove generazioni, che affronteranno il cambiamento e piuttosto volentieri cercheranno di superare antichi pilastri della concezione di vita/lavoro. ci sarà più collaborazione che individualismo (si spera) e magari anche più tempo libero.
    si analizzano però anche alcuni effetti negativi, come la perdita di contatto con la natura e l'abuso delle nuove tecnologie. insomma, si auspica un progresso tecnologico che sia davvero utile, e non invasivo, e per fare questo è necessario rivoluzionare anche l'insegnamento nelle scuole.
    una sfida che affascina, che val la pena di tentare, o almeno leggere.

    ha scritto il 

  • 3

    Un pò genio un pò cialtrone

    Rifkin è una figura decisamente interessante. Ha una capacità narrativa molto suggestiva, supportata da una gran mole di dati e analisi poco banali. Ha messo in piedi una fondazione internazionale che ...continua

    Rifkin è una figura decisamente interessante. Ha una capacità narrativa molto suggestiva, supportata da una gran mole di dati e analisi poco banali. Ha messo in piedi una fondazione internazionale che si pone degli obiettivi senza dubbio importanti, come diffondere la consapevolezza della scarsità delle risorse energetiche e iniziare a immaginare, ed applicare, soluzioni alternative e diffuse. Tuttavia, dalla lettura di questo libro sono evidenti alcuni problemi che mi lasciano perplesso. Prima di tutto l'obiettivo di Rifkin è fornire al capitalismo gli strumenti per riprodursi dentro un nuovo schema produttivo di tipo collaborativo. Per farlo, privilegia le relazioni con i potenti alla diffusione di strumenti di teoria e prassi che possano diffondere dal basso l'idea di una Terza rivoluzione industriale sostanzialmente orizzontale. Dubito fortemente che il capitalismo possa innestarsi sulle pratiche collaborative senza cercare di sussumerle e svuotarle del loro valore cooperativistico puntando al profitto senza una morale che non sia quella delle classi dominanti e privilegiate. Una rivoluzione culturale della sostenibilità, necessaria e credibile, passa necessariamente attraverso processi consensuali e diffusi e non può essere imposta dall'alto. A questi nodi problematici aggiungerei il fatto che Rifkin è un prezzolatissimo consulente di enti locali e multinazionali che intendono capirci di più di efficienza e sostenibilità energetia. Il fatto che Alemanno lo abbia ingaggiato per impostare il mai avviato Masterplan per una Roma verde, immagino spendendo un bel pò di milioni per la consulenza da superstar, non fa che alimentare le perplessità.

    ha scritto il 

  • 1

    Pretenzioso. Troppo.

    Bella la ideologia, ma la teorizzazione su quello che dovrebbe essere il modello energetico per il futuro del Pianeta resta troppo vaga e fumosa, non tenendo minimamente conto del fatto che la termodi ...continua

    Bella la ideologia, ma la teorizzazione su quello che dovrebbe essere il modello energetico per il futuro del Pianeta resta troppo vaga e fumosa, non tenendo minimamente conto del fatto che la termodinamica non è un opinione e che le leggi della fisica non sono negoziabili.

    ha scritto il 

  • 4

    IL MONDO AI TEMPI DELLA WORLD WIDE ENERGY (WWE)

    LETTO IN EBOOK
    __________________
    Anni fa avevo già avuto modo di apprezzare la capacità di visione di uno dei più acuti economisti dei nostri tempi, Jeremy Rifkin (“Economia all’idrogeno”, “L’era del ...continua

