Last Sacrifice

(Vampire Academy, Book 6)

By

Publisher: Razorbill

4.3
(353)

Language: English | Number of Pages: 594 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , German , French

Isbn-10: 1595144285 | Isbn-13: 9781595144287 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Do you like Last Sacrifice ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
It all comes down to now.

Murder. Love. Jealousy. And the ultimate sacrifice.

The Queen is dead and the Moroi world will never be the same. Now, with Rose awaiting wrongful execution and Lissa in a deadly struggle for the royal throne, the girls find themselves forced to rely upon enemies and to question those they thought they could trust...

But what if true freedom means sacrificing the most important thing of all?

Each other.
Sorting by
  • 5

    Direi la serie di questo genere che più mi ha coinvolta. La storia è emozionante, è avventurosa, è... tante cose. I personaggi sono ben caratterizzati, ognuno ha la sua storia e segue un percorso di m ...continue

    Direi la serie di questo genere che più mi ha coinvolta. La storia è emozionante, è avventurosa, è... tante cose. I personaggi sono ben caratterizzati, ognuno ha la sua storia e segue un percorso di maturazione. Soprattutto Rose.
    In generale mi sono piaciuti tutti i personaggi, soprattutto alcuni (Dimitri, Rose, Adrian, Abe). Hanno ognuno il proprio ruolo nella storia. Nessuno è superfluo.
    Questo ultimo libro è molto movimentato, ma questo non impedisce di seguire la storia senza perdere dettagli importanti. Non manca nulla: intrighi d'amore, lotte politiche, fughe, misteri, ...
    Quest'ultimo libro si perde meno nella ripetizione di spiegazioni già date in precedenza.
    In poche parole... Semplicemente fantastica (tutta la serie). Mi pento di averla terminata così in fretta!

    said on 

  • 4

    Ho finito! Ho finito la serie! Come sono felice e soddisfatta, non lo potete capire.
    Quanto è raro che una serie finisca in fretta e bene? Quanto è raro che nell'ultimo titolo succedano tutte - ma pro ...continue

