La verità del ghiaccio

Di

Editore: Mondadori (I Miti, 335)

3.3
(11070)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 635 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale , Tedesco , Finlandese , Francese , Portoghese , Svedese , Olandese , Greco , Russo , Arabo , Ceco , Polacco , Indonesiano , Ungherese , Rumeno , Slovacco , Turco

Isbn-10: 8804560754 | Isbn-13: 9788804560753 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Paola Frezza Pavese , Leonardo Pavese

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La verità del ghiaccio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Potrebbe essere una scoperta che rivoluziona la storia dell'umanità: la NASA ha localizzato, sepolto sotto i ghiacci del polo, un meteorite contenente fossili di insetti: la prova definitiva dell'esistenza di vita extraterrestre. Ma il team di esperti inviato in segreto sul luogo, tra cui il professor Michael Tolland e la giovane Rachel Sexton, si rende conto che si tratta di una truffa colossale. La questione è estremamente delicata, perchè da essa dipendono le sorti della politica aerospaziale americana e perchè sono molti coloro che hanno interesse a gettare nel discredito la NASA, a partire dal candidato alla prossime presidenziali. Michael e Rachel sono intenzionati a condurre fino in fondo le indagini. Ma c'è qualcuno disposto a tutto per impedire che sul mistero sia fatta luce...
Ordina per
  • 5

    Dan Brown non delude mai.

    Bellissimo, come gli altri romanzi di Dan Brown che ho letto! Lo stile è veloce, scorrevole e la suspense è tenuta a livelli molto alti. Se non fosse per il Codice da Vinci, potrei dire che questo è i ...continua

    Bellissimo, come gli altri romanzi di Dan Brown che ho letto! Lo stile è veloce, scorrevole e la suspense è tenuta a livelli molto alti. Se non fosse per il Codice da Vinci, potrei dire che questo è il mio romanzo preferito del fortunato scrittore statunitense!

    ha scritto il 

  • 3

    non sarà il più bello di don brown ma nel bene e nel male ricalca i suoi grandi successi che secondo me denotano una grande cultura, conoscenza dei fatti che creano un gran panettone ma come al solito ...continua

    non sarà il più bello di don brown ma nel bene e nel male ricalca i suoi grandi successi che secondo me denotano una grande cultura, conoscenza dei fatti che creano un gran panettone ma come al solito si sgonfia un po' sul finale, un po' troppo ovvio

    ha scritto il 

  • 0

    Un Dan Brown diverso

    ...ma non per questo meno piacevole. Un volumone di 500 pagine che non stancano, che coinvolgono e sorprendono coi numerosi colpi di scena, come si addice a un buon thriller

    ha scritto il 

  • 2

    L'unico che non sembra scritto da Dan Brown

    La Verità del Ghiaccio è un titolo che in sè appare come un buon libro thriller, ma non sembra neanche scritto dallo stesso Dan Brown che ha successivamente scritto il Codice Da Vinci. In questo libro ...continua

    La Verità del Ghiaccio è un titolo che in sè appare come un buon libro thriller, ma non sembra neanche scritto dallo stesso Dan Brown che ha successivamente scritto il Codice Da Vinci. In questo libro mancano infatti molti particolari spiegazioni simboliche e storiche che contraddistingono i titoli di questo grande autore. Rimane comunque da leggere, un thriller politico di sicuro interesse per coloro che amano le cospirazioni.

    "Le linee di confine non si trovano sempre dove si crede."

    ha scritto il 

  • 4

    Un Dan Brown senza Robert Langdon

    Giova a questo romanzo di Dan Brown il fatto di non avere Robert Langdon come protagonista.
    Idea interessante e ritmo avvincente. Peccato per il solito difetto di Dan Brown di eccedere con i colpi di ...continua

    Giova a questo romanzo di Dan Brown il fatto di non avere Robert Langdon come protagonista.
    Idea interessante e ritmo avvincente. Peccato per il solito difetto di Dan Brown di eccedere con i colpi di scena e le situazioni inverosimili nel finale.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per