    LETTO IN EBOOK
    __________________
    Anni fa avevo già avuto modo di apprezzare la capacità di visione di uno dei più acuti economisti dei nostri tempi, Jeremy Rifkin (“Economia all’idrogeno”, “L’era dell’accesso”). Ho ora letto una delle sue opere più recenti (2011) “La terza rivoluzione industriale”, che mi ha forse colpito meno delle precedenti letture, perché alcune delle intuizioni presenti le avevo già trovate nelle opere precedenti. Il volume mi è parso però un’interessante summa del pensiero di Rifkin sulle sorti del mondo, sebbene particolarmente concentrato su una delle sue idee portanti: l’energia diffusa.
    L’economista sostiene che il corrispondente e il supporto dell’informazione diffusa, consentita dall’avvento di internet, dovrebbe essere l’energia diffusa.
    Come nel web, le informazioni si muovono liberamente da innumerevoli (virtualmente infinite) fonti verso altrettanti fruitori finali, in uno scambio spesso diretto, così dovrebbe avvenire per l’energia.
    Per Rifkin l’età del petrolio è finita (come non essere d’accordo?) ed è iniziato (anzi dobbiamo fare in modo che inizi) l’era dell’energia da fonti rinnovabili. Già ora abbiamo grandi centrali eoliche e fotovoltaiche oltre alle già più tradizionali centrali idroelettriche, ma non è questa la modernità del modello proposto dallo studioso americano. L’energia alternativa dovrà essere prodotta localmente e in maniera diffusa. Ogni abitazione dovrà essere dotata di pannelli fotovoltaici, di piccole pale eoliche, di sistemi per sfruttare l’energia geotermica e potrà sia sfruttare direttamente l’energia prodotta, sia immetterla in rete.
    Sarà in questo modo che potremo salvarci dalla scarsità di petrolio (e dalle guerre connesse), dall’inquinamento, dal riscaldamento globale e fornire energia a un mondo in cui non solo cresce la popolazione, ma in cui, anche e soprattutto, cresce il tenore di vita e con esso le esigenze di energia. Il processo di trasformazione potrà anche essere un volano per riattivare lo sviluppo e la crescita economica.
    Il mondo immaginato sarà basato sull’empatia, sullo scambio, sulla sostituzione dell’affitto alla proprietà, sulla mobilità, temi peraltro più diffusamente affrontati in altri libri.
    Qui Rifkin ci mostra come si potrebbe uscire dalla crisi attuale e avviare un terzo periodo di crescita industriale basato su un nuovo sviluppo del settore immobiliare, che dovrebbe riconvertirsi all’energia diffusa e su un ritorno alla produzione artigianale e alla piccola impresa, grazie anche allo sviluppo di nuove tecnologie come la stampa tridimensionale.
    Il volume presenta anche, come esempi, alcuni “masterplan” approntati dal gruppo di studio di Rifkin per la trasformazione di alcune città secondo i criteri della terza rivoluzione industriale. Da (ex-)romano ho trovato un po’ utopistica l’immagine di una Roma tagliata da fasce “verdi” e riconvertita al fotovoltaico. Abbiamo impiegato decenni per costruire due linee di metropolitana, dubito che si riesca a trasformare in meno tempo una città plurimillenaria, in cui non si riesce a smuovere un sasso senza chiamare in causa le Belle Arti e in cui le abitudini sono ancor più difficili da cambiare. Le altre città le conosco meno e spero che l’analisi non sia stata altrettanto ottimistica.
    In ogni caso, la parte più interessante del libro non è la descrizione dei progetti, ma l’idea di fondo.
    Condivido con l’autore la preoccupazione che se non troveremo presto un’alternativa all’economia da petrolio, la nostra civiltà rischi l’estinzione, dunque non posso che consigliare questa lettura, se non altro per una riflessione sul nostro futuro.

    ha scritto il 

  • 4

    Premesso che Rifkin non ne ha ancora azzeccato una delle sue previsioni, il libro merita la lettura. Ben scritto, documentato, approfondito, preconizza un futuro auspicabile e desiderabile.

    ha scritto il 

  • 2

    Non il miglior Rifkin

    Pochi nuovi concetti rispetto ai precedenti libri. E poi lungo e spesso autocelebrativo nel dipingersi sempre al centro del cambiamento. Peccato, perché un tema così "definitivo" meritava qualcosa di ...continua

    Pochi nuovi concetti rispetto ai precedenti libri. E poi lungo e spesso autocelebrativo nel dipingersi sempre al centro del cambiamento. Peccato, perché un tema così "definitivo" meritava qualcosa di più.

    ha scritto il 

  • 5

    Vision non è una project list!

    Un fiume come un puro flusso d'acqua rimane un fiume, un prato verde come una distesa d'erba rimane un prato, il cielo come sfondo rimane il cielo, il paesaggio non è la pura somma di questi elementi ...continua

    Un fiume come un puro flusso d'acqua rimane un fiume, un prato verde come una distesa d'erba rimane un prato, il cielo come sfondo rimane il cielo, il paesaggio non è la pura somma di questi elementi ma rappresenta l'essenza intima che li lega e ti impedisce di vedere gli elementi in modo distinto.
    Questo libro indica un'autentica vision sul futuro non come un elenco di progetti distinti ma esattamente come un unico disegno finale!

    ha scritto il