    Ho finito! Ho finito la serie! Come sono felice e soddisfatta, non lo potete capire.
    Quanto è raro che una serie finisca in fretta e bene? Quanto è raro che nell'ultimo titolo succedano tutte - ma proprio tutte - le cose che avresti voluto accadessero dal primo libro?
    Oh Richelle, Richelle, se nell'ultimo anno non ci fossi stata tu avrei definitivamente perso interesse nello YA paranormale, ma sono stata fortunata ed eccomi qui con il sorrisone sulle labbra e una voglia matta di trovare una serie come la tua.
    Ok, ok, avendo iniziato a pubblicazione conclusa non ho sofferto le pene dell'inferno editoriale. Le pause, i blocchi dell'editore per me non ci sono state, così come l'incognita se avrei mai visto la fine della serie. E' una tattica che sto adottando da un po' di tempo e che non mi fa pentire di non lasciarmi trascinare dalle ondate di entusiasmo. Aspetto, aspetto e poi divoro, e il risultato è questo: le serie me le godo sul serio.
    E poi, dai, come si fa a non rimanere soddisfatti da questo romanzo? Come ci si può aspettare altro o di più quando l'autrice serve una dietro l'altra tutte le cose che desideri e ti regala il finale giusto per tutto e tutti? Non si può e basta.
    Partiamo dalla soddisfazione più grossa: Rose. Con tutti i calci, i pugni, gli Strigoi, i drammi e - in generale - l'essere sempre quella che rimane a bocca asciutta, Rose raggiunge un picco di sfiga cosmica che ti consuma dentro. Appena ne supera una, arriva n'altra batosta. Appena si risolve una questione, si becca una condanna. La nostra Rose non s'è fatta mancare proprio niente, di nessun genere. Ogni cosa che poteva capitarle succede e poi la Mead ci regala un contentino per tenerci calmi perché, è ovvio, prima o poi qualcosa di buono capiterà pure a lei.
    Ecco quindi che, tra una fuga, un omicidio da risolvere, intrighi politici e amorosi, anche Rose ha il suo momento. Un momento di sollievo che ti frizza nel cervello e che chiude - letteralmente - la serie e che ti lascia un bel sorriso sulla faccia. Rose è l'unico personaggio sempre in salita, sempre in evoluzione, che cambia e impara nel corso dei romanzi e che non perde mai il nucleo del suo carattere. Rose è una combattente non solo di fatto, perché ha una capacità di resistenza, di non buttarsi giù e di mollare il colpo anche quando i rifiuti sono tanti e sono pesanti.
    Collegato a Rose non si può non nominare Dimitri. Lui mi ha dato da pensare molto e spesso ho sentito la voglia matta di dargli uno scapaccione, eppure rimane saldo sul suo ruolo e non si smuove nonostante gli scossoni. Dimitri è il primo punto fermo per Rose (e per noi) ed è parte importante della chiusura del romanzo, senza di lui non ci sarebbe stata una vera fine.
    Il secondo punto fermo è Lissa. Smette i panni dell'amica - nel romanzo precedente ci aveva provato - ed è costretta a darsi una vera svegliata. In un certo senso Lissa diventa adulta e lo fa con l'aiuto indispensabile di Christian, senza il quale probabilmente non avrebbe retto il peso del suo ruolo.
    Dopo i due pilastri portanti di Rose ci sono una serie di personaggi che meritano di essere apprezzati: Adrian, perché per quanto sia incasinato, viziato e fragile, dimostra un cuore puro e una fedeltà che sorprende e fa tenerezza; Sydney, perché sbuca dal nulla e si gioca qualcosa di grosso e, senza fare tante storie e lamentarsi, è di grandissimo aiuto a Rose; Christian, perché diventa uomo in sordina e tutto ad un tratto è maturo, solido, comprensivo e, infine, Zmey, il papà Moroi con il gusto per i vestiti sgargianti e un feroce senso della famiglia.
    La trama, beh, è in linea con la serie e non si scompone: la Mead ha già dato con i drammi, con i colpi di scena e con le mazzate tra capo e collo. Ora è il momento della resa dei conti e l'autrice deve far combaciare le prove, deve far procedere due diverse indagini, deve confutare dei sospetti e fare l'accusa finale con il conseguente finale ad effetto. La Mead fa tutto, lo fa bene e lo fa in modo tale da farti venire voglia di avere per le mani qualche suo altro romanzo, perché in questo genere YA paranormale lei mi ha colpita molto più di altri nomi osannati, anche se ho l'impressione che cadrà nel dimenticatoio e tanti saluti.
    Considerando quanto mi è piaciuta la Vampire Academy non penso che aspetterò che qualche editore italiano prenda in considerazione i suoi titoli inediti, a questo punto me li leggo in lingua e mi faccio felice. Direi che la Mead se lo merita.

    said on 

  • 5

    ovviamente sono di parte!!

    cosa penso della saga l'ho già scritto nelle precedenti recensioni...ovviamente questo capitolo non fa eccezioni ed è la degna conclusione della saga!con Rose Dimitri e compagni mi sento ancora adoles ...continue

    cosa penso della saga l'ho già scritto nelle precedenti recensioni...ovviamente questo capitolo non fa eccezioni ed è la degna conclusione della saga!con Rose Dimitri e compagni mi sento ancora adolescente :-)

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    5 stelle per questo viaggio on the road in stile "Il giro del mondo in 80 giorni".
    Sul serio, quanti cacchio di Stati hanno visitato solo in questo sesto libro? Se dovessi usare un solo aggettivo per ...continue

    5 stelle per questo viaggio on the road in stile "Il giro del mondo in 80 giorni".
    Sul serio, quanti cacchio di Stati hanno visitato solo in questo sesto libro? Se dovessi usare un solo aggettivo per descrivere questa serie dire che è assolutamente dinamica. Rose non sta mai lì ferma a grattarsi la pancia nemmeno se ad usare la compulsione su di lei fossero cinquanta Moroi contemporaneamente!

