Le Beatrici

Monologhi teatrali e poesie varie

Di

Editore: Feltrinelli (I narratori)

3.3
(1484)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 92 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807018314 | Isbn-13: 9788807018312 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: CD audio , Altri

Genere: Intrattenimento , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Le Beatrici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Otto monologhi al femminile. Una suora assatanata, una donna ansiosa e una donna in carriera, una vecchia bisbetica e una vecchia sognante, una giovane irrequieta, un'adolescente crudele e una donna-lupo.
Un continuum di irose contumelie, invettive, spasmi amorosi, bamboleggiamenti, sproloqui, pomposo sentenziare, ammiccanti confidenze, vaneggiamenti sessuali, sussurri sognanti, impettite deliberazioni. Uno "spartito" di voci, un'opera unica, fra teatro e racconto. Una folgorazione.
Tra un monologo e l'altro, sei poesie e due canzoni.
Ordina per
  • 4

    Peccato non averlo visto in teatro. I monologhi sono spassosi- alcuni-e toccanti -altri. Lo stile di Benni viene esaltato dalle figure di queste donne (splendide Beatrice e la Vecchiaccia). Un salisce ...continua

    Peccato non averlo visto in teatro. I monologhi sono spassosi- alcuni-e toccanti -altri. Lo stile di Benni viene esaltato dalle figure di queste donne (splendide Beatrice e la Vecchiaccia). Un saliscendi di emozioni.

    ha scritto il 

  • 4

    A me invece è piaciuto molto, in perfetto stile Benni, voglio dire è quello che mi aspettavo e forse di più. L'apertura con Beatrice di Dante è spassosa, ma via via che i monologhi procedono la tensio ...continua

    A me invece è piaciuto molto, in perfetto stile Benni, voglio dire è quello che mi aspettavo e forse di più. L'apertura con Beatrice di Dante è spassosa, ma via via che i monologhi procedono la tensione sale, specialmente Vecchiaccia che mi ha profondamente toccato in un crescendo di disagio misto a pena, e un altro monologo che ritengo di grande spessore è L'Attesa, non c'è amore adulto senza attesa, o meglio solo chi non ama non attende. L'attesa nelle notti insonni fatte di ansia, timore, speranza per quel qualcuno che amiamo (aspettiamo) e per cui siamo in pensiero.

    ha scritto il 

  • 3

    Questo libro vale la pena di essere letto anche solo per "Vecchiaccia" che alza decisamente il livello dell' intera opera. Un monologo che mi ha fatto venire i brividi, pieno di emozioni.

    ha scritto il 

  • 2

    Con questo libro di Stefano Benni ho senza dubbio commesso un errore: l’ho letto, mentre sarei dovuta andare a vedere lo spettacolo a teatro.

    Il libro infatti non è un romanzo né una raccolta di racc ...continua

    Con questo libro di Stefano Benni ho senza dubbio commesso un errore: l’ho letto, mentre sarei dovuta andare a vedere lo spettacolo a teatro.

    Il libro infatti non è un romanzo né una raccolta di racconti, bensì una raccolta di pezzi teatrali al femminile inframezzati da qualche canzone o poesia. Alcuni parlano di questo volume per criticare Benni e sottolinearne la linea commerciale/ormai pubblico tutto, non mi sento di essere d’accordo.

    Il monologo iniziale di Beatrice l’ho trovato molto carino e anche negli altri Benni ripercorre tutti i temi che gli sono cari, quelli che da sempre popolano i suoi scritti. La realtà, secondo me, è che un brano teatrale deve essere visto recitato, poi magari te lo rileggi per fissare nella mente certi passaggi, diversamente non potrà mai avere la forza che merita.

    ha scritto il 

  • 1

    "Beatrici è uno spettacolo-laboratorio tenutosi al teatro dell'Archivolto, a Genova, in cui cinque giovani attrici di talento hanno messo in scena monologhi inediti". Così recita la nota finale dell'a ...continua

    "Beatrici è uno spettacolo-laboratorio tenutosi al teatro dell'Archivolto, a Genova, in cui cinque giovani attrici di talento hanno messo in scena monologhi inediti". Così recita la nota finale dell'autore.
    Molto probabilmente visto recitare a teatro può avere un suo fascino, ma la lettura lascia veramente poco.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per