    In "Anime Legate" Rose, dopo aver dichiarato apertamente il suo disappunto riguardo una serie di questioni politiche interne alla Corte, viene fatta prigioniera e accusata di aver assassinato la Regina Tatiana. Ma un piano minuziosamente architettato dalla sua combriccola (quindi Lissa, Chrstian, Dimitri, Adrian, Eddie, Mikhail, Sidney, ma soprattutto Abe Mazur) riesce a tirarla fuori dall'impiccio di essere processata e giustiziata per un omicidio che non ha nemmeno lontanamente pensato di poter commettere. Ecco il perchè del fuggi fuggi all around the United States in compagnia dell'ice-man Dimitri, che non molti giorni prima aveva giurato di non poter più amare nessuno - specialmente lei - perchè: a) "Love fades. Mine has." e b) la sua esperienza da Strigoi lo ha segnato profondamente.

    Riguardo la prima... Dimitri...
    MA A CHI VUOI DARLA A BERE?

    Be' si, perchè tanto non freghi nessuno. Tranne Rose, che è praticamente super in tutto ma si lascia infinocchiare da una menzogna così pazzesca.

    Nonostante la rivelazione infrangi cuori, però, Rose e Dimitri hanno modo di riappacificarsi. Non come dovrebbero (visto che Rose sta con Adrian... e fin qui il mio era tutto rispetto), ma abbastanza da allentare la tensione, poter discutere civilmente, e persino ridere gli uni degli altri. O semplicemente abbastanza da permettere a Dimitri di prendersi gioco di Rose durante il combattimento "in onore" di Joshua. Quelli sì che sono stati momenti veramente maggggici ed esilaranti!

    'Fine,' she said. 'I guess it's okay. Go ahed.'
    'Huh? What's okay?' I demanded.
    'It's okay if you marry my brother.'
    ------------
    'IT'S NOT FUNNY!'
    'You're right,' agreed Sydney. 'It's not funny. It's
    hilarious.'
    [...]
    There was a small smile on his face.
    'I told you not to encourage him,' came Dimitri's calm response.

    E poi c'è lei... Sydney.
    Sydney! Insieme ad Abe Mazur, le rivelazione di questi ultimi libri. La loro presenza ha reso gradevole persino i momenti più noiosi, o per assurdo, i più critici. Sdrammatizzare quando il tuo futuro prevede morte sicura? Abe l'ha fatto. Tua figlia è una fuggitiva assassina? Non perder tempo, e dille quanto sei fiero di lei! Occorre dare una notizia bomba a Jill? Chiamate Sydney, che quanto a tatto primeggia LOL

    I looked over at Jill and couldn't speak. I didn't know how to say what I needed to, at least not tactfully. Sydney, however, didn't have that problem.
    'He's not your father,' she said bluntly, pointing at John.

    Tutto si conclude per il meglio - anche se un po' scontatamente. L'assassino (che però non era scontato) viene smascherato, con grande incredulità di tutti i presenti, e in particolar modo di Christian, che poverino è risultato essere l'unico normale della sua famiglia.
    Lissa è diventata la nuova Regina, complice l'inaspettata scoperta di non esser l'unica Dragomir ancora in circolazione, Rose è resuscitata ed ha spezzato il suo legame con Lissa, e lei e Dimitri hanno finalmente avuto il loro lieto fine. Anche se a farne le spese è stato quel povero cristo di Adrian, che - è il caso di dirlo - dopo essersi fatto in quattro per scagionare la sua amata deve pure vedersi cornuto. Ma era inevitabile, e parte della colpa è anche sua, e delle fette di prosciutto sugli occhi.
    Perchè come dice Rose...

    'I don’t belong to anyone. I make my own choices.'
    'And you’re with Adrian,' said Dimitri.
    'But I was meant for you.'

    Passare ore e ore a leggere questa serie è stato fantastico. A tratti anche distruttivo, perchè non volevo proprio fare altro se non "leggere ancora qualche pagina".
    Personaggi delineati perfettamente, cura nei particolari incredibile, intrattenimento mille, love story milleuno.
    Ne sentirò la mancanza... e magari vedrò anche il film, chissà (non è che l'idea mi entusiasmi, però). Ma nel frattempo ho già fatto scorta dei primi quattro volumi della serie spin-off Bloodlines... così, tanto perchè se c'è ancora qualcosa che possa ricordarmi la Vampire Academy, farò di tutto per attaccarmici!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Sarebbe meglio che non mi esprimessi...

    ...ma dopo aver comprato la serie in blocco ed averla dovuta leggere tutta reclamo il mio diritto a lamentarmi è_é
    Mi ci è voluto un mese per finire questo libro, un mese nel quale l'ho preso in mano ...continue

    ...ma dopo aver comprato la serie in blocco ed averla dovuta leggere tutta reclamo il mio diritto a lamentarmi è_é
    Mi ci è voluto un mese per finire questo libro, un mese nel quale l'ho preso in mano moltissime volte, ho letto un capitolo e poi l'ho richiuso, l'ho ripreso ancora e così via, fino ad arrivare ad un punto in cui ho deciso di fare una maratona stile "leggo una parola ogni tre". E quando un libro fa questo effetto mi pare ovvio che non l'ho gradito.
    Probabilme se la Mead si fosse tenuta sulle 300/350 pagine avrei apprezzato la serie molto di più, invece ha quasi raggiunto le 600 in quest ultimo volume, riempiendole sì di azione, ma di quella che forse troveresti in un film della Asylum (Sharknado per intendersi); e Rose è in prigione e poi scappa, si nasconde, scappa, si nasconde, scappa e incontra gente random, scappa, risolve il mistero dell'amante del padre di Lissa, scappa di nuovo, mena le mani...insomma, ci siamo capiti? Se si stacca il cervello la lettura procede velocissima, ma se disgraziatamente lo si riaccende per cinque secondi saltano agli occhi tutte le forzature inserite per far quadrare i conti.
    Sorvoliamo su Rose e quello che penso di lei, una protagonista con un sacco di potenziale completamente sprecata (questa poteva essere la degna erede di Buffy e invece puff! Si risolve tutto in un nulla di fatto)
    Lissa inaspettatamente è stata quella che mi ha fatto dare una stellina in più; le parti che riguardavano i test per l'elezione sono state le parti più belle del libro, dove finalmente riesce ad evolversi dal suo status ameboide per dimostrarci che anche lei ha carattere.

    Volevo prendere anche la serie dopo, ma credo proprio di aver chiuso con la Mead. Giusto se me li tirano dietro.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    La saga di per sé è meravigliosa, per tanti motivi, troppi da elencare, ma tra questi spiccano sicuramente l'originalità, la cura con cui sono stati creati i personaggi, così complessi da sembrare viv ...continue

    La saga di per sé è meravigliosa, per tanti motivi, troppi da elencare, ma tra questi spiccano sicuramente l'originalità, la cura con cui sono stati creati i personaggi, così complessi da sembrare vivi, con una personalità ben definita e nonostante questo dalle azioni imprevedibili...
    Ma quest'ultimo libro in particolare è qualcosa di divino. Richelle Mead è la prova vivente che si può scrivere una bella storia riducendo al minimo il numero di vittime, stringendo il cuore del lettore in una morsa che alla fine lo abbandona, lasciandolo felice della piega degli eventi, fiero dei propri eroi, carico dei valori di amicizia, amore, onore, lealtà, fiducia.

    said on 

  • 0

    come si dice: tutto è bene ciò che finisce bene. ovviamente. finale scontato, ma è il bello di questi libri, o no? la saga mi è piaciuta, scritto in modo scorrevole, divertente, con qualche colpo di s ...continue

    come si dice: tutto è bene ciò che finisce bene. ovviamente. finale scontato, ma è il bello di questi libri, o no? la saga mi è piaciuta, scritto in modo scorrevole, divertente, con qualche colpo di scena interessante. rose è fantastica! per la cronaca il film è bellissimo, speriamo che facciano anche gli altri!

    said on 

  • 3

    la scelta scontata

    Solo tre stellette perchè...insomma, non è la prima serie che seguo e so già come andrà a finire e chi la protagonista sceglierà...che palle(sono di parte,mi piace Adrian ;) )

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Ultimo capitolo

    Christian e Adrian sono decisamente i miei preferiti, mentre non sono riuscita ad affezionarmi a Rose, nonostante sia la protagonista, troppo isterica ed egocentrica! Bellissima saga nel complesso pec ...continue

    Christian e Adrian sono decisamente i miei preferiti, mentre non sono riuscita ad affezionarmi a Rose, nonostante sia la protagonista, troppo isterica ed egocentrica! Bellissima saga nel complesso peccato solo per il trionfo dell'amore scontato tra Rose e Dimitri.. Adrian si è trovato escluso senza neanche essere degnamente mollato!

    said on 

  • 4

    Adesso vi dico questa: quando leggo un libro, classico o contemporaneo che sia non importa, al momento della recensione so cosa scrivere. Invece spesso di fronte a libri fantasy mi blocco. Tipo questo ...continue

    Adesso vi dico questa: quando leggo un libro, classico o contemporaneo che sia non importa, al momento della recensione so cosa scrivere. Invece spesso di fronte a libri fantasy mi blocco. Tipo questo, a me è piaciuta una sacco la saga, ma che cosa vi racconto, come lo recensisco???

    Prima di tutto è il sesto volume di una saga, quindi se non siete appassionati di saghe fantasy potete lasciar perdere. Però questa a differenza di altre 'interminabili' saghe sui vampiri, ha diversi vantaggi per cui dovreste avvicinarla anziché no. Il primo è che 'al momento' la saga è finita, e sono 'solo' 6 libri ;) Il secondo è che la saga è ben sviluppata, la storia piacevole e scorrevole e non mancano i colpi di scena. Non solo i colpi di scena che rendono la saga interessante e piena di suspence, ma quei colpi di scena che ti fanno arrabbiare parecchio, che avresti la tentazione di lanciare il libro dalla finestra perché così no no no ...........

    Qui troviamo creature come:
    Dhampir: ovvero metà umani e metà Moroi
    Moroi: conoscitori di un elemento (acqua fuoco terra aria e spirito) sono vampiri
    Solitamente i Dhampir sono i guardiani dei Moroi e li proteggono perché loro non sono in grado di proteggersi da soli da attacchi esterni.
    Strigoi: è un termine rumeno che sta ad indicare una creatura dalla mente distorta, una specie di vampiro che ritorna. In pratica un Moroi che succhia il sangue e uccide la propria vittima si trasforma in Strigoi.
    Possono farlo per scelta, perché il loro elemento, per es. lo spirito potrebbe portarli alla pazzia.

    Due Dhampir che si accoppiano non possono avere figli.
    Un Umano e un Moroi generano un Dhampir.
    Un Dhampir e un Moroi generano un Dhampir.
    Due Moroi generano un Moroi.

    Chiaramente dopo queste piccole basi per partire (infatti lo scrivo nell'ultimo libro, mica sul primo, troppo comodo!) la storia non ve la racconto. In sei volumi è successo di tutto, e non saprei ne essere breve ne evitare spoiler.
    Dirò solo che questa saga, rispetto ad altre che ho letto, non è mai risultata noiosa o sottotono, e pur trattando un tema fantasy la storia è plausibile, nel senso che non ci sono falle nella storia.
    I personaggi sono tutti ben caratterizzati e hanno un ruolo importante, non c'è praticamente nessuno che ricopre un ruolo marginale. E questo è un grande merito perché in altre saghe mi è capitato di trovare che tutto ruotava intorno a uno o due figure e dopo un po' la storia si appiattisce e mi da noia. Qui invece sono tutti in primo piano.
    Ma seguite il mio consiglio... leggetelo!

    said on 

Sorting by